mercoledì 5 agosto 2020

Detective Stone (1992): l’ultimo capitolo del “Rutger Hauer Show”

Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Zatōichi americani olandesi combattere ciechi a colpi di katana… e ho visto falchi della notte e donnefalco balenare nel buio al grido di Eureka! Intenti in letali giochi di morte. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. È tempo di viaggiare per l’ultima volta oltre le porte di Tannhäuser!
Rutger Hauer ha più volte candidamente ammesso, che per ricordare tutti i titoli della sua vasta filmografia dopo il 1986, aveva bisogno di consultare lui stesso wikipedia. Che abbia citato proprio l’anno di uscita di un capolavoro come The Hitcher è abbastanza significativo, ma forse le colonne d’Ercole della sua carriera, sono state il 1992.

Reduce dal mezzo disastro al botteghino di Giochi di morte, è qui che l’olandese volante cominciò la sua infilata di apparizioni più o meno memorabili a seconda dello spazio concesso, in un’infinità di titoli, giù fino a I fratelli Sisters, dove è riuscito a farsi pagare per interpretare la parte di un cadavere. Ma dove lo troveremo mai un altro come Rutger, dove?!

"Pronto? Si sono Rutger. No, sono l'unico del mio modello, non credere a quella storia dei Nexus-6"
La genesi di questo film è a dir poco travagliata, infatti rivedendolo ancora oggi, tutte le strambe svolte della trama e le vicissitudini sul set si notano ancora alla perfezione. Infatti vi consiglio il post di Quinto Moro dove da vero Detective, ha fatto emergere tutti i difetti del film.

Nel 1988 Gary Scott Thompson scrisse una sceneggiatura intitolata “Pentagram”, ambientata nella Los Angeles contemporanea, la storia parlava di due Strambi Sbirri impegnati in un’indagine dai risvolti satanici, peccato che nessuno volesse produrla almeno finché Laura Gregory, produttrice a capo della Challenge Films, ne colse il potenziale e affidò il film al regista Tony Maylam, che ricorderete per un classico del genere Slasher come "The Burning" (1981).

Considerando la storia fin troppo simile a quella del film "The First Power" (1990) con Lou Diamond Phillips - da noi in uno strambo Paese a forma di scarpa uscito con il titolo di “Pentagram”, guarda i casi della vita -, Mayland fece tutte le modifiche del caso: spostò la trama di qualche anno avanti nel futuro, decidendo di ambientare tutto in una Londra afflitta da allagamenti e piogge torrenziali dovute al clima impazzito… in pratica come Torino quando piove per tre ore di fila.

Il prossimo passo saranno le branchie come in Waterworld.
Con il nuovo titolo “Black Tide”, l’attore dei sogni di Maylan per la parte del protagonista sarebbe stato Harrison Ford, che dopo aver letto il copione ha sentitamente commentato: «Grazie, ma no grazie». Quindi Maylan ha dovuto accontentarsi della seconda scelta di lusso, mica male passare da Rick Deckard a Roy Batty, anzi secondo me nel cambio il film ci ha anche guadagnato. Senza nulla togliere a Indy, questo caso era materiale per il detective Rutger!

“Essere o non essere? ... Non essere” (cit.)
Mentre tutti mettevano il becco in una produzione che diventava sempre più complicata, il compositore Wendy Carlos (quello di The Shining), mollò il lavoro dopo l’ennesimo tema musicale rifiutato, finendo per essere sostituito dal meno blasonato Stephen W. Parsons. Si vocifera che lo stesso Rutger, abbia suggerito di porre l’attenzione sul legame psichico tra il suo personaggio e l’assassino del film, una trama che se gestita meglio, avrebbe potuto essere anche più interessante, ma infilata giù per la gola al film (usando l’imbuto), ci regala alcuni flashback illustrativi francamente bruttarelli da vedere.

