mercoledì 28 aprile 2021

Star Trek - Generazioni (1994): capitani coraggiosi

Questa lunga maratona dedicata a “Star Trek” mi sta regalando sorprese, questo capitolo per certi versi è quello che mi ha spiazzato più di tutti. Sappiate che si ballerà un po’ e benvenuti, qualunque generazione o preferenza di capitano abbiate.

L’idea di portare l’equipaggio di The Next Generation al cinema, gironzolava nella testa del produttore Rick Berman da diverso tempo, per la precisione dal 1992, più o meno la data di messa in onda della sesta stagione della serie con Picard e compagni, che coincideva anche con il periodo in cui il viaggio al cinema di Kirk, Spock, Bones e tutti gli altri, si era concluso in grande stile.

Il produttor sognava un film, aveva questa visione di una locandina, capitano contro capitano, equipaggio contro equipaggio, Kirk da una parte e Picard dall'altra. Il sogno bagnato di tutti i Trekkie che ormai battibeccavano già da tempo su chi fosse più forte tra Hulk e la Cosa il capitano migliore.

Ogni generazione ha il suo capitano.

L’ingrato compito di buttare giù una storia decente partendo da questo spunto fu affidato a Ronald D. Moore, e Brannon Braga, quest’ultimo con un curriculum infinito di episodi di “Star Trek” sul groppone. Anche se il punto d’arrivo era chiaro, la difficoltà in fase di scrittura era insormontabile, come far scontrare i due equipaggi senza far passare per cattivi una fazione piuttosto che l’altra? Rick Berman sognava un film che facesse da ideale passaggio del testimone, ma di certo non si potevano screditare i personaggi, nessuno vuole trovarsi mille Trekkie inferociti sotto casa la mattina presto no? L’unica soluzione era un momento emotivamente forte, uno stacco netto con il passato: il capitano Kirk doveva morire.

Come ci ha raccontato Lucius con dovizia di dettagli nel suo post, l’ultima parola apparteneva di diritto a William Shatner, tanti progetti per lui dopo “Star Trek”, la serie televisiva pronta ad essere varata “TekWar“, i romanzi con Kirk protagonista su cui Shatner metteva la firma (o solo il nome, ma poco importa), insomma, mani piene per il nostro ex T.J. Hooker, quindi perché no, uccidiamo Kirk e poi oh! La Paramount pagava bene, su questo Shatner è stato molto onesto, poi per uno come Kirk, meglio andarsene con un'ultima grande avventura piuttosto che sparire nel silenzio no? Lo stesso Shatner avrebbe cambiato presto idea.

"Morire sarà una sgradevole grande avventura" (cit.)

Perché il passaggio di testimone fosse davvero sensazionale, bisognava radunare tutta il vecchio equipaggio, ma uno dopo l’altro i vari attori diedero forfait, DeForest Kelley per motivi di salute, George Takei che nella prima bozza avrebbe dovuto essere il guardiamarina della nuova Enterprise, rifiutò perché non poteva accettare un passo indietro nella carriera del suo personaggio, Sulu era diventato capitano della USS Excelsior e questo spiega perché nel film è stato sostituito dalla figlia Demora Sulu (Jacqueline Kim) e da una battuta di Kirk: «Ci sarà sempre un Sulu sulla plancia della Enterprise» che è un po’ quello che pensavano i Led Zeppelin per le due generazioni di Bonham alla batteria.

Anche Leonard Nimoy si è esibito in un pragmatico (e logico) «Grazie, ma no grazie», Spock aveva due righe di dialogo nella prima bozza di sceneggiatura, frasi che avrebbe potuto pronunciare qualunque altro personaggio e nemmeno l’offerta di dirigere un film, per cui Nimoy non aveva scritto nemmeno una battuta, interessava tanto all’attore, ecco perché del cast originale sono rimasti solo l’entusiasta (ma per poco) William Shatner e i figuranti James Doohan e Walter Koenig, di nuovo nei panni di Scotty e Chekov, insomma una piccola rappresentanza, ma a Rick Berman tanto bastava.

La faccia di Chekov parla più di mille parole.

