giovedì 8 ottobre 2020

The Secret of Monkey Island (1990): guarda dietro di te, una scimmia a tre teste!

Lo sapete, non sono mai stato un accanito videogiocatore, ad esclusione di NBA Live e beh, delle avventure grafiche della LucasArts, quando ancora si chiamava Lucasfilm Games. Però non posso proprio perdere l’occasione per festeggiare i primi trent’anni di un classico, a mani basse il mio videogioco preferito di sempre: The Secret of Monkey Island.

Quando nel 2003 uscì al cinema “La maledizione della prima luna” di Gore Verbinski, la Disney si prodigò a sottolineare che il film era ispirato alla celebre attrazione piratesca presente da decenni nei loro parchi a tema. Strano, perché ad una prima occhiata a me era sembrata la storia di un giovane in cerca di avventure, che insieme a pirati piuttosto ironici, salpava per andare a salvare la figlia del governatore, da un pirata fantasma. Saranno le due trame che sono identiche, oppure io ho passato troppe ore della mia vita sull'isola di Mêlée e vedo Guybrush Threepwood ovunque? Mi affido solo ai dati certi, quelli che posso confermare e quindi diciamo che è colpa di tutte quelle ore, molte delle quali necessarie per far caricare i cinque floppy disk, necessari a giocare a “The Secret of Monkey Island” sul mio vecchio Amiga.

Se guardando questa immagine state pensando “Nel profondo dei Caraibi, l'isola di Mêlée...”, sappiate che vi voglio un po’ bene.

Di sicuro chi non ha mai nascosto di essersi ispirato alla celebre giostra di Disneyworld è stato Ron Gilbert, il creatore della serie, anche se “The Secret of Monkey Island” si è nutrito di spunti pescati dal romanzo “Mari stregati” (1987) di Tim Powers, ma anche da tanti vecchi film pirateschi in bianco e nero. Ma Ron Gilbert ha fatto molto più di questo, il suo nome è leggenda tra gli appassionati di avventure grafiche.

Insieme al socio Gary Winnick, Ron Gilbert ci ha regalato un altro classico come “Maniac Mansion” (1985), un gioco rivoluzionario che fece fare un salto in avanti alle vecchie avventure testuali, quelle composte quasi interamente da testo da leggere e imparare a memoria, perché l’unico modo per interagire con un computer, era digitando come matti sulla tastiera. La prima novità portata da Gilbert è stata quella di introdurre una lista di verbi e azioni, che cliccati con il mouse potevano fare compiere alcuni gesti e movimenti ai personaggi sullo schermo, ma questo è stato solo l’inizio.

Quello che Ron Gilbert non sopportava delle vecchie avventure grafiche era la possibilità di “morire” nel corso della storia, costringendo il giocatore a ricominciare tutto da capo. Forte del successo di “Maniac Mansion” Gilbert poté finalmente dedicarsi al suo capolavoro, sfruttando il motore SCUMM come base del successo del gioco, veniva citato in almeno una gag ricorrente anche in “The Secret of Monkey Island”.
Eccolo qui Ron Ron, dal cui testone è uscito fuori questo classico.

Gilbert, figlio di un astrofisico, é cresciuto con la passione per il cinema e i primi videogiochi, da ragazzo passava il tempo con i regali ricevuti dai genitori, una macchina da presa Super8 e un Atari 2600 a ben guardare, entrambi fondamentali per la riuscita di “Monkey Island” che di fatto è un videogioco, ma ha tutte le caratteristiche proprio di un film, per altro uno di quelli veramente belli e al suo intero, con tutti quei dialoghi da leggere sullo schermo, portava avanti la tradizione di un’altra mia passione infantile, quella dei Librogame. Infatti “The Secret of Monkey Island” si ricorda per l’ambientazione, per l’incredibile atmosfera, ma soprattutto per i suoi dialoghi brillanti e ammettiamolo, davvero spassosi.

