mercoledì 22 gennaio 2020

Heat - La sfida (1995): Lo sbirro, il boss e la bionda

Il vecchio Quinto Moro mi ricordo che diceva: se vuoi fare il blogger non devi avere affetti o fare entrare nella tua vita niente da cui non possa sganciarti in 30 secondi netti se senti puzza di sbirri dietro l'angolo. Oggi questa Bara è tutta per lui e per un capolavoro di Michael Mann.

Tutti i cinefili hanno un rapporto speciale con qualche film. Sono come i chiodi di una bara ed oggi, cari fratelli e sorelle, siamo qui riuniti per celebrare uno dei più robusti chiodi piantati sulla mia bara personale che – più che volare – va alla deriva nel buio, “con le luci che vanno e che vengono” e non perché la città sia vergognosamente a corto di energia (Cit.), ma perché siamo nella Los Angeles notturna di Michael Mann.
I protagonisti di Heat sono dei veri animali notturni, non dormono mai, “tipi zelanti, mai una pausa”.

“Che sto facendo? Parlo al telefono da solo, perché c’è un uomo morto dall’altra parte di questo schermo del cazzo” (Bob nel suo momento badass)
A Los Angeles Crime Saga
Più che una tagline pubblicitaria, una dichiarazione d’intenti: il film è una saga del crimine, ci racconta tutto un mondo. Le tre ore di durata non pesano, con la prima ora e venti che scorre liscia presentando i personaggi, vero fulcro del film. Neil e la sua banda sono rapinatori professionisti, e li conosciamo mascherati da giocatori di hockey più spaventosi di un Jason Voorhees qualunque, coi mitra al posto di mazze e machete, all’assalto di un furgone portavalori. Tra le fila della banda c’è un uomo nuovo, il barbuto Waingro, che va ad innescare l’intera vicenda, e a più riprese torna nel racconto come elemento negativo, una maledizione che aleggia su tutti i personaggi e vera nemesi di Neil, professionista misurato e impassibile. Al contrario, lo sbirro Vincent sembra una sorta di alter ego dello stesso Neil, ma all’estremità opposta della curva.
Heat è un’epopea del poliziesco e del gangsterismo che non inventa niente, ma usa tanti cliché del genere e una tecnica solida per mettere in scena un intreccio di storie umane. I personaggi sono la storia, invischiati nel groviglio delle loro vite, senza rifiniture idealistiche ma presentati con un realismo amorevole e crudo. È per il poliziesco quel che C’era una volta il west è per il western e non sto esagerando.

Al in una tipica posa da “Miami Vice”. Bob in una tipica posa da “Ma dici a me?”
Un po’ di storia: da “L.A. Takedown” a “Heat”
Mann aveva buttato giù una prima bozza del copione alla fine degli anni ’70, riscrivendola e affinandola nel corso degli anni. Andò anche ad offrirlo a un certo Walter Hill, ma non se ne fece nulla.
La storia si nutriva di tanti episodi e aneddoti di vita vera, presa tanto dai poliziotti quanto dai criminali. Nel corso degli anni le ricerche di Mann contribuirono ad arricchire il progetto, che avrebbe dovuto portare ad una nuova serie criminogena, dopo l’esperienza da produttore di “Miami Vice” e “Crime story” al fianco di Chuck Adamson, ex sbirro datosi alla sceneggiatura. La celeberrima chiacchierata tra Al Pacino e De Niro nella caffetteria è uno degli episodi realmente occorsi ad Adamson mentre dava la caccia al “vero” Neil McCauley.
La NBC doveva produrre la serie ma voleva sostituire Scott Plank, protagonista nel ruolo di Vincent Hanna. Plank e Mann avevano già lavorato insieme a Miami Vice, e se volete la mia Plank rientrava nel physique du rôle per un personaggio del genere. Mann rifiutò di sostituirlo, la NBC rifiutò la serie e il girato del potenziale episodio pilota divenne il film tv “L.A. Takedown - Sei solo agente Vincent” (1989).
“L.A.” è una sorta di bozza di Heat, realizzata con meno fondi, meno attori di talento e meno tempo per girare. Parte della storyline c’era già, ma mancava tutto l’intreccio dei personaggi secondari. Il dualismo tra Vincent e Neil c’era già, e al di là della confezione da serial anni ’80, “L.A. Takedown” è una solida espressione del crime-drama. Ma non corrispondeva ancora all’idea di Heat che Mann aveva. Dovette aspettare il successo commerciale e di critica arrivato con “L’Ultimo dei Mohicani” per avere i punti credibilità da spendere nel grande progetto. All’epoca pare che Mann avesse in cantiere un biopic su James Dean, mai realizzato per dare finalmente sfogo al progetto della vita, covato per più di dieci anni.