Vado con il ricordo personale, che mi sembra l’attrezzo più adatto per aprire il cofano di questo film e dare un’occhiata a come è fatto dentro. Vi ho già raccontato delle mie vecchie vhs dei film originali, di come abbia passato l’infanzia a guardare gli episodi delle serie di “Star Trek” a spizzichi e bocconi, eppure la pubblicità di “Generazioni” attorno al 1994 era ovunque, passava continuamente in televisione, sembrava il film destinato a cambiare le sorti della cinematografia mondiale, anche se è stato affidato alla regia di David Carson e a ben guardarlo, con il suo taglio così televisivo, sembra solo una lunga puntata di “The Next Generation” con ospiti illustri, della durata di 118 minuti, che per altro, io credo di aver visto per intero una volta sola, proprio in occasione di questa rubrica.

"Escucha, muchacha, io ho bisogno de sapere una sola cosa: donde està Soran..." (quasi-cit. ciao Jenette!)

Badate bene, io parte del film l’avevo già visto, beccato già abbondantemente incominciato in qualche passaggio tv chissà quando, ero rimasto calamitato allo schermo davanti alla scena oggettivamente migliore di tutta la pellicola, ovvero l’incontro tra i due capitani nel tempo sospeso del Nexus, poi però, non chiedetemi perché il film non ho mai finito di vederlo, sono riuscito a guardarlo per intero solo in occasione di questa rubrica e permettetemi la citazione dedicata ai Trekkie: «Ora capisco perché piangete».

“Ti lascio guidare due minuti, guarda che casino!” (Posso dirlo che questa è una bella scena?)

“Generazioni” inizia in scioltezza, con il varo della nuovissima USS Enterprise e Kirk, Scotty e Chekov, come ospiti speciali, una nave che sarà completata per intero martedì, un giorno che non arriverà mai perché con il messaggio di soccorso di un’altra nave in difficoltà, tocca rimettere il tappo alla bottiglia di Champagne e lasciare che Kirk spieghi al nuovo impanicato comandante come agire. Insomma Kirk è sulla plancia della nuova Enterprise da tre secondi ed è già diventato il nuovo capitano, più le cose cambiano più restano le stesse.

Kirk si prende un'altra Enterprise... di nuovo!

Il teletrasporto (su suggerimento ovviamente di Kirk) trae in salvo solo attori famosi:

Whoopi Goldberg nei panni del suo personaggio ricorrente in The Next Generation ovvero Guinan, ma anche il dottor Tolian Soran, che essendo fatto a forma di Malcolm McDowell, non desta alcun sospetto, no no, proprio nessuno. Il tempo per pensare è poco, lo scafo della USS Enterprise è compromesso e solo Kirk può fare qualcosa (tanto per cambiare), anche se è il giorno che tutti i cadetti della Flotta Stellare finiranno per studiare nei libri, quello della scomparsa di Kirk. Scotty e Chekov finiscono per fare da testimoni, anzi Scotty tornerà ospite in una puntata di The Next Generation, generando qualche problema di continuità, imputabile forse agli eventi del Nexus, ma su questa faccenda non provo nemmeno ad entrare nel merito, la trama del film mi sembra pasticciata a basta.

Si era detto divisa delle grandi occasioni, ma non vi sembra di esagerare?

78 anni dopo, il nuovo equipaggio dell’Enterprise è intento a giocare con il ponte ologrammi, bisogna assecondare la fantasia da marinaio di Sua Maestà di Picard (Patrick Stewart), quindi in uniformi ottocentesche si celebra la nomina a tenente comandante di Worf (Michael Dorn) mentre Data passerà il film a cercare di capire l’umanità attraverso l’umorismo, con un chip emozionale installano, l’androide fatto a forma di Paolo Bonolis Brent Spiner diventerà il vostro collega di lavoro, quello che fa battute cretine che fanno ridere solo lui, dalla mattina fino alla sera. Improvvisamente la morte di Scotty e Chekov mi pare meno ingiusta.

“… tu non vieni qui per cacciare vero? AHAHA! L’hai capita? Quanto sono simpatico!”

