mercoledì 7 novembre 2018

Fuga da ovunque: Sei film influenzati da Fuga da New York di John Carpenter


Quando nel 1981 il Maestro John Carpenter ha diretto 1997: Fuga da New York ha sganciato sul pianeta una vera bomba, in pochissimo tempo il film è diventato un archetipo narrativo che negli anni è stato citato e omaggiato in centinaia di opere tra film, romanzi e fumetti. Insomma, quei due o tre poveri di spirito che continuano ad ostinarsi a considerare Carpenter un buon regista di genere, dovrebbero prima conside… Oh, al diavolo le buone maniere, che vadano a cagare! Carpenter è il migliore, non si discute.


Qualche tempo fa Fabio, il gestore della pagina Il seme della follia, fanpage Italiana dedicata a John Carpenter mi ha alzato una bella palla: perché non fare un pezzo su tutti quei film ispirati a 1997: Fuga da New York? Per me è un po’ come invitare la gazzella a correre.

Regole d’ingaggio, così sappiamo tutti di cosa tratterà il resto del pezzo: abbiamo ventidue ore, cinquanta minuti e cinquantasette per volare con il Gullfire e atterrare sul tetto del… No, scusate, mi sono un attimo fatto prendere la mano, in realtà da qui in poi verranno trattati tutti i film nati sulla scia del capolavoro di Giovanni Carpentiere che siano più o meno ispirati, teniamo, quindi, da parte i fumetti dedicati a Jena Plissken, o il seguito ufficiale del film Fuga da Los Angeles.

Ancora una delle più belle locandina che io abbia mai visto.
Non valgono le citazioni, solo film completi, quindi inutile ammorbarvi con Snake di “Metal Gear Solid” che deve il suo nome al personaggio di Kurt Russell, alla capoccia mozzata della statua libertà di “Cloverfield” (2008) palese strizzata d’occhio al film di Carpenter, oppure al muro di cinta che circonda la città dove è ambientato “La terra dei morti viventi” (2005) della leggenda George A. Romero. Non valgono nemmeno quelle mille o duemila volte che Robert Rodriguez ha inserito un omaggio a John Carpenter in uno dei suoi film, roba tipo “Planet Terror” (2007) o “Machete” (2010) ne sono strapieni, ci vorrebbe un post dedicato solo per quello, magari potrei anche farlo, ma ora sono troppo stanco... Forse più tardi (cit.).

Ora che le regole d’ingaggio sono chiare, possiamo partire, ma per iniziare, una cosa facile facile, così giusto per scaldarsi un pochino.

Fuga da Reuma Park (2016)

Vi ho già persi tutti? Avete già smesso di leggere? Eh, cavolo! Posso mica iniziare subito con il botto, no? Sì, lo so che “Fuga da Reuma Park” è brutto persino per quelli che ancora oggi citano le battute di Aldo, Giovanni e Giacomo dalla mattina alla sera, ma il titolo non lascia molti dubbi sull’influenza che il film di Carpenter ha avuto sulla cultura popolare, inoltre, la trama potrebbe essere più Carpenteriana di quello che sembra.

La storia ambientata nella Milano dell’anno 2041, con i tre comici anziani vessati da un’infermiera inflessibile, ricorda in qualche modo quella del primissimo film che ha visto collaborare Carpenter e Donald Pleasence, no, non Halloween, parlo del film per la televisione “Il giorno in cui le allodole voleranno” (Better Late Than Never, 1979), la storia di alcuni anziani stanchi dei maltrattamenti subiti nella loro casa di riposo e pronti alla fuga. Non ho mai avuto il piacere di vedere questo film, ma spero che Aldo, Giovanni e Giacomo lo abbiano fatto e il loro “Fuga da Reuma Park” sia tutto un omaggio a Carpenter, perché come vedremo più avanti nel post, il Maestro quando vuole ha degli ottimi avvocati! Ed ora che ci siamo scaldati, passiamo ai titoli seri!

