sabato 21 dicembre 2019

Bad to the bone: I fratelli Duke

Non sono solo i buoni a fare la storia del cinema, molto spesso i cattivi sono altrettanto iconici, e questa rubrica è tutta per loro, quei fantastici bastardi che amiamo odiare, cattivi fino al midollo: B-b-b-b-b-b-b-bad, bad to the bone!


Nome: Mortimer e Randolph Duke
Hanno “fatto brutto” in: Una poltrona per due (1983)
Amiamo odiarli perché:
Sono in grado di far sembrare Ebenezer Scrooge un filantropo dal cuore d'oro, inoltre beh, abbiamo passato tutte le vigilie di Natale con loro, alla fine uno un po’ si affeziona no?


Aggiungo solo un estratto dal mio commento al film dedicato proprio a questo pezzo:

I Fratelli Randolph e Mortimer Duke decidono di fare un “Esperimento sociologico”, scambiando il lavoro e le vite delle due cavie, trasformando un Broker di successo in un criminale e viceversa, montepremi? Il solito… Visto che avete visto il film almeno sei volte già sapete!

[...] Oppure la scena, fantastica, in cui i Duke spiegano a Billie (O William) il suo lavoro, gli mettono di fronte oltre all’oro, tutto per fare colazione, quando vede la pancetta Randolph dice: “Le persone come te ne sono ghiotte”, mettendo in chiaro la sua visione razzista del mondo, reazione di Billie Ray? Il marchio di fabbrica di John Landis (uno dei tanti) lo sguardo in camera di Eddie Murphy che cerca in noi spettatori un minimo di consolazione. Genio!


Lo sguardo in camera Landisiano... Classico dei classici!
[...] Landis ha fatto totalmente sua la storia, immagino già sappiate che i Duke tornano in un breve cameo in un altro film di Landis sempre con Eddie Murphy (”Il Principe cerca moglie”), film che magari potete aver visto, in replica sullo stesso canale che passa questo a Natale.

32 commenti:

  1. ahhah è vero, i più cattivi di tutti! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo cercando un cattivo adatto per il fine settimana prima di Natale, poi ho avuto la folgorazione, sono veramente senza cuore questi due ;-) Cheers!

      Elimina
  2. Si, e' vero.
    Cattivissimi fino al midollo.
    Le versioni umane di Zio Paperone, solo che il vecchio taccagno ogni tanto qualche slancio di bonta' ce l'ha.
    Ed e' proprio questo il loro tratto distintivo.
    L'essere taccagni.
    Ruota tutto attorno alla banconota da un dollaro.
    Che per loro e' quanto vale la vita di un uomo.
    Giocano con la vita delle persone, trattandole come pedine. Sono pieni di soldi fino alle orecchie, e tuttavia ne vogliono sempre di piu'. E agiscono in un sistema creato su misura per loro, che gli permette di tirare le fila e diventare ancora piu' ricchi ("Siamo noi Duke ad aver inventato tutto questo! E se io dico di rimettere in funzione, voi rimettete in funzione!!").
    La tracotanza di essere al di sopra dello stato, della legge, di tutto.
    Che se loro dicono una cosa...quella e'.
    Perche' la verita' sta una parte sola.
    LA LORO, naturalmente.
    Eppure...considerano una misera banconota come META' DEL LORO SANGUE.
    Due esseri spregevoli, punto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La feroce critica di John Landis ad una una fetta della popolazione americana (coff COFF i Repubblicani Coff! CoFF!) e di conseguenza del mondo occidentale, nel film di Natale più cattivo di sempre, per quello è diventato un classico, anche grazie a due grandi cattivi ;-) Cheers