Ma devo essere onesto, non so se trovo più urticante Data in versione “Cristo compagnone” (cit.) oppure Jean-Luc “Mario Merola” Picard che a differenza della serie, dove è sempre composto, risoluto e tosto, qui si scioglie in calde lacrime, sente la mancanza della famiglia e ammorba tutti con i fantasmi dei Natali passati. Io capisco l’idea di far incontrare due capitani, che per la divisa e per fare la differenza e il bene nella Flotta Stellare, hanno sacrificato la famiglia e gli affetti, ma le tracce del pennarellone a punta grossa con cui tutto questo è stato scritto, fanno male agli occhi, o per lo meno stridono al passaggio sul foglio.

"La tua violenza in Arancia Meccanica noi Klingon lo chiamiamo rituale di accoppiamento"

Quel gran figlio di Soran di Soran, ha un piano machiavellico di vendetta, in cui le due Klingon femmina, protagoniste di una serie di puntate di The Next Generation, qui tornano buone più come spalle comiche che come vere e minacciose alleate. Anche perché tutto ruota intorno alla supercazzola necessaria ad azzerare i 78 anni di distanza tra i due capitani, pur evitare il banalissimo viaggio nel tempo, gli sceneggiatura tirano su la complicata vendetta di Soran, la cui famiglia è stata uccisa dai Borg, quindi ha passato la vita a creare il Nexus, una specie di bolla felice spazio temporale, in cui puoi rivivere i momenti migliori della tua vita ma per essere generata nuovamente bisogna spostare l’asse di un pianeta sulla sua rotta, trovare il punto in cui il gomito fa contatto con il piede della Tarapia tapioco, come se fosse antani. Tutto chiaro no? Insomma bisogna mettere i due capitani coraggiosi (ma con il magone) insieme nello stesso tempo, alle prese con una minacciona grossa in grado di spaccare in due la galassia.

"Conte Mascetti tutto questo è per te!"

Ecco perché inizia tutta la parte del visore di Geordi La Forge “hackerato” nemmeno fosse lo spazio cloud di Diletta Leotta e il mistero sull'identità del cattivissimo Malcolm McDowell (lui nel ruolo del cattivo, lo avreste mai detto?) risolto prima facendo una ricerca sul computer che in 78 anni nessuno aveva mai pensato di fare o ancora meglio, chiedendo all'unica persona presente ovvero Guinan, che non ha detto nulla a nessuno, perché chi si fa i cazzi suoi campa cent'anni. Antico proverbio di El-Auria.

Sette stagioni e non me lo avete mai chiesto”

Insomma sto sparando un po’ di caSSate (è la mia natura, sono un burlone come Q), però tutta questa roba io non l’avevo mai vista prima e forse, grazie a quell'estemporaneo passaggio televisivo del film, l’universo mi stava parlando mandando messaggi chiarissimi. Perché malgrado la fotografia “smarmellata” e il taglio televisivo, l’incontro tra i due capitani è davvero l’unico momento che ho gradito di “Star Trek: Generations”.

Nel Nexus, Kirk è ancora vivo, spacca la legna come Arnold in Commando, sta tentando di bruciare le uova da portare come colazione a letto alla sua amata Antonia, che dorme al piano di sopra e ha anche un alano gigante come cagnone di casa. Dopo una vita passata ad invocare Khan, a limonare belle aliene, ad evitare colpi di Phaser e lanciare siluri, insomma, dopo aver corso tanto Kirk ha trovato la pace, così tanta che nemmeno si stupisce di vedere un altro capitano in divisa, nella cucina di casa sua.

L’unica parte del film che ricordavo, l’unica che ancora merita.

