domenica 21 giugno 2020

Star Rats - Capitolo 4 - L’ultima speranza: non si può patteggiare con il signor Bardecchi

L’appuntamento mensile con la saga palindroma di Leo Ortolani si rinnova, anche il quarto capitolo di Star Rats è una lettura lampo che si divora tutta d’un fiato, tranne per le pause obbligatorie, quelle necessarie per ridere delle numerose battute.


A Leo Ortolani piane utilizzare le dinamiche che vengono fuori facendo dialogare un personaggio estremamente serio, con uno estremamente… pirla si può dire? Diciamo pirla allora. Visto che fino a questo momento Stella si era rivelata una protagonista con la testa sulle spalle, indossando la maschera gialla del Rat-Man per il suo addestramento come cavaliere dell’oroscopo, assume tutte le peculiarità del topo di Ortolani. Insomma diventa pirla.

Pirla, ma pragmatica, questo bisogna dirlo.
Ecco perché l’allenamento condotto dal maestro Valker diventa uno spasso, uno scontro generazionale pieno di gag da morire dal ridere, in particolare quando l’anziano maestro (che abilmente Ortolani tratteggia un po’ Obi-Wan Kenobi, un po’ l'anziano Luke Skywalker ma anche molto Darth Vader, specialmente nell'ultima “Splash page”) confessa di essere ancora in connessione con la sua vecchia maschera, quella che ancora oggi gli fa sentire cose orribili, cose che nessuno dovrebbe mai ascoltare. Come la musica Trap ad esempio.

Intanto l’oscuro imperatore, con la sua aggressiva campagna elettorale basata su promesse false  - insomma come qualunque altro normalissimo politico -, ha conquistato la galassia, quindi ora potrà attivare la sua flotta spaziale per distruggerla. Perché distruggere la galassia dopo averla già conquistata? Solo per dimostrare che lui può farlo (Stacce!).

Aspettando Godot Gudèn.
A rallentarlo solo il puntiglioso signor Bardecchi, il giudice di gara selezionato (si vocifera durante una serata tra amici da “Alcolismo e Natura”) che intrappola il piano dell’imperatore tra le pastoie della burocrazia e del brutto carattere di Bardecchi, mamma mia quanto puntiglio in un solo uomo!

Battuta d’arresto per il Supremo Loden, che soffre le pene (eh-eh) d’amore per la bella (o il bello? Bah!) Bebi, quindi in questo capitolo si dedica a cercare di imparare a suonare la chitarra per dedicarle una serenata. Che è comunque molto di più di quanto facesse la sua controparte cinematografica (Kylo Ren, anche noto come Kylorecchie) negli ultimi tre film di Star Wars.

La riuscita cover di un classico di Venditti.
Ortolani trova anche il tempo di “citarsi addosso” (eh ma che schifo! Così davanti a tutti!), inserendo una trovata meta-fumettistica: l’allenamento di Stella per diventare un cavaliere dell’oroscopo prevede la lettura di alcuni vecchi numeri di Rat-Man. Il che mi ha aperto gli occhi ad una verità ormai lampante… forse sono un cavaliere dell’oroscopo anche io! Ho tutta la collezione, anche gli speciali a colori con cui Ortolani racimola soldi!

Insomma, anche il quarto capitolo di “Star Rats” è uno spasso in cui si ride moltissimo, anche se la storia qui tira il fiato per prepararsi al salto (… fletto i muscoli e sono nel vuoto!) rappresentato dal finale. Per nostra fortuna ci sono ancora due numeri di questo gioiellino, francamente non vedo l’ora di leggerli.

Trovate i post dedicati ai capitoli di "Star Rats" pubblicati fino ad oggi qui sotto:
Star Rats - Capitolo 1 - Stella
Star Rats - Capitolo 2 - Il male colpisce ancora!
Star Rats - Capitolo 3 - La maschera

6 commenti:

  1. Macche', in edicola mica mi riesce di trovarlo.
    Mi sa che lo recupero quando esce in versione completa, da libreria.
    Diciamo che gli arretrati del Ratto tendono ad esaurirsi in fretta.
    Intanto vado avanti col Gigante, che sono arrivati alla saga di Topin.
    La storia che gli ha fatto perdere cinquemila lettori, a detta di Ortolani.
    Io la trovo...sorprendente.
    La dimostrazione che l'autore e' in grado di lavorare su temi molto piu' foschi e oscuri, dove le battute e la deficienza del protagonista risultano addirittura piu' stridenti e sgradevoli del solito.
    In un certo senso sta gettando le basi per il rush finale.
    D'altra parte...uno non puo' andare avanti a fare le stesse battute per tutta la vita.
    Anche Rat - Man, qui, perde finalmente l'innocenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho apprezzato molto il modo in cui Ortolani ha usato nel corso della saga Tòpin, da generatore di battute a lato oscuro di Ray-Man, davvero brillante. Cheers!

      Elimina
  2. Aggiungo che quelli per il Ratto restano i soldini meglio spesi, del mio budget mensile.
    Non rischia mai, di deludermi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, questo "Star Rats" uscirà di sicuro in volume (anche a colori penso), sto aspettando il volume di Leo sui Dinosauri, prenotato é in arrivo. Cheers!

      Elimina
  3. Come scrivo sempre Leo non si ferma mai, un libro è appena uscito, uno arriva il prossimo mese, poi toccherà di nuovo a Bao, e c'è Star Rats da ultimare... meglio decisamente per noi! Ma come gli è uscita quella del signor Bardecchi? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo so ma mi ha fatto morire, che poi se ci pensi è abbastanza un classico dell'umorismo di Ortolani il signore dal nome comune che spunta, però funziona sempre. Anni a mantenere le scadenza per la "Collection" sono abitudini radicate, un metodo di lavoro costante ;-) Cheers

      Elimina