mercoledì 15 dicembre 2021

Boyz n the Hood - strade violente (1991): c'era una volta nel South Central, L.A.


Tra tutti i registi dimenticati e poco considerati, John Singleton gioca in un campionato tutto suo, nemmeno la sua prematura dipartita gli ha concesso un minimo di visibilità o quella rivalutazione, anche piccola che si meriterebbe.
Forse perché anche lui è stato un po’ maledetto dalla sfiga di un esordio cinematografico fulminante, oppure semplicemente per il fatto che era nero, chi lo sa. Sta di fatto che non potevo chiudere l’anno senza ricordare i primi trent’anni del suo film d’esordio, “Boyz n the Hood” è attuale oggi più che mai, perché sinceri, schietti e crudi come Singleton qui, lo sono stati davvero in pochi, forse nessuno.

Per certi versi “Boyz n the Hood” ha tutti i difetti del film d’esordio, ha dei passaggi in cui si vede che John Singleton mancava ancora di esperienza, di qualche chilometro come narratore, ma più onesto e con il cuore in mano di così non è stato mai nessuno, tanto da permetterci facilmente di chiudere un occhio davanti a questi piccoli difetti. Quando dico che come John Singleton nessuno mai, se non volete credere a me che sono solo il vostro amichevole Cassidy in the hood di quartiere, credete allora all’Accademy, che fece di Singleton il più giovane nominato agli Oscar in due categorie chiave, miglior film e miglior regia a soli ventiquattro anni, battendo per gioventù un signore che prima di lui deteneva questo record, un tale di nome Orson Welles (storia vera). Per questo e per tutte le ragioni che vedremo qui sotto, sono felice di dare il benvenuto al film di Singleton in una categoria meno blasonata ma più sentita, quella dei Classidy!


“Boyz n the Hood” per certi versi è due film in uno, da una parte racconta la genesi di un ragazzo di colore dall’altra di un nero del ghetto, nel senso di come potrebbe intenderla un bianco magari non propriamente democratico, uno di quelli che le persone di colore non le chiama “neri”, giusto per capirci. Ma sarebbe stato facilissimo giocarsela alla Spike Lee puntando il dito contro l’uomo bianco, in “Boyz n the Hood” il razzismo è strutturale, ci viene raccontato perfettamente che il ghetto dei protagonisti è prima di tutto culturale prima di essere un luogo fisico e opprimente, dove gli elicotteri in volo sulle teste dei protagonisti sono la colonna sonora costante.

Per Carpenter gli elicotteri a Los Angeles erano una minaccia, per Altman in “America oggi” (1993) quasi un ronzante annuncio dei disastri dietro l’angolo, ma per John Singleton, quindi per un nero del South Central, sono la colonna sonora che accompagna ogni loro azione, un “memento mori” costante che Singleton sottolinea in absentia, con brillante utilizzo del montaggio sonoro, come spettatore ti rendi conto di esserti a tua volta assuefatto a quel minaccioso ronzio, solo quando uno dei personaggi apre e chiude la porta di casa, attenuato il rumore di fondo. Benvenuti nel ghetto!

Saluti al vecchio Orson Welles dal profondo del South Central: lo stile di John Singleton.

“Boyz n the Hood” parla di criminalità, vita tra spaccio e troppe pistole, il problema delle gentrificazione prima che questa parola fosse popolare e lo fa con un solo bianco mal contato in giro (un poliziotto che compare nel mucchio), la prima parte del film è la formazione di una canaglia e del suo migliore amico, che come da tradizione sono due facce della stessa medaglia: uno nero che cerca di seguire le regole, l'altro prototipo del "Gangsta", in mezzo il terzo della compagna, la promessa dello sport, che dal ghetto ne ha salvato qualcuno e persi tanti.

La gavetta che ti permette di diventare la più tosta autista di sempre.

