lunedì 14 ottobre 2019

Ad Astra (2019): Ernesto, Evaristo, pensateci voi

Ernesto: «Finisce sempre così, ci porta a vedere ‘sta roba poi si addormenta e noi a subirci il film».
Evaristo: «Ma Ernesto vedila come un’occasione per ampliare gli orizzonti cinematografici, non possiamo sempre e solo guardare film di John Carpenter»
Ernesto: «Ah no?»
Evaristo: «Ok, non ho fatto l’esempio giusto, noi guardiamo sempre film di John Carpenter, però cogliamo l’occasione, per aspera ad astra!»
Ernesto: «Nel dubbio a soreta»
Evaristo: «Vedi come sei? Questo è il nuovo film di James Gray, è un grande autore sai?»
Ernesto: «Ottimo direi… Era da inizio film che volevo dirlo hi hi hi»
Evaristo: «Sei proprio un coglio…»
Ernesto: «AH! Parola tabù devi pagare da bere!!»
Evaristo: «Questa giornata va di male in peggio, però guarda! Guarda che bella scena iniziale l’astronauta Brad Pitt cade nel vuoto durante l’addestramento! Dài, non puoi dirmi che non è una figata, guarda la regia! James Gray è bravo dài»
Ernesto: «Touché… Ma quella è Liv Tyler? Cioè mi fate tutti i raffinati che Armageddon è una cagata e poi mi portate a vedere una roba con Liv Tyler e gli astronauti?!?»
Evaristo: «Ma vedi che devi sempre semplificare, qui la storia è diversa, Tommy Lee Jones è il veterano che fa…»
Ernesto: «Il trivellatore e poi l’astronauta giovane si trivella la Tyler e lui lo insegue sparandogli a pallettoni!»
Evaristo: «No! Tommy Lee Jones è un grande astronauta come Buzz Aldrin»
Ernesto: «Quindi Brad Pitt è lo sceriffo Woody?»
Evaristo: «Ho detto Buzz Aldrin non Buzz Lightyear! Ma perché non sono nato monorchide!»

«Ha l'elmetto, la tuta e poi vola anche», «Si, ma ti ho detto che non è Buzz Lightyear!»
Ernesto: «Eva? Ma ti sei arrabbiato?»
Evaristo: «Zitto fammi guardare il film in santa pace, tu che parli, quello scemo che dorme»
Ernesto: «No, Eva senti, ma tu che stai seguendo, cosa è successo esattamente?»
Evaristo: «Oh mammasaura, allora Brad Pitt è figlio d’arte, suo padre è tipo il più grande astronauta della storia, dei picchi di energia minacciano la vita sulla Terra, per salvare l’umanità viene mandato Brad Pitt, visto che le ricerche coinvolgono sua padre scomparso da anni»
Ernesto: «Manca la bomba atomica e gli Aerosmith»
Evaristo: «Ti ho detto di no! James Gray è un autore, dove altri avrebbero giocato la carta della spettacolarità, lui gioca per sottrazione tenendo fede alle sue tematiche. Anche “Civiltà perduta” era la storia di una ricerca interiore e poi il tema chiave della famiglia che per Gray è importante fin da “Little Odessa” oppure “I padroni della notte”, infatti vedi il protagonista è pacato, perché mantiene sempre 80 battiti»
Ernesto: «Potevano mandarci il fenomeno che ci ha portato a vedere il film, lui ne ha anche meno di 80, senti come se la russa beato... Lui!»