Kirk combatteva per la galassia quando il nonno di Picard era ancora in fasce, la galassia è in debito con lui e per quanto farlocco il Nexus è la meritata pace che l’ex capitano cercava, non ne vuole sapere di ‘sto pelato che gli dice che devono fermare Alex di “Arancia Meccanica”, ed è qui che “Generazioni” manda a segno il suo colpo migliore, la scena che veniva ripetuta costantemente nelle martellanti pubblicità televisive del film. Kirk fa spallucce, di puro carisma William Shatner si gioca frasi che lo rendono indistinguibile dal suo personaggio: «Lei dice che la storia mi considera morto? Chi sono io per contraddire la storia?», la risposta può arrivare solo da Picard ed è in linea con l’uomo tutto d’un pezzo, attaccatissimo alla divisa che è sempre stato, «È un ufficiale della Flotta Stellare, ha un dovere da compiere!». Oh io ve lo dico, a me questo scambio ha sempre strappato un brivido, il film non sarà quello che ha fatto la storia della cinematografia mondiale ma è l’unico momento in “Generazioni”, in cui la trama non sembra pensata per adempiere a dei compiti stuadiati a tavolino dal produttore (come passaggi di testimone o morti illustri), ma in cui i personaggi sembrano “parlare” come farebbero nel loro stile, per come li abbiamo conosciuti in tante avventure durante le rispettive serie tv. Ecco perché il finale vive dello slancio di questo dialogo, anche se risulta veramente una cosina da poco, mi dispiace ammetterlo.

“Tu hai capito come si sollevano gli scudi su questi affari?”

Ironia della sorte, quando William Shatner ha capito che stava per uccidere per sempre il personaggio che lo ha reso famoso (anche se T.J. Hooker secondo me…) ha avuto vari ripensamenti, la prima morte di Kirk, ingloriosamente colpito alle spalle da un laser da quel figlio di Soran di Soran ha provocato urla e strepiti durante le proiezioni di prova, quindi tutti gli attori sono stati richiamati di corsa del deserto, per girare un secondo finale, una seconda morte per Kirk, con Patrick Stewart costretto ad indossare una calotta di gomma per simulare la pelata, perché nel frattempo si stava facendo crescere i capelli (per quanto possibile...) per esigenze di copione dovute al nuovo lavoro che aveva accettato (Storia vera).

Quanto deve essere stata dura per William Shatner dover partecipare al funerale del suo personaggio due volte? Molto più che per noi guardare tre anzianotti correre su una passerella, con Picard che finisce incastrato tra le rocce quando poteva tranquillamente evitarle, in un finale che è solo l’ennesimo espediente per svolgere il compitino, prima bisognava far incontrare i due capitani e poi uno dei due doveva morire, per fare largo alla nuova generazione, che al cinema ci sarebbe potuto andare benissimo, anche senza questo inutile sacrificio. Ma questo è il mio modesto parere, chi sono io per contraddire la storia?

"Adesso non posso nè scendere nè salire, nè scendere e nè salire, rimango qua!" (Cit.)

Il finale di “Generazioni” mi ha messo addosso solo tanta malinconia, ma non come sperava di ottenere Rick Berman, più che altro per la “morte iniqua” citando una frase doppiata di un film che mi piace tanto. Kirk non meritava di finire così, anzi non serviva proprio ucciderlo per portare Picard e compagni al cinema. Non so dire se questo film sia piaciuto ai Trekkie, magari gli stessi che hanno criticato tanto L’ultima frontiera, eppure in quel film così bistrattato (e guarda caso, proprio diretto da William Shatner), Kirk ci aveva già salutati nel modo migliore, attorno al fuoco con gli amici di sempre, confessando a Bones e Spock che lui sapeva che con loro nei paraggi, non sarebbe mai morto, infatti qui, senza gli amici di sempre al suo fianco, il primo capitano (scusa Pike!) è stato sacrificato per esigenze di spettacolo, anche se per me, e per i romanzi con Kirk protagonista firmati da Shatner, il capitano è ancora in giro, ad affrontare spavaldamente lo spazio, e perché no a limonare qualche bella aliena.

No, non ve la metto l’immagine strappalacrime di Kirk, uso la mia Bara come il Nexus e vi riporto ai tempi del Kirk più spavaldo di sempre.

Insomma, ho sbrigato anche questa formalità, ora potrò tranquillamente tornare a ricordarmi solo dell’unica scena ben fatta di questo film, voluto da un produttore completista e reso possibile da un attore che non aveva ben chiaro in quel momento la portata dell’icona rappresentata da James T. Kirk. Per fortuna ci avrebbero pensato i Trekkie in anni ed anni di convention a ricordarglielo.