1990 - I guerrieri del Bronx (1982)

Enzo G. Castellari è sempre stato un regista (cinematograficamente parlando) davvero iperattivo, a lui dobbiamo poliziotteschi e spaghetti western e molto prima che Quentin Tarantino lo battezzò tra i suoi registi preferiti (seguito a ruota da mille fan “Qua qua qua” che hanno fatto lo stesso senza nemmeno aver mai visto un suo film, tiè beccatevi questa) il regista romano ha avuto il tempo di mettersi subito in scia al successo del film di John Carpenter.


A dire la verità, in “1990 - I guerrieri del Bronx” si trova anche un po’ di Interceptor - Il guerriero della strada (1981) e I guerrieri della notte (1979), ma i punti di contatto con il film di Giovanni Carpentiere sono tantissimi a partire dall’anno (ormai post datato) nel titolo del film, fino alla locandina, quasi una copia spiccicata di quella storia di “Escape from New York”.

"Guerrieriiiiii, giochiamo a rifare fuga da New York?".
Facciamo così: vi racconto a grandi linee la trama e faccio un colpo di tosse ogni volte che mi pare di notare un’affinità con il film di Carpenter, ok? Nell’anno 1990 il Bronx è stato dichiarato terra di nessuno e abbandonato dal governo, ora è completamente governato da bande di teppisti che fanno il bello e il cattivo tempo… COFF! Coff!

Ann, la figlia diciasettenne di un politico (coff! CoFF!) scappa di casa ribellandosi alle macchinazioni guerrafondaie paterne e si rifugia nel Bronx, dove viene rapita da una banda di teppisti giovinastri. A salvarla ci pensa Trash capo della banda di motociclisti nota come “Riders” ragazzaccio capellone e smanicato (COFF! Coff! Coff!), classico antieroe dai modi spicci che sembra buono solo perché quelli intorno a lui sono anche peggio (...Coff! Scusate, mi stavo strozzando), personaggi come Ogre, un losco figuro che si è auto nominato il re del Bronx (Coff! Coff!!). Ok, dài, direi che dovrei aver reso l’idea, no?

Una cosa tipo "Quadrophenia", ma con molti più teschi.
Ma il buon Enzo G. Castellari, non si è certo fermato qui, in quanto affetto da iperattività cinematografica, perché non portare avanti il filone post-apocalittico? Infatti, l’anno successivo, nel 1983 ha sfornato non uno, ma due film sullo stesso tema, “Fuga dal Bronx” (1983) che vede come protagonista ancora una volta Trash e “I nuovi Barbari”. Ma qui i punti di contatto con il capolavoro di Giovanni Carpentiere iniziano a scarseggiare, forse solo il titolo del primo dei due film, “Fuga dal Bronx” (che ammettiamolo, è fighissimo!) si lega a filo doppio con le disavventure di Jena Plissken, anche se poi non è nemmeno così corretto, visto che Trash si ritroverà a combattere per difendere il quartiere dai loschi piani della multinazionale che vuole demolirlo per costruisci sopra un futuristico complesso per ricconi, quindi la “Fuga” è solo nel titolo, per il resto è una trama che ricorda più quella di Robocop 3 che qualunque dei film di Carpenter.

2019 - Dopo la caduta di New York (1983)

Mentre Castellari si sbizzarriva, un altro regista italiano si trovava investito dal successo di 1997:Fuga da New York, sto parlando di Sergio Martino che, probabilmente, conoscete per film che fate finta di non aver mai visto come "Giovannona Coscialunga disonorata con onore" (1973), oppure “L'allenatore nel pallone” (1984), di mio posso dirvi che no, non ho MAI visto “L'allenatore nel pallone”, anche se conosco a memoria tutte le battute del film a causa di un compagno di banco a scuola afflitto da una forma di Banfiano autismo per questa pellicola (storia vera) e personalmente Sergio Martino lo ricordo per un altro film che vi citerò più avanti.

