mercoledì 5 ottobre 2022

Lo squartatore di New York (1982): questo è il ballo del qua qua

Un anno come il 2022, mi permette di festeggiare non uno, ma due film di Lucio Fulci che compiono gli anni, quindi siamo di nuovo qui su questa Bara a ballare il ballo del qua qua con un altro paperino Fulciano, uno per certi versi ancora più feroce.

Con i film di Fulci sono sempre in difficoltà, lo ammetto senza problemi, perché tutte le sue opere ad una prima occhiata sono trame spesso molto semplici, anche questo, di fatto la storia di uno squartatore che ammazza (soprattutto donne) a New York, cosa ci sarà mai da dire su un horror così? Ecco tanto, tantissimo, perché i lavori di Fulci non solo mi resta incollati addosso a volte anche giorni dopo la fine dei titoli di coda, ma hanno sempre una serie di strati da esplorare e mai come in questo caso, affrontarli tutti vuol dire gettarsi a capofitto negli orrori dell’animo umano, perché ammettiamolo, gli horror di Fulci non sono proprio delle commedie romantiche, ma anche quando non trattano il tema dell’annichilimento cosmico, si portano dietro un cinismo che lèvati, ma lèvati proprio. Ecco, tra tutti i film neri e nerissimi di Fulci, “Lo squartatore di New York” è il più nichilista di tutti, così, per darvi un’idea dei casini in cui mi sono messo.

Qua la man... ok la smetto!

Fulci in realtà questo film non lo doveva nemmeno dirigere, la sceneggiatura originale firmata da Gianfranco Clerici e Vincenzo Mannino prevedeva un serial killer afflitto da progeria e un altro regista, Ruggero Deodato, che poi un film del genere finì per dirigerlo davvero ma solo nel 1988 con il titolo “Un delitto poco comune”. Già perché quando Fulci salì a bordo, non solo dovette rinunciare a molti dei suoi fedeli collaboratori, ma impose delle modifiche alla storia, motivo per cui sia lui che il fidato Dardano Sacchetti risultano come sceneggiatori.

“Lo squartatore di New York” è stato girato tra l’agosto e l’ottobre del 1981, a zonzo tra New York e Roma, il risultato finale è senza ombra di dubbio il titolo più controverso dell’intera produzione Fulciana, quello che malgrado tutto, ancora attende una rivalutazione piena perché la ferocia che lo contraddistingue, ancora balza agli occhi tanto da fare male.

Lucio Fulci sul suo affollato set newyorkese.

Nello stesso anno in cui Dario Argento con “Tenebre”, dava il definitivo calcio negli stinchi al genere Giallo, allontanandosi da esso e firmando uno dei suoi titoli più grondanti sangue, Lucio Fulci ha saputo fare di più e a mio avviso anche meglio, o peggio a seconda dei punti di vista. Perché se non altro il film di Argento si dedicava a soluzioni visive sempre più ricercate lasciandosi quasi totalmente alle spalle ogni volontà di realismo, anche Fulci della trama investigativa quasi se ne frega, con la differenza che se Argento puntava all’astrazione, Fulci ci costringe a stare lì a guardare, a sentire il caldo e il sudore di quella New York mai così lurida e spaventosa, impossibilitati a distogliere lo sguardo davanti ad ogni omicidio. Il suo film avrà pure voluto essere pura exploitation, ma raramente ricordo un regista in grado di portare in scena violenza più belluina di quella a cui ci costringe ad assistere Fulci in “Lo squartatore di New York”, non perché nel genere horror non si sia visto anche di peggio, ma solo perché ogni gesto, ogni omicidio, ogni sadica azione o chiamata dell’assassino (con voce da Paperino, qua qua) risulta essere plumbeo, nerissimo, carico di un cinismo senza possibilità di fuga o redenzione.

Una vittima uccisa malamente, in questo film abbondano.

Basta guardare la città di New York, al cinema l’abbiamo vista lurida e decadente, quando ad attraversarla era un insonne Travis Bickle in “Taxi Driver” (1976), l’abbiamo vista anche più nera, ad esempio attraverso gli occhi di Frank Zito in Maniac, ma Scorsese e Lustig sono comunque due “Knickerbockers” (… era una vita che aspettavo l’occasione di usarla questa parola!) Fulci a New York è straniero in terra straniera, forse anche per la totale assenza di coinvolgimento emotivo e geografico con la Grande Mela, attraverso il suo occhio la città che non dorme mai è un incubo, un girone infernale dove puoi morire ucciso male ad ogni angolo, in particolare se sei una donna, inutile girarci attorno, affrontiamo l’elefante in mezzo alla stanza, vieni qui Dumbo che dobbiamo parlare.

