venerdì 8 gennaio 2021

Doringo! (1965): arriva la cavalleria (ma senza Peckinpah alla guida)

Cosa mancava a questa rubrica? Facile un capitolo a sorpresa, oggi facciamo un piccolo saltino indietro nel tempo per il nuovo capitolo speciale della rubrica... Sam day Bloody Sam day!

Il 4 dicembre 2020, la 7Gold (tra una pubblicità e l’altra) ha trasmesso "Doringo!" (1965) alle 23.15, non me ne sarei nemmeno accorto se non fosse stato per l’occhio attendo di Lucius che era pronto a colpire come un cecchino, quindi ringraziate lui per questo capitolo speciale della rubrica.

Per parlare di “Doringo!” dobbiamo tornare al periodo in cui Sam Peckinpah era stato relegato in panchina, dopo il disastro di Sierra Charriba, in un microscopico ufficio pieno di volumi dedicati alla rivoluzione messicani (da cui Bloody Sam avrebbe tratto un’altra sua sceneggiatura, “Viva! Viva Villa!” del 1968), il regista di Fresno mastica bile sperando di trovare il modo di tornare a dirigere per il cinema, quindi ogni occasione per lavorare era valida, anche quando arrivava da una vecchia conoscenza.

Il regista Arnold Laven in carriera ha prodotto e diretto molti film Western, lavorando tanto anche per il piccolo schermo, in carriera è arrivato a dirigere episodi per telefilm come “La famiglia Bradford”, “Ralph supermaxi eroe” e “A-Team”, ma in precedenza aveva fornito idee per la serie tv “The Rifleman”. Proprio Laven aveva suggerito lo spunto di base per la storia, una relazione tra padre e figlio da far interpretare all'attore e giocatore di baseball Chuck Connors nel ruolo principale. Tra i giovani e talentuosi sceneggiatori che hanno reso “The Rifleman” un successo, proprio il nostro Sam Peckinpah.

I gloriosi titoli di testa del film.

Il piano originale di Laven era quello di produrre un film ispirato alle gesta del generale George Armstrong Custer e sul suo 7° cavalleggeri, ma quando arrivò la notizia che la 20th Century Fox aveva un progetto simile in cantiere, nessuno se la sentì davvero di sfidare la grande casa di produzione, quindi la bozza intitolata “Custer's Last Stand” venne accantonata, in favore di un adattamento del romanzo “The Dice of God” (1956) di Hoffman Birney adattato per il grande schermo dal nostro Bloody Sam. Peckinpah che aveva già affrontato la vita dei soldati nel suo Sierra Charriba, per un breve momento venne preso in considerazione per la regia, almeno fino a quando qualcuno si ricordò del buco nell’acqua che era stato il suo film al botteghino, quindi il nostro Sam a denti stretti, si limitò a firmare la sceneggiatura portata sullo schermo dallo stesso Laven, un film che tuttavia rischiò comunque di non vedere la luce lo stesso.

Il considerevole contributo del nostro alla causa.

Si perché il plico di fogli intitolato “The Glory Guys” era sulla scrivania di casa di Peckinpah, quando la sua villa tra le colline di Santa Monica venne minacciata da uno dei terribili incendi che ancora oggi affliggo quella zona della California, vi ho già raccontato questa storia, che per altro portò ad un notevole strappo tra Peckinpah e sua figlia Sharon: nel cuore della notte Bloody Sam caricò in auto moglie figli e i due cani di famiglia, Simbo e Rita, ma invece di scappare a gambe levate, tornò indietro, per salvare i gattini appena nati che stavano nel capanno, come gli urlò disperata sua figlia Sharon? Assolutamente no, Peckinpah tornò con le sue sceneggiature, ma senza nemmeno l’ombra di un micetto (storia vera).

"Gli hai presi i gattini?", "Ma non dovevi salvarli tu?"

Forse “The Glory Guys” non valeva un tale trauma alla povera Sharon, ma resta un film Western molto classico (tanto che a metà film non manca un momento tradizionale: la rissa nel saloon), in cui è impossibile non notare quando per Sam Peckinpah, Sierra Charriba fosse ancora una ferita aperta. Perché per certi versi “Doringo!” - il titolo Italiano presta più attenzione al nome del fiume dove si svolge la battaglia finale - sembra un “Major Dundee” in misura minore, ma senza il genio di Peckinpah alla regia, che per altro ha sempre sostenuto che la sua sceneggiatura sia stata rovinata da una selezione di attori completamente sbagliata per i ruoli principali, guardando il film è difficile non dargli ragione.

