domenica 26 giugno 2022

1883 (2022): le origini di Yellowstone in puro stile Western


Al momento negli Stati Uniti, ci sono poche serie più seguite e popolari di Yellowstone, il fatto che qui da noi in uno strambo Paese a forma di scarpa non sia così, ci dice molto di quanto la grande pozzanghera nota come oceano Atlantico a volte sia davvero enorme.

Taylor Sheridan deve essersi messo in testa di fare concorrenza a Ryan Murphy per il titolo di autore più prolifico del piccolo schermo, "1883" è molto più di un semplice prequel delle vicende della famiglia Dutton, diciamo che è un Western con tutti i crismi (Licia kiss me, cit.) suddiviso in dieci comodi episodi di quasi un'ora l'uno, con il passo, il ritmo e l'epica tipica del re di tutti i generi americani.

"Ti canto una canzone?", "Ma che non sia 'The way you love me' negli anni '90 ci hai ammorbati"

La storia è quella di James Dutton interpretato da Tim McGraw, icona del country, che qui recita accanto ad un'altra star della musica come Faith Hill, sua moglie nella vita e nella serie. Il progenitore del futuro personaggio interpretato da Kevin Costner in Yellowstone, qui carica la famiglia su un carro per cercare fortuna nel West inesplorato.

Strappata da un destino incasellato, anche la biondissima Elsa (Isabel May) la figlia diciassettenne di James, voce narrante della serie anche se con la sua capigliatura impeccabile, potrebbe sembrarvi all'inizio fuori posto in una serie dove compaiono anche i baffoni di Sam Elliott, nei panni del capitano Shea Brennan.

Se il Western è un genere morto, come mai il cowboy Sam Elliot non è mai senza lavoro?

Un vecchio pistolero che ne ha viste troppe nella vita, l'esatto opposto di Elsa per certi versi, uno che non esita ad arruolare una banda di immigrati europei come forza lavoro, in questa attraversata a bordo di carri Conestoga, in uno scenario dove può ucciderti tutto, anche bere l'acqua dall'affluente sbagliato.

"1883" parla proprio di questo, persone che emigrano per poter vivere, lo fanno senza averne spesso le competenze, con la responsabilità di portare al sicuro i propri cari o persone innocenti, tanto per mettere in chiaro ancora una volta quando il Western, con i suoi cavalli e cappelli a tesa larga, possa essere ancora perfetta metafora del presente.

Taylor Sheridan questo genere lo conosce benissimo, dal suo cast ottiene il meglio, soprattutto da Isabel May che pare talmente fuori luogo da fare il giro completo diventando il cuore della serie, in una versione quasi a ruoli ribaltati di un Balla coi lupi in piccolo.

Balla coi lupi al contrario quindi pul ioc allab? (sembra una parola indiana)

I canoni del Western sono tutti rispettati, quindi se siete tra quelli che vedono come il fumo negli occhi questo genere, mi dispiace sinceramente tanto per voi, ma dieci ore di "1883" potrebbero essere troppi, ma sappiate che vi perderete l'apparizione non accreditata di Tom Hanks, oppure Billy Bob Thornton in un ruolo fisso da tosto sceriffo.

"1883" ha un alto tasso di trovate e scene crude notevoli, inoltre i personaggi sono tutti molto ben caratterizzati, nella mia testa (matta) speravo di veder continuare questa serie per due anni, in modo da arrivare al 1885 e vedere un episodio con l'apparizione di Seamus McFly e magari di un certo maniscalco, ma il destino per "1883" è diverso.

Daì che nel giro di un paio di stagioni tornerà anche lui!

Questo spin-off (ma anche prequel) è diventato di colpo una delle serie più viste sulla piattaforma Paramount+, quindi in qualche modo la storia pensata da Sheridan per essere un film di dieci ore, continuerà in qualche modo ancora da decidere, questo è stato annunciato, ora bisogna solo capire i piani dell'autore.

Di sicuro è già stata annunciata la seconda serie prequel intitolata "1932", ma anche "6666", che non farà fare un salto nel futuro prossimo alle trame dei Dutton, ma è l'altro ranch già visto nella quarta stagione di Yellowstone, quindi ormai possiamo tranquillamente scherzarci su, Sheridan sta in fissa con i numeri a quattro cifre, ma il suo "universo espanso" galoppa, in tutti i sensi.

6 commenti:

  1. arghhhh diavolo tentatore!!! Io già sto facendo di tutto per fingere che non esista una quarta stagione di Yellowstone, perché non posso tornare a infognarmi e soffrire così tanto per una serie che più la odio più mi attrae a sé, e ora sbucano fuori pure dieci ore di prequel??? Con Sam Elliott?? Ma per sul serio??? :-D
    Prima o poi crollerò e farò una maratona da togliermi il sonno...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per tentare di scagionarmi, posso dirti che qui si cambia proprio aria, un Western puro, per altro anche molto bello, aspettando gli altri 110 o 120 spin-off già annunciati ;-) Cheers

      Elimina
  2. Mayor of Kingstown invece l'hai visto? Tanto per rimanere in tema Sheridan

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho ancora iniziata quella, sta nella lista però, tempo di finire quella che sto (ri)vedendo e potrei gettarmi su quella. Cheers

      Elimina
  3. Non ero a conoscenza di tutto questo, che bella sorpresa, anche perché come sai io fortunatamente seguo ed apprezzo Yellowstone, finirà nella lista indubbiamente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono qui per questo, tranquillo che ti segnalerò anche l'uscita dell'altro spin-off appena sarà, quello intitolato "6666" ;-) Cheers

      Elimina