domenica 19 aprile 2020

Rock 'n' Blog: Il buio si avvicina

La musica e il cinema mi mandano da sempre giù di testa, quindi perché non celebrarli entrambi in una rubrica di musica e colonne sonore che serva a farvi alzare il volume ricordando che l'alba arriverà molto presto.



Titolo del pezzo: Near Dark (Soundtrack)
Artista: Tangerine Dream
Tratta dal film: Il buio si avvicina (1987)

Aggiungo solo un estratto dal mio commento al film dedicato proprio a questo pezzo:

Sapete come dicono, no? Che quando sposi una ragazza, sposi anche la sua famiglia e quella di Mae è abbastanza particolare, trattandosi della storia più vecchia del mondo, dopo che un ragazzo ha incontrato una ragazza, ora tocca farsi accettare dai suoi ed entrare idealmente nel “clan” che, poi, è quello che interessa davvero raccontare a Kathryn Bigelow.

La famiglia è come il vampirismo, dura in eterno.
Molti dei personaggi raccontati al cinema da Katrina, sono attratti e allo stesso tempo provano repulsione per l’ambiente in cui si ritrovano e molto spesso sono vittime di un’ossessione (molte volte di natura amorosa) che sfocia in una dipendenza, dettaglio che non può essere più chiaro di così in questo film. Caleb che ha perso il suo posto nel mondo, dipende completamente da Mae che, infatti, deve nutrirlo facendogli bere il suo sangue dal braccio, in una scena che Kathryn Bigelow sottolinea inquadrando le trivelle per l’estrazione del petrolio, in azione sullo sfondo dietro ai protagonisti, per essere più chiari di così, avrebbe dovuto sostituire per un momento, all’ipnotica colonna sonora elettronica dei Tangerine Dream, un pezzo come “Vampire blues” di zio Neil Young.

I'm a vampire, baby, suckin' blood from the earth (Cit.)

14 commenti:

  1. Sai che i Tangerine Dream avevano rifatto anche la colonna sonora di Legend di quello Scott che non apprezzi con Tom Cruise e Tim Curry per l'uscita americana dopo le deludenti proiezioni europee?
    Nonostante ciò il film rimase un fiasco, ma a me piace, forse perché Mia Sara è stupenda in quel film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corretto, e per altro hanno curato anche la colonna sonora di Il salario della paura sottovalutatissimo filmone di William Friedkin. "Legend" dovrei rivederlo, penso di averlo visto solo alcune volte tempo fa, vorrei rivedere la versione integrale, ma poi penso che mi sta un po' sulla balle il fatto che lo Scott sbagliato utilizzi le "Director's cut" per correggere le magagne dei suoi film. Cheers!

      Elimina
  2. Buona Domenica a tutti!!
    Magnifica occasione per parlare di una piccola perla finita nel dimenticatoio.
    Come ho detto e ripetuto...un'interessantissima variazione sul tema vampirico.
    Soprattutto sulla figura del non - morto in quanto ribelle ed anti - conformista.
    Che la nostra Kat abbia un (magnifico) modo tutto suo di vedere le cose lo si e' visto, soprattutto dopo.
    Non si fa problemi a mostrare quello che difficilmente ci si aspetterebbe da una regista. Ed in piu' ci aggiunge quel tocco di sensibilita' femminile che dona al tutto un tocco di insolito. Di imprevisto. Di entusiasmante.
    Piu' o meno quello che ho provato leggendo STAZIONE UNDICI di Emily St. John Mandel(consigliatissimo).
    L'umanita' che si vede li' e' davvero decimata, perduta e senza futuro. Ma la speranza sopravvive.
    Una delle cose piu' tragiche e disperate che abbia letto, ma di una dolcezza che commuove.
    Un uomo, tanto per intenderci...non avrebbe mai potuto scrivere cosi', a parer mio.
    Kat e' una con le palle, davvero.
    Non ti aspetteresti mai una scena in stile snuff come quella di Strange Days.
    Kat non teme di sporcarsi le mani e far sputare sangue.
    Ma nonostante la tensione e la crudezza, il fulcro e' la storia d'amore tra Lenny e Mace.
    Come qui.
    Certo...alcune scelte le ho trovate un po' meh.
    Tipo il metodo usato dal padre (e dal protagonista) per far guarire dal morbo vampirico.
    Rischiosissimo. Secondo la narrativa classica, avrebbero rischiato di finire vampirizzati a loro volta.
    Ma ci sta, dai.
    E poi...mi aspettavo un bel duello tra vampiri in stile RAGAZZI PERDUTI, e invece...
    Il principe, guarito e sul suo cavallo bianco va a salvare la sua bella.
    Ci mancava di solo di sentire "Streets of Laredo", per stare dalle parti del vecchio Garth.
    Ma ci sta pure questo.
    Da riscoprire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché di fatto "Near Dark" è un western, Katrina ne voleva dirigere uno, ma ha dovuto "sporcarlo" con altro per renderlo vendibile, e grazie al film di Schumacher in quel periodo tiravano i vampiri, mai chiamati con questa parola in "Il buio si avvicina". Cheers!

      Elimina
  3. La sensazione che qualcosa arrivi c'è, e non è proprio qualcosa di bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, non avrei saputo descriverlo meglio questo pezzo ;-) Cheers

      Elimina
  4. Perfetta colonna sonora di una domenica di quarantena :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ho scelto una cosina per stare sereni, ne abbiamo bisogno ;-) Cheers

      Elimina
  5. Pensavo fosse cantata, e invece è una colonna sonora così 80's che sembra anche da videogame.
    Non trovi?
    Stupenda.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' si, ma hai detto bene anni '80 al 100% ;-) Cheers

      Elimina
  6. Ebbi la fortuna di vederlo al cinema...mi sembra ieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, questo film deve essere ancora più grande visto al cinema. Cheers!

      Elimina
  7. La canzone la conosco bene ma il film, nonostante lo abbia visto, non lo ricordo per niente.
    Bellissimo pezzo anni 80!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pezzo è grande ma anche il film, mi stupisce che tu non ne conservi memoria ;-) Cheers

      Elimina