domenica 2 agosto 2020

Rock 'n' Blog: Miriam si sveglia a mezzanotte

La musica e il cinema mi mandano da sempre giù di testa, quindi perché non celebrarli entrambi in una rubrica di musica e colonne sonore che serva a farvi alzare il volume ricordando di puntare la sveglia a mezzanotte.

Titolo del pezzo: Bela Lugosi's Dead
Artista: Bauhaus

Aggiungo solo un estratto dal mio commento al film dedicato proprio a questo pezzo:

Quando dico che i primi minuti di un film ne determinano tutto l’andamento, penso anche a film come “The Hunger”, in un locale alla moda Miriam e John si muovono sinuosi come due predatori, la fotografia di Stephen Goldblatt è ultra patinata e bellissima, Catherine Deneuve e David Bowie sono stilosissimi ed impegnati a portarsi a casa una coppia, alla moda almeno quasi quanto loro, la giacca giusta i Ray-Ban a specchio giusti, non una parola, ma tutto raccontato per immagini e un montaggio sincopato quasi quanto le note della canzone che risuona, la decadente e affascinante “Bela Lugosi's Dead” che i Bauhaus hanno dedicato ad un’Ungherese piuttosto famoso per aver interpretato... Guarda un po’ un Vampiro. La presenza di Peter Murphy in persona, cantante del gruppo e punto di riferimento per tutti i Goth degli anni ’80, è altro materiale che va ad aggiungersi allo stato di culto di questo film.


Il gran visir di tutti i terun darkettoni.
Mentre i Vampiri – che qui non vengono MAI chiamati così, proprio come nel successivo Il buio si avvicina, tenetelo a mente che più avanti torna – vampireggiano, la dottoressa conduce esperimenti sulle scimmie, sì, perché ci sono anche le scimmie qui! Il vero barometro della “figaggine” di un film, sicuramente per uno “scimmiologo” convinto come me.

Vi ricordo lo speciale dedicato a Tony, lo Scott giusto!

10 commenti:

  1. Ecco, questo è uno dei cult che devo ancora vedere :D
    Non conoscevo dunque Bela Lugosi's Dead, ma devo dire che fa veramente..atmosfera :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un super classico goth, lo Scott giusto arrivava dalla pubblicità e qui ha capito al volo cosa serviva per "vendere" la sua storia di vampiri. Cheers!

      Elimina
  2. Come dicevo nel post dedicato...
    Un bell'esordio fulminante, da parte del TONY.
    Ho sempre ritenuto l'horror un buon trampolino di lancio per molti registi, l'unico in grado di garantire un certo riscontro al botteghino.
    Ecco, magari non era il generale congeniale al TONY, ma ci sono tutti gli ingredienti giusti.
    Interpreti ok, visivamente stiloso al punto giusto e un'ottima colonna sonora.
    E soprattutto ritmo e velocita' ipercinetiche.
    Gli '80 nel pieno della loro forza.
    Come una botta sparata in vena con le luci al neon o di un cruscotto a fare da contorno.
    Se non fosse per l'immortalita' (ma solo uno di loro, pero'), vedendo come si nutrono (se non ricordo male non usano nemmeno le zanne, ma impiegano dei pugnali) piu' che vampiri sembrano fetistici del sangue in preda a qualche bizzarra perversione.
    Buona Domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo Scott giusto é arrivato, ha dato una decisa spallata e al genere Vampiresco e ha avuto il buon gusto di non tornare a fare horror sbiaditi, come hanno fatto altri registi più celebrati dai cinefili, direi che va bene così. Buona Domenica anche a te! Cheers

      Elimina
  3. Film a tema vampiresco bellissimo. Ho letto il romanzo da cui è tratto (l'autore tra l'altro è impazzito con le storie di rapimenti alieni) e ho visto il film. Poche parole, solo commenti positivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco il romanzo mi manca, ora che mi hai detto della follia dell'autore dovrò leggerlo per forza! ;-) Cheers

      Elimina
    2. Si chiama Whitley Strieber. Ha scritto romanzi interessanti sulla guerra e anche a tema horror. Da un suo romanzo hanno tratto The Day After Tomorrow. Peccato sia totalmente andato perché si è convinto di essere stato rapito dagli alieni. Cosa che racconta in Communion, un saggio delirante.

      Elimina
    3. Leggendoti si è acceso qualche campanello nella mia testa (vuota), se non ricordo male il suo libro "Communion" era oggetto di parodia in X-Files, se la memoria mi assiste bene. Cheers!

      Elimina
    4. Si, mi pare proprio di si. E' uno dei primi contattisti

      Elimina
    5. Ci può stare, era un tema che andava molto quando X-Files era la serie del momento, i tempi coincidono. Cheers

      Elimina