You say New York, New York is dangerous (cit.)

“Lo squartatore di New York” è un film misogino? L’idea che mi sono fatto io di Fulci è che fosse uno spirito pratico, di sicuro non il vostro amico ottimista che sorride sempre anche il lunedì mattina alle otto, ma uno che puntava al risultato, per certi versi la misoginia è più intrinseca nel genere Giallo di quanto non lo sia nello Slasher, che pure sull'argomento si è beccato delle belle accuse. Nei Gialli all'Italiana i personaggi femminili sono bei corpi sacrificabili, per lo meno lo Slasher ha regalato tante “Final girl” toste per cui fare il tifo, quindi l’attenuante generica per Fulci è di natura strutturale al genere di appartenenza del suo film.

Poi però è innegabile che “Lo squartatore di New York” si accanisca con furia belluina sui corpi femminili, dalla ciclista uccisa senza pietà nell’auto parcheggiata a bordo del traghetto, un omicidio che prima Fulci ci mostra con dovizia di dettagli e subito dopo, ci descrive per bocca del patologo che rincara ancora un po’ la dose, per altro, in un piccolo ruolo da attore come capo della polizia, compare lo stesso Lucio Fulci (storia vera).

Il buon vecchio Lucio, che non disdegnava comparire dei suoi film.

Questo film non risparmia niente, responsabile quasi da solo di aver almeno spostato in avanti il limite del mostrabile dei film horror, qui davvero a tratti Fulci rischia di sforare nel porno, alla povera Daniela Doria, vittima sacrificale (nell'immaginario) prediletta del regista, anche qui non viene risparmiato davvero nulla, eppure tra spettacolini, minacce di violenze sessuali, inquadrature ravvicinate del mutandina tipo, coltellate, colpi e fendenti, quasi tutti inferti al basso ventre dei corpi femminili, le accuse di misoginia non sembrano campate in aria, ma a mio modesto parare la verità va cercata altrove.

Le lamette andrebbero utilizzate solo per farsi la barba, mannaggia a voi!

Visto che l’ho citato ed ora mi è rimasto in testa, Maniac è un film ben più misogino, infatti ai tempi si beccò le sue belle accuse, forse perché essendo raccontato tutto dal punto di vista maschile, è un po’ più facile comprendere il perché, almeno fino al suo finale vendicativo. “Lo squartatore di New York” è talmente violento che per certi versi mette in guardia le signore dai possibili rischi, la Grande Mela di Fulci è un posto dove una donna non è MAI al sicuro, ma intendo proprio mai, per certi versi da maschietto, mi ha aiutato a vedere le cose dal punto di vista di una donna che se per caso fa il "madornale errore" di indossare la gonna, non si sa che razza di degenerati potrebbe attirare. Non penso proprio che l’intento di Fulci fosse questo, perché in quanto spirito pratico, puntava a dirigere un film Horror, però segnate una tacca alla cintura del regista.

Che bello essere una signora a zonzo per la città eh?

No, secondo me tacciare di misoginia “Lo squartatore di New York” vuol dire peccare di ottimismo, ed io che non sono ottimista lo capisco l’intento di Fulci, che come Dirty Harry non è razzista, lui odia tutti, uomini, donne, bianchi, neri, verdi, blu, non un singolo personaggio esce bene da questo film, anche perché è chiaro che a Fulci della trama investigativa interessi poco o nulla, infatti dopo una serie di depistaggi poco convinti, l’identità dell’assassino risulta essere un po’ la più ovvia, ma è il suo movente quello che secondo me spiega la totale disillusione di Fulci dei confronti di tutta l'umanità.

La violenza di “Lo squartatore di New York” va ben oltre scene come la rasoiata nell’occhio, un classico Fulciano che qui ti fa venire voglia di aggrapparti ai braccioli della poltrona, no la violenza del film, il suo oscuro cuore nero va cercato nella rabbia del suo regista. Quella scena finale, potrebbe sembrare solo un prologo per concludere la vicenda, ma quella bambina, che da un letto d’ospedale chiama un padre che non risponderà mai è una sequenza disperata, il vero motivo per cui Fulci ha fatto modificare la trama e le motivazioni dell’assassino e poi successivamente, ha voluto concludere il film con quell'apice di cinismo sta tutto qui.

«Non lascerò una buona recensione a questo albergo!»