1989: lo sceriffo Mann e i suoi vice sul set di L.A. Takedown
Il film in una parola
Mi sono chiesto a lungo il vero significato del titolo, anche perché l’italico “La sfida” non c’entra una ceppa. Ok, si può intendere come una sfida tra i due protagonisti, ma nessuno dei due sfida apertamente l’altro, è più uno scontro. Solo che “Heat – Lo scontro” non suona ugualmente figo, né lo sarebbero state traduzioni letterali tipo Heat – la calura, il bollore, la ribollita. Avrebbe generato incomprensioni meteo, pruriginose e culinarie.
In gergo “the heat is on” significa che un fuoco è stato acceso, è scattata una scintilla, e si può anche intendere come stare sul filo del rasoio. Il che spiega tutto lo sviluppo del film. La trama in sé è piuttosto tipica, con Neil e la sua banda pronti a fare il colpo della vita. È l’intreccio di storie a funzionare, con eventi che si muovono lentamente, destinati ad avere conseguenze prolungate. Il fuoco è appiccato dalla rapina iniziale che finirà per influenzare tutti gli eventi successivi, sino all’ultimo minuto. La prima rapina è l’opposto del MacGuffin, è il punto di deviazione ed incrocio per storie che erano già in movimento, lì si scontrano e da lì non torneranno più indietro. Se scoppia un incendio, c’è chi si salva e chi si brucia. The heat is on.

Heat - La sfiga. Mai fare rapine di venerdì 13!
Il cast è una vera Manna, un coacervo di facce giuste per ogni ruolo. De Niro è il capobanda quieto e pericoloso, come tenesse al guinzaglio la bestia dentro, scatenandola ad ogni grilletto premuto senza enfasi né rimorso. Ma non vuol dire che sia un personaggio freddo, è solo plasmato dalla vita criminale, e si dimostra profondamente umano nel corso del film.
Al Pacino, più che uno sbirro, è un cacciatore di criminali, affamato di nuove prede da inseguire. Sempre teso, pronto a scattare come una molla, tanto che Al si fece l’idea che il “suo” agente Vincent pippasse cocaina. Nel film non ce n’è la minima traccia o riferimento, è l’idea che Pacino aveva coltivato per far esplodere Vincent alla sua maniera.

Al descrive la cosa che più lo manda su di giri. Forse.
Storie di uomini e donne
Nel titolo ho scherzato con “lo sbirro, il boss e la bionda” per la chioma fluente di Val Kilmer. La storyline del suo personaggio è la terza per importanza, è una specie di fratello minore per Neil che fa di tutto per proteggerlo. Donnaiolo spendaccione sposato ad una Ashley Judd (pure lei stranamente bionda) che incarna bene la compagna del criminale, volitiva e consapevole. Proprio le donne sono il contrappeso ad ogni personaggio maschile, e rappresentano ciascuna un aspetto diverso. Il fatto che Neil si leghi ad una ragazza normale e solitaria è lo specchio del suo personaggio e delle sue speranze, un desiderio di normalità che il mestiere non gli consente. Ad Amy Brenneman, che interpreta la nuova fiamma di Neil, non piaceva lo script per la troppa violenza e il modo di agire spietato dei personaggi. E Mann la volle proprio per questo! Come il suo personaggio non apparteneva a quel mondo ed aggiungeva una minima nota di normalità e distacco per quel mondo. Però ho sempre trovato che il suo seguire Neil sia forzato, e serva solo mostrare la scelta finale di Neil. È forse l’unico difetto della sceneggiatura.
Molto più significativo il rapporto tra Vincent e la sua terza moglie ben interpretata da Diane Venora, emblema del tentare e fallire la convivenza con uno sbirro consumato dal mestiere. La figlia problematica (Natalie Portman al suo secondo ruolo dopo Léon) dà un ulteriore rifinitura per quella confusione che si muove intorno alla vita di Vincent, ed aggiunge un tassello importante nel finale.

