giovedì 28 ottobre 2021

L’esorcista III (1990): tutte le volte che ne esco, quelli mi ributtano dentro (ad un esorcismo)

William Peter Blatty è nato nel Bronx nel 1928, i suoi genitori erano arrivato a New York dal Libano con tutti i fratelli e le sorelle di Billy. La madre di Blatty, Mary “Miriam” Mouakad era una gran lavoratrice dedita alla famiglia, pare che quando fece richiesta per la cittadinanza americana, come motivo aggiunse che lo faceva per i suoi figli e alla domanda: «In caso di morte del presidente degli Stati Uniti, chi prende il suo posto?», Mary rispose «Suo figlio», al giudice tanto bastò per concederle la cittadinanza (storia vera).

Con una madre disposta anche a mettersi a vendere gelatine di mela cotogna fatte con le sue mani, lungo la Fifth Avenue nel mezzo del gelido inverno newyorkese e un padre andato a “compare le sigarette” per non fare mai più ritorno, la storia personale di Billy Blatty ricorda da vicino quella di un altro Billy, Friedkin, infatti proprio loro due hanno combinato per portare al cinema il romanzo più famoso di Blatty, “L’esorcista” (1971), ma di questo abbiamo già parlano diffusamente no?

Gli sforzi della signora Blatty hanno permesso al figlio di iscriversi e laurearsi a Georgetown, un università poco fuori Washington, un luogo che sarebbe diventato teatro di molti dei suoi romanzi perché parliamoci chiaro, William Blatty ha scritto molti bei libri, ma alla pari del suo amico e omonimo ancora oggi è ricordato solo per “L’esorcista”, infatti malgrado i suoi sforzi, tutti gli chiedevano solo un seguito di quel film, poco importa se Blatty al cinema, aveva scritto e diretto il bellissimo “La nona configurazione” (1980) sempre tratto da un suo romanzo del 1978, la storia di un gruppo di marines internati in un castello, con il cervello in tilt dopo la guerra del Vietnam è arrivato a vincere un Golden Globe come migliore sceneggiatura non originale, giocandosela agli Oscar con titoli come “The Elephant Man” e “Toro Scatenato”, quindi non proprio la pizza con i fichi.

Il figlio della signora Blatty, in una delle sue serate migliori.

Il vero interesse di William Blatty era quello di portare al cinema un altro suo romanzo, uno bellissimo di cui vi consiglio la lettura, ovvero “Gemini Killer” (1983) e qualcuno disposto a metterci dei soldini era anche disponibile, pensate che per un po’ persino l’altro Billy, l’amico e omonimo Friedkin era interessato alla regia, prima di passare semplicemente ad altro (storia vera), anche se una nuova collaborazione tra quei due, sarebbe stato un film in grado di vendersi da solo.

Eppure come Silvio Dante dei Soprano che imita Pacino «Tutte le volte che ne esco, quelli mi ributtano dentro!», stessa cosa per Blatty, che trovo non una, ma ben due case produttrici disposte a fare un film tratto da “Gemini Killer”, la Morgan Creek e la Carolco ma entrambe ad una condizione: il film si sarebbe dovuto intitolare “L’esorcista III”. Tutte le volte che ne esco, quelli mi ributtano dentro, infatti alla fine Blatty firmò con la Morgan Creek, solo perché la Carolco voleva anche il ritorno del personaggio di Regan e una scena dove la ragazza ormai cresciuta, doveva partorire due gemelli posseduti (storia vera).

Billy Blatty, la palla è nel tuo campo.

Con il titolo di lavorazione “Exorcist: Legion” poi definitivamente convertito in “The Exorcist III” il film è un oggetto strano, fuori dal tempo, figlio di un regista con discreta esperienza ma allo stesso tempo, di uno scrittore sopraffino, per una pellicola segnata anche da notevoli compromessi, ma pur distante due e o tre metri, in termini di qualità registica dal capostipite - Billy Friedkin è tecnicamente un mostro, nel senso migliore del termine - il risultato finale è un film molto bello, se pur con tutti i suoi difetti.

“Gemini Killer” prendeva un personaggio secondario del romanzo “L’esorcista”, il vecchio tenente di polizia William Kinderman (anche lui un Bill, guarda caso) rendendolo protagonista di una caccia al serial killer davvero tesa, l’ispirazione per il libro? La lettera mandata alla polizia di San Francisco dal misterioso Zodiac (Hollywood ha fatto un paio di film su di lui) in cui scriveva nel mezzo dei suoi deliri, che l’esorcista era la sua commedia preferita (storia vera). Tutte le volte che ne esco, anche Zodiac fa di tutto per ributtarmi dentro.