Infatti la storia inizia in un 1984 che non ha nulla dell’imperante malinconia per il decennio dei jeans a vita alta, il protagonista dal nome più bello del mondo, Tré Styles ha dieci anni e vive ad Inglewood, dove una volta giocavano i Lakers prima di trasferirsi in un quartiere più tranquillo, che poi è quello che vorrebbe per Tré anche sua madre Reva (Angela Bassett con i soliti tredici chili di cazzimma che la contraddistinguono), ma questa non è una storia tipo Willy il principe di Bel-Air, anche se il ragazzo viene spedito dal padre che in effetti lo definisce un principe, ma solo perché lui deve essere considerato il Re. Mi riferisco ad un padre che vive nel South Central, Jason "Furious" Styles e forse mi sbagliavo prima, è il personaggio interpretato da un Laurence Fishburne ancora magro quello con il nome più figo di tutti!

“Io te lo dico, in questo quartiere se ti offrono delle pastiglie, non ti risvegli in Matrix domani mattina”

Le lezioni di vita da parte di papà sono toste e non si sprecano («Ogni stupido con un cazzo può fare un figlio, solo un uomo può crescerlo») ed è qui che entra in scena l’amico del bravo ragazzo Tré, quello che cerca di rigare dritto malgrado i proiettili senza nome che puntualmente partono a caso nel South Central.

Il contraltare del protagonista è Darin “Doughboy” Baker, il cattivo ragazzo, quello senza una guida vera destinato a finire allo sbando, perché la prima parte di “Boyz n the Hood” è neorealismo nel ghetto, è “Stand by Me - Ricordo di un'estate” (1986) diretto da un nero incazzato del South Central, con tanto di camminata lungo i binari da seguire che termina a suo modo anche qui con un cadavere ritrovato, quando la prima parte del film termina, prima del balzo in avanti della storia di sette anni, la malinconia ha già ammantato tutta la storia.

Sette anni dopo Tré è cresciuto e fatto a forma di un Cuba Gooding Jr. palesemente troppo vecchio per il ruolo, ma scelto per la parte anche perché è stato l’unico a presentarsi al provino dando il via alla sua fortunata carriera (storia vera). Qui mister bravo ragazzo ritrova l’amico Doughboy uscito di galera e unitosi a famigerati Crip, interpretato per altro da Ice Cube, padrino del Gangsta Rap qui al suo esordio come attore, di fatto interpretando la sua vita prima di sfondare con la musica.

Dimenticatevi le finzioni del film sugli N.W.A. visto che uno di questi tre li ha fondati.

La seconda parte di “Boyz n the Hood” è quella che piaceva ai miei amici appassionati di Hip Hop, e pure io che ho sempre avuto ascolti molto differenti (e decisamente più “bianchi”) so bene che nessuno meglio di John Singleton ci ha portati tutti nel ghetto, facendoci calare in una realtà dove puoi essere un bravo ragazzo nero se sai stare al tuo posto oppure destinato a finire in cronaca nera, anche se ve lo dico, in questa seconda parte del film è meglio se non vi affezionate troppo a nessuno perché i personaggi muoiono peggio che in Giocotrono, in tal senso non esiste rappresentazione migliore della vita nel South Central di questa.

Un posto che come cantava guarda caso Ice Cube, una giornata buona è qualcosa di strano, se da mattina a sera non hai dovuto mettere mano al tuo AK, allora puoi dire che è stata una buona giornata. In questo realismo che non fa sconti a nessuno, John Singleton le ha indovinate tutte: la profezia sulla futura panza di Fishburne, le carriere di attori di Gooding Jr. e Ice Cube, una fotografia vivida della vita nel ghetto. Quando dice che alcune incertezze in fase di regia si notano ma sono perdonabili, mi riferisco a quella pisciata estemporanea ma fondamentale per i destini dei personaggi, che è del tutto realistica ma nel film vista in quel momento, risulta un po’ troppo “finta”, forse perché da spettatori, siamo abituati a narrazioni avvolte nel pluriball e meno affilate.

Stand by Me - ricordo di un'estate nel South Central.

Sta di fatto che nessuno ha saputo essere così brutalmente onesto con il suo film d’esordio, un titolo che merita di essere festeggiato in occasione dei suoi primi trent’anni dall'uscita perché è un film attuale più che mai, nessuno ha iniziato la sua filmografia in modo così dolente e sincero, un po’ come a voler ringhiare a denti stretti: «Io sono John Singleton e vengo da qui, questa è la mia vita e come mia di tanti altri come me.»