Charlene, Justine, Eady, Lilian: donne, tu-du-dù, vittime di sempre
[SPOILER] Se da un lato le donne di Heat sono il contrappeso alle vite disordinate dei loro uomini, finiscono travolte da quel disordine. Sono i veri personaggi tragici, molto più degli uomini che seguono le proprie scelte e inclinazioni personali, facendone ricadere le conseguenze sulle compagne. Vale per tutta la banda di Neil, dal primo all’ultimo membro.
Quando non finiscono abbandonate (come le compagne dei protagonisti), restano vedove (le mogli dei personaggi secondari). Oppure sono vittime dirette (le prostituite di Waingro e la madre di una di loro, la moglie di Trejo, la figliastra di Vincent abbandonata del padre biologico). [FINE SPOILER] Eppure hanno ciascuna diversi livelli di indipendenza, volontà, fedeltà. Ciascuna si pone diversamente all’interno delle relazioni di coppia. Charlene è il personaggio più complesso, quella che vive una relazione paritaria e difatti in pieno contrasto, è quella più consapevole delle debolezze del marito. Justine è quella costantemente esclusa ma resiste nella speranza di trovare un equilibrio con Vincent, rendendosi conto di scena in scena che non è possibile. Eady è l’ignara ragazza per bene, autonoma e solitaria. Lilian incoraggia il compagno a tenere duro dopo l’uscita di galera, ed esprime un forte calore umano.
[Per altre riflessioni sulle donne in Heat vi rimando a questo articolo]

Per anni ho considerato superfluo il personaggio dell’autista e della sua compagna, comparse in un disegno più grande. Ma rientra nell’idea di voler aggiungere un tassello al campionario di storie criminose, di vite che si incrociano anche in modo del tutto casuale. Un’altra pagliuzza bruciata.
La visione di Mann è che “tutti quanti hanno una vita”, tanto i criminali quanto gli sbirri, e non sono scatole chiuse. Le storie di sbirri e criminali si incrociano, e non si schiera da una parte né dall’altra.

Due leggende a bere caffè, così, come se niente fosse.
L’incontro tra De Niro e Pacino è un momento meta-cinematografico. Vero che i due attori avevano lavorato insieme a “Il Padrino, Parte II” ma non avevano girato alcuna scena insieme. Proprio per il loro percorso artistico nel corso degli anni ’70 e ’80 sono tra i massimi attori di quel ventennio (e della storia). Vederli nella stessa scena è sempre un’emozione al di là del film stesso.
In lingua originale mi ha stupido come i due protagonisti sembrino più giovani, non solo per il tono delle voci ma proprio nell’interpretazione. Ferruccio Amendola e Giancarlo Giannini danno un’impostazione molto matura, appaiono più “consumati” rispetto alle controparti originali. Giganteggiano tra i giganti, dando qualcosa di loro ai personaggi e arricchendo il film. Ah, i bei tempi andati del doppiaggio.

La voce dei giganti
Tecnicamente Mannifico
Arrivati a 1 ora e 40 minuti, quando molti film hanno detto già tutto, Heat ha solo iniziato a scaldarsi. La situazione precipita verso la scena dell’assalto alla banca: una sparatoria che ha fatto scuola, per l’ampiezza dello scenario, il realismo e la gestione degli uomini sul campo. Mann la gira tutta ad altezza d’uomo, incollato ai volti dei protagonisti che diventano maschere di tensione. La scena è spettacolare ma non spettacolarizzata, il sonoro portentoso riempie lo schermo e le orecchie.
Nella scena emerge tutta l’anima da cacciatore di Vincent: Al Pacino sembra in una vera trance agonistica, si muove con una tensione fisica palpabile. Mi fa sempre un effetto boia vederlo che imbraccia il mitra con lo sguardo di chi spara per uccidere. Gli spari in presa diretta non sono campionature farlocche, le fiammate sulle canne dei fucili, il caos. È un fottutissimo momento di guerriglia urbana.
La colonna sonora vera e propria è centellinata e si sposa alle atmosfere del film, ma non è mai invasiva, emerge solo nei momenti più emotivi e si spegne nel clou dell’azione, lasciando che spari, urla e vetri infranti facciano il loro sporco lavoro.