Di suo, il buon Martino ha fatto di tutto per prendere le distanze dai paragoni con il film di John Carpenter, a sua detta la sceneggiatura di “2019 - Dopo la caduta di New York” è stata scritta due anni prima dell’uscita del film del Maestro nelle sale, eppure niente, ogni volta che si parla di pellicole nate sulla scia della fuga di Snake, questo titolo viene sempre fuori, anche se personalmente, ho i miei dubbi.

La smettete di canticchiarvi un pezzo famoso degli Steppenwolf mentre guardate la foto?
«Ci ha mandati il presidente. Dice che c'è una donna qui che ancora può fare figli. Noi dobbiamo trovarla e portargliela» questa è la frase di Parsifal (Michael Sopkiw), visto che le radiazioni hanno reso sterile la popolazione dell’anno 2019 (sovraesposizione da smartphone? Bah, chi lo sa), il nostro si reca a New York, unico posto sulla terra dove si vocifera ci sia ancora una pulzella dall’ovulazione regolare, cioè non solo l’umanità sta per essere spazzata via, ma questa poveretta ha ancora le sue cose una volta al mese, ditemi che non è sfiga questa!

New York è un postaccio popolato da bande come i terribili Eurac, capitanati dalla spietata Ania (Anna Kanakis), ma i locali contaminati sono stati trasformati in orrendi mutanti che si cibano di robe orrende tipo topi, o peggio il Tofu, il Seitan e tutta quella roba lì, bleah! Non mi ci fate pensare.

“Chiamami Jena Parsifal”.
Chi trova la ragazza vince un viaggio premio sull’astronave che poterà tutti sul pianeta dall’originalissimo nome di Alpha Centauri, avete già capito come finisce, no?

Ok, nel film viene citata sia New York che un presidente, però più che al film di Carpenter, a me  “2019 - Dopo la caduta di New York” ricorda molto più “Azione mutante” (1993) di Álex de la Iglesia, però alla fine Sergio Martino e Carpenter sono sempre ad un passo di distanza l’uno dall’altro, il mio film preferito di Martino (vi avevo promesso che ve ne avrei parlato) è "Lo strano vizio della signora Wardh" (1971) un bel giallo all’italiana che ogni volta sbaglio a scrivere, perché mi faccio influenzare da The Ward, di John Carpenter. Mi spiace Sergio, è la sfiga di arrivare secondi.

Fuga da Absolom (1994)

Saltone in avanti nel tempo, con un titolo di cult che avete visto tutti trecento volte, anche perché è stato mandato in replica su Italia 1 fino allo sfinimento ed oltre. Il film, riprende il tema della fuga da un carcere prigione e il titolo italiano tenta subito l’associazione con il capolavoro di Carpenter, quindi, ancora una volta, farina del nostro locale sacco, perché il titolo originale non ci prova nemmeno a giocarsela nello stesso campionato, con un più lapidario “No escape”.

Il film che ha fatto conoscere al grande pubblico il regista Martin Campbell (suoi un paio di 007 come “GoldenEye” del 1995 e “Casinò Royale” del 2006) è una cosina tutta azione con il marines Ray Liotta accusato ingiustamente e condannato all’ergastolo su un’isola dove bisogna fare attenzione a non finire in pasto ai cannibali. Anche se non ho mai trovato Ray Liotta uno giusto per i ruoli da buono (tanto meno da eroe d’azione), per fortuna, la pellicola si gioca anche il carisma del mitico Lance Henriksen che, poi, è forse la vera ragione per cui ho visto il film così tante volte.

Doomsday (2008)

A casa Cassidy, se urlate forte “Doomsday” vi beccate gli sguardi scuri della mia Wing-Woman, costretta a portare il bimbo (IO!) al cinema a vedere il film di uno dei miei preferiti, il grande Neil Marshall.

Per me, tra tutti i registi che dicono di amare il cinema di John Carpenter, Neil Marshall è quello che ha capito meglio di tutti la lezione del Maestro, oggi come oggi è più che altro un regista che lavora per la televisione, ha diretto gli episodi più fighi di Giocotrono e di Hannibal, ma “Doomsday”, dovrò scontare per anni i 105 minuti di questo film con la mia Wing-Woman, ma ne è sicuramente valsa la pena.