"Quella è una mascherina FP1 per caso?"
Troppo facile? Mescoliamo ancora un po’ le carte? Stephen Norrington, tecnico degli effetti speciali, cresciuto alla corte di due mostri sacri come Rick Baker e Stan Winston, nonché futuro regista di "Blade" (1998), si ritrovò con la bellezza di tre anni? Tre mesi? No no, tre settimane per realizzare una credibile creatura, da utilizzare come mostruoso assassino nel film. Un lavoro fatto con la fretta nel cuore, che pesca a piena mani da Venom e dagli Xenomorfi di Alien per il design, e che sarebbe meglio inquadrare poco e magari al buio per non sfoggiare tutte le magagne. Infatti alla Challenge Films pensano bene di toccarla pianissimo, sbattendo letteralmente il mostro in prima pagina sulla locandina del film, togliendo così tre quarti del mistero attorno all'indagine, ma per non farsi mancare proprio niente, perché non aggiungere anche una bella frase di lancio, una di quelle che non ti mette per niente spalle al muro con i paragoni.

Noi siamo Venom... no, no scusate ho sbagliato film!
“Split Second”, titolo definitivo del film, esce con una “Tag-line” che sembra lo zaino di scuola strapieno di libri, sulla schiena di un bimbo gracile: «Blade Runner meets Alien». Aggiungerei che nello spazio, nessuno può sentirti suicidare con campagne promozionali programmate da un Kamikaze.

Spero che chiunque abbia partorito questo, sia rimasto presto senza lavoro.
In questo potpourri di casini, il regista Tony Maylam viene posseduto dallo spirito di Oscar Luigi Scalfaro e al grido di «Io non ci sto!», molla tutto e lascia che a completare la regia sia Ian Sharp, assistente in seconda, esperto nel dirigere seconde unità (lo aveva fatto anche per Chi ha incastrato Roger Rabbit). Anche se le scene dirette da Sharp si riducono essenzialmente allo scontro finale nella galleria metropolitana sommersa dalle acque, un finale che bisogna dirlo, risulta parecchio frettoloso, anche perché immagino Sharp dirigesse comodamente in equilibrio sopra le uova, considerando il parto che è stata la produzione di “Split Second”.

Basta dire che la bellissima Kim Cattrall, è stata arruolata talmente di corsa per il ruolo della bella fidanzata del protagonista, che non ha avuto nemmeno il tempo di lasciarsi ricrescere i capelli dopo il taglio Vulcaniano che sfoggiava in “Star Trek VI - Rotta verso l'ignoto” (1991), il che va benissimo perché dà un tocco futuristico al suo personaggio e poi parliamoci chiaro, nella scena della doccia nessuno le stava guardando i capelli, io no di sicuro. Però io almeno lo ammetto! Sporcaccioni!

Hey voi! Qui sotto! Uno una piccola didascalia che verrà ignorata! Mi leggete!?
“Split Second”, incassò risate al botteghino finendo per non coprire nemmeno i costi di produzione, ma ha saputo difendersi benino grazie al mercato dell’Home video e alle repliche televisive, dove si è costruito la sua fama e il suo zoccolo duro di appassionati, tra cui il vostro amichevole Cassidy di quartiere e la band Death Metal belga Aborted, che sulla copertina del loro disco "The Purity of Perversion" (1993), ha piazzato una scena presa da questo film (storia vera).

Ed ora, un po' di musica Natalizia per noi.
Bisogna dire che l’Europa è stata più gentile con questo film, in Francia è uscito con il titolo “Killer Instinct” (cercate di immaginarmi mentre lo pronuncio alla francese), mentre da noi è uscito con il titolo di “Detective Stone”, ma anche una locandina che pone l’accento sulla vera attrazione del film: il nostro Ruggero.

Il suo detective Harley Stone, è uno che sulla parete del bagno di casa sfoggia il logo della Harley Davidson, giusto per farci capire che è del tutto aderente al prototipo dello sbirro tosto, che lavora da solo, che ama le armi di grosso calibro («Per fortuna non hai un lancia granate», «Non me lo avete concesso»), che non si veste come gli altri suoi colleghi, e alla divisa d’ordinanza preferisce il pastrano e gli occhiali da sole tondi, anche se il futuro dove vive è buuuuuuio come il 90% dei film futuristici usciti dopo Blade Runner.

Di certo non un fautore del controllo delle armi, mettiamola così.
Stone è alimentato a caffè e cioccolata, non lavora in coppia e segue metodi non ortodossi, tipo interrogare un Rottweiler (detto “testa di cane”) come testimone, piuttosto che aver a che fare con i bipedi della sua specie. Uno così, sapete già che ha un dramma nel passato, che Pete Postlethwaite non fa altro che ricordargli con la sola presenza, perché si, un grande attore come Postlethwaite, qui viene utilizzato nell'ingrato ruolo del collega stronzo del protagonista. Ho visto caratteristi peggiori ricoprire la stessa parte nella mia vita, ve lo posso assicurare.