Il montaggio è pulito, non esaspera la narrazione con stacchi continui, nemmeno nell’assalto alla banca dove l’azione è leggibile nonostante ci si trovi nel caos totale. Mann dà fondo a tutto il campionario di scelte registiche: ci mostra i personaggi da lontano, con campi lunghi, li segue alle spalle in brevi piano sequenza. A volte spara primi piani portentosi, che da qui in poi diventeranno un suo marchio di fabbrica: il primo piano “alla Mann” è spesso decentrato, con lo spazio per la scena sullo sfondo che mantiene la sua importanza, come a rendere più forte un’attesa o tirar fuori il personaggio dal mondo per un attimo, mentre fa una rivelazione (vedere per credere anche Insider, Alì, Public Enemies).

Sembra una scena di “Insider”. Mann era così avanti da presentarci il suo film successivo.
La fotografia dà grandi soddisfazioni. Mann è un animale notturno e adoro la sua Los Angeles nei contrasti buio e luci in movimento. L.A. sembra fredda anche sotto il sole, un luogo abitato da personaggi duri e incasinati con vite dure e incasinate, senza apparire mai sozza come una New York qualsiasi. Molte scene in esterni sono girate con luce naturale, cosa che dà sempre un certo fascino.

Come raccontare un personaggio con un’inquadratura: Neil nell’antro spoglio e freddo di casa sua, con uno sguardo all’orizzonte vuoto.
La cosa che mi affascina di Mann è il tentativo di cogliere gli aspetti sfuggenti della mentalità criminale, una sorta di fatalismo ben riassunto nelle parole di Jon Voight: lo sbirro può riuscire o fallire, il ladro ha una sola via. Tanto più che tutto il background di Neil si riassume in un unico elemento che si fa ossessione: è stato in galera, una delle peggiori, e non intende tornarci. Allora tanto vale vivere costantemente sul filo del rasoio, o morire tentando il grande colpo. Dall’altra parte c’è il fatalismo degli stessi poliziotti, con Vincent che non odia i delinquenti, fatalmente ne accetta l’esistenza e lui è lì per combatterli. Non odia che ce ne siano così tanti e gli impediscano di avere una vita normale. E non incolpa la moglie perché non sia in grado di accettare fino in fondo il suo agire, né incolpa se stesso, semplicemente perché come tanti poliziotti è costretto a “vedere con gli occhi più di quanto la loro anima possa sopportare”. Perciò Mann rinuncia a mitizzare tanto i ladri quanto gli sbirri, guardandoli con lo stesso rispetto. Perché nel bene e nel male sono solo uomini. Una razza vecchia.

P.S.
Cassidy mi ringrazia come sempre per l’eccellente lavoro svolto mentre lui stava in vacanza a sbronzarsi. Ringrazio voi lettori perché siete il miglior pubblico che abbia mai avuto (sento applausi e mortaretti dagli spalti, grazie, troppo buoni).
E vi invito a scoprire qualcuno dei miei racconti QUI. Dal vostro Quinto Moro è tutto, a te la linea Cass!

32 commenti:

  1. per me il miglior film poliziesco di tutti i tempi.

    avrei tolto la sottotrama di weingro ma va bene così-

    batman con heath ledger è un film soppravalutato ma l'inizio( christopher "se non mi capite è un problema vostro " nolan ha ammesso di avere copiato heat) è davvero fantastico


    rdm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di tutte le sottotrame, quella di Waingro direi che è fondamentale! Senza Waingro tutta la parte finale sarebbe diversa.
      Nolan prese forti spunti da Heat, facendo vedere il film alla crew, per dare un'idea delle atmosfere che voleva ottenere e di come gestire una storia con intreccio prolungato e ampio cast.
      Da quel punto di vista è stato un buon allievo, anche se Mann resta il maestro.