Il vecchio Kinderman, che nel film del 1973 era interpretato da Lee J. Cobb, è sulle tracce di un serial killer che uccideva lasciando il marchio dei gemelli sui corpi delle sue vittime, apparentemente morto quindici anni prima sulla sedia elettrica, fino al momento in cui altri cadaveri con le stesse caratteristiche non cominciano a spuntare in tutta Georgetown, perché tanto vale scrivere di quello che si conosce come diceva il saggio, ma anche ambientare le trame in posti a te familiari.

I due Billy, sui gradini di una scala piuttosto famosa (no, non quella di Joker)

Il film però aveva diverse spade di Damocle puntate sulla testa, non solo doveva essere un seguito di quello di William Friedkin, possibilmente in grado di portare a casa lo stesso esorbitante quantitativo di fogli verdi con sopra facce di ex presidenti defunti stampati sopra, ma doveva allo stesso tempo prendere le distanze e far dimenticare agli spettatori l’onta di L’esorcista II - l’eretico, odiato e mal visto da chiunque, insomma un compito che sarebbe stato estremamente complicato per chiunque.

Come si gioca le sue carte Bill Blatty? Con un duro e riuscito lavoro in fase di scrittura, il compositore di fiducia di Blatty, Barry Devorzon accenna la mitica “Tubular Bells” di Mike Oldfield prima di iniziare con una colonna sonora tutta sua, mentre il regista inquadra la lunga scalinata che ha visto la fine di Padre Karras (Jason Miller) che ormai come spettatori conosciamo così bene. Poi per ovvie ragioni (Lee J. Cobb è venuto a mancare nel 1976) il ruolo di William Kinderman viene affidato ad un gigante, George C. Scott per la seconda volta in carriera dopo la sua monumentale prova in Changeling, nobilita un film horror con una prova da attore davanti alla quale, viene voglia di togliersi il cappello e applaudire.

Spider-Non, Spider-Non, non ti vede George C. Scott (quasi.cit.)

Kinderman è ancora amico di Padre Dyer (anche qui cambio di attore, da William O'Malley, si passa all'ottimo Ed Flanders), questa stramba coppia di opposti va ancora al cinema insieme una volta a settimana, anche a vedere per la trentasettesima volta “La vita è meravigliosa” di Frank Capra e i dialoghi? Roba che chiunque voglia fare il dialoghista al cinema, dovrebbe imparare a memoria. I personaggi parlano spesso del niente, ma lo fanno con una naturalezza tale da farli sembrare quasi persone reali. Quando Padre Dyer scherza sulla sua probabile dipendenza dal limone oppure quando Kinderman impiega alcuni minuti, a parlarci della carpa viva che sua suocere tiene nella vasca da bagno di casa sua, ai fini della trama sono dettagli che non aggiungono niente, se non farci patteggiare per dei protagonisti che non sono più giovani e forti, ma anzi sono due persone negli ultimi chilometri delle loro vite, disillusi e con ancora una grande sfida da affrontare. Il fatto che poi siano anche due cinefili aiuta, Padre Dyer si sente rispondere La Mosca, alla domanda fatta ad un altro prete sul suo film preferito, mentre Kinderman nella versione doppiata in Italiano, augura ad un’infermiera che lo sforzo sia con lei, come fai a non voler bene a questi due dai!

La "L" di troppo fa paura, ma l'inchiostro speciale anche di più.

“L’esorcista III” è un film dove a ben guardarlo, non succede poi davvero molto, dove la violenza è quasi tutta fuori scena, raccontata dai protagonisti, in cui i cadaveri crocefissi ritrovati con “Black Face” improvvisate sono descritti più che mostrati, di fatto è chiaro che questo film sia un lavoro firmato da uno scrittore, solo uno molto ma molto bravo, perché il trucco di parlare di personaggi fuori scena prima di mostrargli, ad esempio a Nic Pizzolato nella seconda stagione di True Detective non è riuscito per niente, William Blatty invece lo domina con maestria e anche se in “The Exorcist III” si potrebbe fare l’errore di pensare che sia uno di quei film dove “non succede niente”, è quel tipo di niente che ti tiene in tensione, in cui il maligno si respira ad ogni fotogramma, non come nel film di Friedkin ma quasi.