"Adesso caro Kobayashi, mi dici chi è Keyser Söze"
Come vuole la tradizione del Buddy Movie poliziesco, detto anche film di Strambi Sbirri, ad un tipo tosto come Stone viene appioppato il suo esatto opposto, un nerd ligio al regolamento dal nome fumettistico di Dick Durkin (Neil Duncan), non a caso appassionato di fumetti e probabilmente della sua fidanzata, che nel film non si vede mai ma secondo Dick (nome omen) fa all’amore con lui tutte le sere, ti crediamo sulla fiducia grazie, anche se come caratterizzazione, avrebbero potuto impegnarsi un pochino di più.

Loro due valgono come coppia di Strambi sbirri!
In ogni caso meglio dell’utilizzo di Kim Cattrall, che entra in scena sotto la doccia, quando è sconvolta va a fare un bagno e finisce il film nella metro allagata stile “Miss maglietta bagnata”, poi chiedetevi perché sia finita a fare la parte dell’allupata Samantha in “Sex and the city”, di fatto una forma di reazione.

"Basta, vado da Sarah Jessica Parker, questo è troppo!"
“Detective Stone” ha dei buchi logici che sono voragini, nel tentativo di far convivere, l’originale sotto trama satanista della prima bozza di sceneggiatura e la volontà di avere un mostro grosso per il gran finale, il film si gioca delle spiegazioni che non stanno né in cielo né in terra. Con gli stessi artiglioni grossi e sgraziati al posto delle dita, l’assassino lascia messaggi d’amore scritti con il sangue (in perfetta e leggibile grafia), insieme a svariati cuori al protagonista, una dichiarazione d’amore come ha prontamente sottolineato anche Quinto Moro, scritta con veri muscoli cardiaci esportati da persone ben poco volontarie, piuttosto che con le emoticons, cuoricino, bacino, cuoricino.

Tutta la soluzione del caso, che improvvisamente Dick Durkin capisce al volo, è un delirio che prevede il simbolo zodiacale di Charles Manson, del DNA di ratto e delle anime da portare all’inferno («Alleluia!»), che non si capisce bene da dove sia uscita, forse da qualcuna delle scene rimaste sul pavimento della sala di montaggio. In generale poi, “Detective Stone” viene sempre confuso e idealmente associato ad Alien, per via dello scontro finale (occhiolino-occhiolino) in acqua e il design del mostro, ma forse sarebbe più corretto paragonarlo all'altrettanto sfortunato e bistrattato Predator 2, per via dell’ambientazione urbana in un futuro che potrebbe arrivare mercoledì prossimo, e dello scontro tra sbirro tosto e creatura pericolosa, che caratterizza entrambi i film.

“Almeno prima invitami fuori a cena”
Quello che sicuramente riesce ad azzeccare questo B-Movie è la costruzione di un mondo, che con i suoi disastri ecologici, somiglia già troppo al nostro. Con una manciata di fogli verdi con sopra le facce di altrettanti ex presidenti defunti, Tony Maylam tratteggia un mondo in rovina con i ratti per strada e gli umani tappati dentro discoteche fetish, dove quella sorta di critica ecologista che è l’assassino (vuoi farti mancare anche questo nel film?), letteralmente torna a punire l’umanità per i suoi crimini. Ma la sto facendo più grossa di quello che è per davvero, “Detective Stone” ancora conquista per la capacità di Rutger Hauer di prendersi lo schermo e non lasciarlo fino ai titoli di coda.

Rutger è lì sulla tua test... lascia perdere, come se non avessi detto nulla.
In questo adorabile pasticcio che mescola thriller, momenti horror, monster movie e ambientazione da fantascienza, Rutger se la comanda con estrema disinvoltura, a ben guardare anche questo film guarda al futuro in maniera pessimistica come Giochi di morte, ma la prova di Ruggero è totalmente diversa. L’approccio fisico al ruolo è sempre lo stesso e per quanto i personaggi di entrambi i film abbiano un trauma del passato che ancora li tormenta e alimenta le loro motivazioni, Rutger qui riesce a giocarsi un registro tutto diverso per Harley Stone.

