sabato 14 dicembre 2019

Bad to the bone: Clarence Boddicker

Non sono solo i buoni a fare la storia del cinema, molto spesso i cattivi sono altrettanto iconici, e questa rubrica è tutta per loro, quei fantastici bastardi che amiamo odiare, cattivi fino al midollo: B-b-b-b-b-b-b-bad, bad to the bone!
Nome: Clarence Boddicker
Ha “fatto brutto” in: Robocop (1987)
Amiamo odiarlo perché:
Kurtwood Smith era il padre inflessibile di "L'attimo fuggente" (1989) ma in tv e al cinema ha coperto anche molti ruoli da bravo ragazzo, eppure niente, ci voleva quel geniaccio di Verhoeven per trasformarlo in uno di quei cattivi che non si dimenticano. La sua cantilena prima di sparare ad Alex Murphy non si dimentica.

Aggiungo solo un estratto dal mio commento al film dedicato proprio a questo pezzo:

Per fortuna, mi sono reso conto che anche da bambino per qualche ragione, ho sempre visto la “Director’s cut”, la riconoscete perché è quella dove la morte dell’odiato Clarence Boddicker (“Sayonara Robocop!”) si vede bene in primo piano e allo stesso modo la mano di Murphy staccata di netto ("Dategli una mano") è un altro di quei dettagli con cui sono cresciuto a cui tengo moltissimo e questo vi dice dei miei problemi!

Se in questo momento state facendo "Ne nene nene ne..." avete vinto un cinque alto!
Ma proprio braccia e mani sono l’occasione per Verhoeven di lanciare stilettate alle parti molli del suo pubblico (grazie Paul!), quanti di voi non hanno sempre trovato terribile ed irritante il “Ne nene ne, ne nene ne…” di Boddicker, cantilena di tortura degna dei migliori horror, personalmente ho sempre trovato un pugno in faccia quando un attimo dopo, dalla soggettiva dell’ormai defunto Alex Murphy, sentiamo i medici tutti felici di essere riusciti a salvare il suo braccio, solo per poi sentire Bob Morton dire “Via il braccio!” come se parlasse di un etto in più affettato dal macellario, brrrr…

Vi ricordo lo speciale sul poliziotto di Detroit della Bara Volante!

26 commenti:

  1. Ah, però! Questa cosa non la sapevo! Pure io nella videocassetta avevo quella. Penso anche alla Tv.
    Comunque cattivo dal fascino intellettuale. Poi ha amicizie tra i potenti che gli tengono il fondoschiena parato. "Clarence, io non ti arresto più". Il povero Robocop s' era stufato. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti per Robocop non è bastato incastrarlo con confessione, meglio perché più il cattivo è sadico più l'eroe ne esce bene, infatti il loro scontro finale è il finale di un "revenge movie". Cheers!

      Elimina
  2. "Robocop" l'ho visto una volta sola, mi ricordo la faccia di Kurtwood Smith ma, siccome quando lo vidi ero fresco di "Twin Peaks", la mia attenzione era focalizzata sul personaggio di Ray Wise...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi Ray Wise interpreta un generico sgherro, ma é così tanto Ray Wise che anche nelle retrovie risulta magnetico. Cheers!

      Elimina
  3. Ah! eccolo lì! Non c'è niente da fare. Se si fa un azzeccato ruolo da cattivo, puoi fare cento ruoli da buono, ma il cattivo ti rimarrà appicciato per sempre!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissima, quando compare in "Rambo 3", ci trasforma tutti nel bambino sospettoso di "Last Action hero" ;-) Cheers

      Elimina
  4. Effettivamente sono tanti i pugni nello stomaco in questo film, questo è uno ma non è l'unico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paul Verhoeven una carezza in un pugno, anzi un pugno in un altro pugno ;-) Cheers

      Elimina
  5. Kurtwood Smith è il fratello non ufficiale di Michael Ironside, almeno io li ho sempre visti così :D E tutti e due hanno spesso interpretato dei grandi bastardi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove si firma per un film dove entrambi recitano facendo ovviamente la parte dei cattivi? ;-) Cheers

      Elimina
  6. Nemmeno io sapevo della scena: cioè, ho sempre visto questa.
    Lui... mitico^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nelle repliche televisive nostrane secondo me passavano già quella senza censure. Altri tempi davvero ;-) Cheers

