mercoledì 25 maggio 2022

Everything Everywhere All at Once (2022): Michelle Yeoh vs. il Multiverso

Fiuuu! Da che parte cominciamo oggi, perché con il nuovo film prodotto dalla A24 e dai fratelli Russo (a cui evidentemente piacciono i film di menare, peccato poi che in quelli Marvel lo facciano poco e male) ci sarebbero parecchie cose da dire… lo sapete che la A24 prende il suo nome dall'autostrada Roma-Teramo? Si dai lo sanno tutti, quindi parliamo di 730.

Credo che non ci sia nulla di più tedioso e allo stesso tempo riassuntivo dei rompimenti di palle dell’età adulta che fare la dichiarazione dei redditi, ogni volta che ho a che fare con i burocrati devo dare fondo a tutta la mia (poca) pazienza, quindi perso nei 140 minuti del Multiverso di “Everything Everywhere All at Once” pensavo che anche io mi sono trovato ad un passo da scatenare una rissa nell’ufficio dell’agenzia delle entrate, un po’ la Michelle Yeoh di questo film la capisco, però davvero, tutto questo enorme casino intergalattico per fare la dichiarazione dei redditi? Evidentemente i “Daniels” amano fare il 730 più o meno quanto lo amo io.

Ve li ricordate i “Daniels” no? Nome d’arte molto pragmatico del duo composto da Dan Kwan e Daniel Scheinert, quelli che hanno trasformato un altro Daniel, Radcliffe, in un cadavere scoreggiante in Swiss army man, bene sono tornati seguendo idealmente la regola dei seguiti, anche se la loro ultima fatica “Everything Everywhere All at Once” non ha nulla a che spartire a livello di trama o personaggi con il loro film precedente, di sicuro risulta un secondo film nella loro filmografia uguale al primo per trovate matte, ma di più!

"Vediamo quanto veloce può volare questa BaaaaAAAA... ra"

Mentre vi scrivo, il film non ha ancora trovato una sua distribuzione italiana, ma arriverà di sicuro perché sempre nello stesso momento (nel Multiverso) è anche diventato il film della A24 ad incassare di più, costato 25 milioni di fogli verdi con sopra facce di ex presidenti defunti, al momento ne ha già portati a casa 52 e non accenna a rallentare, anche perché oltre ai “Daniels” i nomi nel cast sono davvero interessanti e da soli, basterebbero a farvi venire voglia di imbarcarvi in questo pasticcio che in realtà è meno pasticciato di quello che sembra. Scriverò un po' a ruota libera della trama, senza rivelare nulla di significativo, ma mi sembra comunque corretto avvisare: SPOILER!

La mitica Michelle Yeoh interpreta Evelyn Quan Wang, proprietaria della più classica delle lavanderie cinesi negli Stati Uniti, la porta avanti con fatica e frustrazione per i conti da far quadrare con il marito Waymond Wang, interpretato dal ritorno in un ruolo in vista di Ke Huy Quan, l’attore che tutti ricorderete come Data dei Goonies o ancora prima come Short Round di Indiana Jones e il tempio maledetto, come lo interpreta? Come vi aspettereste di ritrovare Data cresciuto, con il marsupio, l’aria da sfigatello pieno di gadget ma in grado di tirare fuori momenti da tipo tosto inattesi.

I Goonies non dicono mai la parola pensione.

Non bastassero i conti a far preoccupare Evelyn, ci pensa sua figlia Joy Wang (Stephanie Hsu), che si presenta a casa con la nuova fidanzata Becky (Tallie Medel), nulla di male per mamma ma come lo spieghiamo al nonno? Non solo ti sei trovata una ragazza invece che un ragazzo, per di più una fidanzata americana! Anche perché nonno Gong Gong è interpretato da James Hong, che ormai ha più o meno l’età di David LoPan anche se si porta i suoi anni molto, ma molto meglio e ancora scalcia culi e tira giù i nomi.

Siamo sicuri che il dio Ching Dai non lo stia conservando nel tempo per davvero?