"Hai da fumare?" (Cit.)
In Scozia il virus “Reaper” stermina la popolazione, l’Inghilterra corre ai ripari istituendo un nuovo Vallo di Adriano per isolare quegli svalvolati con la gonna a quadrettoni. Nel 2035 quando un focolare del virus si manifesta a Londra, viene spedito l’esercito oltre le mura per capire le ragioni dietro alla diffusione del virus, ma la Scozia è riorganizzata in bande di pazzoidi invasati da far sembrare William Wallace uno avvezzo al dialogo e alla mediazione.

"Chi pensa che Rhona Mitra sia incredibilmente bona?" , "NOOOOOOIIIII!".
Gli occhi (per ovvie ragioni) sono tutti su Eden Sinclair, una Rhona Mitra che bella così non lo è stata mai più (purtroppo): canotta nera, cazzutaggine distribuita come caramelle ai bambini, non ha la benda su un occhio, ma il modello Carpenteriano è chiarissimo. Poi va bene, uno scassone di auto non può stare al passo di una Bentley Continental GT, ma m'interessa pochissimo, film che è una dichiarazione d’amore per tutti i film, tra i quali, ovviamente, il capolavoro di John Carpenter.

Lockout (2012)

Oh! Qui si che ci divertiamo, iniziamo subito con la trama che mi sembra il punto giusto da cui partire per parlare di questo film.

Nel 2079, all’ex agente della CIA Marion Snow (Guy Pearce) viene promessa la libertà da un crimine che, in realtà, non ha mai commesso se riuscirà a recuperare sana e salva Emilie (Maggie Grace) la figlia del Presidente degli Stati Uniti d’America, rapita dai detenuti in rivolta della prigione orbitale MS One. Ci mancava solo che aggiungessero: "Uscirne è impossibile. Entrarvi è da folli". Poi il furto e rapina sarebbe stato completo.

“Fidati di me, non ci scopriranno mai, ho cambiato i nomi ai personaggi”.
Che dite? Il soggetto scritto da Luc Besson e diretto da James Mather e Stephen St. Leger nel 2012 somiglia un po’ troppo a quello di 1997: Fuga da New York (e anche al suo seguito Fuga da Los Angeles, vista la presenza della figlia del presidente)? Lo hanno pensato anche John Carpenter e il suo compare Nick Castle che, infatti, hanno fatto causa al film, un tribunale parigino nel 2015 ha dato ragione al Maestro e all’originale Michael Myers accordandosi per un risarcimento di 20.000 ex presidenti spirati stampati su carta verde Euro per fare la pace.

Non pago (anzi, per non pagare) Besson ha fatto ricorso, perdendo pure quello e finendo alla fine per elargire 500.000 Euro, fosse stato per me avrei fatto cifra tonda, un milione, un po’ perché il film è una cosetta di poco conto, un po’ per quei cazzo di Minimei, non te li perdonerò mai quelli Besson!

“Se mi toccate, vi faccio causa. Se non sparite entro trenta secondi, vi faccio causa. Se ritornerete, vi faccio causa” (Quasi-cit.)
Ho elencato tutti i titoli? Ma va, l’influenza del film di John Carpenter è stata così gigantesca che riassumerli tutti sarebbe impossibile, l’unica cosa certa è che prima o poi arriverà sempre qualche regista che ispirato dal capolavoro Carpenteriano, cercherà di portarne avanti il testimone ed è anche giusto così: non importa che voi siate iene e serpenti, cominciate a correre, ci sarà sempre un nuovo posto da cui fuggire.


Questo pezzo è stato presentato anche sulle pagine del blog Il seme della follia, grazie ancora a Fabio per l’ottimo spunto!