Lungo il fiume Doringo è in atto una rivolta indiana, per contrastarla il governo degli Stati Uniti affida al generale Hoffman il compito di trattare per la pace sedarla. La trama ruota intorno alla guida Sol Rogers (Harve Presnell) e al capitano Harrod (Tom Tryon), due vecchi amici d’infanzia che nella vita hanno intrapreso strade diverse e che qui si troveranno nuovamente a battagliare con i nativi, ma anche per le attenzioni di una bella rossa, Lou Woddard (Senta Berger) che porterà un altro po’ di pepe tra i due, il tutto mentre Harrod dovrà trovare il modo di far sembrare dei veri soldati, la banda di gatti senza collare che si ritrova tra le file dei suoi uomini.

Il Triello no (non l'avevo considerato)

Lo spunto di partenza quindi, è quasi lo stesso di "Sierra Charriba", un ufficiale con il compito di far filare la più disparata banda di disperati, per affrontare un’inferocita orda di indiani, che qui restano ancora una volta sullo sfondo, un po’ perché Peckinpah è sempre stato più interessato a raccontare la vita degli uomini (bianchi) della frontiera, ma anche perché come detto, “Doringo!” è un Western estremamente classico, antecedente all’epoca del revisionismo storico in favore dei nativi.

Quello che colpisce del film è proprio la selezione di attori, per questo sostengo che Peckinpah se pur costantemente sbronzo e riottoso di carattere, non avesse tutti i torti. “Doringo!” sfoggia attori più carismatici nei ruoli di contorno piuttosto che in quelli principali, ad esempio la spalla di Harrod è il sergente James Gregory, interpretato dal leggendario Slim Pickens.

"Non sei ancora una superstar James, ti tocca la gavetta, come ho fatto io"

Mentre tra i disadattati che Harrod ha il compito di trasformare in soldati, quello che spicca più di tutti è la faccia da schiaffi di Anthony Dugan, interpretato da un giovane ed ancora sconosciuto James Caan, che ironicamente avrebbe incrociato ancora il cammino di Sam Peckinpah in un momento molto diverso delle rispettive carriere, collaborando per Killer Elite.

“Doringo!” ha dei momenti molto riusciti, come ad esempio il finto attacco indiano, organizzato da Harrod con la collaborazione di Sol Rogers, un modo per cercare di mettere alla prova lo stato di (in)preparazione dei suoi novelli soldati, ma è innegabile che a parità di sceneggiature scritte dallo stesso Peckinpah, la diligente regia di Arnold Laven non possa proprio tenere il passo con quella di Bloody Sam, quindi anche massacrato al montaggio e frutto di una battaglia con la produzione, "Sierra Charriba" risulta un film molto superiore a questo, ennesima conferma del fatto che la regia di Peckinpah poteva far fare il salto di qualità a quasi qualunque storia e che “Major Dundee”, resta il grande capolavoro mancato della carriera di Bloody Sam, quello che però ha reso possibile la genesi di altre pietre miliari della sua filmografia.

La lunga marcia verso i futuri capolavori del cinema.

Non bisogna sforzarsi nemmeno più di tanto per notare che anche in “The Glory Guys” alcune delle tematiche care a Peckinpah sono presenti, le donne sono bellezze da conquistare, una mentalità figlia del suo tempo che è valsa a Bloody Sam costanti accuse di maschilismo, ma poiché il suo cinema “da uomini” proprio di questo parla, anche in “Doringo!” il tema del tradimento tra amici è sempre presente anche se meno accentuato del solito. Harrod e Sol Rogers ci metteranno tutto il film per dirimere i loro trascorsi, il loro scontro sarà meno marcato di quanto visto in Sfida nell'alta sierra, ma è innegabile che un autore, così ossessivo nel cercare la fedeltà nei suoi fidati collaboratori (quelli che lui chiamava in maniera auto celebrativa il suo “mucchio selvaggio”) abbia affrontato il tema anche al cinema, perché pochi registi più di Peckinpah hanno utilizzato la loro arte per affrontare i traumi della propria vita, sarà sicuramente stato un uomo tormentato e per certi versi anche criticabile (citofonare alla figlia Sharon e alle tante donne della sua vita per conferma), ma come autore era uno pronto a gettarsi nelle fiamme (letteralmente!) per la sua arte.