Ron Gilbert come dicevamo, non sopportava quelle vecchie avventure testuali dove il protagonista poteva morire e di fatto in tutta “The Secret of Monkey Island”, solo in un passaggio Guybrush Threepwood corre davvero questo rischio, se non siete abbastanza svelti a risolvere il brillante enigma sottomarino del totem, anche se il suo prodigioso talento di poter trattenere il fiato per ben dieci minuti, resta un tempo più che sufficiente per capire la spassosa soluzione. Il massimo che poteva accadere giocando a “Monkey Island” era di restare bloccati su qualche enigma, ma comunque liberi di gironzolare prima per l’isola di Mêlée e poi per quella delle scimmie del titolo, anche questo era parte dell’enorme fascino di questo gioco. Si perché “The Secret of Monkey Island” permetteva a qualunque giocatore di assecondare una fantasia infantile molto comune, quella di voler essere un pirata!

L'importanza di chiamarsi Ernesto Guybrush Threepwood.

«Mi chiamo Guybrush Threepwood e voglio diventare un pirata!», così facciamo la conoscenza del protagonista, un ragazzo normalissimo con la sua camicia bianca (e la battuta sulle giacche di pelle da vendere) che con i suoi modi educati sembra tutto, tranne che un temibile pirata. Per diventarlo dovrà superare le tre prove assegnategli dai "pirati dall'aspetto importante": sconfiggere in duello il maestro di spada dell'isola, rubare l'idolo dalle molte mani dalla villa della governatrice Elaine Marley e trovare un tesoro nascosto. A ben guardare tre prove che da giocatori, eravamo liberi di superare nell’ordine che ci veniva più comodo, girovagando in lungo e in largo sull’isola facendo la conoscenza di una serie di individui loschi ma caratteristici. Come Otis con la sua tremenda alitosi oppure Stan, il venditore di navi usate, dalla giacca dai colori impossibili e le mani sempre intente a gesticolare.

Stan doveva avere delle origini Italiane secondo me.

“The Secret of Monkey Island” per quello che mi riguarda, resta uno dei ricordi più felici della mia infanzia, mi basta sentire il bit del tema musicale che usciva dal mio Amiga, per sentirmi come tornare a casa. Il gioco di Ron Gilbert ricreava alla perfezione le atmosfere dei mari dei Caraibi e poi era automatico continuare a giocare ai pirati, con il mio galeone della Lego, mi ero anche costruttivo un personaggio prediletto, che ovviamente era un giovane pirata (storia vera). Mica solo Gore Verbinski non si è mai ripreso da questo videogames eh!?

Navi fantasma capitanate da pirati fantasma, mi sembra logico no?

Nel corso della storia Guybrush Threepwood finirà per innamorarsi della bella governatrice dell’Isola Elaine, e dovrà correre a salvarla dalle grinfie del temibile pirata fantasma LeChuck, anche lui innamorato della donna e fermamente convinto a sposarla. In aiuto di Guybrush solo i poteri di Lady Voodoo e la nostra capacità di risolvere i vari enigmi a partire da quello del nome del protagonista, che merita un paragrafo a parte.

Ma possibile che mi ricordo ancora i dialoghi? Secondo voi è grave?

Le ore di lavoro necessarie a programmare un videogioco come “The Secret of Monkey Island”, con la tecnologia disponibile a fine anni ’80, non saranno state sicuramente poche, Ron Gilbert e soci le riempivano quasi tutte con costanti scambi di battute, molte delle quali finite poi ad arricchire gli incredibili dialoghi del gioco. Lo stesso nome del protagonista è stato frutto di questo ambiente di lavoro particolarmente frizzante e giocoso (per non dire goliardico). Gli animatori della Lucasfilm Games utilizzavano Deluxe Paint, per creare la grafica del gioco un pixel alla volta, questo programma salvava i file in formato .brush e in assenza di un nome ufficiale, per il file del protagonista, Steve Purcell, uno degli sceneggiatori della storia, suggerì di chiamare il personaggio principale con il nome del file con cui era stato salvato, ovvero Guy.brush in cui “Guy” stava per ragazzo (storia vera). Non ho mai trovato informazioni sull'origine del cognome Threepwood, ma immagino che con un nome così ci volesse un cognome all'altezza!

A bene pensarsi però, proprio il nome Guybrush Threepwood è perfetto per calarci nello spirito di un gioco come “The Secret of Monkey Island”, dove l’ironia la fa da padrone. Tutto il videogioco sembra un’enorme parodia di un vecchio film di pirati, come tutte le parodie deve conoscere e trattare con enorme rispetto il materiale originale, per trovare un modo davvero efficace di scherzarci sopra in modo spiritoso. “Monkey Island” ci riesce benissimo e con la sua combinazione di ironia, pirati e ovviamente… SIMMIE! Non poteva non conquistarsi un posto d’onore tra i miei giochi del cuore.