Se Fulci ha voluto una bambina in un letto d’ospedale nel suo film più nero, avrà avuto le sue ragioni no? Impossibile non pensare al tremendo incidente dell’adorata figlia Camilla Fulci, rimasta paralizzata dopo una caduta da cavallo, la passione che condivideva con papà Lucio. Forse il cinismo di Fulci che già traspare in tutti i suoi film, deve più di qualcosa al suicidio della moglie Maria, avvenuto nel 1969, ma per un uomo come lui, così attaccato alle figlie Antonella e appunto Camilla, questa seconda tragedia in famiglia deve averlo portato in posti, emotivamente parlando, ben più neri della New York di questo film, se volete approfondire, vi consiglio il bellissimo documentario di Simone Scafidi, intitolato “Fulci for Fake” (2019).

Per chiudere con una nota un po’ meno tragica un film già grondante disperazione di suo, ci tengo a sottolineare quanto Fulci anche qui, malgrado il cinismo manifesto, non avesse perso il suo buon occhio per il cinema, infatti il prologo iniziale con il cagnone e il suo (dis)gustoso ritrovamento, risulta un riferimento all’inizio del suo Zombi 2. La voce da Paperino dell’assassino, una trovata grottesca che trova un senso solo nel finale senza speranza del film, ricorda appunto i Paperini seviziati usciti dieci anni prima, dimostrazione che nessuno più di Fulci è stato l’Anti-Disney.

Altro materiale per la mia stramba teoria sulle scene in metro nei film.

Anche se la citazione più gustosa per me resta la scena della metropolitana, lo dico sempre che ogni grande film dovrebbe averne una e “Lo squartatore di New York” è altro materiale per la mia strampalata teoria, ma qui Fulci fa di più, dopo averne ammirata una memorabile in Un lupo mannaro americano a Londra, il regista ha voluto rendere omaggio a Landis due volte, in qualche modo strizzando l’occhio alla scena della metro e poi, infilando il capolavoro di Landis tra i film in cartellone in un cinema di questa oscura New York, doppio spettacolo insieme a I falchi della notte, insomma tanto gran bel cinema che ne influenza altro.

Film nei film, una volta vorrei farci su una rubrica.

Per quest’anno anno con i papaveri e le papere di Fulci dovrei aver terminato, ma anche con i compleanni dei suoi film, in ogni caso è sempre un piacere per me ospitare il terrorista dei generi su questa mia Bara Volante, anche quando firma film oscuri e senza speranza come questo.

28 commenti:

  1. AMmetto di non averlo visto. Dalle tue parole sembra da vedere, ma non so se ho voglia di mettermi a guardare una tale mostra di disperazione! 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre, almeno per me, devi essere pronto a calarti nell'oscurità di Fulci, qui più cinico che mai. Però resta un gran film. Cheers!

      Elimina
  2. Per quanto apprezzi il Maestro Fulci, ci sono troppa oscurità e disperazione in questa pellicola, non è il momento giusto, per quanto mi riguarda, di vederla. In più, dopo che hai anticipato le sue vicende private, mi prende una tale tristezza (per lui) che preferisco vedermi il documentario a lui dedicato, piuttosto, che citi nel tuo post.
    Comunque, da quel che ricordo, la grande mela in quegli anni era davvero un posto pericoloso, fino a quando non c'è stato un bel giro di vite da parte di Giuliani con la sua tolleranza zero a partire da metà degli anni '90...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, inoltre penso che quel docu-film (perché poi di questo si tratta) possa aiutare molto anche a comprendere meglio questo film. Cheers

      Elimina
  3. recuperato lo scorso anno,certo in certe scene ci sono lampi di genio, ma, secondo il mio modestissimo parere siamo nella fase calante fulciana. dopo i quattro immensi capolavori che sono in ordine cronologico ,se non erro NON SI SEVIZIA UN PAPERINO,SETTE NOTE IN NERO,ZOMBI 2 e L'ALDILA'. E pensare che il DOTTOR FULCI,non ha potuto lavorare come avrebbe voluto,anche per via ,purtroppo, di problemi di varia natura . Fai benissimo CASS a consigliare la visione del documentario FULCI FOR FAKE, bellissimo e commovente. luigi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che questo rientri ancora tra i film in cui era in forma, anche se i problemi personali erano un macigno, grazie a te Luigi ;-) Cheers

      Elimina
  4. Questo è il classico film che ho visto, mi è piaciuto un sacco, ma ho pensato che non avrei riguardato molto perché bisogna essere ben predisposti per passare una serata con questo Fulci!