Siete già in sala a vedere il film dopo questi nomi? Occhio che vi sgancio l’atomica adesso: i Wang hanno appuntamento presso gli uffici della temibile I.R.S. (l’agenzia delle entrate americana, l’acronimo che agli Yankee fa più paura di F.B.I. e C.I.A. messi insieme, d’altra parte sono gli unici che sono riusciti per davvero a mandare in galera Al Capone), qui li attende tra mucchi di scontrini e scartoffie Deirdre Beaubeirdra, interpretata da una Jamie Lee Curtis in versione Mike Myers (comico canadese, non assassino Slasher), foto dei gatti sulla scrivania, panza da chi si muove poco e mangia troppo ma soprattutto, infilata di premi come miglior contabile, ovviamente tutti dall'equivoca forma di beh, plug anali. Non trovo una miglior metafora per descrivere il lavoro del contabile, mi farò odiare da tutti i colletti bianchi del Multiverso dopo questo post.

"Anche Michael Myers dovrebbe avere paura della dichiarazione dei redditi" (notare i premi dietro, sulla scrivania)

La conosciamo Jamie Lee, una leggenda vivente, una con l’entusiasmo facile, l’entusiasmone esplosivo, la seguo sui social dove ha lanciato la sfida, consapevole che nemmeno lo Stregone Supremo potrebbe nulla contro un’agente dell’I.R.S. Jamie Lee ha dichiarato (scherzosamente) che “Everything Everywhere All at Once” è pronto a battere il record di incassi di Doctor Strange nel Multiverso della follia (storia vera).

Come complicare il tutto? Durante il percorso in ascensore verso la scrivania di Deirdre Beaubeirdra, Waymond apre l’ombrello, infila due futuristici auricolari nelle orecchie della moglie, le lascia un foglio con bizzarre istruzioni, tipo infilati le scarpe al contrario e le provoca una visione di tutta la sua vita passata, comoda anche per riassumere il tormentato rapporto tra lei e papà Gong Gong.

Questa versione di Waymond è una sorta di Kyle Reese con marsupio, che arriva da Alphaville, che non è il gruppo di "Big in Japan" ma l’unico universo in cui i viaggi nel Multiverso sono una realtà, scatenando l’entropia con un gesto folle come mangiare il Labello o mettersi le scarpe al contrario e con quegli strambi auricolari, diventa possibile connettersi alle altre versioni di se stesso sparse per il Multiverso, il che apre ad una gamma di opzioni infinità, più armi di quante ne disponeva Neo in Matrix. Perché una minaccia sta arrivando dal Multiverso ed è pronta a colpire la famiglia Wang e allo stesso tempo tutte le realtà, quindi lo ripeto: tutto questo casino per far la dichiarazione dei redditi?

"Avete portato tutti gli scontrini in triple copia? No? Ahi ahi ahi"

Provo ad elencarvi un po’ di titoli, paragoni per darvi un’idea di cosa vi aspetta se deciderete di imbarcarci nel viaggio nel Multiverso di “Everything Everywhere All at Once”: un certo tono da fumetto alla "Scott Pilgrim vs. The World" (2010), ma con Michelle Yeoh contro il Multiverso. Oppure ancora, la comicità delle serie Adult Swim, applicata ad un film di arti marziali, ma posso essere anche più preciso.

Se “Il favoloso mondo di Amélie” (2001) e “Little Miss Sunshine” (2006) partecipassero ad un’orgia con Matrix e Rick & Morty, il risultato probabilmente sarebbe questo film, che sembra un “John dies at the end” (2012) con i soldi ma allo stesso tempo un Michel Gondry minore, ma comunque più divertente di “The Green Hornet” (2011) o di uno qualunque dei seguiti di Matrix. Non ci avete capito niente? Nemmeno io, so solo che uno dei due “Daniels” ha dichiarato di aver smesso di guardare Rick & Morty, perché la serie gli stava “bruciando” le idee migliori e la cosa gli provocava una certa ansia in fase di lavorazione del film (storia vera).