      Elimina
    2. Tra l'altro ho sempre avuto l'impressione che Landis si sia ispirato alla famosa storia "La banconota da un milione di sterline" di Twain.
      Ribaltandola completamente, pero'.
      In fin dei conti il principio e' lo stesso.
      Vedere o meno se e' l'ambiente, a fare l'uomo.
      E comunque...meno male che Louis definisce Wall Street "L'ultimo residuato del capitalismo del mondo occidentale."
      Levami una curiosita': ma non e' che niente niente hanno cannato un filo la traduzione?
      O forse pensava davvero che il sistema americano sarebbe davvero crollato su se'stesso e avrebbe trionfato il blocco sovietico facendo diventare tutti comunisti?
      No, perche' vaglielo a spiegare che trent'anni dopo QUELLO, e, diventato il modello per eccellenza.
      Con la storia del libero mercato e' tutto in vendita, ormai.
      E' la new economy, ragazzi.
      Se hai i soldi, puoi. E chi non li ha...peggio per lui.
      Senza contare che e' la finanza, a comandare l'economia. Quando dovrebbe invece basarsi sul lavoro.
      E invece sgobbi come un mulo, e poi vedi un papavero che ti mostra un grafico e ti dice MI SPIACE, NON BASTA.
      Landis, Dante, Romero e il maestro John avevano capito tutto.
      Ti fanno illudere che un giorno potrai iniziare la scalata, che prima o poi tocca a tutti.
      Ma se non fai parte della cerchia giusta...potrai sbatterti quanto vuoi. Ma di quella maledetta scala non riuscirai a salire neanche mezzo gradino.
      E chi sta sopra ride di te e dei tuoi inutili sforzi.

      Elimina
    3. Nella versione doppiata Louis dice «Questo è l'ultimo bastione del capitalismo rimasto sulla terra», traduzione precisa ma a cui manca una parola chiave rispetto all'originale «"The last bastion of pure capitalism left on earth», l'ultimo bastione del puro capitalismo. Quindi per Louis è come una cattedrale, quasi un luogo sacro, il senso è un po' quello ;-) Cheers

      Elimina
    4. Ah, ecco.
      Thanks per la delucidazione, Cass.
      Ho sempre avuto il forte sospetto che qualcosa non tornasse, nella traduzione.
      Cosi' il discorso fila, invece.

      Elimina
    5. Figurati, sono qui per questo ;-) Alla fine una parola cambia molto il senso. Cheers!

      Elimina
    6. Due veri pezzi di... cattiveria!
      In più razzisti, misogini, classisti... Insomma sono degli stereotipi viventi.
      Però sono anche due cattivi che hanno fatto storia, nel bene ma direi più nel male!!
      Rifacendomi a quanto cita l'amico Redferne, tutti i maestri che elenchi, se non sbaglio, sono partiti da umili condizioni di partenza, quindi hanno dovuto salire la china con fatica e impegno, quindi sanno bene quanto è dura riuscire a cambiare la propria situazione sociale e anche quando, in teoria, sarebbero arrivati in alto, hanno comunque sempre dovuto combattere per affermare le loro idee e far emergere il proprio talento... Quindi nei loro film il messaggio relativo alla scalata sociale è sempre presente, però, come diceva John Spartan, un pò bisogna sporcarsi...

      Elimina
    7. Saranno anche degli stereotipi viventi, ma li trovo sinistramente agli stereotipi viventi che si trovano in giro, milioni di dollari a parte ;-) Cheers

      Elimina
    8. Hai ragione, non ti si può dare torto, se ne vedono tanti in giro. Sarà perché è Natale!? 👋

      Elimina
    9. Più di quello che si vede tra Natale e Capodanno, mi preoccupa quello che si vede tra Capodanno e Natale ;-) Cheers

      Elimina
  3. Non sono cattivi, è che sono str*, che è peggio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha si in effetti a volte il confine è spesso molto labile ;-) Cheers

      Elimina
  4. Lo sguardo in camera è dirompente come la risata inventata da Tonino Accolla. Però bello bello, ma non credo che lo riguarderò per la milionesima volta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io credo che lo rived...AHAHAHAH ma che cacchio dico, sarò davanti alla tv come sempre, le tradizioni vanno rispettate ;-) LO sguardo in camera è il marchio di fabbrica di Landis, e mi fa sempre morire dal ridere vederlo nei suoi film. Cheers!

      Elimina
  5. Io la scena finale della borsa non la capirò mai :D Hanno fatto articoli apposta per spiegare il meccanismo della borsa americana. L'importante è che i due riccastri finiscano in rovina come ogni anno :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha la chiave é nelle parole di Louis, compra a poco vendi a a tanto ;-) Cheers!

