sabato 22 luglio 2017

RIP Chester Bennington: Una brutta settimana…


Non è stata una buona settimana, no, proprio per niente.

Lo ammetto candidamente, non mi sono mai piaciuti i Linkin Park, forse avevo qualche anno di troppo quando hanno raggiunto l’apice della fama, o forse più semplicemente non hanno mai incontrato in pieno i miei gusti di rockettaro vecchia scuola, ma leggere la brutta notizia della morte di Chester Bennington mi ha comunque lasciato malamente di sasso.

A pochissime settimane dalla ferita ancora aperta su Chris Cornell, si aggiunge anche questa sassata, malgrado il fatto che non li abbia mai apprezzati davvero come gruppo, Chester Bennington aveva una voce pazzesca, alcuni loro pezzi più celebri, come “Crawling” dall’album “Hybrid theory” era un ottima prova della sua estensione vocale.

Nel 2007 sono arrivato a tanto così dal sentirli dal vivo, ero all’Heineken Jammin' Festival per sentire i miei Pearl Jam (PJ e Linkin Park nello stesso giorno? Ci credo che è finita male!), quando il cielo ha pensato bene che quel giorno non ci sarebbe stato nessuno concerto. Ancora oggi a distanza di (gulp) dieci anni, quando sento il ritornello di “What I've done” mi torna in mente una sfilza di vocine adolescenziali che intonano il ritornello, passato a rotazione sui maxi schermi, mentre il cielo inizia a venire giù in mitragliate di ghiaccio.

Per fortuna ci ha pensato il cinema a farmi fare pace con il gruppo, ed è proprio qui che sta il mio piccolo omaggio a Chester Bennington.

Credo che non esista un utilizzo migliore di “Numb” (nella versione con Jay-Z) di quello fatto da Michael Mann nella scena di apertura di “Miami Vice” (2006), il vocione di Bennington ha riempito il cinema quel giorno.
A proposito di “What I've done”, impossibile non citare quella volta in cui Michael Bay ha deciso di utilizzarla in “Transformers”. Avresti dovuto esserci a Mestre Michael, sembrava di stare quasi in uno dei tuoi film!

Spero davvero che le brutte notizie siano finite, è stata una settimana lunga, non era proprio il caso di terminarla così.

Ciao Chester, ci sentiamo nel prossimo film, che la terra ti sia lieve.

14 commenti:

  1. Tra l'altro per "Transformers: La vendetta del Caduto" non solo i Linkin Park hanno composto una canzone ad hoc ("New Divide"), ma hanno pure collaborato con Steve Jablonsky nella realizzazione della colonna sonora originale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si hai ragione, che poi forse la colonna sonora era una delle poche cose funzionanti di "Transformers: La vendetta del Caduto" il peggiore di tutta la saga secondo me. Non essendo un grande fan del gruppo ho preferito citare le loro canzoni al cinema, dove si sentivano spesso. Mike Shinoda ha curato le musiche per la versione per il mercato occidentale di "The Raid". Cheers

      Elimina
  2. Mi hai fatto venire voglia di recuperare Miami Vice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso di aver iniziato ad apprezzare "Numb" proprio grazie a quella scena, ancora oggi quando la sento ripenso al film. cheers

      Elimina
  3. Ammetto di non esser mai stato un'amante dei Linkin Park, ma la notizia mi ha fatto pensare. Fino a ieri Bennington faceva concerti... Che peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo in due allora, sarà che ancora non mi sono ripreso dalla notizia su Chris Cornell, ma ci sono rimasto male. Cheers

      Elimina
  4. Quando un cantante famoso si suicida a quarant'anni, viene da pensare se questo tipo di star system non sia una maledizione, piuttosto che un privilegio. Forse era meglio restare a livelli più bassi...
    "In the End" mi è piaciuta come a moltissimi all'epoca ma non è che poi mi sia impegnato a seguire il gruppo: ogni tanto mi capitava all'orecchio una loro hit orecchiabile e me la mettevo nel lettore mp3. Qualche anno fa mi è capitato il loro album mixato con Eminem, un po' strano ma interessante.
    La colonna sonora della saga Transformer l'ho sempre sentita solo in strumentale - il quarto episodio è un album ottimo, che risento ancora - ma ora cercherò anche le canzoni: grazie della dritta ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sono pensieri che vengono automatici davanti a notizie così. Prego figurati, hanno sempre sfornato pezzi che al cinema, se usati con criterio, funzionavano, su questo ho basato questo piccolissimo omaggio. Cheers!