Quello che colpisce poi di “L’esorcista III” è il suo far scivolare in modo quasi naturale all'interno della storia le imposizioni della produzione, per un film che è del 1990 non sembra nemmeno provenire dal decennio precedente, sarà per il minimalismo, per quella tensione costante sì, ma del tutto priva di budella esposte e vomiti verdi, non sembra nemmeno un film degli anni ’80 ma direttamente uno dei ’70. Pensare che solo un anno dopo ad Hollywood sarebbe arrivato il più famoso film con Serial Killer della storia del cinema, eppure “L’esorcista III” pare suo nonno, nel senso sia positivo che negativo del termine.

"Oh no! Un'altra volta ma perché sempre a me mi tocca!"

In alcune scene “L’esorcista III” è figlio del suo tempo, come nella famigerata scena onirica, con la stazione dei treni angelica, che sembra figlia di una notte di sesso selvaggio tra un film di Ken Russell e uno sketch dei Monty Python, non solo perché tra i cherubini compare il famoso (negli Stati Uniti) modello capellone Fabio, ma anche perché uno degli angeli più alti è il mitico Patrick Ewing, sicuramente lo avete visto perdere il talento in Space Jam, oppure giocare come centro nei New York Knicks della NBA, ma la sua lunga carriera di giocatore sapete dove è iniziata? Nell’università di Georgetown (storia vera).

Il figlio prediletto della “Hoyas Nation”, San Patrick Ewing da Kingston, Giamaica via Georgetown.

A proposito di imposizioni dall'altro, una di questa è stata la presenza nel cast del ripescato Jason Miller, infatti di questo film esisterebbe anche la versione montata da Bill Blatty, in cui il folle Gemini Killer, corpo ospite e tramite del DIMONIO che ci mette ancora una volta lo zampino e la coda, interpretato da un bravissimo e scatenato Brad Dourif, si alterna in un’ideale staffetta con il ben più compassato Jason Miller.

Esorcistiamo? È tanto tempo che non lo facciamo (quasi-cit.)

Nella versione di Blatty, mai uscita su nessun supporto e di cui purtroppo, sono andate perdute intere scene girate, lasciate sul pavimento della sala di montaggio, Brad Dourif si caricava sulle spalle il personaggio. Scelta ideale se ci pensate, un cattivo a tutto tondo in un manicomio, che sembra il punto di equilibrio della carriera del mitico papà di Fiona, uno che ha volato sul nido del cuculo, che ha pugnalato Saruman alle spalle e che per altro, era già stato un Serial Killer in salopette nei film di Chucky, la bambola assassina. A ben guardarlo ben più adatto per questi lungi monologhi sul bene e sul male, rispetto a Jason Miller, attore ben più intimista che però doveva garantire la continuità con il primo film, quindi Blatty ha dovuto trovare il modo di farlo recitare per forza con un trucchetto di trama.

Matti di comprovata qualità: quel gran mito di Brad Dourif.

Si perché le imposizioni della produzione hanno avuto il loro bel peso nella riuscita finale di questo film, per un po’ Blatty ha provato anche a convincere John Carpenter a dirigere questo film, ma quando il Maestro fiutò che il vecchio Bill voleva fare tutto da solo, si rifiutò ma per tutti i dettagli, ho un post intero su questo argomento.

Carpenter tra le altre cose pensava che un film intitolato “L’esorcista III”, senza una scena di esorcismo sarebbe stato una mezza fregatura per il pubblico, infatti l’esorcismo apocalittico da camera chiusa finale, Blatty non lo voleva, quella scena nel libro non è affatto presente, il romanzo termina in modo diverso anche per l’arco narrativo di Gemini Killer, ma il regista e sceneggiatore ha dovuto dirigerla contro voglia. La scena di suo è anche piuttosto evocativa anche se cambia quasi totalmente il tono, aumentando il livello di orrore grafico, in un film che funzionava piuttosto bene grazie a piccoli tocchi horror sparsi qua e là.

Non mi riferisco tanto alla celebre (ma non invecchiata troppo bene) scena della signora ragno, che si fa una camminatina sul soffitto alle spalle di George C. Scott, comunque una delle sequenze più ricordate del film, mi riferisco più che altro al bus in piena faccia (nel senso concepito da Jacques Tourneur del termine) che becca in pieno il pubblico in una scena, LA scena di “The Exorcist III”.