Prossima fermata? Questo viaggio sulla rotta di “Star Trek” ha ancora molti anni luce da coprire, non mancate! Ma intanto passate a trovare il mio compagno di viaggio SamSimon anche lui alle prese con i due capitani.

36 commenti:

  1. In effetti non serviva uccidere Kirk, hai proprio ragione!

    Non un gran film, e stupenda la tua battuta su Gainan che non dice niente per campare cent'anni, e ci riesce pure, va oltre i cento! X--D

    Purtroppo per accomodare l'idea di unire Kirk e Picard la trama è effettivamente un'enorme supercazzola che puzza di TV da lontano... Però per me che amo le serie TV di Star Trek non è necessariamente un difetto enorme! Poi nel finale secondo me il film sbraca irrimediabilmente.

    E nonostante questo, è un piacere continuare il viaggio tra le stelle con te! :--)

    (comunque Chekov e Scotty non sono mica morti, anzi, il primo riappare in uno splendido episodio di TNG!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so è mi ha fatto molto piacere rivederlo, davvero una sorpresa ritrovarlo in TNG ma sulla base del film, fanno la fine dei danni collaterali. MI è sembrata una storia con una lista di punti aperti da sbrigare, tutti risolti in maniera piuttosto frettoloso, in cui la morte di Kirk è quello più sanguinoso (in tutti i sensi): Picard e compagni non potevano semplicemente salpare per il grande schermo come avrebbero poi fatto con il loro prossimo film? Anzi per quello ci parliamo, per continuare insieme questo viaggio spaziale ;-) Cheers!

      Elimina
    2. Hai ragionissima, un pratica Scotty e Chekov fanno da comparse. Ma Doohan e Koenig credo non abbiano mai rifiutato un'offerta di lavoro nella loro vita, al contrario di Takei e Nimoy!

      By the way, buffo che citi i Led Zeppelin, sto preparando un post su di loro... :--D

      Elimina
    3. Nimoy forse se lo poteva anche un po' permettere, Takei invece è sempre stato molto selettivo e ha avuto a cuore l'evoluzione del suo personaggio. Bene non vedo l'ora di leggerlo ;-) Cheers!

      Elimina
    4. In che senso "fanno la fine dei danni collaterali"? Vengono inquadrati per l'ultima volta mentre guardano la voragine che si è aperta sullo scafo e che, secondo loro, ha portato alla morte di Kirk. Ma tra loro e il vuoto c'è una barriera, è chiarissimo che rimangano vivi.

      Piuttosto l'errore sta nella continuity tra Generazioni e TNG: se Scotty ha visto Kirk morire, perché quando viene recuperato dall'Enterprise di TNG la prima cosa che chiede è "E' stato Kirk a mandarvi"? Pure io, che non sono un fanatico, all'epoca mi accorsi dello sbaglio.

      Elimina
    5. Esatto, ho corretto la frase grazie per l’appunto, sono piuttosto sicuro che sia stato tutto imputato all'onda lunga del Nexus, ma dal mio punto di vista è tempo sprecato, questo film ha una lista di compiti da svolgere e lo fa nel modo più frettoloso possibile. Cheers!

      Elimina
  2. Vado un pò controcorrente e nonostante i difetti devo dire che questo film mi è piaciuto parecchio. Sarà che l'incontro tra i due capitani era una cosa che tutti noi appassionati (senza essere estremisti) speravamo da tanto, soprattutto per mettere a confronto le diverse attitudini dei due, sarà per l'hype esagerata che confermo a piene mani, visto che ricordo bene quel periodo e il martellamento incessante che veniva fatto su questa pellicola, sarà che il passaggio di testimone era ormai consolidato e serviva solo una ufficializzazione... Insomma tante buone ragioni, compresa la presenza del grande Malcom McD, me l'hanno sempre fatto piacere, per quanto Picard faccia un pò la figura da "pirla" in confronto a Kirk... Che poi, cosa strana, sembra più giovane Kirk di Picard, nonostante la differenza di età... Sarà per i capelli!! Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi è mancato è stata proprio la differenza di approcci dei due capitani, perché la trama del film si impegna molto per mostrarceli entrambi in carenza di famiglia, quindi quel motivo di interesse barcolla un po’ almeno dal mio punto di vista. Per fortuna non sono il solo a ricordare la campagna di martellamento mediatico ;-) Cheers

      Elimina
    2. Sì, hai ragione, alla fine hanno ridotto Kirk a un vecchio pantofolaio, sembra anche che abbia messo la testa a posto dopo il suo passato da "trivellone". Per fortuna si riprende alla fine, ma effettivamente potevano evitarne la morte. Comunque resta uno dei miei film preferiti, che ci posso fare, la malinconia che lo pervade mi è congeniale!