Più che una ciurma di pirati sembrano villeggianti in crociera.

Se Roger Rabbit sosteneva che a volte l’umorismo è la sola arma che ti resta, “The Secret of Monkey Island” abbracciava questa massima totalmente, in molti casi l’unico modo per risolvere gli enigmi del gioco, era optare per la soluzione più ironica possibile, dimostrando di aver capito il tipo di umorismo a tratti surreale presente nel DNA della storia. Ecco perché per sbloccare l’accesso all’enorme testa di scimmia, l’unico modo era utilizzare un cotton fioc delle stesse dimensioni, oppure perché anche un oggetto assurdo come un pollo di gomma con dentro una carrucola, poteva salvarti la vita se utilizzato al momento giusto.

Per una testa di scimmia grande, ci vuole un cotton fioc grande!

Ora può sembrare la preistoria dell’era dei videogiochi, anzi sicuramente lo era, ma la possibilità offerta dal motore SCUMM di far comparire righe di testo sopra la testa dei personaggi, era proprio il tipo di innovazione che Ron Gilbert e soci hanno saputo utilizzare in maniera creativa. Davanti ai videogiochi moderni ultra avanzati, l’idea di dover leggere nella propria testa i dialoghi è qualcosa di ormai totalmente fuori moda, ma il tipo di umorismo che ha reso “The Secret of Monkey Island” un capolavoro ancora così amato oggi, a trent’anni dalla sua uscita è proprio questo.
Quelle battute era pensate per essere lette, un tipo di umorismo testuale, pieno di rimandi e strizzate d’occhio ironiche, che non avrebbe funzionato altrettanto bene se doppiato, infatti per sentire le voci dei personaggi, abbiamo dovuto aspettare fino al terzo capitolo “The Curse of Monkey Island”, del 1997, un gioco molto bello, anche migliore del successivo “Escape from Monkey Island” (2000), ma nessuno dei due sono stati curati da Ron Gilbert, che nel frattempo aveva lasciato la LucasArts, facendo ancora in tempo però a regalarci l’altrettanto geniale “Monkey Island 2: LeChuck's Revenge” (1991).

I primi due capitolo di “Moneky Island” avevano un fascino tutto loro dettato anche dal “sentire” nella tua testa di lettore/giocatore, le voci e le battute dei personaggi, un gusto ormai retrò che però allora, sembrava davvero qualcosa di grande. Ad ogni trovata comica il dubbio era se sbellicarsi dal ridere, oppure gioire per il nuovo enigma risolto e di conseguenza, per la possibilità di poter esplorare un’altra fetta di quel piratesco mondo di Pixel, che era così bello da poter essere già pronto per diventare un film (come devono aver pensato alla Disney, ma non badate alle mie illazioni maligne), anche se la sua vera natura era proprio quella, il passo successivo della avventure testuali, un po’ Librogame sui pirati e un po’ parodia piratesca con colonna sonora cinematografica.

Parlare con le donne, può essere difficile anche per i personaggi dei videogiochi.

Offrendo comunque la possibilità di girovagare e volendo, anche di rispondere male ad alcuni dialoghi (con effetti spesso esilaranti), “The Secret of Monkey Island” ha saputo aggirare perfettamente anche la staticità tipica dell’avventure grafiche, senza rinunciare mai alla sua vera natura. Forse il passaggio del gioco più lungo e faticoso, quello che richiedeva più tempo e abnegazione anche la seconda e la terza volta in cui da giocatori, volevamo ripercorrere l’avventura di Guybrush, era di sicuro la lunga gavetta necessaria per poter battere il maestro di spada.