Lo vediamo a casa sua circondato da colombe (ben prima di “Ghost Dog” del 1999), oppure imbracciare un fucile e lo spettacolo del film è davvero tutto qui. Lo dobbiamo a Rutger qui alle prese con la sua versione dello sbirro tosto, personaggio che avrebbe in parte ripreso in Wanted vivo o morto, ma con una sfumatura ancora differente, perché Harley Stone è il Marion "Cobra" Cobretti, oppure il Jack Slater di Rutger Hauer, in una produzione che non ha certo potuto contare sui talenti e i budget di cui disponevano Sly e Arnold.

"Decolliamo e derattizziamo" (quasi-cit.)
Infatti non credo sia un caso se il film termina con l’eroe, abbracciato alla sua bella, impegnato a guidare (il moto scafo) verso l’orizzonte, mentre scambia battute e battutacce con il suo compare, la spalla comica. Perché questo non è altro che il finale giusto per un film così, la camminava dell’eroe verso il tramonto in stile anni ’90, infatti si esibivano in questa specialità anche titoli come Resa dei conti a Little Tokyo e Arma non convenzionale, quindi “Detective Stone” non poteva certo essere da meno!

Da “Detective Stone” in poi, Rutger ha accettato piccoli e grandi ruoli in film che andavano da Nolan a Dracula 3D (2012), sempre con la stessa professionalità, con l’aria di chi dello Star System non aveva affatto bisogno, perché come Roy Batty ne aveva già viste tante per davvero, in fondo Satana lo aveva già affrontato in questo film, e per usare le parole di Stone, contro uno così: «Comunque Satana è nella merda!».

Rutger punta verso le porte di Tannhäuser (e oltre!)
Rutger Hauer volava oltre le porte di Tannhäuser l’anno scorso, e con questa rubrica congiunta insieme al Zinefilo, speriamo di essere riusciti ad omaggiarlo a dovere. La grande lezione che ci ha lasciato Hauer è stata quella di affrontare tutti i film con la stessa professionalità e leggerezza, quindi non stupitevi se lo vedrete tornare a trovarci, per fortuna potremmo sempre ritrovarlo nei film, inoltre sarà sempre uno dei preferiti di questa Bara Volante, se non aveva nessuna paura lui di affrontare a testa alta il cinema di serie A e di serie Z, secondo voi noi possiamo essere da meno?

Tot ziens Rutger! Ed ora tutti a leggere il Zinefilo, forza via, veloci!

26 commenti:

  1. Mi sa che questo devo averlo bucato perché non me lo ricordo per nulla... Nè Hauer, nè il mostro-Alien/Venom e neppure la Catrall.
    Strano perché una roba simile non potevo certo mancarla se passava per i soliti canali (Italia 1 uber alles). Mi sa che quella sera "c'avevo judo" - cit.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. “…porta pure ma non entriiiii!” Ehm scusa, non ho resistito ;-) In effetti forse bisognava beccare il periodo giusto di repliche, ma è di sicuro un film che ha vissuto di prepotenza al videonoleggio. Cheers!

      Elimina
  2. Di questo film ricordo solo poche sensazioni: principalmente la delusione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da ragazzino questo film ha tutto: i poliziotti tosti, Rutger, i mostri, Rutger, le donne nude, Rutger, l’ambientazione figa. Ma a rivederlo è chiaro che è stato macellato dalle riscritture e dai cambi di regista, alla fine si salva proprio Rutger che è, un pesce nell’acqua considerando gli allagamenti del film ;-) Cheers

      Elimina
  3. Carabara, ti ringrazio di cuore - e non è la prima volta che mi capita - perché un'immagine vale + di 1000 parole ( soprattutto se a pronunciarle è il sottoscritto) e la foto di Rutger rilassato e col piccione mi ricorda lo Anthony Head di Buffy l'ammazzavampiri che Crepascola amava. Si assomigliano solo lì, ma naturalmente tutti ricordiamo qualcun altro: io per esempio Wylie E. Coyote, ma bizzarro. Non mi ricordo più quale regista abbia detto che Pete Postlethwaite fosse il miglior attore del mondo ( Richard Attenborough ? Jim Sheridan ? propendo per Jim, ma potrebbe essere un director che non ha lavorato con lui ). Io noto come Pete assomigliasse ad Ubaldo Lay famoso per il tenente Sheridan ( altro che sei gradi di separazione ), ma tutti assomigliano a qualcun altro...ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film di Buffy che nessuno ricordo anche se Joss Whedon continua a citarlo nelle sue interviste, ecco potrei ripassarlo e metterlo in coda alla rubrica su Rutger ;-) Anche io ricordo quell’affermazione su Pete Postlethwaite e devo dire che la condivido anche. Cheers!