      Elimina
  6. In realtà il film si ispira al musical "my fair lady" di ci è una versione maschile cinica e bastarda.
    Ed è bello vedere come nel finale, Murphy e Akroyd sono due bastardi tali a quali ai vecchietti che hanno giocato con le loro vite ( quanti lavoratori hanno mandato in miseria solo per una vendetta personale ? )
    Insomma, i soldi ti rendono una me++da senza scampo , sembra dire Landis.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Landis non le manda a dire, persino Coleman si prende un maggiordomo, il che è tutto detto. Unica differenza, i protagonisti hanno patito e noi con loro seguendo le loro vicende, ma il messaggio resta forte e chiaro. Cheers!

      Elimina
  7. Ma donne in questa rubrica niente? Cioè, tipo Regina Ravenna, Alex Forrest, Bellatrix Lestrange, ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre quello che entra in un locale per ultimo ;-) Dammi tempo, nella mia lista di cattivi soggetti, ci sono anche le signore (storia vera). Cheers!

      Elimina
  8. Ma sai che non mi ero mai accorta dello sguardo in camera??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo trovi in quasi tutti i film di John Landis, è proprio uno dei suoi marchi di fabbrica, insieme alle scimmie, le donne nude e il mitico "See you next wednesday" ;-) Cheers

      Elimina
    2. Ma anche nei blues brothers ci sono questi elementi?

      Elimina
    3. In quello mancano, ma perché Landis lo ha scritto insieme a Dan Aykroyd che aveva i suoi piani ;-) Cheers

      Elimina
  9. Rivisto questa vigilia in tuo onore (mancava da qualche anno e mi hai fatto venire voglia di rivederlo) livelli di cattiveria e umorismo non da poco! 'quel ragazzo non ha proprio niente che non va' 'scherzi? È negro!'
    Quindi sì, i fratelli Duke&Duke meritano uno scranno in prima fila tra i cattivi, anche se devo dire che - saranno i soldi - ci entrano con un certo stile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I soldi fanno la differenza, mentre sono molto felici di averti spinta a rivedere un capolavoro, il film di Natale più cattivo di sempre, non le manda certo a dire le sue critiche alla società. Cheers!

      Elimina
  10. Viva il cameo in Un Principe Cerca Moglie, non viene mai citato abbastanza! Per me è ciò che lo rende il sequel non ufficiale di Una Poltrona Per Due (ora metto il DVD, tanto ancora non ho tolto gli addobbi natalizi).

    "I negri sono gente musicale, Randolph."
    Che bello quando si poteva usare la parola con la G in mezzo, senza che i buonisti rompessero il cazzo! 😍
    La continuerò ad usare fino alla morte (anche perché non ho mai conosciuto nessuno di origini africane a cui desse fastidio, è solo una fantasia del bianco ipocrita) e non datemi del razzista, perché Eddie Murphy è il mio attore preferito della mia infanzia! Oggi comunque nella top 10!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi lo chiameremmo Landisverse! :-D Un termine il cui uso è cambiato anche (anzi, specialmente) negli Stati Uniti, ora è ufficialmente dispregiativo, ma il doppiaggio "ignorante" Italiano rende il film ancora più divertente, alcune battute fanno più ridere doppiate, tipo quando Murphy vede la signorina molto pettoruta in camera sua, la frase in Italiano fa ridere cento volte di più ;-) Cheers

      Elimina
    2. Landisverse, mi sono subito innamorato del termine, padre sorella madre! 😍 hamleeehhh!
      Alla fine ho messo davvero il DVD, seguito dal principe Akeem! Ho fatto nottata 😅 tanto la signora era influenzata e io non avevo sonno.
      E quando lo riguardo, durante le scene più divertenti, cambio l'audio per curiosità (ho meno di 10 DVD, altrimenti tutto digitale, quasi tutti con il solo audio italiano, se non lo faccio con quei pochi...) e sì, l'originale è sempre almeno un pizzico inferiore.

      Elimina
    3. Prima o poi approderà anche il principe Akeem su queste Bare, è da fare per forza, anche perché a Dicembre me lo sono rivisto (per la serie, ogni scusa è buona!). Cheers

      Elimina