domenica 22 dicembre 2019

Rock 'n' Blog: Gremlins

La musica e il cinema mi mandano da sempre giù di testa, quindi perché non celebrarli entrambi in una rubrica di musica e colonne sonore che serva a farvi alzare il volume ricordando di non dar loro da mangiare dopo mezzanotte!


Titolo del pezzo:
Artista: Jerry Goldsmith
Tratta dal film: Gremlins (1984)

Aggiungo solo un estratto dal mio commento al film dedicato proprio a questo pezzo:


Persino le musiche del grande Jerry Goldsmith sono un modo per farsi gioiosamente beffe del Natale, tanto che ad un certo punto, in un trionfo totale del cinema sulla finzione, i Gremlins cantano il tema del loro stesso film in versione canto natalizio davanti alla casa della Signora Deagle, ma se volete proprio saperla tutta bambini, il tema musicale di “Gremlins” è ancora quello che il vostro nonno si canticchia tra sé e sé con più frequenza ad ogni occasione utile, anche se ormai è passato tantissimo tempo dalla mia vecchia tessera del videonoleggio.

La-La-La-Laaa Laaa Laaaa! La-La-La-Laaa Laaa Laaaa! (occhio che posso cantarvela tutta eh?).

12 commenti:

  1. Pupazzi, tanti pupazzi qui, nella Storia Infinita, in Labyrinth, e in quanti altri film che non invecchieranno mai...
    P.s. anche Baby Yoda in moltissime scene è un pupazzo come i muppets.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà per quello che é piaciuto fin da subito? Sono cresciuto con questi pupazzi, e non farei cambio con niente. Cheers!

      Elimina
  2. Diciamo che in questo fantastico film le musiche non sono il pregio maggiore, anche se la canzoncina potrei cantarla tutta anch'io :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Jerry Goldsmith ha sempre avuto la capacità di sfornare colonne sonore (e temi principali) ingrado di piazzarsi tra i neuroni senza andarsene mai più, un talento che a tanti compositori anche di talento, spesso manca. Anche il tema dei Gremlins ha la stessa forza, ogni tanto me la canticchio da solo, questo per dirti dei miei problemi ;-) Cheers

      Elimina
  3. Altro film che torna spessissimo alla vigilia, specie a notte fonda.
    E che torna piu' che mai attuale, specie in questi tempi di crisi.
    E' un Natale triste per molte famiglie, in quel posto.
    Strangolati dai debiti, dalla banca e da una vecchia megera che tiene tutti sotto guinzaglio.
    Soldi, soldi, soldi. Non si parla d'altro, alla facciazza del Natale. Di quelli che non ci sono, di quanto farebbero comodo e di quanto se la spassano quelli che ce li hanno.
    Giusto per ritirare in ballo il discorso aperto con Landis.
    Sembrano tutti sull'orlo di una crisi di nervi, li'.
    Alla fine, l'unica cosa buona che fanno i mostriciattoli e' di far fuori la vecchia strega che rende la vita impossibile a tutti.
    Ma, a parte quello...non cambia nulla, nonostante la minaccia venga debellata.
    I debiti restano, e la vitaccia resta quella di sempre. E molte persone hanno finito col perdere persino quel poco che avevano e che gli rendeva la vita un po' meno amara.
    Ma si tira avanti, in un modo o nell'altro. Come sempre.
    Uno di quei miracoli che hanno saputo unire in un'unica pellicola risate e spaventi in egual misura.
    Nelle parti horror fa ancora il suo sporco lavoro, e da' la birra a moltissimi film di oggi.
    Mi spiace solo che il sequel sia stato cosi' snobbato: e' molto meglio di quel che si dice in giro, a mio giudizio.
    Un'ultima cosa: vale lo stesso discorso per altri film come il primo sulle Turtles, o Howard il papero.
    Come avete detto giustamente in un commento, l'impiego di pupazzoni, mascheroni e animatroni vari rendeva i personaggi molto piu' credibili e "vivi" di molta roba in CGI che gira oggi. Talmente perfetta da essere finta.
    Ma non e' solo una questione di realismo.
    Ti ci affezionavi, ecco la verita'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui da queste parti non mi sentirai mai parlare male del seguito, sono patologico lo so ;-) Per altro anche il secondo capitolo ci dava dentro sulle disparità del ceto sociale, certo era più caciarone ma anche quello metteva in chiaro da che parte stava Joe Dante, con quelli più poveri ma anche più responsabili per certi versi. Cheers!

      Elimina
  4. Forse è un cavillo, ma dopo mezzanotte è sempre, qualsiasi ora.
    O viene specificato fino al sorgere del sole? Non mi sembra, ma potrei sbagliare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello non è un cavillo, è IL mistero del film, tecnicamente è sempre dopo la mezzanotte, ma nel film si fa ironia delle regole (i poliziotti che ridendo chiedono delucidazioni al protagonista), penso sia da intendere dopo il tramonto, ma fa anche parte del mistero delle creaturine ;-) Cheers

      Elimina
  5. Un'annottantata pazzesca. Ci ho messo un minuto a scrivere la parola "annottantata" (ora due minuti)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É stata un'annottantata che ci ha segnati tutti, neologismo già leggendario il tuo ;-) Cheers!

      Elimina
  6. Che spettacolo! La canticchio ogni anno, emulando proprio i gemlins che fanno il coro natalizio, più colo loro "gnè gnè gnè" che col "pa pa pa pa papà" 😆

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccone un altro che se la canticchia! Grande qui ci sta il Bro-Fist di Natale ;-) Cheers

      Elimina