Today, I diddn't even havvta use my AK
I gotta say it was a good day

6 commenti:

  1. Film cultissimo cui la definizione di "Classido" calza a pennello. Un mio ex compagno di squadra che andò in fissa dura con l'hip-hop e il rap americano (parliamo di prima metà dei '90) me lo spacciò in VHS non tanto per il film in se, quando per la colonna sonora. Invece a me acchiappò molto più il film (infatti i gusti musicali e nell'abbigliamento divergevano ai due opposti. Era abbastanza comico vederci ciondolare assieme: lui con abbigliamento rigorosamente oversize, collanine pacchiane e cappellini d'ordinanza, io jeans, polo e Adidas. Fine dell'immancabile nota personale...

    Torniamo ai "Boyz". Che dire? Film attualissimo che ha indicato la via a moltissimi lavori successivi che con lucidità e cinismo ti sbatte davanti la vita nel ghetto nero di L.A.. Con le sue regole, il suo onore, la sua parlata (intraducibile...) e i suoi modi di vivere, che per molti è l'unico. Sarà che a tempo morto (cioè un episodio a settimana...) sto riguardando tutto THE WIRE, ma il grido d'allarme era chiaro e forte, strano che poi molti si stupiscano del "Black Lives Matter". Mah...

    Comunque bravo Capo, era da un po' che non lo si vede in giro, vedo se riesco a ribeccarlo perché è uno di quei titoli "storici" (a suo modo) che non ho.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Storia parallele se non fosse che non ho mai indossato una polo in tutta la mia vita (storia vera). Non potevo far passare il 2021 senza ricordare John Singleton, regista ingiustamente dimenticato, più onesto di lui qui, al cinema sono stati pochissimi. Cheers!

      Elimina
  2. Spettacolo! Il giovane me andava a mille con i film di denuncia nera, e quando poi mettevano in campo attori così gagliardi potevi solo battere le mani. Al volo non ricordo le date, ma fra questo, "New Jack City", il primo Ice-T e Wesley Snipes cattivo era un periodo d'oro, ani... nerissimo!
    Oggi ci provano, ma film come Singleton è davvero difficile vederne in giro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non se ne vedono perché una schietta è diretta sincerità, anche un po' dolente è quasi impossibile da replicare, devi avere proprio la rabbia dentro per fare un film così, era un periodo di fermento, poco prima delle rivolte di Los Angeles che non sono esplose per caso, Singleton ci ha raccontato il pregresso. Cheers!

      Elimina
  3. E chi se lo ricordava, questo!
    Al di la' dei gusti musicali (non ho mai avuto questa gran affinita' col rap e l'hip hop. Oggi li reggo giusto mixati ad altri generi) lo giudico per il film in se'.
    Mi ha sempre ricordato il bellissimo "Bad Boys" di Rosenthal, con un giovanissimo Sean Penn.
    In salsa black, se mi concedente il termine, e senza riformatorio con tanto di drammone carcerario annesso.
    Col protagonista alle prese con un posto dove si ha il destino segnato sin dal giorno in cui si nasce.
    E' una maledizione con cui si deve fare i conti ogni giorno.
    Ed infatti e' sempre combattuto tra il seguire gli amici fraterni di una vita (perche' i patti di sangue e la fratellanza contano. E hanno il loro peso) e un mentore che ne e' uscito fuori e continua a dirgli di superare certe stronzate (scusate).
    Sarebbe la scelta piu' sensata, ma non e' facile rinnegare chi sei e da dove vieni. Anche se le tue origini fanno schifo, senza offesa.
    Ma in certi casi e' tutto quel che hai.
    Avra' fatto la scelta giusta? E chi lo sa.
    Intanto e' forse l'unico che arrivera' all'eta' adulta, vivo e tutto intero.
    Vorra' pure dire qualcosa.
    Bello. E' una vita che non lo vedo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giorno troverò il tempo di vedere anche il film con Sean Penn che è mio coetaneo, il film non Sean Penn ;-) Cheers

      Elimina