      Elimina
    3. Non lo so, l’emozione che riscontro di più è una vaga esaltazione dell’incontro tra i due capitani, ma si smonta abbastanza presto devo ammetterlo. Cheers

      Elimina
  3. Hai azzeccato tutto, questo film risulta uno dei più deboli della saga proprio per quest'aria da compitino fatto giusto per accontentare la produzione. Concordo con te anche quando dici che per te (noi) il capitano è ben vivo, resuscitato dai borg e intento a spaccare culi in giro per la galassia! Non mi sembra che limoni molte aliene, però, nei romanzi, era innamoratissimo della moglie mezza romulana e mezza klingon...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio molto, perché di fatto è un film che ho visto per la prima volta per intero per scrivere questo post, quindi mi sono dovuto affidare alla prima impressione, evidentemente sono in sintonia con i Trekkie, ho intercettato le vostre frequenze ;-) Cheers

      Elimina
  4. Fondamentalmente questo film effettua un passaggio di consegne inutile: l'intera serie TNG si era già svolta, con tanto di comparsate di McCoy, Spock, Sarek e - soprattutto - Scotty, e nel frattempo al cinema continuavano le avventure dell'equipaggio TOS con un finale dignitoso dopo aver affrontato V'ger, Khan e abbozzato le basi per il trattato di pace coi Klingon.
    Cioè, davvero, che bisogno c'era?
    Personalmente ho trovato più bello, più fanservice Scotty ai tempi di TNG dell'incontro fra i due capitani, che più ci penso e più trovo forzato.
    "Generazioni" ha anche rovinato un po' il personaggio di Data, che arriva al termine della sua ricerca di umanità ma ne fa un uso che appunto lo rende una macchietta di Paolo Bonolis, con qualche cromosoma di Luca Laurenti per giunta!
    Vero che sembra una puntata lunga della serie TNG piuttosto che un film, e a tal proposito ho preferito di gran lunga "Ieri, oggi, domani", la puntata doppia che chiude la suddetta serie, a questo film, a questa storia dove, peraltro, fanno uscire di scena la gloriosa Enterprise-D, una delle astronavi dei miei sogni assieme all'Alkadia di Harlock, in un modo stupido, disonorevole, che nulla ha a che vedere col sacrificio fatto da Kirk in "Alla ricerca di Spock"!
    Mi ha messo sostanzialmente malinconia vedere Kirk nel Nexus, capitano (non ammiraglio, eh?) a riposo, mentre ho trovato molto più suggestive le visioni avute da Picard, che hanno messo a dura prova il suo carattere.

    In pratica un passaggio di consegne avrebbe avuto senso se questo film fosse stato un prequel a TNG, non un epilogo!

    PS: ignoravo la seconda morte di Kirk con nuova convocazione di Stewart per girare la scena daccapo.

    PPS: il capitano Harriman, assieme a Uhura e Chekov, li ritrovi nella miniserie "Of Gods and Men", gioiellino di fantascienza che tra le altre cose offre Chase Masterson (Leeta di DS9) in costumi orioniani😍, il ritorno di Charlie X (che affronta l'esper Gary Mitchell!), del Guardiano dell'Eternità, ecc...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le storie di produzione mi piacciono, dovrebbe essersi notato, perché alcune aiutano a decriptare il film stesso. “Generazioni” era in programma per essere l’esodio di Picard e soci al cinema, due anni prima della fine di TNG e si vede, allora forse avrebbe avuto un minimo di logica, ma dopo? Era ormai l’idea di un produttore che aveva voglia di far incontrare e scontare i due capitani. Cheers!