"Mirate bene e sparate poco!"

“Doringo!” resta sicuramente un episodio molto riuscito ma minore nella filmografia di Peckinpah, una storia che funziona con un finale dove l’azione e gli scontri non mancano, un Western come detto molto classico che se avesse potuto avvalersi anche della regia di Bloody Sam, sarebbe stato ancora migliore, ma così risulta più che godibile ed estremamente riuscito, condito anche dalle efficaci musiche di Riz Ortolani.

Anche se per assurdo è più facile trovare informazioni anche sull’altra sua sceneggiatura, sfornata più o meno nello stesso lungo periodo passato in “panchina” dalla regia, forse perché per “Viva! Viva Villa!” ci sono stati dei dissidi con il protagonista Yul Brynner e quando si tratta di Peckinpah, a fare notizia sono sempre state le vicissitudini travagliate della sua carriera e della sua vita, ma guardando “The Glory Guys” è quasi doloroso pensare a Peckinpah, impegnato a scrivere una versione più ripulita del suo Sierra Charriba, nel tentativo di trovare nuovamente il modo per tornare dove era destinato a stare, dietro la macchina da presa, in sala di montaggio, insomma a capo di una produzione cinematografica. Quell’occasione sarebbe arrivata poco dopo grazie a “Noon Wine” (1966) ma questa è un’altra storia.

Questo è tutto per il capitolo a sorpresa della rubrica, venerdì prossimo ritorno al futuro (passato), per la precisione all'anno 1978, e ci andremo tutti insieme, magari formando un bel… Convoglio. Non mancate!

8 commenti:

  1. Ammazza che occhio che c'ha Lucius!
    Già i primi capitoli di Sam per me sono un semi-buco nero, qua andiamo proprio in territori totalmente inesplorati e che sono pure molto lontani dai miei gusti.

    Adesso torno al post di ieri e vedo se riesci ad inserire il mio film in lista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo é proprio una chicca per cui ringrazio Lucius occhio di falco. A questa rubrica mancava un capitolo a sorpresa, speravo fosse uno dei film provenienti da questo periodo buio ma produttivo della carriera di Bloody Sam, per il resto ci leggiamo di là ;-) Cheers

      Elimina
  2. Contento di aver contribuito all'episodio speciale, e la storia dei gattini di Sam mi ha sdraiato: quella situazione avrebbe potuto peggiorare solo se Sam avesse usato uno dei gattini per asciugarsi il sudore :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto questo mi ricorda una gag di Rat-Man, che usava i gattini al posto delle palle da Tennis, grazie ancora per il contributo preziosissimo ;-) Cheers!

      Elimina
  3. Questa si che è una sorpresa...
    Non lo conoscevo proprio, davvero.
    Visto l'ho visto senz'altro, e molto probabilmente su 7 Gold, anche se non nella serata indicata da Lucius.
    Dev'essere un film che torna abbastanza spesso da quelle parti, dato che su quel canale trasmettono principalmente quei film (oltre ad altri di Carlo Cùdega, come si dice dalle mie parti pr indicare roba eccezionalmente vetusta).
    C'é da dire che fanno film dove si vedono i non ancora divi di Hollywood giovanissimi e ancora alle prime armi.
    E credo di averlo visto quasi sempre da già cominciato, tant'é vero che lo avevo già infilato nell'archivio dei classici "Western generici senza nome" che ogni tanto mi becco facendo zapping a ora tarda sulle reti private.
    Beh...ora scopro che c'é l'ha un nome, a quanto pare.
    E che nome!!
    Ma il nome sicuramente più importante é quello che ci sta dietro, anche se ci ha lavorato di straforo.
    E in effetti di Peckinpah non é che si veda poi molto.
    Si impara sempre qualcosa, comunque.
    Thanks a te e a Lucius.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti quando si vede James Caan ti aspetti che sia lui il protagonista, invece proprio no ;-) Cheers

      Elimina
  4. Questo non l'ho davvero mai visto, e si che sia mio papà che un papà di un mio amico molto presente nella mia adolescenza (e preadolescenza) Sam Peckinpah lo adoravano! Di fatto Convoy lo vidi proprio grazie a quel papà lì!

    Ma sono andato troppo avanti! Torno venerdì! :--D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quanto capitolo speciale abbiamo osato, dalla prossima settimana si tornerà alla narrazione e all'anno 1978 ;-) Cheers

      Elimina