In buona sostanza “Everything Everywhere All at Once” è la solita storia sulla famiglia, sui rapporti d’affetto e le dinamiche che legano i componenti, il più classico dei messaggi alla Sting, se ami qualcuno lascialo libero, ma è anche una storia di genitori che ti strangolano con il loro amore, i figli devono fare, sbagliare, come genitore puoi solo cercare di evitare che sbaglino come hai già fatto tu in passato e poi vada come vada perché tanto nella vita, come fai sbagli, un po’ come scrivere qualcosa di sensato su questo film che gonfia all'impossibile di trovate una trametta che in realtà sarebbe quella di un piccolo titolo agrodolce, ho detto “Little Miss Sunshine” per darvi un’idea, solo che lì al massimo ballavano “Super Freak” di Rick James, qui si menano, ironicamente come fabbri con la competente regia di Dan & Dan.

Non prenderò mai più in giro quelli con il marsupio.

Apparentemente senza motivo, Ke Huy Quan per liberarsi della sicurezza dell’ufficio, si esibisce in una coreografia di combattimento diretta in maniera limpida dai “Daniels”, dove il suo marsupio diventa un’arma impropria, utilizzato come se fosse un Nunchaku, da qui il film non prende più prigionieri, sempre caratterizzato da quell’aria un po’ fighetta di tutte le produzioni A24 (per dirvene una, il film è diviso in tre capitoli, “Everything”, “Everywhere” e “All at Once”, il primo comincia dopo dodici minuti, il secondo dopo boh un mese e trenta giorni percepiti e l’ultimo, copre circa l’ultima ventina di minuti prima dei veri titoli di coda), una delle scene più esagerate e divertenti è quando anche Jamie Lee Curtis si unisce alla festa e posseduta da qualche sua versione malvagia proveniente dal Multiverso, ci ricorda perché gli agenti dell’I.R.S. sono così temuti, trasformandosi in Mike Myers (assassino Slasher, non comico canadese), una sorta di Mr. Smith con capelli a caschetto imbattibile, indistruttibile, se non da Michelle Yeoh che per trascorsi cinematografici (qui tutto raccontati con vezzo quasi meta cinematografico, perché non manca nemmeno quello) è l’unica che le arti marziali le conosce per davvero.

Cinque dita di... anzi no, due mignoli di violenza.

Il piano originale dei “Daniles” era quello di arruolare Jackie Chan come protagonista, hanno ripiegato su Michelle Yeoh che ammettiamolo è un gran bel accontentarsi, visto che il film diventa molte cose, tra cui un palcoscenico per il suo talento di attrice, marzialista e perché no, anche comica.

Il Multiverso è un enorme “Eh ma allora vale tutto”, in “Everything Everywhere All at Once” questo è chiarissimo, perché Dan Kwan e Daniel Scheinert lo utilizzano come deus ex machina per i loro personaggi, oppure per pescare tutte le trovate comiche possibili immaginabili e oltre, ci sono buchi neri a forma di Bagel che minacciano l’annichilimento, universi paralleli che citando “2001 odissea nello spazio” (1968) e ci raccontano di scimmie con grossi ditoni, che hanno avuto la meglio su quelle dalle dita più canoniche, con conseguente evoluzione Darwiniana in cui gli esseri umani hanno imbarazzanti ditoni molli tipo Wurstel nelle mani e fanno tutto con i piedi (secondo me GIEI GIEI arriva da questo universo…), questo genera momenti comici, romantici e anche d’azione perché del Multiverso i Daniels non buttano via niente, al massimo pescano il più possibile.

Le dita in questo film hanno un ruolo chiave, non so se lo avete notato.