38 commenti:

  1. Ooooh,
    tra tante 'ammerigganate' ci sono due cult italiani.
    Ricordo bene i due film del 'bronx', il protagonista è veramente inespressivo, ma comunque gli voglio bene lo stesso :D.
    Castellari ha mestiere e si vede anche in film come questi, benché sostanzialmente sembra sempre lo stesso film, sia che venga ambientato in un bronx post-apocalittico, sia che venga ambientato in una città del west (peraltro i caratteristi che girano sono sempre quelli, più o meno).
    Discorso diverso per 2019 - dopo la caduta di New York.
    L'ho visto un anno fa circa, ma non ricordo nulla.
    Quindi non ci sono elementi "trash" tali da farlo assurgere a film mito ed evidentemente è anche bruttino in generale.
    Comunque c'è George Eastman. Un punto a favore.
    Il post-apocalittico italiano più bello è di Castellari ed è i "Nuovi barbari".
    Se non lo hai visto, esigo che tu lo guarda.
    Esigo recensione XD.

    Allo stesso tempo esigo che tu guardi l'allenatore nel pallone :D. Un cinefilo non può non averlo visto.
    Peraltro pubblicherò nelle prossime settimane la recensione e come in tutti i post cinematografici del mio bazar, la tua firma non può mancare nei commenti :D.
    Altrimenti sarai soggetto al rituale dei templar (vedi i nuovi barbari).
    :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Castellari mi è molto simpatico, le sue interviste sono imperdibili, certo i suoi film sono davvero l’arte di arrangiarsi, però tutto sommato finisco sempre per guardarli con piacere, sono piuttosto sicuro di aver visto i “Nuovi barbari” nel periodo in cui cercavo tutti i suoi film, però non nego che conservo vaghi ricordi, infatti mi sono tenuto aperta la porticina per un commento completo su questo film, ecco magari potrei ripassare proprio “Nuovi barbari” ;-)

      Non ho mai visto “L’allenatore nel pallone” ma è un po’ come se lo avessi fatto, sarebbe strano vederlo, penso che sarebbe unire delle immagini a dialoghi che conosco a memoria anche io, magari una volta potrei anche provarci, giusto per vedere l’effetto che fa ;-) Cheers!

      Elimina
    2. Bravo, hai usato la definizione giusta: è un artigiano de "l'arte di arrangiarsi", il buon Castellari.
      Allora non ti rimane che guardare "I nuovi barbari" e l'allenatore nel pallone.
      Non puoi deludermi :)

      Elimina
    3. Farò del mio meglio, sai che piano piano un po’ alla volta, arrivo con tutti i commenti desiderati, basta non avere fretta, lo metto in lista insieme a “Bad Taste”, non mi sono mica dimenticato ;-) Cheers

      Elimina
  2. *esigo che tu lo guarda,
    ho scritto come un tedesco che parla italiano :D

    ia tu guarda!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha diventi teutonico quando dai gli ordini, schnell! ;-) Cheers, anzi… Prosit!

      Elimina
  3. Ora sarebbe divertente un articolo su sei film che hanno ispirato questo capolavoro... Sono sicuro che tireresti fuori delle chicche notevoli ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, questo non sarebbe mica male! Grazie per l’idea, per ora me la tengo in un cassetto del cranio e intanto ci studio su ;-) Cheers!

      Elimina
  4. Ma sa che quelli italiani devo averli visti tutti? Li trasmettevano spesso per le tv regionali :) Ormai ne ho vaghi ricordi però.. Ma il fatto che tutte le donne sulla Terra siano diventate sterili non è anche la premessa de "I figli degli uomini" (che non ho mai visto)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, è proprio la premessa del film di Alfonso Cuaron, che ha una trama minimale, ma proprio ridotta all’osso, ma anche una gran regia (il piano sequenza dentro la Fiat Multipla è micidiale… Si, hai letto bene, Fiat Multipla) e una buona costruzione del mondo, te lo consiglio, anzi ti dirò che io lo avrei fatto finire un minuto prima quel film ;-) Cheers