      Elimina
    2. Ieri sera ho rispolverato qualche hit dei Linkin Park, ricordandomi che agli inizi dei Duemila nel mio lettore mp3 campeggiavano "In the End" e "Somewhere I Belong", che avrò sentito tipo un milione di volte. Ho sfogliato un "best of" ma a parte "Numb" (versione originale) non mi sento di apprezzare molto altro... Però di sicuro è un sound unico.

      Elimina
    3. Oggi mi è capitato per puro caso di vedere un loro video (con comparsata di Kareem Abdul-Jabbar!) di una delle loro canzoni recenti, il sound degli primi anni 2000 era più incisivo, infatti i titoli che hai citato, sono anche quelli che ricordo meglio, e penso che sia così per molti che non li seguivano in maniera continuativa. Cheers!

      Elimina
  5. A me Hybrid Theory piacque tantissimo. Mi ricordo che li scoprì in un qualche contenitore di musica rock di MTV (credo) che andava in onda in piena notte e che registravo su vhs da vedere il giorno dopo. Credo fosse Papercut la canzone. Poi iniziai le ricerche per procurarmi il cd in un'epoca nella quale non so se c'era iTunes, ma se c'era non lo avevo. Ed a piacermi, più del genere in sé era proprio la voce di Chester, potente come poche. Poi io sono cambiata, loro sono cambiati e vabbé. Ma la notizia mi ha lasciata di sasso. E le stupide polemiche che sono seguite mi hanno disgustata non poco. Magari -e dico magari- la gente si suicida perché questo è un mondo nel quale si montano polemiche perché la gente si suicida.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facile che fosse MTV Rocks, spesso restavo sveglio per vederlo, ma l'ora era davvero tarda. Penso fosse proprio Papercut, da che ricordo è stata la canzone che li ha lanciati, con quel video, con la sua presenza vagamente horror. Concordo la parte migliore dei Linkin Park era proprio la voce di Bennington che elevava parecchi dei loro pezzi, dopo i primi dischi, hanno cambiato genere e mi dicevano ancora meno. Sulla questione delle polemiche, più ne leggo in rete e più penso che delle vite altrui non puoi sapere davvero niente, e se qualcuno perde tempo a giudicare (dall'alto di un cazzo aggiungerei un francesismo) forse è perché una vita loro dovrebbero passare il tempo a farsela. Cheers

      Elimina
    2. Sì, mi sa che era proprio MTV Rocks. Buona parte delle mie preferenze musicali ha avuto origine da quell'oretta di programmazione a notte fonda. Mi verrebbe da dire "che gli Déi, i vecchi e i nuovi, benedicano l'internette", dato che di lì a poco non avrei dovuto faticare tanto a trovare quello che mi piaceva. Però no, mi sa che non lo dico, proprio a causa di quella gente che giudica "dall'alto di un cazzo" (cit., non avrei saputo dirlo meglio :-) ).

      Elimina
    3. Allora diciamo che un ringraziamento agli Dei vecchi e nuovi lo facciamo più che per l’Internet, per la tecnologia in generale. Oggi apprezzo ancora di più la possibilità di avere tutto, musica compresa, a portata di click, proprio perché mi ricordo quando la musica (i film, i libri, i fumetti…) dovevi procacciarteli in ogni modo possibile, aguzzando l’ingegno e mettendo su complicatissimi sistema di baratto, altro che spotify ;-) Cheers

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...