      Elimina
  2. Il mio film preferito in assoluto!
    Grande commento (come sempre)
    Grazie di cuore Cassidy ❤
    - Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato anche il mio preferito per un paio d'anni. Ha fatto maturare molto i miei gusti.

      Elimina
    2. Non ho fatto nulla, io sono a sbronzarmi felice. I complimenti vanno tutti a Quinto Moro ;-) Cheers

      Elimina
    3. Grazie Quinto Moro ❤
      ��
      - Andrea

      Elimina
  3. Devo dire che di Michael Mann non ho apprezzato per niente il film Miami Vice perché non aveva più nulla della serie tv (che invece era fighissima).
    Mentre amo da pazzi Collateral con Tom e Jamie.
    Questo invece devo recuperarlo assolutamente perché è collocato in un periodo in cui ho visto poco cinema e tv.
    Ma prometto che lo farò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miami Vice lasciò freddo anche me, Collateral invece è un altro gran film. Heat assolutamente da vedere, è il più rappresentativo dello stile di Mann, ci ha messo tutto se stesso.

      Elimina
  4. Che film da paura!

    Il grande cinema anni 90 in tutto il suo splendore. Poi, io non faccio testo, pensa che mi è piaciuto anche Il film di Miami Vice..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piace tutto di Mann. Miami Vice l'ho visto solo due volte, tecnicamente era ottimo ma più "freddo" nei personaggi.

      Elimina
    2. Già incredibilmente visto che di solito i personaggi nei suoi film sono piuttosto calorosi.

      Elimina
  5. film mitico, nient'altro da dire

    RispondiElimina
  6. In effetti credo che Nolan debba parecchio a Mann, specie per la scena della rapina con passamano all'inizio de Il Cavaliere Oscuro.
    Che dire...Mann mi ha sempre colpito.
    Sin da piccolo, quando mi sparavo Miami Vice - Squadra Antidroga (lo so, c'avevo i problemi).
    Stiloso come pochi, con soluzioni registiche e visive totalmente inedite per un prodotto di stampo televisivo.
    Addirittura i finali aperti...e poi frenetico, ipercinetico, con una colonna sonora da urlo e stacchi e luci da videoclip.
    Mai visto niente di simile.
    Heat e' la sua opera omnia, il suo opus magnum. L'opera a cui pensava da una vita. E in cui ha infilato tutte le sue visioni, suggestioni, ispirazioni.
    Erroneamente e' passato alla storia come il De Niro vs. Pacino, quando i meriti sono altri.
    Se non sei un regista grandioso, non te ne fai nulla di due fuoriclasse.
    Che qui invece si piegano alle esigenze della storia e dell'autpre, regalando una performance strabiliante.
    Regia, fotografia, interpreti, intreccio...tutto perfetto, senza una sbavatura.
    Persino i comprimari come Sizemore, Voight, Levine e Studi.
    Persino Kilmer, nonostante l'ego smisurato.
    E' un meccanismo perfetto, da orologio svizzero. Dove, come dici tu, in realta' nessuno ha un effettivo merito.
    Si prepara il colpo. Con tutti gli imprevisti del caso. Tipo l'escluso che fa l'infame, la soffiata da parte di un informatore, e il detective che fa due piu' due.
    Alla fine spesso dipende dal caso, la riuscita o il fallimento di un colpo.
    Ma capitano agli sbirri abili e pronti a riconoscerla, la botta di fortuna.
    Come Hannah.
    Mann, da perfezionista incallito, e' abile a mostrare anche la parte sommersa. Con la preparazione, i basisti, e cosi' via. E lo fa in modo impeccabile. Da sempre chiede la collaborazione di galeotti ed ex- poliziotti per avvicinarsi il piu' possibile al reale.
    Alla fine e' tutto un meccanismo, come dicevamo prima. Che si mette in moto e muove tutte le componenti e gli ingranaggi. Persino coi sentimenti.
    Con le donne e gli amori i film di Mann hanno un rapporto strano.
    Non c'e' corteggiamento, frequentazione e poi...forse, poi.
    Sono istintivi. Animali. Si annusano, si piacciono, si riproducono. E via.
    Non c'e' tempo per i preamboli, il loro e' un mondo schiett, duro e sporco.
    Persino Hannah e McCauley si piacciono, a fiuto. Si riconoscono tra simili.
    E si chiedono se ci si possa fermare, in modo da evitare un macello.
    Ma lo sanno che non si puo'.
    E' partito qualcosa di piu' grande di loro, e loro ci stanno in mezzo.
    La scena della rapina sarebbe stato un finale pazzesco, e Mann ce la piazza a tre quarti di film.
    Mi ricordo che l'avevo vista in un bar, su in maxischermo, visto che quella sera non c'erano partite dei mondiali.
    Sembrava di stare in guerra. Proiettili che fischiavano da tutte le parti. Roba da mettere la testa sotto al tavolo.
    Ma dopo questa c'e' la fuga, gli addii, e il confronto finale. Ma prima Neal deve sistemare il traditore.
    Ce l'avrebbe fatta, se non avesse perso tempo. Ma lui e' un uomo d'onore.
    Non si mette in situazioni da cui non puo' fuggire entro trenta secondi. Ma non lascia conti in sospeso con nessuno, prima di sparire. E non fa sconti, non importa a quale prezzo.
    Capolavoro, anche se un po' sottovalutato. Vuoi per la presenza dei due divissimi che oscura immeritatamente tutto il resto, e vuoi perche' molti lo hanno trovato un puro esercizio di stile fine a se' stesso.
    Imbecilli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Se non sei un regista grandioso, non te ne fai nulla di due fuoriclasse." Come dimostra "Sfida senza regole" (2008) che riportava Al e Bob insieme. Ricordo quasi con tenerezza un'intervista a Jon Avnet, il regista, che sembrava quasi ammettere di essere lui il limite del film e di non essere stato in grado di sfruttare appieno il potenziale dei due attori.