«Però è una bella scena no?», «Ci avrei messo un chitarrista che spara fiamme dalla chitarra però si dai, non male»
Evaristo: «Ma scusa davvero non ti piace? Hai visto com'è stata ricreata la vita sulla base lunare? Sembra “Spazio 1999” e poi l’inseguimento sui Rover, dài dimmi che non è una super scena quella!»
Ernesto: «Ma non lo metto in dubbio, però che palle lo senti questo quanto parla? Sembra la prima versione di Blade Runner, con la voce narrante del protagonista ficcata dentro per il terrore di perdersi il pubblico»
Evaristo: «Ernè, hai davvero fatto una critica cinematografica costruttiva? Potrebbe essere questo il giorno più bello della mia vita?»
Ernesto: «Non ti scaldare, mi sono solo distratto, ero occupato a fare altro»
Evaristo: «Altro cosa esattamente? Visto che stiamo qui pendenti?»
Ernesto: «Stavo cercando foto di Live Tyler nuda su internet»
Evaristo: «Come di preciso? Non hai nemmeno le dita per digitare»
Ernesto: «Wi-Fi, 4G. Come sei vecchio»
Evaristo: «… A volte mi spaventi lo sai? Ernè la scimmia!! Guarda una scimmia!!»
Ernesto: «Oddio una scimmia! Forse c'è un po’ di speranza per questo film»

«In "fuga dal futuro" si allenavano per andare nello spazio», «Quelli erano scimpanzé, questo è un babbuino, tutto ti devo spiegare»
Evaristo: «Sì, perché vedi, è una specie di “Cuore di tenebra”, l’astronauta di Brad Pitt viaggia non su un fiume, ma nello spazio, ogni tappa affronta una difficoltà, vedi la scimmia è un po’ come la tigre di “Apocalypse now”, la sua missione è trovare una sorta di colonello Kurtz, impazzito ed interpretato da un grande attore come Tommy Lee Jones»
Ernesto: «Ah, tutta roba nuovissima e fresca, perché non siamo andati a vedere “Apocalypse now final cut” almeno lì due donne nude si vedevano, ‘sto film sembra la sagra della salsiccia invece!»
Evaristo: «Vedi come sei? Poi non è vero, guarda è tornata Liv Tyler»
Ernesto: «Liiiiiiv! ESCILE!!! Niente, recita con il cappotto cacchio»
Evaristo: «Ernè a te Harvey Weinstein ti spiccia casa»

«Vinciamo noi, Grace», «Sei un caso disperato, non ci voglio più parlare con te»
Ernesto: «Se se vabbè, ma a parte rifare roba di Coppola, Kubrick e il Solaris sbagliato del TUO amico Soderbergh questo film racconta anche qualcosa di nuovo?»
Evaristo: «A parte che Soderbergh al massimo è amico TUO, mio non di sicuro, però vedi è una grande metafora, una ricerca interiore, Brad Pitt così trattenuto, è sempre vissuto all’ombra del padre, Donald Sutherland è un surrogato paterno e salvando il mondo, in realtà, salva se stesso, è metaforico»
Ernesto: «Cioè, a parte il fatto che si sa che i figli d’arte se la vivono male, guarda Cristiano De Andrè, oppure Jakob Dylan, però mi stai dicendo che siamo qui a vedere due ore di uno con un irrisolto paterno? Avessi voluto vedere un film con persone con problemi paterni irrisolti guardavo un porno!»
Evaristo: «A parte che ti trovo sempre monotematico, però non è così sbrigativo questo film, per essere forse il primo lavoro più commerciale di James Gray è estremamente coerente come tematiche»
Ernesto: «Ma non lo metto in dubbio, però questo qua per ritrovare papà ha sterminato mezza galassia!»
Evaristo: «Sì, perché è un personaggio egoista, è un bambino non ancora cresciuto»
Ernesto: «Ho capito! Ma vai dallo psicologo cazzarola! Si è lasciato dietro più cadaveri di Jason Voorhees!»

«Ci possiamo rivedere “Space Cowboys” dopo questa roba? Almeno quello era figo», «Sai che mi hai quasi convinto?»
Evaristo: «Sei un caso irrecuperabile, mi disturbi quasi quanto il fatto che nel doppiaggio dicano sempre “classificato”, io “classified” lo avrei tradotto “riservato” mi sembra più logico»
Ernesto: «Eh sì, è proprio questo il problema del film, mi mandi ai matti quanto ti metti a fare lo Spock della situazione»
Evaristo: «Senti, ma è un brutto film scusami? Te la senti ti affermarlo? Hanno anche messo dentro una scimmia!»
Ernesto: «Quello no, scorre anche discretamente e il pianeta rosso tutto di colore rosso è figo, però tra questo che continua a sottolineare l’ovvio con la sua voce narrante, di fatto è un enorme già visto spaziale e poi Brad Pitt mi sembra troppo vecchio per fare l’astronauta»
Evaristo: «Vabbè, allora qui stai chiedendo alla gazzella di correre, la gravità e la sua assenza nel film è gestita tutta allo stesso modo, che sia sulla Luna, su Marte oppure su un’astronave inoltre anche l’ossige…»
Ernesto: «Perché ho parlato? Perché? Non lo sopporto quando inizia a fare il nerd!»