      Elimina
  4. Davvero un gran peccato, perché gli elementi c'erano ed erano giusti, ma il film con Lou ha mandato tutto per stracci. (Peraltro lo ricordo un ottimo film, anche se non l'ho più rivisto dall'epoca.)
    Curioso che la produttrice nelle interviste non abbia nominato Harrison Ford: guarda caso pensava a Rutger Hauer sin dall'inizio! :-D
    Curioso poi che rifiutassero temi sonori originali e siano finiti per usare "Night in White Satin": prima facendola sentire in originale nella discoteca e poi usando varie sue rielaborazioni musicali. Alla faccia della creatività! Qualcosa mi dice che i temi scartati fossero migliori :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo ricordo abbastanza buono, ma l'ho anche visto un secolo fa quindi potrei sbagliarmi. Si certo, le conosciamo le affermazioni di questo tipo no? Si molto probabile, di quello che è stato scartato da questo film, si potrebbe fare almeno un altro film ;-) Cheers

      Elimina
  5. Beh...diciamo che come ultima tappa speravo in qualcosa di meglio.
    Ma d'altra parte...se le maglie di Ronaldo (non CR7) erano finite, tocca pigliarsi quella di Sforza.
    Speravo in The Hitcher, ma dato che quello e i migliori li avevano gia' trattati, me lo faro' andare bene lo stesso.
    Di sicuro me lo ricordavo meglio di quanto non fosse.
    Da ragazzino qualunque film avesse dentro il divino Rutger per me era un capolavoro di default.
    Ma a una seconda visione, anni dopo, ne colsi inesorabilmente una buona parte di limiti e magagne.
    Una parte, perche' la lista e' lunga.
    E leggendo dei casini produttivi che hai elencato, se ne intuisce il perche'.
    Troppa roba infilata a forza in un'unica valigia, che si ha fretta di partire. Poi finisce che scoppia tutto e si corre alla macchina raccattando a caso quel che si trova sparpagliato in giro.
    Peccato perche' l'ambientazione c'e', e alcuni personaggi sarebbero anche azzeccati.
    Ma la sensazione che lascia e' di un gran pasticcio irrisolto.
    C'e' talmente tanta di quella roba che non funziona che si fa prima a dire cosa funziona.
    Hauer.
    Questo rientra nella categoria dei film che meritano di essere visti unicamente per la sua presenza.
    Il divino Rutger da' un'interpretazione totalmente sopra le righe, e forse e' proprio per tale motivo che ci si ricorda ancora del buon vecchio Detective Stone.
    Io Killer Instinct me lo immagino col vocione meccanico del gioco per Super Nintendo (un bel clone di Mortal Kombat).
    Credo che ogni dipartita sia una perdita. Ma nel caso di Rutger, lo e' stata ancora di piu'.
    Abbiamo perso una grandissima persona, oltre che a un grande attore.
    Ciao, grandissimo.
    Ancora una cosa...mi e' riuscito di vederlo, e il fatto di non aver mai portato da noi un filmone come The Burning (che da' la birra a un sacco di slasher dell'epoca, Venerdi' 13 compreso) e' uno SCANDALO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh abbiamo finito la rubrica congiunta con il Zinefilo, non abbiamo certo abdicato a Rutger (santo patrono di questo blog) a vita, siamo in missione per contro di Rutger, lo saremo sempre ;-) Cheers!