      Elimina
  7. Questo sì, altroché gli heist movie di adesso, se ne salvano proprio pochi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli heist movie recenti di qualità sono pochi, mi vengono in mente solo "Inside Man" di Spike Lee (2006) e Baby Driver di Edgar Wright (2015).
      Nel 2018 c'è stato "Nella tana dei lupi (Den of Thieves)" con Gerard Butler che si ispirava chiaramente (e goffamente) a Heat, anche se la versione arrivata da noi in sala era falcidiata dai tagli. Aveva una sparatoria finale con inseguimento a piedi presa paro paro da Heat, anche nel sonoro.

      Elimina
    2. IM mi è proprio piaciuto.BD più la prima parte. La seconda davvero banalotta e sopra le righe.

      Elimina
  8. Il poliziesco definitvo americano (nonostante sia anche in parte un heist movie).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta in bilico tra i due mondi, dei ladri e dei poliziotti. Non sai mai per chi tifare.

      Elimina
  9. Questo fu uno dei primi titoli "adulti" che mi fece andare sotto in maniera pesante (l'altro fu "I soliti sospetti"). Visto alla sfinimento tanto da ammettere che ogni singolo dettaglio, compreso il tizio che "acchiappa le cose su Internet", è frutto di un lavoro di cesello assurdo dove spiccano due diamanti: Bob e Al. Sfida totale la loro con un Pacino in overdose costante (secondo me è palese che Vincet pippi alla grande, anche solo per non sbroccare dopo aver visto ogni cosa tipo la madre che mette il neonato nel microonde perché "Non la smetteva di piangere!") mentre De Niro è un felino a cui non "devi rompere i c@glioni". La rapina a mano armata per il centro di L.A. ha fatto scuola visto che l'hanno copiata cani e porci (anche GTA ne ha attinto a piene mani).