Il mondo si divide in due: chi ha perso un battito su questa scena e chi non ha mai visto questo film.

William Blatty non aveva certo le capacità tecniche e lo stile del suo amico e omonimo autore del primo capitolo, ma bisogna riconoscergli per lo meno di aver avuto abbastanza occhio da sapere dove piazzare la macchina da presa, infatti la scena con l’infermiera nell’ospedale psichiatrico è un po’ come la tortura della goccia, un’inquadratura fissa estenuante, che mette in chiaro quel “non succede niente ma ho strizza lo stesso” che caratterizza tutto il film. Il trucco del ghiaccio del bicchiere è una finta di corpo per cercare di farci abbassare la guardia, prima di colpirci tutti con quello che se fossi in vena di semplificazioni estreme, potrebbe essere uno dei “Salti paura” (anche noti come “Jump scare”) più spaventosi della storia del cinema, responsabile di più di un capello bianco per tanti spettatori.

I difetti certo non mancano, ad esempio il personaggio dell’esperto esorcista tanto decantato, Padre Morning, si riduce a mera macchietta di poco conto, per altro con una curiosità Cassidiana che contribuisce a far diminuire i gradi di separazione tra questo film e il suo predecessore: ad intrepretare Padre Morning è l’attore Nicol Williamson, quello che in uno dei film di John Boorman - si, quello del secondo capitolo - che io preferisco ovvero Excalibur interpretava il ruolo di Merlino, ma che io per anni, guardando quel film, ho sempre creduto essere un giovane Max von Sydow (storia vera di mia confusione mentale). Quindi colgo l’occasione per chiedere ufficialmente scusa a Bill Blatty, per aver fatto a mia volta del “Tutte le volte che ne esco, quelli mi ributtano dentro”.

"Tu non sei Max von Sydow!!" (Cassidy scappa via urlando, chiamate un esorcista)

Ma forse la parte che apprezzo di più di “The Exorcist III” è quella in cui mi riconosco di più, perché malgrado le imposizioni della produzione in contrasto con i desideri di Blatty, alla fine questo film è la storia di un ateo che non solo non crede all’esistenza del Diavolo, ma si trova costretto a combatterlo per un bene più alto, un sacrificio in nome di quello che è buono in questo mondo, quello per cui vale ancora la pena combattere, che poi era la frase tormentone di Morgan Freeman in “Seven” (1995), uno dei più famosi film sui Serial Killer di sempre, che hanno tutti come papà, se non proprio nonno ideale il film di William Blatty. Insomma forse con tutti i distinguo del caso, quella moderata riscoperta e rivalutazione di questo film che da tempo sembra iniziata, non è campata in aria ma anzi, del tutto meritata, anche solo per conoscere meglio un autore come William Blatty che al genere horror ha dato tantissimo.

20 commenti:

  1. Il film con il povero George C. Scott disperato e con il giramento di coglioni,perchè non riesce a farsi un bagno da giorni......."la carpa!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un dialogo basato sul niente, classico caso di tragicommedia da vita in famiglia che se fosse stato tagliato non avrebbe cambiato niente alla storia, ma siccome è nel film, non dico che solo con quello ci affezioniamo al personaggio (la prova magnifica di George C. Scott a recitarlo senza perdere la faccia aiuta molto), però lo rende realistico, più vicino a noi e anche più umano. Solo un grande scrittore che le idee chiare di come funzioni il cinema può mandare a segno un colpo così. Cheers!

      Elimina
  2. Una scena proprio bellina, nella serie c'è un piccolo omaggio se non ricordo male..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parleremo anche di quello e posso dirlo? L'unico momento che ho apprezzato della seconda stagione di quella serie, un tentativo di preparare il terreno per la terza, che non è mai arrivata. Cheers

      Elimina
  3. Mi ritrovo nella parte di mondo di quelli che non hanno visto il film! Onestamente credevo di averlo beccato ai tempi d'oro di Italia1, quando ogni sera c'era da impostare il timer del videoregistratore perché c'erano filmoni e filmini da acchiappare, ma leggendoti proprio non mi sovviene alcuna memoria, né di trama né di personaggi. Dovrei recuperare ma ho un po' paura, che la qualità di questi film mi spaventa molto più di Messer lo Diavolo! :-D
    Sydow nel primo, Burton nel secondo, Scott nel terzo... almeno questi film riuscivano a sfoggiare attoroni da applauso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Friedkin è riuscito a fare uscire l’horror dai parcheggi dei Drive-In, quindi gli attoroni facevano a gara per accettare questo film, anche se forse è cominciata con il Gregory Peck di “Il presagio”, in ogni caso qui è davvero una gara di bravura recitativa ;-) Cheers