      Elimina
  5. Fantastico Doomsday, carino Fuga Da Absolom, Lockout... molto brutto. Gli altri mi sa che me li sono persi più o meno tutti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A “Fuga da Absolom” si vuole bene dopo le mille mila visioni, “Lockout” è più interessante per la vicenda giudiziaria che ha permesso a Carpenter di stare sul divano con qualche soldo in più in tasca ;-) “Doomsday” amore assoluto, sono schifosamente di parte quando si parla di Neil Marshall, è uno dei pochi che ha davvero assimilato i concetti chiave del cinema Carpenteriano, sarà pure una grossa strizzata d’occhio, ma davanti a tanto amore, e una Rhona Mitra così, io mi sciolgo, forse anche più del necessario! Cheers

      Elimina
  6. Applausi in standing ovation mentre canticchio in loop il tema del film! (Taaaa ta-ta-taaaa e via dicendo)
    A "Lockout" ci voglio un gran bene perché mi ha divertito tantissimo: è il film che nessuno vuole più fare ed è un gran peccato.
    Mi pare il posto giusto per raccontarti della puntata di venerdì scorso del "Graham Norton Show", dove c'era Kurt Russell a lanciare il film dove fa Babbo Natale. Il conduttore ad un certo punto gli dice che fra gli ospiti c'è un suo fan, l'attore si gira e vede David Walliams (scritto proprio così), che è l'autore più venduto d'Inghilterra (fa libri per bambini) ed un divo televisivo di prima grandezza, ospite ovunque e giudice di reality locali... che è diventato rosso come una ragazzina. Da sotto il divano tira fuori un astuccio, lo apre e srotola la locandina cinematografica d'annata di "Fuga da New York", chiedendo emozionato se Kurt gliela può autografare!
    I divi moderni possono fare quello che vogliono ma i film di Carpenter sono eterni. Fra qualche anno nessuno ricorderà Walliams ma Plissken dominerà sempre ^_^
    P.S.
    M'hai fatto morire con Reuma Park, anche perché all'epoca ho interrotto a metà per l'odio che mi ha generato e non avevo colto i rimandi di trama. (Va be', "trama"...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaah grazie mille! Il tema del film è sempre figo da avere in testa ;-)
      Alla fine “Lockout” faceva ridere, ricordo che guardandolo pensavo: Non hanno fatto nemmeno finta di mascherare i modelli originali, deve aver pensato lo stesso anche il giudice :-P Però si cavolo, è proprio una tipologia di film che ormai è estinto.

      Fantastico! Questo Walliams ha tutta la mia stima, penso che farei lo stesso pure io con la locandina del film che per anni è stata affissa nella mia vecchia cameretta. Per altro sono tutti allibiti da questo film con Kurt Russell in versione «Chiamami Natale», dimenticandosi che Kurt ha iniziato da bambino con i film Disney, la sua grandezza sta in quello, a suo agio sia a fare commedie leggere che Jena Plissken, lui è Carpenter sono davvero di un’altra razza, hanno gettato via lo stampo dopo averli sfornati.

      Ehehe Reuma Park è scemissimo, non guardo più film dei tre comici (anzi, non guardo proprio i film dei comici italiani) dopo i loro primi titoli comunque celebri, ho pensato che vista la premessa, poteva almeno essere qualcosa di guardabile, non lo era, meglio pensare alle citazioni, volontarie o meno che siano ;-) Cheers

      Elimina
  7. Lockout e Doomsday bei ricordi per non parlare di No Escape.