I duelli con la spada coincidevano con la tua capacità di far andare la lingua, perché chi ha giocato a questo gioco sa che chiunque potrebbe agitare una lama affilata nel tentativo di portare via un pezzo di corpo dall’avversario, ma solo chi conosce le parole giuste potrà vincere davvero. Di conseguenza i duelli di spada erano prima di tutto, delle gare di insulti! L’unica impacciata frase con cui Guybrush sa rispondere all’inizio della sua gavetta è la leggendaria «Io sono la gomma e tu la colla!», per altro, frase che ho usato più di una volta nella mia vita per spiazzare alcuni interlocutori. Storia vera. Da qui in poi il suo bagaglio di frasi e risposte smargiasse cresceva con il numero di scontri, ma stava a noi giocatori azzeccare quella giusta, perché va bene agitare la spada, ma MAI restare senza la battuta pronta, una gran lezione di vita che abbiamo imparato nella porzione di gioco più ripetitiva di “Monkey Island”, ma non per questo meno spassosa.

"Ma come diavolo ci difendiamo? A parolacce?" (cit.)

La stessa conclusione di “The Secret of Monkey Island” con lo scontro finale con il temibile pirata fantasma LeChuck, richiedeva di lasciarsi andare all’ironia completamente, la degna conclusione di una storia brillante, che richiedeva al giocatore di pensare molto spesso fuori dalla scatola, esattamente come accadeva nell’altrettanto notevole seguito di “Monkey Island”, sempre firmato da Ron Gilbert, ma questa è un’altra storia.

A dirla davvero tutta, a trent’anni dalla sua uscita e dopo innumerevoli ore passate a giocarci, non ho ancora capito quale fosse questo misterioso segreto dell’isola delle scimmie citato fin dal titolo, ma forse il segreto era lasciarsi andare ad una trama semplice ma raccontata in modo geniale, utilizzando in modo incredibilmente creativo la tecnologia disponibile, quei pixel che oggi sono la preistoria dei videogiochi, allora erano davvero in grado di farci immergere nel calore di un videogioco che ha davvero fatto la storia.

Auguri Monkey Island, festeggio i tuoi primi trent’anni con un enorme boccale di Grog… GROG! GROG! GROG!

Chi non beve è una scimmia a tre teste!

32 commenti:

  1. Un altro gioco della Lucasgames che dovresti recensire è Indiana Jones And the Fate Of Atlantis... ci ho fatto le due di notte non so quante volte nei primi anni 90🙃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe perfetto da mettere accanto ai TRE film di Indy di cui ho già scritto, perché quello è il vero “Indy 4”… L’unico che esiste!! :-D Scherzi a parte, dovrei anche affrontare i seguito di questo, “Full Throttle”, “Il giorno del tentacolo”, “Sam & Max”, quella meraviglia di “Grim Fandango” e via così, li ho amati tutto fortissimo, ma la mia passione è iniziata con “The Secret of Monkey Island”, quindi mi sembrava giusto rendere omaggio ;-) Cheers

      Elimina
  2. Una vera sorpresa.
    E graditissima, tra l'altro.
    Al punto che se hai intenzione di farne una rubrica, mi trovi d'accordissimo.
    Forse non seguirai tantissimo i Videogames, come dici tu. Ma il post e' stupendo, e fa capire quanto tu lo abbia adorato.
    Facile intuirne il motivo.
    I giochi della Lucasfilm Games/Lucasarts erano quanto di piu' prossimo a un film potesse esistere, e in un certo senso sono stati dei precursori.
    Sul fatto che avere una trama e un'adeguata caratterizzazione dei personaggi era fondamentale almeno quanto saper realizzare il gioco stesso.
    Merito tutto dei geniacci che ci stavano dietro, a partire da Gilbert.
    Gente che oltre a saper programmare ne sapeva anche di film.
    Che allora erano davvero in quattro gatti, a fare un videogame. Mica come adesso che stanno in ballo decine di persone.
    Nonostante fossi da sempre consolarlo e convinto assertore della superiorita' dei giochi giapponesi, invidia o questi titoli ai possessori di computer. Nonostante la mia allergia patologica (storia lunga).
    Giocati e ri-giocati, anche da amici e compagni di scuola vari. E pure adesso che si sono decisi a riproporli su PS4.
    Tranne uno, purtroppo.
    Tanto per citarne a casaccio, oltre a Monkey Island...Loom (dove c'era pure l'interfaccia musicale. Come dimenticare il tizio alla taverna con lo spillone CHIEDIMI DI LOOM. Come si chiamava? Cobb?), Il VERO quarto capitolo di Indy, Maniac Mansion ma soprattutto Day of the Tentacle, Sam & Max, Full Throttle e quel capolavoro di Grim Fandango (niente niente hanno preso da lui, per Coco?).
    E poi i giochi di Star Wars e di guerra. Uno su tutti, Secret Weapons of the Luftwaffe.
    Inutile dire che avrei visto bene dei film su ognuno di questi.
    Ma quanto sarebbe stato bello un film a cartoni su Sam e Max?
    E forse l'intenzione era quella, inizialmente. Fare un progetto che coinvolgesse piu' media.
    Ma c'erano beghe e conflitti tra le varie branchie, e naufrago' tutto.
    Gioco stupendo, comunque. Spassosissimo, pieno di citazioni, e con personaggi magistrali. Con un cattivo davvero cattivo (LeChuck).
    Guarda caso, nel secondo dovevi riportarlo in vita. E nel secondo dei Pir...SDENG!!
    Ecco, lo sapevo.
    Nel secondo film tornava in vita Barbossa, dicevamo.
    Avrei preferito vedere questo al cinema, piuttosto che quella roba che, almeno col primo capitol...SDENG!!
    Ok. Roncolata in testa e giri di chiglia per me.
    Dicevo...piuttosto che quella roba sui Caraibi che ho finito con l'odiare.
    Che ricordi, comunque.
    Complimenti per il pezzo, di nuovo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo...
      Se avete una Wii, in Indiana Jones e il Bastone del Re (una vera schifezza) e' incluso anche Indiana Jones e il Destino di Atlantide, come gioco nascosto.
      Infatti va pure sbloccato.

