domenica 15 aprile 2018

Rock 'n' Blog: Speciale Miloš Forman

La musica e il cinema mi mandano da sempre giù di testa, quindi perché non celebrarli entrambi in una rubrica di musica e colonne sonore che serva a farvi alzare il volume ricordando un grande regista che purtroppo ieri ci ha lasciato.

Titolo del pezzo:  I Got Life
Artista: Treat Williams
Tratta dal film: Hair (1979)

Il cinema si è sempre nutrito di storie di ribelli, qui alla Bara Volante, un po’ per propensione un po’ per portamento, le storie di ribelli sono quelle che vanno per la maggiore. Per quanto mi riguarda ci sono stati pochi registi che come Miloš Forman hanno saputo raccontare storie di personaggi ribelli al cinema.

Dal mio preferito, Randle McMurphy fino a ribelli della musica, come Wolfgang Amadeus Mozart, in un paio di film di cui non credo nemmeno serva citare il titolo per quanto sono famosi. Ma non dimentichiamo di grandi ribelli che hanno sfidato le convenzioni e il perbenismo come Larry Flynt, interpretato in maniera straordinaria da Woody Harrelson nel bellissimo e sottovalutato "Larry Flynt - Oltre lo scandalo" (1996) e in quello che forse potrebbe essere il mio film preferito di Forman, ovvero “Man on the Moon” (1999), che proprio come per Larry Flynt è un ottimo esempio di biopic davvero capace di rendere omaggio ad un ribelle della comicità come Andy Kaufman.

"Scivolata di potenza!!".
Per questo piccolo omaggio ad un grande regista, ho fatto forse la scelta più banale, un pezzo tratto da “Hair” (1979), un film che riassume il tema della ribellione alla grande, un film importante se nella vita avete portato i capelli lunghi o mostrato il dito medio alle istituzioni. Ci sono circa mille pezzi che si potrebbero selezionare dalla magnifica colonna sonora del film, ho scelto la scena in cui il mitico Treat Williams salta sul tavolo e canta la sua gioia di vivere in “I Got Life” che non è certo la canzone più celebre di “Hair” ma una delle mie scene preferite, quello si.

State pur certi che qui sulla Bara Volante avremmo ancora modo e maniera di omaggiare Miloš Forman come un regista di tale talento merita, per ora mi voglio limitare a salutarlo così, in musica,
Un saluto ad un ribelle gentile che ci ha regalato tanto bei ricordi cinematografici. Grazie di tutto signor Forman!

4 commenti:

  1. Onore a Milos!!!!
    Ai capolavori che hai elencati voglio aggiungere una pagina poco nota. CIO' CHE L'OCCHIO NON VEDE è il documentario dedicato alle Olimpiadi del 1972. Lavoro a 16 mani, nel senso che furono chiamati a realizzarlo 8 registi famosi: Lelouch, Schlesinger, Ichikawa, Arthur Penn, Forman (che descrisse le gare del Decathlon) e altri.
    Purtroppo è quasi introvabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello purtroppo mi manca, ne ho sempre sentito parlare ma non ho mai avuto l'occasione di vederlo. É un regista che ho sempre apprezzato molto anche nei film meno noti, davvero una brutta notizia. Cheers!

      Elimina
  2. E quel gran capolavoro di Qualcuno volò sul nido del cuculo? L'ho visto non so quante volte.. Mi è dispiaciuto parecchio per il vecchio Milos, è una notizia passata abbastanza in sordina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Randle McMurphy sta tranquillo nella mio top ten dei personaggi cinematografici del cuore (storia vera). Vero, aveva una bella età, ma forse tanto pubblico ricorda più alcuni dei suoi film che il nome del regista purtroppo. Cheers

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...