    Di fatto, non l'ho più riguardato, però alcube immagini mibsi sono stampate in testa (e non so se è un bene!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non riesco mai a prendere Fulci a cuore leggero, questo film poi meno di tutti quelli che ha diretto, quindi ti comprendo in pieno ;-) Cheers

      Elimina
  5. Il mio rapporto con il mio omonimo è sempre stato problematico, perché ci ho messo parecchio per far pace con lo stile italico di girare horror e quindi non sono riuscito ad affezionarmi a nessuno dei cineasti nostrani. Anni fa ho rivisto questo film perché mi avevano segnalato una scena scacchistica, ma l'impressione globale non mi aveva lasciato gran che: leggendoti mi sono reso di non aver colto nulla di ciò che segnali, quindi ora che ho gli strumenti giusti sarebbe il caso di rivalutare il mio omonimo ^_^
    Parlare di misoginia in un film horror è davvero inutile: tutti i film fanta-horror hanno molte più vittime femminili che maschili, non è cattiveria, è la consuetudine dalla nascita del cinema, che si riallacciava alla narrativa popolare otto-novecentesca dove avveniva la stessa identica cosa. Non esistono alieni, mostri e maniaci che non abbiano una naturale predilezione per il gentil sesso, e quando "Bagliori nel buio" (1993) ha mostrato alieni che rapivano maschietti non mi pare nessuno lo abbia elogiato per questa sceclta contro-tendenza :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, anch'esse quel film è già in lizza per sbarcare sulla Bara l'anno prossimo (storia vera). Grazie per averlo sottolineato, perché con la rubrica su De Palma tornerò spesso sull'argomento, quando tratti il genere è normale incappare ella sua stessa struttura. Chi pensa di aver scoperto l'acqua calda accusando di misoginia l'horror, per me è un po' chi vede sotto testi omoerotici nei Western, insomma nie te di nuovo per chi i generi li conosce e frequenta per davvero ;-) Cheers

      Elimina
  6. Ma guarda cosa m'hai tirato fuori.
    Visto e rivisto piu' volte, su Odeon TV grazie ai suoi cicli dedicati ai film "de paura".
    Come fai notare tu gia' Scorsese, Lustig e persino Callaghan avevano gia' mostrato il lato marcio della grande metropoli.
    Una giungla di asfalto e cemento, dove al calar delle tenebre i predatori vagano per ambienti degradati in cerca di sesso, droga e violenza.
    Ci aggiungo pure Friedkin. "Cruising" e' il padre spirituale. Al di la' delle tematiche omo, ha lanciato concetti e contesti in seguito saccheggiato da tutti.
    Fulci va oltre, e si spinge piu' lontano.
    Non si salva nessuno, e tra vittime e carnefice non c'e' poi gran differenza.
    Ognuno ha i suoi vizietti riprovevoli. E sembra che non pensare che a quello mentre vive, si muove, lavora, si accoppia e muore (malissimo) tra le strade e i palazzi.
    Persino l'ispettore. Che tra un'indagine e un omicidio se ne va a donnine e non disdegna di fare il guardone.
    Pare che tra lo squallore, il grigiume e la disperazione del quotidiano la depravazione sia patologica, ed e' l'humus fertile dove prosperano i mostri.
    E se dal punto di vista del gore ha perso inevitabilmente un po' (da pischello mi impressiono' parecchio), da quello della crudelta' e del malsano e' rimasto intatto. Ed e' piu' attuale che mai.
    Interessante la dinamica sull'aspetto misogino.
    Non lo vedo poi tanto differente da certi fumetti per adulti che intasavano le sale d'aspetto dei barbieri di una volta. Che oltre al sesso arricchivano spesso il tutto di una fortissima componente sadica e perversa a base di sevizie e torture.
    Quella roba tirava allora e tira pure adesso, anche se si fa di tutto per sostenere il contrario. È alle volte e' il modo migliore per fare presa sul pubblico, mostrando quel che nessuno ha il fegato di mostrare.
    Finche' rimane sulle pagine o su schermo puo' essere persino catartico, come diceva lo zio Wes. Ma e' innegabile che si vendeva facile. E si vende facile.
    Poi, come dici tu, non basta. Altrimenti sarebbero capaci tutti.
    Quasi sempre nei film gli omicidi efferati sono a scapito di una bella fanciulla. Ma se guardiamo il quotidiano, la quasi totalita' dei reati di sangue a sfondo sessuale riguardano una donna.
    Diciamo quasi, che la certezza assoluta non esiste. Ma negarlo significa nascondere la testa sotto alla sabbia.
    Trovatemi un caso in cui una donna abbia abusato di un uomo.
    Non fa nemmeno ridere come barzelletta.
    Alla fine, questo genere di crimini riguarda gli uomini a danno delle donne. In quanto rappresenta l'incapacita' di relazionarsi col sesso opposto dal punto di vista affettivo e fisico.
    E vi risparmio su dove infilano l'arma del delitto dopo aver infierito...gia', proprio dove dice il patologo del film.
    Crudo, persino estremo. Ma realista.
    E in questo Fulci e' stato spietatamente verosimile.
    Concludo dicendo che sono QUESTI, i film per cui il cinema italiano e' conosciuto fuori dai confini.
    A Tarantino scommetto che piace un sacco.
    Buffe le auto-citazioni con la mano drcomposta e la voce del maniaco che "ricorda quella di un Paperino", per dirla con una frase del film.
    Beh, e' un arguto modo di farsi pubblicita' quando non te la fa un cavolo di nessuno.
    Da vedere, ma con cautela. Perche' puo' far male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cruising è il padre nobile di tanto Slasher, Fulci qui stava già lasciando indietro la struttura tanto cara al nostro cinema del Giallo, un film che ha i denti e nessuna paura a ricordarti che anche il mondo li ha. Cheers