      Elimina
  5. Come sai non amo questo film ed evito di commentarlo, ma mi sono divertito a leggerti: in effetti su Klingon il film "Arancia meccanica" è considerato porno :-D
    La morte filmica di Kirk non l'ho mai digerita, ma per fortuna il capitano (perché c'è solo un capitano!) è ancora lì a ricevere denunce di molestie dalle aliene di tutta la galassia: in effetti oggi un personaggio come Kirk sarebbe vietato in TV! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Educazione Klingoniana ;-) Oggi si è vero, infatti me ne sto rendendo conto anche dalla piega dei personaggi delle serie di "Star Trek" moderne che sto esplorando in questi giorni. Cheers!

      Elimina
  6. Io ho sempre sperato in un ritorno del Nexus, visto che è una stringa che è in giro per la Galassia (almeno io ho capito così) Comunque ai tempi dei film di JJ si diceva sempre che sarebbe tornato anche Shatner in qualche maniera ma non è mai avvenuto, purtroppo, ed è un vero peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il maledetto GIEI GIEI come suo solito ha detto tutto e il contrario di tutto, ma arriveremo anche a quello strato geologico di film ;-) Cheers

      Elimina
  7. Mah, forse inutile no.
    Anche se e' pur vero che Kirk aveva gia' messo la parola FINE la volta scorsa, e per me tanto bastava.
    Non va dimenticato che poi, volendo, un modo per far tornare in gioco un personaggio estinto lo si trova sempre.
    A costo di sacrificare la coerenza, pure.
    L'incontro tra gli esponenti di due diverse generazioni con ovvio passaggio di testimone , in una saga come questa, era un tappa pressoche' obbligata ed insieme un'occasione fin troppo ghiotta. E irrinunciabile.
    Come fai a farne a meno, almeno finche' hai Shatner ancora in forze?
    Era inevitabile. Pure scontato.
    Ecco, forse avrei evitato di sottolinearlo ogni due per tre, visto che l'aria che tira e' che proprio non potessero fare a meno di farlo.
    Sulla carta l'idea era anche buona, ma tra dire e il fare...c'e' di mezzo il Nexus, appunto.
    La sensazione e' che potessero farne proprio a meno. Ma visto che era probabilmente cosi'...provare a fare qualcosa di piu' semplice e magari sensato, senza troppe bardature e forzature?
    Va beh. Perplessita' a parte...morte di Kirk, FATTO.
    E dopo aver messo la spunta, si puo' proseguire.
    Ora che ci penso...il Nexus sia come termine che come ambientazione torna spesso.
    Mi ricordo una roba simile anche in Demon's Souls, dove di fatto era il limbo dove tornavi ogni volta che venivi ucciso, dato che impediva alla tua anima di dissolversi dopo la morte.

    RispondiElimina
  8. Scusate...NON potessero farne a meno.
    Dannata tastiera...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No problem si era capito ;-) Cheers

      Elimina
    2. Penso che il passaggio fosse già largamente avvenuto, senza bisogno di metterlo in chiaro, ma la fantasia di un produttore (e un attore connivente per esigenze varie) lo ha reso possibile. Cheers

      Elimina
  9. Non credo di averlo mai visto ma ricordo perfettamente la fotta in quei lontanissimi anni '90. Il mondo (fan o non fan di Star Trek) era in fermento per questo incontro impossibile tra i due capitani.
    Non c'era pagina di giornale che non citasse l'evento del secolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo almeno in tre a ricordarlo allora, la memoria ancora mi assiste ;-) Cheers