      Elimina
  7. Cattivo d'eccellenza: anche quando fa il buono è comunque cattivo!!! :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho certo bisogno di ricordarlo a te, però era cattivo anche in "That '70s Show" :-D Cheers

      Elimina
  8. Nonostante la pelata e gli occhialetti da impiegato del catasto, hanno dato vita ad un cattivo coi fiocchi
    E stronzissimo davvero come pochi. Al punto che quando finalmente tira le cuoia si gode sul serio.
    Cinico, sadico e nichilista. Al punto che non esita a liquidare i suoi stessi complici, quando sgarrano una volta di troppo. O a sacrificarli e usarli come scudi umani per salvarsi la pelle.
    E' freddo e distaccato. Ma al contempo costantemente su di giri fino all'eccesso. E non gli importa ne' della legge, ne' di qualunque altro essere vivente all'infuori di lui.
    Uccide come se niente fosse. Perche' e' cosi' che considera gli altri.
    Niente.
    E i suoi quattro fedelissimi non sono da meno (la combriccola che ha crivellato Murphy).
    Ammazzano, rubano e prendono cio' che vogliono come e quando vogliono.
    Un vero branco di bastardi, che girano in modalita' "omicidio" perenne.
    "Sal, Sal, Saaal...stasera giocano...tu du dum!! I Tigers!! Non vorrai mica perderti la partita, vero?!"
    Eppure, visto che e' pappa e ciccia con Dick Jones, e talvolta e' il suo braccio armato...come sempre si scopre che il vero barbone veste firmato e vive nelle zone di lusso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personaggio memorabile, braccio armato di un cattivo stronzissimo a capo di una banda di sgherri micidiali, "Robocop" era un film che avrebbe potuto donare cattivi ai film meno fortunati ;-) Cheers

      Elimina
    2. Ragazzi, soprattutto Red, ma avete visto il trailer di Maverick?
      Dirò un'eresia ma non mi sembra male... Mi sa che, però, hanno seguito pedissequamente la lezione di Cassidy per i seguiti: ovvero riproporre la stessa storia (rivalità "macha", partitone a beach volley, uno dei piloti muore con annesso funerale in pompa magna, combattimento finale con i cattivoni) semplicemente con una bella cura di steroidi (e aggiungendoci anche un pò di belle figliole ché non guastano mai)...

      Elimina
    3. Non lì guardo, so solo che hanno messo Jennifer Connelly il che mi basta ;-) Cheers

      Elimina
    4. Mamma, Jennifer Connelly, quanto mi piace... Anche la sua versione "italiana", ovvero Vanessa Gravina, mi ha sempre fatto impazzire. Belle ed eleganti allo stesso tempo... Che donne!!

      Elimina
    5. Ti dico solo che ieri ho rivisto "C'era una volta in America" (storia vera). Cheers

      Elimina
    6. Anche a 14 anni aveva un suo perché!!! Inoltre hai fatto lo spoiler sul prossimo post!! ;)

      Elimina
    7. Beh ma devo ancora scriverlo (storia vera) e poi sicuro che sarà il prossimo? Questa Bara è piena di sorprese ;-) Cheers

      Elimina
    8. L'importante è che la Bara non mi diventi un ovetto Kinder, con tutte queste sorprese!! 😜

      Elimina
    9. Magari con le mangiate di Natale :-D Cheers

      Elimina
  9. Robocop l'ho visto al cinema nel 1987 a 12 anni e la scena della mano che si spappola mi ha poi seguito negli anni successivi, soprattutto per la sensazione di stupore unito a dolore /rassegnazione trasmessa dal povero Murphy che per il senso di raccapriccio; Clarence poteva semplicemente sparargli subito in testa, invece è davvero un sadico balordo, vuole far provare sofferenza, paura e dolore ai massimi livelli alla sua vittima, per questo quando finisce (giustamente) a miglior vita ricordo perfettamente l'ovazione in tutto il cinema (e nella mia testolina)!
    In ogni caso personaggio memorabile e veramente ben caratterizzato, sembra davvero un condensato di Inferno sceso sulla terra e insieme al viscido Dick Jones formano un'accoppiata vincente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio quello che vuoi da un cattivo no? Specialmente in un “revenge movie” come “Robocop”. Dick Jones è un altro che prima o poi finirà in questa rubrica ;-) Cheers

      Elimina