«Mi era piaciuto di più quando sbranava i tizi nel film di Tarantino», «Quello era il Pittbull, questo è Brad Pitt!»
Evaristo: «Vabbè ho capito non ti è piaciuto, però l’idea della ricerca di vita intelligente nello spazio è sempre affascinante»
Ernesto: «Nello spazio forse, sulla Terra hanno trombato C'era una volta a... Hollywood figuriamoci questo!»
Evaristo: «Rambo V»
Ernesto: «Cosa?»
Evaristo: «Anche su Rambo Last Blood ho letto roba che mi ha fatto venire l’orchite, mi sono gonfiato tutto»
Ernesto: «Lascia stare Jake è Internet»
Evaristo: «Ora speriamo che il non tanto bello addormentano qui si svegli, altrimenti ci toccherà rivederlo da capo questo film»
Ernesto: «Che mi frega, io ho trovato le foto di Liv Tyler nuda!»
Evaristo: «Dove? Dove!? Voglio vederle anche io!»
Ernesto: «Ah-Ah! STACCE!»
Evaristo: «Eddài non fare così socio!»

Restate ancora qualche minuto per i titoli di coda.
[Musica che aumenta, titoli di coda che scorrono]

THE PLAYERS
Man sleeping in the cinema: Cassidy
Evaristo: Himself
Ernesto: Himself

Nomi di persone
Altri nomi di persone
Molti più nomi di persone
Strani segni triangolari non ben comprensibili, forse di natura pagana

Soundtrack:
“You're My Best Friend”
Written by John Deacon
Performed by Queen
Courtesy of EMI Records Limited and Hollywood Records, Inc

Altri nomi di persone
Qualche altro nome di persona

The author wish to thank:
John Carpenter
My Wing-Woman for the question: «Ma tu che stai seguendo, cos'è successo esattamente?»
All the readers
Liv Tyler (Sorry Liv!)

No animals were harmed in the making of this post

Evaristo and Ernesto will return in... Evaristo and Ernesto Strike Back!

36 commenti:

  1. Mi pare di capire che non sia granché...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di testa, film molto coerente e ben girato, di pancia un grosso bah con una storia che fa cadere Ernesto ed Evaristo a terra. Cheers!

      Elimina
  2. SULLA RIVISTA CIACK il buon stefano disegni spercula alla grande sto film.

    sono andato a vedere il film "io Leonardo" con Luca Argentero di Moncalieri( non l'ho mai visto ma conosco gente che conosce gente che lo conosce)

    ma sia che non è male??

    rdm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono sempre stato d'accordo con Disegni, però l'unica cosa che mi manca di Ciak è la sua rubrica. Sono rimasti lui e Leo Ortolani a fare recensioni ironiche disegnate. Siamo sicuri sia di Moncalieri? Tutti lo sanno nessuno l'ha mai visto, secondo me lo dice come motivo di vanto ;-) Cheers

      Elimina
  3. Applausi!
    Scena Post-Credit:
    "Le risposte che cerchiamo sono fuori dalla nostra portata
    Perché le risposte non vanno cercate fuori, ma dentro di noi. Epperò... so' sbagliate! "
    (Quelo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelo l'ultimo vero profeta dei nostri tempi (insieme ai Simpson) questo film lui lo aveva già anticipato ;-) Cheers