    Ma solo io penso che Eady sia una prostituta? All'inizio credevo fosse la tipica ragazza per bene, posata, sfortunata nella vita amorosa, che cerchi un compagno di vita come lei. Poi, riguardando il film: una che approccia Neil in una tavola calda, che gli dice frasi tipo "Io sono molto sola", che non lo smolla quando scopre cosa fa il fidanzato,... Tutto mi porta a pensare che sia una prostituta e che in cambio di una bella vita è disposta ad accettare il male che alberga nel compagno. E tra i due ci sia un tacito accordo.

    Al di là di questo, gran bel film Moro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza scordarsi la bellissima citazione visiva ad Edward Hopper, tocco di classe!

      Elimina
    2. Non ci riesco proprio a vedere Eady in quel senso!
      Non ne ha l'aspetto (veste normale, senza un filo di trucco) né l'atteggiamento. Quando si incontrano Neil appare come un tipo affascinante, molto elegante e distaccato, l'ha incrociato altre volte e ci sta che una donna sola possa approcciarsi così. Il "sono molto sola" è in una scena coerente, ormai l'ha invitato a casa sua. Non mi è mai passato per l'anticamera del cervello di considerarla una prostituta.
      Anche in L.A. Takedown Neil incontrava casualmente la sua ragazza, poi lo mollava.
      In Heat che lei rimanga sino alla fine la considero una forzatura che serve ad applicare la massima dello "sganciarsi in 30 secondi netti appena senti puzza di uno sbirro".

      Elimina
  10. Bella recensione, mi hai fatto venire voglia di rivederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quinto Moro ci ha messo cuore e cervello per il resto, siamo qui per questo ;-)

      Elimina
  11. Io amo mann da manhunter
    Per non parlare dell'effetto devastante che vissi vedendo la serie miami vice
    Non si era mai visto nulla del genere in un telefilm
    Oggi ovviamente sembra naif anche lei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Manhunter" potrei vederlo ogni settimana, non mi stanca mai. Thomas Harris è stato fortunato (inizialmente) con i registi al cinema. Cheers

      Elimina
  12. Eh già: La sfida suona meglio di qualunque altra cosa, e ho sempre pensato che fosse un titolo anche meta-testuale. A indicare la sfida cinematografica dei due big italoamericani del cinema hollywoodiano.
    Che, appunto, non si erano mai incontrati prima.
    Bello sottolineare il fatto che la pellicola vuole raccontare vite generali, quotidiane e connesse di poliziotti e criminali^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il solito sottotitolo inutile Italiano mirava proprio a quello, a sottolineare la presenza di Al & Bob. Come se volti e nomi in cartellone non bastassero ;-) Cheers

      Elimina
  13. Questo arriverà anche tra i miei Rewind nel 2020, fui molto indeciso tra lui e "Manhunter" lo scorso anno, ma alla fine scelsi il drago. "Heat" lo vidi al cinema con il babbo, estimatore assoluto di Robert fino al midollo. Non so esattamente cosa dire di fronte a questo film, tutto quello che mette in scena non è che lo faccia nel migliore dei modi, lo fa imponendo una nuova vetta qualitativa che ha fatto scuola (provocando molti danni), dopo di lui. Cioè a mio modo di vedere c'è il genere poliziesco/gangster pre e post "Heat". Sceneggiatura: bomba. Musiche: bomba. Montaggio: bomba. Fotografia: bomba. Attori: bomba. Regia: lacrime di gioia a ogni secondo. Il fatto è che Michael Mann a parte quel passo falso de "La Fortezza" è un regista che da parecchi giri di pista a chiunque. Allora molti criticarono questo film, oggi molti dei registi più blasonati (vedi alla voce Nolan) si ispiarano o confrontano con la pellicola in questione. Quando uscì al cinema "Miami Vice" tutti a uralre alla lesa maestà, ma ogggi quanti si rifanno alla camera a mano di quel film? Su Mann potresti fare una delle tue serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mann è giù in programma, non so se per il 2020, ma comunque sarà protagonista di una rubrica, infatti a Quinti Moro l'ho detto, tu fai il tuo post tranquillo, un film così si merita anche due post, perché è uno di quei capolavoro che più lo vedi, e più ti restituisce indietro qualcosa. Cheers!

      Elimina