      Elimina
    2. Navighiamo in acque oscure, ma questa Bara può anche galleggiare e i trent’anni di questo pezzo di cuore andavano festeggiati, mille grazie ;-) Per la rubrica vediamo, al momento ho già parecchia carne al fuoco, dovrei avere dodici tastiere, ventiquattro mani e una scimmia a tre teste per stare dietro a tutto quello su cui vorrei scrivere. Prova ad andare a leggerti il mio post su Coco guarda un po’ chi ci troverai ;-) Cheers!

      Elimina
    3. Non potevano fare il contrario? Vendere "Fate" e sbloccare l'altro brutto sarebbe stata una strategia più furba secondo me ;-) Cheers

      Elimina
  3. Spettacolo, l'ho recuperato solo recentemente grazie a SCUMMVM su android e l'ho amato. Non oso immaginare come deve essere stato giocarci ai tempi dell'uscita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vorrei sembrare esagerato ma mi ha cambiato, ancora oggi se sento quella musichina fatta con i bit in stile Amiga e vedo quei pixel, mi sento come tornare a casa ;-) Cheers

      Elimina
  4. Non avevo un computer con cui giocare trent'anni fa, però a Monkey Island ho giocato, e non poco tempo fa, con la Special edition del 2009, davvero un gran bel gioco ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La speciale edition ha tolto i pixel al gioco rispettandone piuttosto bene lo stile, un buon modo per presentare un classico ad una nuova generazione. Se non ricordo male hanno applicato la stessa cura anche a “Monkey Island 2” qualche anno dopo. Cheers!

      Elimina
  5. Cinque alto Cassidy!
    La vera soddisfazione é giocare a tutte queste avventure grafiche con mio figlio oggi! Certi passaggi me li ricordo ma altri danno ancora del filo da torcere, soprattutto in LeChuck Revenge!
    Grazie e alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanti colpi di straccio alla gamba di legno in LeChuck Revenge ;-) Rispondo al tuo cinque alto con un altro cinque alto! Cheers

      Elimina
  6. In epoche passate - non ricordo bene quando, se per Commodore o PC - mi ritrovai anch'io nella selva oscura di Monkey Island, di cui però ho conosciuto solo la prima schermata: già lì mi sono bloccato senza saper andare avanti. Non sono fatto per questi giochi e frullai subito sia l'isola che la scimmia, però quella prima schermata mi piaceva come grafica :-D
    L'unico gioco di questo tipo che ho provato è stato "Star Trek: 25th Anniversary" (1991) e ci ho messo tipo un anno a fare il primo quadro: so' proprio de coccio :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei da avventure grafiche ci sta, io ancora oggi mi rendo conto di apprezzare quei bei videogiochi statici, in cui devi riflettere, a meno che non si tratti di un gioco di basket, sono proprio letargico non mi sono mai ripreso da questa tipologia di giochi ;-) Cheers!