Quindi ci sono chiarimenti madre figlia, che sembrano usciti da un film di Quentin Dupieux e le protagoniste “parlano” con i sottotitoli perché in realtà beh, sono due sassi, oppure un universo in cui “Ratatouille” (2007) esiste ma ha come protagonista un procione e quindi si chiama “Racoontouille”, insomma una follia dove le scene d’azione abbondando, sono tutte comiche e coreografate alla grande, ci saranno tre o quattro sequenze di lotta che da sole valgono la visione, anche se devo ammetterlo, il film dura circa sei mesi con la condizionale (percepiti) e l’effetto "il troppo stroppia" fa più volte capolino.

Dopo lo pneumatico assassino di "Rubber" tocca ai sassi con gli occhietti.

Mi sono divertito e anche molto, in certi momenti ho pensato: «Ma voi siete matti» nel senso migliore del termine e in altri: «Ma voi siete matti», non per forza in quello migliore, specialmente quando a metà film ancora i Daniels stavano menando il can per l’aia con l’ennesima scena tutta matta che per umorismo, pare scappata da una puntata a caso dei Griffin, ma che in certi passaggi snerva, visto che stringi stringi, il messaggio della storia è il solito sulla famiglia con cui ci tediano TUTTI i film occidentali, solo che qui ci viene ricordato che fare il 730 può essere un’esperienza pericolosa.

Pronti per la fagiolata di pugni finale.

“Everything Everywhere All at Once” potrebbe essere in ugual misura il vostro prossimo film preferito, oppure materiale da meme su Internet, da entusiasmone non proprio come quello di Jamie Lee (lei in quella categoria è imprendibile), ma almeno da scatenare il fermento sui Social-Cosi, quindi non so quanto sia un bene. Molti sosterranno che il Multiverso appena all’inizio, ha già bello che rotto i, fa rima con ditoni, ma se la Marvel non vi ha dato tutto il Multiverso che desideravate in Doc Strange 2, forse qui potreste trovarlo. Mettente però in conto che il tutto potrebbe essere solo un “Cloud Atlas” (2012) non afflitto da serietà congenita, insomma non ho idea a chi potrei consigliarlo questo film, a chi ama le arti marziali? Forse è troppo comico, a chi non le sopporta? Qui ne troverete in abbondanza, insomma pescate dal Multiverso la versione di voi che potrebbe amare questo film e poi fatemi sapere come lo avete trovato, sicuramento farà parlare non solo per il record al botteghino della A24.

18 commenti:

  1. L'ho visto proprio ieri sera. Per me è già il film dell'anno: ha una regia e un montaggio strepitosi, dei costumi da urlo, delle bellissime coreografie "di menare" e, oltre ad avermi divertita tantissimo, sul finale mi sono anche ritrovata a piangere come una fontana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La regia e le coreografie mi hanno colpito, se poi hai Michelle Yeoh ad eseguirle, hai fatto centro, rischia davvero di essere tra i migliori del 2022 ;-) Cheers

      Elimina
  2. Ho letto con un occhio solo per schivare gli spoiler, ma è bastato a convincermi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avvisato proprio per correttezza, ma vale la visione ;-) Cheers

      Elimina
  3. "E post..." "........" "Post-moderno!" "........" "Ok,strano per essere strano!" "Aaaah....!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho trovato per nulla un film post-moderno, post si, ma solo perché l'ho scritto ;-) Cheers

      Elimina
    2. No problem Cassidy,io per film di questo tipo tiro sempre in ballo il buon Boe,diciamo una mia frecciatina personale alla A24,casa di produzione per qui non nutro una grande simpatia,pur ammettendo che hanno prodotto anche cose belle,ma molto spesso mi danno sui nervi,preferisco i film storti ai film fighetti "strani per essere strani",poi oh sicuramente molti altri ci vedranno il genio dietro le loro produzioni,cosa assolutamente legittima in base ai gusti soggettivi,e solo che io la maggior parte delle volte li trovo bislacchi,troppo laccati e poco intrattenenti,la cosa piu' urticante sono i fanatici di internet che appena vedono il marchio "dell'autostrada",si alza un chiassoso e fastidioso coro da stadio al grido di "genio assoluto" e chi non li apprezza non capisce un c***o!