      Elimina
    2. La cosa curiosa e' che viene classificato come horror, in alcuni casi. Pur non presentando nulla di soprannaturale.
      Diciamo che alle volte anche i thriller (che considero a meta' tra l'horror e il giallo) possono sfociare nel genere in virtu' di tematiche e scene particolarmente crude ed efferate.

      Elimina
    3. Anche il Giallo di norma non ha molto di soprannaturale, lo Slasher è un cugino alla lontana (con caratteristiche chiare tanto quelle del Giallo), tutti insieme stanno ad una spanna dal Thriller. Cheers

      Elimina
  7. Non si sevizia un paperino, soprattutto quando è lui a seviziarti ;)

    RispondiElimina
  8. E' stato il mio secondo Fulci (Manhattan baby, il primo) ed é da sempre quello che preferisco. Lo vidi quando lo davano (censurato naturalmente) su Odeon nell'88 e contribuì notevolmente alla mia passione (morbosetta lo devo ammettere) per i thriller con assassini psicopatici, seriali e non.
    Ho un aneddoto personale a tal proposito: a scuola, al mio primo anno di superiori, l'insegnante di letteratura ci assegnò per casa la stesura di un riassunto su un film a nostra scelta... ed io scelsi appunto questo. Nessuno dei riassunti venne esaminato e tuttora mi chiedo cosa avrebbe potuto pensare la prof. Ma soprattutto rimpiango di non averlo conservato... chissà che impressione mi farebbe leggerlo ora?! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roba che oggi, ti avrebbero assegnato ad una casa famiglia ;-) Invece vedi? Sei cresciuto bene, sano e appassionato dei film giusti. Cheers

      Elimina
    2. Intanto, tra i compagni di classe, la fama di horrormaniaco me l'ero fatta... e in quel contesto, a quell'età, non giovava granché. Ma non mi pento di nulla!!!!!! XD

      Elimina
    3. Mai, l'horror è una coperta di Linus ma anche uno scudo, può solo far del gran bene lo dico sempre ;-) Cheers

      Elimina
  9. Gran post, è un bel Fulci questo ma non è che l'abbia mai digerito più di tanto, umanamente. Non ho la pelle abbastanza dura forse ahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, ma non sei tu è il film che mena forte ;-) Cheers

      Elimina
  10. Alla tua fulciana recensione mi sento di aggiungere una sola cosa, la quale -premetto- si basa su una mia impressione senxa alcuna pretesa di esaustività: il cinismo di Fulci in questo film sembra voler omaggiare, spingendo ancora di più sul pedale del pessimismo (e della crudeltà), quello del grande Bava di "Reazione a catena"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ci può stare in pieno, questo renderebbe il film di Fulci ancora più vicino agli Slasher che al Giallo all'Italiana.Cheers

      Elimina
  11. con la sua rappresentazione di una meschina fauna di varia umanità avida e corrotta, per la quale non c'è speranza alcuna... Sia Fulci che Bava ne prendono dolentemente atto con la differenza, se vogliamo, che il primo adotta un approccio molto meno distaccato rispetto al Maestro nei confronti di ciò che racconta (e forse, anche per via del suo tragico vissuto personale, non avrebbe potuto essere diverso da cosî)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come al solito sono rimasto fregato, ma la seconda parte del mio commento te la lascio con il mio autografo ;-)

      Elimina
    2. Che poi sarebbe la terza parte, visto che mi hai già risposto sopra ;-)

      Elimina
    3. Però in ogni caso ti ha messo la firma, meglio tre volte che nessuna no? ;-) Cheers

      Elimina