      Elimina
  7. Se ti ricordi io ho conosciuto David Fox, che ha collaborato con Gilbert per lo SCUMM :) Devo ammettere che a questi ci ho giocato poco, mentre ho "consumato" Zak McKracken e Indiana Jones "IV" :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so e mi ha esaltato parecchio ;-) Zak McKracken era veramente uno spasso! Cheers

      Elimina
  8. Cos'hai tirato fuori dal cilindro sto giovedì?!?! Tu sei pazzo! Qua apriamo la scatola dei ricordi che automaticamente mi fa entrare "una bruschetta nell'occhio".

    Giocato letteralmente alla morte questo e pure il secondo. Tutta la scuola (le medie) erano in fissa totale con Monkey Island. E quando dico tutta dico veramente tutta! Due sezioni, tre classi da circa 25 persone ciascuna. Il professore di tecnica, un bidello e un segretario alla presidenza (storia vera!). C'era chi spacciava la soluzione più o meno false, chi millantava che "a suo cuggino lo aveva finito in un pomeriggio", chi si bullava di aver passato un determinato enigma/rompicapo e allora gli si chiedevano delucidazioni e aiuti. I più grandi, quelli di terza, poi erano quelli venerati come divinità perché potevano copiare i 4 floppy per Amiga (erano 5? Sei sicuro Capo? Io se devo puntarci 1€ direi 4 per il primo e 8 (o 12?) per il capitolo 2).

    Se ti può consolare io ricordo discretamente bene gli insulti del maestro di spada e se lo sfidassi ora (intendo giovedì 8 ottobre 2020 ore 14.53) probabilmente la batterei senza nemmeno un ripasso! (però ci ho rigiocato 3-4 anni fa visto che esisteva la versione per cellulari IOS).

    Se hai intenzione di ripassare i giochi della Lucas Arts hai tutto il mio appoggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dillo che non te l’aspettavi eh? Visto che cosa ti ho ripescato? Non volevo scriverne, poi come un tarlo nel cervello non potevo pensare ad altro se non ad un post su questo gioco, eccolo qui ;-) Potrei confondermi con il secondo, oppure con qualche altro gioco per Amiga, non ci metterei la zampa di scimmia sul fuoco sul numero di floppy è passata davvero un’era geologica, i floppy sono diventate icone nel frattempo!
      Idem, la frustrazione giocando di nuovo al gioco e che tu giocatori conoscevi già la risposta giusta, ma Guybrush no, quindi dovevi perdere un sacco di volte prima di vincere. Erano giochi che formavano il carattere ;-) Cheers

      Elimina
  9. Che gioco geniale!!! Il primo è anche fattibile, il secondo era di una difficoltà disumana...

    E poi il terzo era pure quello un capolavoro! Formano una trilogia ludica veramente fantastica.

    Rigiocai il primo e il secondo una decina d'anni fa e mi piacquero come quando li giocavo da preadolescente negli anni Novanta! Semplicemente intramontabili. Poi ora che è tornato di moda il retrogaming suppongo che anche le nuove generazioni possano goderne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro per le nuove generazioni, ho giocato ai quattro capitoli spesso ma i primi due sono speciali, anche se voglio bene al terzo ;-) Cheers

      Elimina
  10. Quoto Zio Portillo, cos'hai tirato fuori! A questo gioco giocavamo TUTTI... ricordo che tra amiche si spacciavano gli insondabili trucchi per vincere la gara di sputi! Mai stata una gamer ma questo e lo splat di Prince of Persia che si spiccica sulle lame han segnato una generazione... Adesso che me lo hai rammentato lo ripesco sicuro e me lo rigioco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La gara di spunti del secondo, con le misture di colori, che spettacolo! ;-) Bene, felice di essere responsabile del ritorno di un po' di vecchi ricordi. Cheers!