      Elimina
  4. Questo l'ho saltato senza pensarci due volte. Sono stufo di vedere Brad Pitt che fa il serio nei film (infatti in C'era una volta a Hollywood l'ho amato), e di questi sci-fi che tentano di essere il prossimo Interstellar o Gravity. Mi sembra un film arrivato troppo tardi, e che sembra già essere stato dimenticato. Aspetto il tuo parere su Joker, ce ne sarà da discutere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brad Pitt qui cerca di prendersi ogni fotogramma come invece è riuscito a fare di più e meglio Gioacchino Fenice. Gray gira non bene, benissimo, alcune scene sono enormi, ma consigliarlo? Uhm non me la sento. Ho visto il film del momento nel fine settimana (due volte in entrambe le lingue), arriverà a breve, conti di avere parecchi pagliacci questa settimana sulla Bara, oltre a me intendo dire ;-) Cheers

      Elimina
  5. Meglio che non la cerco, la risposta.
    Potrei diventare offensivo.
    Perche' l'unica lenta, inesorabile discesa che sento dentro di me, giusto per rimanere a tema...e' quella delle mie palle.
    E Brad puo' anche dirci che siamo un pubblico ignorante e incolto, e che ci meritiamo Tarantino.
    "Ma se il suo ultimo film lo hai fatto te!!" Mi verrebbe da dire.
    "C'ero col corpo, non con la mente."
    Se, va beh...
    Senza contare che Liv Tyler + astronauti mi fa ripensare ai soldi tra i peggio spesi della mia vita, per foraggiare la mia passione per il cinema.
    Lasciamo stare, che mi sale ancora il nervoso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. James Gray è coerentissimo con le sue tematiche, peccato che qui per portarle avanti mette su una storia che vabbè, mette Ernesto ed Evaristo soggetti alla gravità più di Brad Pitt sulla Luna. Ho sentimenti contrastanti verso il film, quindi ho lasciato commentare loro due ;-) Cheers

      Elimina
  6. Non vedo l'ora di conoscere altre avventure di Ernesto ed Evaristo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po’ i miei Jay & Silent Bob, ed ora che hanno esordito sulla Bara, magari torneranno al primo film giusto per loro ;-) Cheers

      Elimina
  7. Grandissima recensione, quando ho letto il titolo ci ho messo un attimo per capire chi fossero Ernesto ed Evaristo :D Io ho apprezzato la ricostruzione di tutto l'ambaradan spaziale, poi in effetti a volte è troppo lento come ritmo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, riferirò ad Ernesto ed Evaristo ;-) Non l’ho trovato lento, la prima ora se ne va via facile, la regia è ottima, ma quando realizzi cosa è davvero la storia, come termina e come sono gestite certe svolte, i pro e i contro iniziano a fare a pugni. Cheers!

      Elimina
  8. A me è piaciuto molto lo sai?

    Però....Marte, ok....Giove, benissimo...Saturno, bello bello....Nettu...oh ma URANO??? Dove l'avete messo il povero URANO??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché è diretto alla grande, è “Cuore di tenebra” nello spazio con una SIMMIA! Ed è anche coerentissimo con la filmografia e le tematiche del regista. Però niente, alti altissimi e bassi bassissimi. Urano, nessuno fa domande su Urano, che deve sempre subire battute sul suo nome dai tempi di “E.T. – L’extraterreste”. Cheers!

      Elimina
    2. Già! Ahahah poveretto! Almeno Plutone lo hanno declassato direttamente...Urano si porta sempre dietro il «buco d'Urcu*o (dove poi deve essere, del resto!)

      A parte il facile scherno sul povero Urano, sono contento che all'ultimo non abbiano trovato un qualche alieno su Nettuno che si divertiva con la corrente...quello non l'avrei sopportato!

      Poi ok, sospendo l'incredulità su tante cose su cui in effetti ci sarebbe da discutere...come il Maggiore Della Sposa torna nella sua astronave ammetto che è a dir poco esilarante, mai comunque ai livelli di Super Leia Surgelata 😄 Nonostante tutto non mi ha rovinato il film.