      Elimina
    2. Visto che ho vissuto l'evento direttamente in sala nel lontano 1995, diciamo pure che siamo in QUATTRO a ricordarlo ;-)
      L'entusiasmo effettivamente era alle stelle, e non ci chiedevamo se quello fosse o meno il modo giusto di portare su grande schermo il passaggio di testimone fra le due generazioni: dopo aver riempito i palinsesti tv per mesi e mesi (mai successo prima) TNG finalmente approdava al cinema e tanto bastava. Certo, tanto bastava anche perché alla fine, oltre ad essere visivamente uno spettacolo coi fiocchi, era tutt'altro che un brutto film di Star Trek compresa quell'idea del Nexus che, al di là delle apparenze -pur se fatte di materia ed esseri viventi creati alla bisogna- finiva per essere più una prigione che non un paradiso, una droga che ti dà quello che credi di volere ma non quello di cui hai bisogno, com'erano arrivati a capire Jim e Jean-Luc e pure lo stesso non ne sarebbero usciti, non senza un aiuto (tra l'altro, mi affascinava l'idea di un qualcosa di così potente da trattenere un'eco cosciente di qualcuno che ne fosse stato portato via a forza, come Guinan)...
      Rimane un peccato, comunque, che Jeri Taylor non ne abbia voluto sapere di integrare nel film tutto quel girato che avrebbe contribuito a presentare meglio i personaggi -alieni e terrestri- e a rendere non pochi passaggi più coerenti, fluidi ed estesi tipo quello riguardante l'emotività di Data che, nel momento di sovraccarico e fusione del chip, arrivava a un passo dal farlo rischiare di uccidere l'amico Geordi, a sua volta protagonista di una scena di "tortura" da parte di Soran a bordo dello sparviero Klingon poi tagliata nel montaggio finale, rendendo tra l'altro incomprensibile la successiva risposta di Soran alle sorelle Duras. Per non parlare poi della scena di paracadutismo orbitale che vedeva Kirk impegnato a lanciarsi mentre Scotty e Chekov lo aspettavano a terra: il tutto avrebbe dovuto precedere il varo dell'Enterprise NCC-1701 B... il risultato sarebbe stato un "Generazioni" della durata di ben tre ore (e, come già ho detto di là da Sam, molto difficilmente la vedremo mai una versione estesa di questo tipo).

      Elimina
    3. #RestoreTheGenerationsCut... Ehm no, chiedo scusa mi sono fatto prendere da un giovanilismo ;-) Il film ha dei difetti a livello di trama e logica (ciao Spock) molto visibili, eppure era davvero un momento di fermento nell'aria, anche perché "Star Wars" non era ancora per tutti come ora, anzi ancora non era chiamato così da chiunque. Cheers!

      Elimina
  10. Non considero molto questi film, mi sembrano un po' inutili.
    Interessante quanto abbia pesato l'ego degli attori sulla scelta di partecipare o meno.
    Koenig è un bravo attore, poteva essere sfruttato meglio, mi piacque molto il suo personaggio in "Babylon 5" (è praticamente quasi la sola cosa che mi sia piaciuta di quello show).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, prossimamente dovrò dare una possibilità anche alla serie creata dal vecchio "Stracchino". Cheers!

      Elimina
  11. Anche se Shatnerone ha la sua bella età, speravo anche in un incontro col suo doppio dell'Altro Universo. Lì Nimoy ha detto sì grazie, invece :) Mi ricordo la grande pubblicità di allora... forse perché l'altra saga per eccellenza, Star Wars, doveva ancora tornare e allora si è ripiegato su questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era ancora il periodo in cui nessuno la chiamava "Star Wars", dal 1999 sarebbe cambiato tutto. Cheers!

      Elimina
  12. Per me il peggio del peggio dei film di ST, persino Insurrection era più dignitoso (e stiamo parlando di una puntata brutta con più budget)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero un compitino eseguito così così, ci ho visto più difetti che pregi. Cheers

      Elimina
  13. Io Conservo un ricordo migliore di quello che emerge leggendoti. Sai che ti dico, mi tengo il ricordo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è meglio, o per lo meno potresti riguardare solo la cena dei due capitani ;-) Cheers

      Elimina
  14. Chissà cosa ha provato Shatner nel vedere il personaggio con cui è stato tanto amato morire definitivamente (secondo me in parte è come annullare una parte del proprio io). Che poi diciamo la verità uno come Kirk non morirà mai, come dici tu continuerà a girare la galassia con i suoi compari alla ricerca di nuove avventure e quella è solo una finta (con il plus di poter "consolare" le sue vedove aliene).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni personaggi non possono morire perché appartengono a tutti, se non proprio alle stelle e per Kirk, mi sembra il caso di dirlo ;-) Cheers

      Elimina