      Elimina
  4. Questo è stato una boccata di cinema dopo lo schifo inenarrabile del capitolo 2.
    Film d'atmosfera ben recitato e si lascia guardare.
    Avevo leggiucchiato della costrizione nell'intitolarlo l'Esorcista, e in effetti è proprio l'obbligo di farlo rientrare nella "saga" ad azzoppare una storia che poteva e doveva stare in piedi da sola.
    Certo i lunghi monologhi e una certa lentezza si fanno sentire.
    Però dai, questo potrei anche rivedermelo, il 2 mai più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per assurdo nessuno era disposto a finanziarlo un film con un titolo diverso, il che ha poco senso visto che il romanzo esisteva già e funziona benissimo così, però Blatty ha comunque fatto un lavoro tutto sommato solido. Cheers!

      Elimina
  5. Sembra che Brad Dourif fosse stata la prima scelta di Tim Burton per il ruolo del Joker,e quando me lo immagino penso sempre ad una via di mezzo fra il suo Gemini Killer,mescolato al doppiaggio di Chucky!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà la prima scelta per il Joker di Burton era il "mio" John Lithgow, Brad Dourif avrebbe dovuto essere il dottor Jonathan Crane ovvero lo Spaventapasseri nel terzo Batman Burtoniano mai realizzato, ma reso a fumetto in questi mesi dalla Distinta Concorrenza, con la serie "Batman '89". In ogni caso si è rifatto con Charles Lee Ray, anzi è iniziata da poco la serie tv su "Chucky" targata SyFy e Don Mancini ;-) Cheers

      Elimina
  6. Ma vogliamo parlare del meraviglioso tema musicale presente all'inizio durante i bellissimi titoli di testa? Evocativo ed assurdamente sinistro,un coro d'oltretomba da far gelare il sangue nelle vene,quando si dice creare l'atmosfera!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bello, come compositore questa saga si è sempre difesa alla grande. Cheers