    Whatcha gonna do brother, when Baramania runs wild on you???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha! Fantastico! Quando farò le magliette della Bara Volante ci farò stampare questa! :-D Rigorosamente da strapparsi di dosso dopo aver pronunciato la frase. Boa e fascetta da Hulk Hogan, vendute separatamente ;-) Cheers

      Elimina
  8. a cassidy . sono er geppo di nichlin.

    ti mancavo?

    sicuramente te l'hanno deto a cassidy: quella comunista mangia fanciulli di piera de taxxis e il suo socio walter veltroni ( loro sì che sono sono rassisti non il matteo e nemmeno il donald) sulla loro rivista ciacccc hanno fatto un bell'articolo sul maestro.

    peccato che nei cinque film cult del maestro non abbiano messo " la cosa".
    ORRORE!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccolo! Mi sei mancato hombre! Temevo che i tanti film di Terry Gilliam ti avessero messo in fugo, bentornato! :-D

      Ho letto la notizia, e mi rifiuto di acquistare Ciak, per quanto mi riguarda ho problemi con entrambi i personaggi citati, Piera Detassis in particolare, avrei cento critiche da farle, ne farò solo una: Quando scrive di cinema facendo la finto ispirata, risulta finta come la neve sparata dai cannoni. Ad entrambi bravi, ottima figura, capisco che scegliere SOLO cinque film del Maestro sia difficile (io sarei in difficoltà) ma la scelta è tra gli altri quattro, perché si parte da “La Cosa”.

      Continuo a pensare che tanti appassionati, sarebbero molto più competenti e precisi (sottoscritto escluso) di alcuni personaggi che hanno la possibilità di raggiungere molti lettori e vengono anche pagati per farlo. In parole povere: Prrrrrrrrr! Ah-Ah! (segue il coro: Sceeeeemi! Sceeeeeemi!) :-P Cheers

      Elimina
  9. grandissimo cassidy!!

    no non mi hanno messo in fugo al massimo mi hanno messo in fi.a!! g

    ok mi censuro da solo: il moige ci spia sotto gli occhi dell polizia!!!!!!!!!!!!

    geppo da nichelino

    ps: w la foca che Dio la bendoca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto avresti dovuto concludere con W la Fuga :-P Cheers!

      Elimina
  10. Idea molto carina 😁
    Non ho visto il film del trio ma mai mi sarei immaginato che dovesse qualcosa a Carpentiere!
    Tutti gli altri non li conosco, neanche sapevo dell'esistenza di delle due pellicole italiane (i motociclisti dell'immagine sembrano più i teppisti di College). Doomsday l'ho solo sentito nominare.

    p.s. mitico il compagno di banco afflitto da una forma di Banfiano autismo 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti non è mia, sono solo un galoppino :-P :-D Te li consiglio tutti, alla fine quello da evitare è davvero solo quello del trio di comici. Non sapevo come altro definirlo, ripetere per ora ed ore le battute di un film di Banfi, mi suonava bene ;-) Cheers

      Elimina
  11. Mi fa piacere trovare ben due postapoca/distopic italianissimi... anche io li avrei citati, anche perché gli altri non li ho visti, tranne quello con Liotta ovviamente.
    Non so manco se gli altri due mi intrigherebbero...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. “Doomsday” merita, un film di genere come non ne fanno più (infatti Neil Marshall non fa più film, almeno fino al prossimo Hellboy) gli altri non potevano proprio mancare in un elenco così, qui da noi la tradizione di portare avanti (in un modo o nell’altro) i grandi film americani non manca, penso ai capitoli apocrifi di “La Casa” ad esempio, anche se quelli erano uniti spesso solo dal titolo. Cheers!

      Elimina
  12. io compro la rivista ciak.

    la compro e sottoscrivo tutto ciò che dice il geppo ( sopratutto sul w la foca. gran film rivalutato a venezia) .

    piera de tassis è insopportabile ma chi batte tutti sono marzia gandolfi e paola casella di my movies.

    io ho la terza elementare ma per leggere tutto la recensione della dottissisma marzia a proposito del film Skyfall ho dovuto usare il vocabolario( questo è vero )

    la casella invece parlando del film horror "Halloween"del 2018 fa venire l'impressione che abbia visto un film
    di terence mallick.