      Sai che avevo pensato? Dato che Della Sposa sembrava bello paranoico dal troppo stare da solo e infiacchito dall'assenza di gravità, appena trova suo padre, credevo fosse una mezza allucinazione e che in realtà il vecchio fosse morto, ovvero che Della Sposa babbo fosse una proiezione della sua mente che per mettersi l'anima in pace diceva "guarda a me della famiglia e di te in particolare me ne fottesega ed ecco perché sono quassù, potevi startene a casa"...invece era vero, vecchio e pure bilioso!! E pure che come ti giri ti porta all'altro mondo con lui!

      Elimina
    3. Lo avevi fatto più bello di quello che davvero è il film, capita anche a me. Lavoriamo di fantasia, una roba che ad Hollywood sembra rarissima ormai ;-) Cheers

      Elimina
  9. Carabara, non ho passato il fine settimana al cine come te, ma forse ho assunto una maggior quantità di altrimondi perché sono stato con Crepascolino, i suoi partners in crime ed i genitori dei suoi compagni di classe in un ostello , come facciamo sempre all'inizio ed alla fine dell'anno scolastico. Ho diviso una camera con sette non nani - uno dei bimbi porta il 43 di scarpa - che si sono spenti di botto al termine di un surreale botta e risposta sui mantra ( Cicciapeloso sarà il protagonista del mio prossimo bestseller ) lasciandomi a meditare, considerato che non potevo leggere al buio. Non si può spegnere un neurone surreale ossidato dopo il crepuscolo e così ho immaginato il mio prossimo low budget sci-fi inner space oriented movie nomato per ora The Pit di cui tento una sintesi.
    Astra è una donzella pelosa ed obesa che tutti considerano un sanitario essenziale, ma non particolarmente decorativo. Dopo il crepuscolo sogna un nonno astronauta troppo vecchio per il programma spaziale che le racconta di quando era stato ai confini dell'universo in compagnia di pallidi, glabri, magrissimi alieni. Nel paese in cui vive alcuni goliardi mattacchioni scolpiscono cloni della statue di Giacometti e dopo il crepuscolo intendono lanciarle nei resti diroccati di un pozzo per celiare come fu fatto anni con quelle di Modigliani altrove. Astra vede tutto dalla finestra e crede si tratti di un ufo in avaria e zompa a salvare gli amici del nonno. Prende una zuccata contro una delle statue e sogna di aver raggiunto il pianeta dei suoi amici filiformi dove un principe lungo lungo si innamora delle sue trippe. Si risveglia nel letto di un bracconiere vagamente Flavio Bucci nei panni del pittore Ligabue mentre la radio trasmette Balliamo sul mondo dell'altro Liga. Loving the alien direbbe il Duca Bianco. Penso si possa realizzare spendendo meno di quanto costano i corti di Gipi. Vedremo. Ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una piccola parte per i sette non nani? Me li vedo bene nella parte di piccoli alieni che quando si addormentano restano in piedi (causa numero di scarpe). “sanitario essenziale, ma non particolarmente decorativo” è una descrizione impeccabile come la scelta musicale, più del Duca Bianco che dell’altro Liga, di cui una volta a scuola ai tempi del 56k, un mio compagno di scuola impiegò un’ora per caricare il sito ufficiale, salvo scoprire che aveva cliccato una pagina dedicata al famoso pittore (storia vera, e no, non ero io, io cercavo di andare sul sito della TMP/Spawn di Toddster, storia vera secondo estratto). Cheers!

      Elimina
  10. Vedo che Ernesto ed Evaristo hanno le idee chiare.... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono come i protagonisti di un Buddy Movie, però più coglioni ;-) Cheers

      Elimina
  11. Molti difetti: dal voice-over inutile (qualcuno mi spiega perché nel 2019 c'è ancora bisogno della voce fuori campo del protagonista che descrive ciò che sta facendo?!?!) a qualche scena un po' alla c@zzo (SPOILER: tipo Brad e il suo modo di salire sul razzo su Marte). Ma tutto sommato non mi sento di bocciarlo. Gray sa come dirigere e alcune scene sono da rimanere a bocca aperta e occhi sbarrati (tipo il corto iniziale o l'inseguimento sui rover lunari).