      Elimina
  7. Un pò lo capisco, Blatty.
    Ad un certo punto vorresti anche essere ricordato per altro, visto che hai pure fatto altro. Ma invece ti si continua a ricordare per una cosa soltanto, e il peggio é che la gente da te vuole sempre e solo quello.
    Comunque...molto meglio di quel mezzo pastrocchio che era il secondo.
    E a questo punto mi piacerebbe tanto poter aggiungere che é quasi bello come il primo (e mi pare che Blatty l'abbia pure detto!), ma a malincuore mi tocca ammettere che il capostipite al confronto se la gioca ancora in tutt'altra categoria.
    Però non é male, e si lascia vedere.
    Merito dello stesso Blatty. Che si é sempre portati a pensare che uno scrittore passi alla cinepresa perché così si può fare i film che vuole lui, dei suo libri.
    E' sempre un terno al lotto. Con Barker ha funzionato alla grande, con Re Stephen...meglio che se ne resti a scrivere, senza offesa.
    E invece Blatty dimostra di possedere talenti nascosti, alla regia.
    Questo, a differenza del 2, ha perlomeno le idee chiare. Sa quel che vuole, cosa fare, dove deve andare e infatti và dritto per la sua strada come un fuso. Senza fronzoli.
    Poi c'é George C. Scott, che é un gigante. Attore veterano e caratterista di razza. Che come molti altri suoi illustri e per niente schizzinosi colleghi, si arrangiava a fare qualunque cosa. Bastava pagarlo bene.
    E il risultato ti ripagava di tutta la spesa.
    Lui, Von Sydow, Pleasance, Hauer, Kinski, Englund...c'é in giro una marea di robaccia che alla fine merita di essere vista solo per la loro presenza.
    Poi siamo un pò meno in odore di chiesa, stavolta.
    Non ho nulla, contro. Ma anche io preferisco immedesimarmi in un vecchio, stanco e disilluso ispettore di polizia. Anche se padre Merrin sembrava Indy, e padre Karras...c'aveva i pugni nelle mani.
    Paradossalmente il suo punto debole é proprio quello che in teoria avrebbe dovuto costituire il suo punto di forza. E cioé gli ossessivi rimandi al primo film. Che da stampella per volerlo sorreggere a tutti i costi diventano legacci.
    Li ho sempre trovati forzosi ed appiccicati con lo sputo. Per un film che poteva sorreggersi perfettamente da solo, come il romanzo.
    Sostanzialmente parte come uno spin-off, prendendola alla larghissima. Poi vira in modo magistrale quando il killer inizia a prendersela con chiunque sia stato anche solo marginalmente coinvolto nel famoso esorcismo. Ed inoltre ci informa pure sulla sorte dell'anima del povero padre Karras.
    Ecco,, appunto. L'esorcismo. Ma dovevano per forza mettercelo?
    Chissà, forse a quei tempi il pubblico non aveva familiarità con le opere collaterali. Mica come oggi, che se solo una serie ha successo i fan pretendono spin-off a valanga su ogni personaggio, come minimo!
    Ma siamo sicuri che il famoso jumpscare non l'abbia ideato il maestro John?
    Me lo ricorda tantissimo. E lui é specializzato, in queste cose.
    Visto che l'hanno contattato, mi piace pensare che gliel'abbia suggerito lui.
    A proposito, anche un mio zio aveva il vizio di mettere i pesci che pescava nella vasca da bagno!
    Trote, di solito. Andavi a trovarlo e ti beccavi i pescioni che nuotavano dentro.
    Piccola e macabra curiosità.
    L'unica vittima superstite di Jeffrey Dahmer, il famigerato cannibale di Milwakee, quella che miracolosamente riuscì a fuggire dal suo appartamento prima di fare la fine di tutti gli altri e che chiamò la polizia contribuendo di fatto al suo arresto, testimoniò che Dahmer prima di iniziare a minacciarlo e tentare di ucciderlo aveva messo su un film in tv.
    Indovinate quale?
    E diceva che si era messo pure un paio di lenti a contatto giallognole per somigliare all'indemoniato!
    E' inutile, Blatty. Ti ha tirato dentro pure il mostro di Milwakee.
    E siamo a due. Se tre indizi in genere fanno una prova...alla prossima si può dire che questa é la saga preferita dai maniaci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi che non ho fatto male a citare Silvio Dante? ;-) Cheers

      Elimina
  8. lol, ed io che pensavo che l'unico capitolo aggiuntivo al film originale fosse "L'esorcista - La genesi" (anche lui con una produzione bella tortuosa, praticamente girato due volte)... lo tratterai la prossima settimana?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che programmi hai per giovedì prossimo? ;-) Cheers

      Elimina
  9. Non l'ho visto il film, non volevo commentare ma, hey, anch'io Merlino lo avevo preso per Von Sidow. Non sei solo.
    "Ogni volta che ne esco, mi ributtano dentro"... sarebbe una battuta perfetta per il vecchio Pazuzu.
    Ma col Generale Patton in battuta, per il demone non c'è scampo.
    P.S.: Ma cosa aspettano a inserire nel canone anche "The Exorciccio"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinque altissimo per lo scambio di Merlino, per il canone, magari ci penserà questa Bara ;-) Cheers

      Elimina
  10. Terzo "sulfureo" capitolo in cui Blatty fa la saggia scelta di far intuire molto mostrando poco... e quel poco che decide di mostrare lascia il segno, come appunto succede per LA scena (non te l'aspetti MAI, a prescindere da quante volte tu possa rivedere il film). Pur se in maniera minore, anche la camminata sul soffitto sopra la testa del grande George C. Scott mantiene una sua inquietudine, una sensazione di disagio e di qualcosa di profondamente "sbagliato" ed estraneo (e che deve trovare parecchio divertente affrontare un Kinderman tanto materialista e disilluso, avendo per di più un grande conto in sospeso con Karras)... in tutto questo la spettacolare sequenza esorcistica finale suona come una forzatura (e lo è stata per Blatty, appunto) dei toni bassi tenuti fino a quel momento anche se, visto il risultato complessivo, possiamo chiudere un occhio su tutti quei (ben realizzati) fuochi d'artificio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti lo è, però il film ha così tanto di buono che per assurdo l’esorcismo è quasi una formalità a quel punto, perché Blatty aveva già convinto con questo suo film ;-) Cheers

      Elimina