      Elimina
  6. Eccolo, uno dei miei film d'infanzia! C'è chi cresce coi classici Disney e chi con gli scult degli anni 80 e 90. Ho già detto che andavo matto per Detective Stone? Che io lo so, si chiama così perchè è duro come la pietra (anche il suo collega cerca di convincerci della stessa cosa, ma in un altro senso)
    Io ero uno di quelli che "da grande voglio essere Stone", non importa vivere in un mondo al collasso se puoi essere l'ultimo figo della terra, andando in giro con impermeabile e stivaloni a sparare ai mostri.
    Diciamo che sulla parte del mondo al collasso ci sono, sul resto devo ancora lavorarci.

    p.s. La Kim Cattrall di questo film è la Samantha di “Sex and the city”? Non ci avevo mai fatto caso anche perchè non ho mai visto la serie ma ho comunque presente il personaggio. Strane carriere e dove trovarle.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo pensando proprio quello leggendoti, per il mondo al collasso climatico (e non solo) ci siamo, per il resto impareremo da Stone, fighi fino alla fine del mondo ;-)

      Proprio lei, di solito lo contro è tra l’altra metà del cielo che in Kim Cattrall riconosce Samantha (per inciso, penso di aver visto tre episodi e il pessimo film) e noi, che la riconoscono per “Detective Stone” e “Grosso guaio a Chinatown” ;-) Cheers!

      Elimina
    2. Giusto, anche "Porky's" ;-) Cheers

      Elimina
  7. Mi spiace che sia finita questa bella rubrica su Rutger, anche per me risulta un grande uomo, prima che attore. Ha lasciato il segno in ogni personaggio interpretato, sempre in bilico tra l'essere il buono o il cattivo della situazione, per questa sua ambiguità è sempre stato diverso dai colleghi che lavoravano in quegli anni d'oro, almeno per noi. 🕵 Stone è un pò pasticciato ma ha tanta personalità, tante frasi maschie, tipo poi sono io quello strano quando il collega gli confessa di far all'amore tutti i giorni con la fidanzata. Lo scontro finale è un pò confuso ma risulta abbastanza efficace, tra l'altro la scena finale è anche stata presa come spunto per quella di Resident Evil 4. 👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra “Resident Evil” e (pare) “Seven” sembrano essere tanti ad essersi ispirati a questo mitico pasticcio, poter di Rutger ;-) Cheers!

      Elimina
  8. Che strano film! Ne ho letto anche sul Zinefilo e davvero non ne ho memoria, come Rutger Hauer! X--D

    La cosa più inspiegabile è come la Cattrall non avesse una parrucca in Star Trek VI, comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si era fatta un taglio tattico Vulcaniano ;-) Per un certo periodo questo film è stato replicato con una certa frequenza, poi è semplicemente scomparso dai radar. Cheers!

      Elimina
  9. Lo noleggiai in VHS insieme al mio amico Ettore (che conosci su faccialibro) quando nell'annata 1993/94 avevamo formato un mini-mini-cineclub con tanto di quaderno dove annotavamo data, film e firme dei presenti (al 95% delle volte solo noi due), ma sto divagando. Un film divertente i cui tanti fracassoni elementi comunque ti restano ben impressi e quelli che dimentichi li ricordi tutti quando li rivedi, come é successo a me alla seconda visione in uno di questi ultimi anni (la memoria inizia a fare tanta acqua quanta quella nel film).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il racconto, il vostro Breakfast Club è mitico! ;-) In effetti hai detto bene, si ricordano gli elementi del film memorabili. Cheers!

      Elimina
  10. Anche io lo ruicordavo un buon film, poi ho visto la versione rimasterizzata in digitale su Italia 7 e apriti cielo: senza più le care, vecchie pellicole italiane scure e fuori fuoco di una volta, tutto si vede nitidissimo e bruttissimo: le case sembrano di cartone, le stra de di cartone, la metropolitana di cartone, e il cartone,.... di cartone.
    Il mostro poi è la quasi copia del Giudice DEATH di Batman vs Judge Dreadd

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ha una sorta di elmetto e i dentini, sembra proprio Judge Death, facile che fosse tra le ispirazioni non citate ;-) Cheers

      Elimina
    2. E non solo quello : la pistola di Stone è semi clonata da quella di Renzaburo Taki ne l'anime de "la città delle bestie incantatrici " )

      Elimina
    3. Ti credo sulla parola purtroppo non lo conosco, dovresti segnalarlo a Lucius, lui sta tenendo conto delle fanta armi ;-) Cheers

      Elimina
  11. Questo l'ho visto per la prima volta in TV e fu amore a prima vista. Non mi stupisce che non abbia più di tanto incassato al cinema, ma seppur pieno di difetti resta per me un cult

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ci sono film che anche se pieni di difetti ie vojamo bene!
      Anche per me resta un film culto, soprattutto per la presenza del grandissimo Hauer.

      Elimina