    La trama è una banale rielaborazione di mille titoli differenti (quelli citati nel pezzo da Cassidy) e il sapore di "già visto" rimane un po' in bocca. Ma nonostante ciò a me non è dispiaciuto. Forse in giro è stato lodato un po' troppo ma sono due ore che vanno via molto bene.

    E mò attendiamo ansiosamente JOKER. Sono curioso di vedere che dici, sopratutto sono curioso della voce originale (che non ho visto...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per lo stesso motivo per cui serviva nel 1984, il pubblico non è migliorato molto. Girato molto bene, ma “Civiltà perduta” mi aveva colpito molto di più. Ti dico solo che ho passato un paio d’ore con “Rock ‘n’ Roll Part 2” in cuffia, che per ogni fanatico di basket che si rispetti è una scusa, perché quella canzone è già di culto per motivi puramente cestistici ;-) Cheers

      Elimina
  12. Cass, sappi che ti sei rovinato, perché ora vogliamo Evaristo ed Ernesto ad ogni recensione!!! :-D
    Non avrei dato due spicci al film, ora che ho la tua conferma mi sa che aspetto la prima TV su Italia1 per vederlo :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheh non avevo idea di come prenderlo questo film, poi ho deciso di prenderlo per le balle ;-)
      Vai tranquillo sul divano, a meno che tu non voglia puntare ad una bella regia e poco altro. Cheers!

      Elimina
  13. Grazie, mi eviti di vederlo. Il mio senso di gravitàpallare pizzicava. A latere, a me il commento pseudo--noir di Blade Runner piace, versione italian almeno, sarà perchè c'è nel videogioco che ho amato quasi come il film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il videogioco era bellissimo, anche io sono molto legato alle frasi della voce narrante della prima versione di “Blade Runner”, però nel film sottolineano l’ovvio, è talmente chiaro che il dettaglio va oltre il mio affetto i monologhi interiori di Deckard, qui? Più o meno la stessa cosa, ma senza nemmeno l’affetto maturato durante le visioni. Cheers!

      Elimina
  14. Dei tantissimi film interessanti usciti in questo periodo ancora non sono riuscito ad andare a vedere questo Ad Astra. Passo dopo la visione per commentarti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai tranquillo il post non scappa, e per nostra fortuna è un periodo pieno di cosette da vedere ;-) Cheers

      Elimina
  15. Questi Evaristo ed Ernesto mi piacciono assai! E mi trovano molto d'accordo. Una gran delusione, una gran bella noia con quell'incedere a tappe che mal sopporto. Pirati, scimmie assassine, test psicologici e fughe impossibili. Il filone "wannabe 2001" non si esaurirà mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po' grezzi, ma si fanno voler bene ;-) Verissimo, eppure per essere almeno simili a 2001, dovrebbero rispettare un po' di fisica di base, almeno quello. Cheers!

      Elimina
  16. Visivamente è un gioiellino ma in confronto a Sunshine di Danny Boyle non regge. La sceneggiatura ad un certo punto collassa sul tema "diventare grandi" ma ci si può anche chiudere un occhio volendo. Pitt mi è piaciuto, peccato per le troppe voco fuori campo dei suoi monologhi esistenziali ed intimisti. Non male però il richiamino al Conradiano "Cuore di Tenebra".

    L'inseguimento sulla luna e il primate cavia impazzito fantastici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo tempo di "Shinshine" a me era piaciuto un botto, anche per i suoi rimandi a "Dark Star". Il secondo tempo meno, però concordo era visivamente anche più potente. Gray gira alla grande, la scena con i Rover è una bomba. Però stringi stringi, la storia è poco cosa, con tutto che vado pazzo per le storie alla "Cuore di tenebra". Cheers!

      Elimina
  17. Entusiasmante. Non il film, il dialogo ovviamente. Nomination ai due per l'Oscar.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto felice che ti sia piaciuto, speriamo non vincano, non vorrei quei due in diretta mondiale a fare un discorso di ringraziamento all'Accademy. O magari si ;-) Cheers

      Elimina