      Elimina
    3. Sai come funzionano i fanatismi su "Infernet" no? Vale sempre la regola numero uno: mai discutere con i Fanboys ;-) Cheers

      Elimina
  4. Dopo aver letto il tuo pezzo mi ha assalito un'insana voglia di vederlo.
    No, perché ha tutti gli interpreti giusti. E sembra pazzo e sgangherato quanto basta.
    Se mi citi "Scott Pilgrim" non posso fare a meno di pensare ad un contesto relativo ai videogames, perché di fatto il suo film quello era.
    Per la serie come sarebbe bello se il mondo fosse un picchiaduro a incontri.
    E qui da quanto dici avvengono abbastanza cose strane da farmi pensare che sia uguale.
    E il genere di film di cui si ha un bisogno quasi patologico, ultimamente.
    Taci che ho finito giusto la scorsa settimana, col 730. E...stranamente, per una volta ne sono uscito soddisfatto.
    Incredibile, eh? Una manna dal cielo, considerando le elemosine degli anni passati.
    Ma che dico elemosine...ci sputavano, nel piattino delle elemosine.
    Niente plug per il sottoscritto, quest'anno!
    Il termine I.R.S. mi fa pensare ad un celeberrimo e cattivissimo lottatore degli anni d'oro del wrestling, ovvero Irwin R. Schyster.
    E in effetti...faceva proprio l'esattore delle tasse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni volta che sento nominare l'I.R.S. mi viene in mente lui (storia vera) che sia stato d'ispirazione per Jamie Lee? Considerato le mosse che fa forse ;-) Cheers

      Elimina
  5. io non ho letto gli spoiler, ma le prime 3 righe mi hanno convinto.
    Anche perché devo pulirmi gli occhi da quella monnezza di tenet (seguirà commento in apposito topic)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo quella roba, puoi divertiti con questo, ci leggiamo di là ;-) Cheers

      Elimina
  6. Comprato! Mi avevi già convinto alla parola Michelle Yeoh! :)

    RispondiElimina
  7. Sono dubbiosissimo, tentenno e mi perplimo al massimo. "Swiss Army Man" è fra i più bei film che io abbia mai visto, e proprio per questo non vorrei rovinarmi l'opinione che ho dei Daniels, visto che dalle foto (non ho letto spoiler, per sicurezza) siamo parecchi universi paralleli lontani da quello stile minimale e intimo. Poi Michelle Yeoh da parecchi anni non è Michelley Yeoh ma una semplice cosplayer vestita da Michelle Yeoh, e di sicuro il suo devastante ruolo in "Star Trek Discovery" è stato un bel chiodo sulla sua tomba: è un'attrice pittoresca specializzata in ruoli matti, che per puro caso trent'anni fa interpretava ottimi ruoli marziali.
    Non lo so, ricevo sensazioni profondamente contrastanti da quanto mi descrivi (spoiler a parte) e potrebbe essere un film che potrei odiare profondamente, a partire dal fatto che di solito gli autori americani conoscono solo i wuxia di serie Z doppiati con lo sfintere quindi sono cresciuti credendo che quella spazzatura fosse il "cinema marziale classico", perciò fanno parodie di fraintendimenti con risultati che mi fanno vedere rosso.
    Non so se lo vedrò, ma è già un prodotto che a scatola chiusa mi scatena sentimenti forti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti sono nella complicata posizione di non sapere a chi potrei consigliarlo un film così, guardato solo come film di arti marziali, risulta un po’ troppo fighetto, di norma mi piacciono i film difficili da etichettare, ma questo potrebbe piacere a tanti per le stramberie, ma non credo che posso colpire al cuore chi ama i film di arti marziali, con meno roba tutta insieme “Swiss army man” sapeva essere più intimo. Si dopo “Discovery” lasciamo stare, volevano Jackie Chan per la parte, non so se sarebbe stato tanto diverso il risultato finale. Cheers

      Elimina