      Elimina
  11. Oddio il cotton fioc gigante... meglio del famoso pollo!
    Dunque, mi sono ritrovato nei tuoi ricordi e nelle tue sensazioni.
    Questo titolo ha qualcosa di magico, forse proprio il fatto che derivi da giostre, film, romanzi... non so.
    Era perfetto: molto disneyano come ambientazioni e colori, avventuroso e ironico.
    Non sapevo del nome guy.brush, pensa tu!
    Vedi? Quando le cose sono destinate ad andare bene, ogni cazzata che succede è già mitica, perfetta e precisa.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche il formato dei file lavorava in modo creativo, io lavoro normalmente con file che hanno un'estensione che sembra l'anatopea di una pernacchia (storia vera). Ha fatto davvero storia, come il cotton fioc gigante ;-) Cheers

      Elimina
  12. Proprio per i tempi di caricamento biblici e i problemi con i floppy dell'Amiga, non appena è stata disponibile la special Edition di questo gioco sul market place della seconda xbox (la 360 per intenderci), l'ho fatto mio e devo ammettere che sono stati soldi spesi benissimo. Finalmente l'ho giocato come avrei dovuto ai tempi, senza patemi per il fatto di non sapere se il floppy successivo avrebbe funzionato oppure no, maledetto Indiana Jones e The fate of Atlantis che non ho mai finito per questo motivo... Sto parlando ormai di una decina di anni fa buona, ma il gioco era sempre bello e divertente. Soprattutto la componente ironica mi aveva positivamente sorpreso, forse perché ai tempi non avevo colto alcune sfumature... In ogni caso ben vengano questi post sul media che mi ha accompagnato per tanti anni della vita e ancora non smette di seguirmi (ma forse dovrei dire il contrario), anche se con meno passione di una volta. Quindi se vuoi riproporre altri aneddoti legati a vecchi videogame, con me sfondi una porta aperta! 👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vogliamo parlare della rotella con i volti dei pirati da comporre, per inserire il codice beh, anti pirateria? Ironico lo so, ma con "Monkey Island" tutto lo è, anche iniziare a giocare ;-) Cheers

      Elimina
  13. Date innanzitutto un nobel a Ron Gilbert!

    Questo anniversario cade a pennello, dato che ci sto ri-giocando sullo smartphone. 😎
    La parte dei duelli coi pirati è quella che apprezzo meno, del resto mi manca soltanto di battere il Maestro di Spada...
    Giocandoci questa volta, ho scoperto alcune cose per me nuove: il vaso preso a casa del Governatore, se ci versi il grog dalla botte che sta in cucina, si fonde. 😮 Spero non serva successivamente perché a differenza dello spezzatino non ne trovo altri in giro...
    Non ricordo a cosa servano la chiesa, il distributore (rotto?) di grog dove c'è Stan e la cassaforte (che tra l'altro vorrei aprire usando il grog come acido ma non so come trasportarlo 😄), in compenso ho fatto scappare il topo che allietava la noia dei tre pirati vicini all'orologio... Del resto se ricordassi tutto non sarebbe altrettanto spassoso.
    Giocato a suo tempo anche il secondo capitolo della saga, fosse per me i videogiochi dovrebbero essere soltanto di questo genere: divertenti, accattivanti, intelligenti, e non che devono far sclerare, innervosire, combattere contro il tempo, uccidere personaggi e rischiare di fare morire il proprio.

    A Mêlée Island sono sempre le 10, comunque il mio amore videoludico assoluto è Grim Fandango che, ahimé, dopo Windows 98 non fa più giocare il 4° anno.😢

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Grim Fandango" é un capolavoro e "Monkey 2" aveva una storia incredibile anche nel finale. Mi hai quasi fatto venire voglio di mettermi in viaggio per l'isola delle scimmie! ;-) Cheers

      Elimina
    2. Ultimamente tra miei post e commenti, sto risvegliando varie voglie di rivedere o rifare... 😄

      Elimina
    3. Lanci le mode, oppure le rilanci, meglio ;-) Cheers

      Elimina
  14. Potrei dire "Day of the tentacle", "Sam & Max", "Full Throttle" e via così. Comunque il primo Monkey su Amiga 500 anche per me. Ad ogni modo quando nel secondo pirati dei Caraibi vanno dalla strega della palude il pensiero è andato subito a Monkey Island

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno pescato e piene mani da questo gioco, senza nemmeno dover pagare i diritti ;-) Cheers

      Elimina