domenica 15 settembre 2019

Bad to the bone: Steven Berkoff (Rambo 2)


Non sono solo i buoni a fare la storia del cinema, molto spesso i cattivi sono altrettanto iconici, e questa rubrica è tutta per loro, quei fantastici bastardi che amiamo odiare, cattivi fino al midollo: B-b-b-b-b-b-b-bad, bad to the bone!


Nome: Steven Berkoff
Ha “fatto brutto” in: Rambo 2, "Octopussy - Operazione piovra" (1983) e Beverly Hills Cop.
Amiamo odiarlo perché:
Molti non ne conoscono nemmeno il nome, ma lo sguardo resta indimenticabile, quello di un cattivo molto colto, perché Steven Berkoff oltre ad essere un gran cattivone al cinema è attore, regista e commediografo.

Aggiungo solo un estratto a lui dedicato preso dal post di Rambo 2:
“Rambo 2 - La vendetta” è un film enorme e puramente cinematografico, perché capisce perfettamente quando è il momento di aprire il gas e non voltarsi più indietro, torturato, abbandonato – di nuovo! – dietro le linee nemiche da qualche pigro burocrate che smangiucchia alla scrivania (idea di Cosmatos per far sembrare particolarmente pigri Murdock e i suoi) Rambo viene torturato dall’odiato nemico russo, interpretato da uno Steven Berkoff, fresco fresco di un ruolo da cattivo mefistofelico in Beverly Hills Copchissà quante produzioni teatrali si sarà finanziato Berkoff con queste due parti?


Dover recitare in “Rambo 2” per poter recitare il Riccardo III.

Intanto vi ricordo la rubrica congiunta e preparatoria che ha tenuto banco tutto il mese!

La pagina riassuntiva del Zinefilo

24 commenti:

  1. Con una faccia così, può fare solo il cattivo! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettiamola così, le commedie romantiche non sono roba per lui ;-) Cheers

      Elimina
  2. Non se lo ricorderà nessuno, ma era stato anche uno dei piloti degli intercettori nella mitica serie U.F.O. di Gerry e Sylvia Anderson, quindi stranamente in un ruolo buono, anche se comunque militaresco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendiamola ancora più alla larga, diciamo pure che la serie U.F.O. la ricordano davvero in pochi ;-) Cheers

      Elimina
    2. Certo, degli Anderson viene ricordata di più Spazio 1999, che nei progetti doveva essere una nuova stagione di U.F.O., ma poi si è evoluta in una cosa tutta nuova. Ma U.F.O. aveva il "glam" tipico del periodo a cavallo tra '60 e '70. Per i curiosi cercate Liutenant Gay Ellis e capirete di cosa parlo

      Elimina
    3. Verissimo, forse è un po' ritornata in auge dopo la parodia di Leo Ortolani, ma proprio poco. Per il resto è nei cuori di chi la ricorda ;-) Cheers

      Elimina
    4. Spazio 1999 è invecchiata meglio di U.F.O., almeno la prima stagione ha degli episodi cult magnifici, poi si perde nel ridicolo grazie a Fred Freiberger (hai mai dedicato un articolo a questo tizio ammazzaserie?).

      Elimina
    5. No mai, però in effetti è un'ottima idea, anche se lo conosco solo per spazio 1999. Cheers!

      Elimina
    6. La seconda serie di Spazio1999 è terribile "grazie" a Freiberger

      Elimina
    7. Ho visto tutta la serie un milione di anni fa, quindi purtroppo non ho un ricordo così dettagliato. Cheers

      Elimina
    8. Ha mandato alle ortiche anche la serie classica di Star Trek!

      Elimina
    9. Prima o poi dovrò affrontarla quella serie, vista tutta ai tempi, ma urge un ripasso! ;-) Cheers

      Elimina
    10. Ripassa e poi fai un post. Prevedo un milione di commenti

      Elimina
    11. Ferita ancora aperta, dai vediamo cosa riuscirò a fare, grazie per l’idea! ;-) Cheers

      Elimina
    12. Aggiungo solo che il capitano Steve "Berkoff" Minto, abilissimo pilota intercettore di Base Luna, lo ricordo benissimo pure io avendo visto UFO fin dalla sua prima -censurata- trasmissione in Rai (annata 1971) ;-)
      Tra l'altro, la fama della serie si basa su di un "equivoco" che perdura ancora oggi, dato che gli ultimi episodi ancora inediti in Italia vennero trasmessi solo nei primissimi anni Duemila (e ovviamente inclusi nei cofanetti dedicati)... Lo scoprirai quando rivedrai il tutto: posso solo anticiparti che il chiarimento del suddetto equivoco non fa che aumentarne il fascino ;-)

      Elimina
    13. Mi state facendo venire sempre più voglia di rivedere tutto ;-) Cheers!

      Elimina
  3. Hola, Cass!!
    Buona domenica, prima di tutto.
    Sapevo, avendo letto qua e la', che il tizio in questione fosse attore di teatro.
    E anche piuttosto impegnato, pure.
    Ho sempre pensato che per fare il cattivo ci voglia qualcosa di piu'.
    Insomma...chi vorrebbe mai fare il cattivo.
    Puo' darsi che si sia dedicato al cinema part - time per motivi puramente ALIMENTARI, come si diceva una volta. Pero' funzionava, eccome.
    Ti devo assolutamemte un intervento sul mio idolo Ironside, visto che ho letto il post su segnalazione di Daniele.
    Prima o poi mi ci metto.
    Buona domenica, di nuovo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è stato il primo e nemmeno l'ultimo a farlo, se non altro in tantissimi ci ricordiamo del faccione da cattivo di Steven Berkoff, senza aver mai avuto la possibilità di vederlo recitare a teatro. Buona domenica anche a te! ;-) Cheers

      Elimina
  4. Lo ricordo bene, goduria vederlo in difficoltà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cattivi piacciono per quello, amiamo odiarli ;-) Cheers

      Elimina
  5. Sono tra quelli che lo conoscono ignorandone il nome.
    Vaga somiglianza con Steve McQueen, non trovi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In alcune foto si, sembra il fratello malvagio ;-) Cheers!

      Elimina
  6. arancia meccanica

    rdm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Atmosfera zero" anche lì faceva il cattivone ;-) Cheers

      Elimina