    grazie

    rdm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sfondi una porta aperta, ci sono film che vanno analizzati usando i paroloni, non ho assolutamente nulla contro i paroloni, sono belli, li adoro, ma davvero usarli a caso è solo urticante e basta. Ora non conosco bene My Movies, se non di fama, quindi non ti so dire, ma in generale quando leggo frasi tipo: “Un cinema che implode” per parlare di un film di Michael Bay, di solito mi cascano parti del corpo che puoi immaginare, sarò limitato ed ignorante (lo sono tantissimo) ma credo che si possa scrivere di cinema restando schietti e diretti, almeno, quelli che mi piace leggere di solito lo fanno così, e funzionano benissimo ;-) Cheers

      Elimina
  13. caro cassidy gavati la nata e vai su my movies e e leggiti il commento della casella su halloween(2018).



    a me è capitato di leggere prima la recensione di halloween del 20018(il film non l'ho visto e non lo vedrò) della casell e poi la tua recensione.

    ho riso per un quarto d'ora come un cretino perchè appunto la casella avrà fatto pure il liceo classico ma davvero fa ridere.

    grazie

    rdm

    w la fuga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A questo punto mi hai messo la pulce nell’orecchio, una volta di queste andrò a leggerla ;-) Cheers

      Elimina
  14. A me il 2019 di Martino è sempre piaciuto, pur con qualche difetto.
    Ma anche i film di Castelari eh.
    Sempre mglio loro che le fiction di canale 5 o i vari Natale a Stronzolandia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente si, non volevo certo essere irriverente nei confronti di questi film (tranne Reuma Park) alla fine mi piacciono tutti ;-) Cheers

      Elimina
  15. Fuga da New York è un cult assoluto e anche un film copiatissimo nella storia del cinema. Dei sei che citi ho visto Lockout di cui ho i ricordi appannatissimi, non ricordavo nemmeno che nel cast ci fosse Cassidy, anche se mi ricordo di Maggie Grace... Poi ho visto Fuga da Reuma Park e siccome amo Aldo, Giovanni e Giacomo avrei voluto cavarmi gli occhi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cassidy prima di diventare Cassidy ha fatto poche cose ma azzeccate, in “Misfits” era micidiale, anche se al suo arrivo, la serie aveva già finito tutte le sue idee migliori. No “Reuma park” era inguardabile davvero! Cheers

      Elimina
  16. Molto interessante, non ho mai visto nessuno di questi film, ma è veramente piacevole vedere come l'idea di un regista possa continuare a influenzare i colleghi dopo tanti anni dalla sua realizzazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, di solito succede con i classici, quelli capaci di diventare un archetipo narrativo, direi che è uno di quei casi ;-) Cheers

      Elimina
  17. Interessante (comunque ho visto solo gli ultimi due), e credo troverai delle somiglianze anche in Blood Drive ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una serie che ho in programma di vedere da tempo, dovrei proprio farlo perché penso che mi piacerebbe ;-) Cheers!

      Elimina
  18. Visti tutti, Castellari, Martino, Campbell, Marshall (magnifico Doomsday), Mather & St. Leger, compresa purtroppo l'ultima non necessaria prova del trio con Fuga da Reuma Park... e qui il Maestro può dormire sonni tranquilli, credo: oltre a una finta trama come scusa per riproporre stancamente e malamente i vecchi sketch di Aldo, Giovanni e Giacomo non ci trovo davvero nient'altro, men che meno riferimenti a Zio John che tentino di andare al di là del titolo (“Il giorno in cui le allodole voleranno” sarebbe una citazione diretta troppo alta e raffinata per trovar posto in questo pessimo filmaccio) ;-) Invece in Lockout, effettivamente, qualcosa che avrebbe potuto impensierire Carpenter c'era, e infatti (per la cronaca, i Minimei a Besson non riesco a perdonarglieli nemmeno io)... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che ho sovrastimato il trio di comici? Molto probabile, il giorno in cui riuscirò a vedere "Il giorno in cui le allodole voleranno" mi toglierò il dubbio su questa pellicola misteriosa per sempre ;-) Indifendibili i Minimei, avrei preferito dieci Lockout, e forse anche Carpenter :-P Cheers

      Elimina