lunedì 17 luglio 2017

Okja (2017): Io sto con gli ippopotami (o con i super maiali, fate voi)


Appena ho visto la locandina di “Okja” sul paginone di Netflix, ho pensato al “Delicatessen” di Jean-Pierre Jeunet, così, per associazione di idee. Dovevo capire che il mio “Senso di cinema” mi stava dicendo “Premi play! Premi Play!”.

Ora, io ho sempre un po’ la testa immersa nei miei pensieri (il vuoto cosmico che avvolge un neurone solo in un cranio vuoto), quindi mi sono distratto e PUFF! Tutti stavano guardando questo film, complice proprio il fatto che fosse disponibile su Netflix, se vi sembra che io stia facendo melina intorno al punto avete ragione.

Il punto è: quante persone ci sono in giro che guarderebbero un film diretto da un regista Coreano?
Provate ad usare le parole “Regista” e “Coreano” della stessa frase a breve distanza e provocherete nella folla un fuggi fuggi generale, mi riferisco alla stragrande maggioranza del pubblico, non i matti invasati di cinema come voi e me. Personalmente, per utilizzare un’espressione tipica coreana, con i film prevenienti da quella parte del mondo io ci “azzuppo”, Train to Busan? Bellissimo! Figuriamoci poi se il “Regista Coreano” in questione è quel geniaccio di Bong Joon-ho!

"Come la figlia di Phil Collins? Facciamo in tempo a rifare il casting? A me piacevano i veri Genesis!".
Dalla cricca di registi che ci hanno mandato in estasi nei primi anni 2000, due in particolare spiccavano, uno era quel genio del crimine di Park Chan-wook, l’altro proprio Bong Joon-ho, o come lo chiamo io in amicizia “Bon Jovi No”. Il primo è l’estro puro, il talento non allineato e forse nemmeno esportabile che, infatti, è dovuto tornare in patria dopo una parentesi americana così così per sfornare un altro bel film.

Bong Joon-ho, invece, fin dal suo esordio con “Barking dogs never bite” (2000) ha sempre dimostrato di saper mescolare i generi, di poterli rigirare a suo piacimento, “Snowpiercer” (2013) è stata la dimostrazione che il nostro poteva sovvertire le regole anche utilizzando denaro e attori occidentali, un film di genere con tante cose da dire che poi è la stessa cosa che il buon “Bon Jovi No” ha rifatto anche con “Okja”.

Hai un amico in me, un grande amico in me... (Cit.)
Questa seconda co-produzione Netflix/Plan B Entertainment dopo quella noia mortale di War Machine (in cui guarda caso recitava anche Tilda Swinton), ha fatto parecchio parlare di sé per le polemiche sollevate durante il festival di Cannes, bordata di fischi (alcuni smentiti, altri no) ogni volta che compariva il logo Netflix sullo schermo del prestigioso festival e Cannes che cambia le regole, dal 2018 saranno in gara solo film che vedranno il buio della sala. Io che sono notoriamente malpensante dico che i distributori non vedono di buon occhio la piattaforma streaming perché non possono bagnarsi il becco, ma si sa che io sono un cattivaccio.

Questa utilissima polemica per me si riduce a zero, quanti avrebbero visto un film di un “Regista Coreano” se avessero dovuto prendere la macchina, parcheggiare, fare le fila per il biglietto e stare 120 minuti in sala? A mio avviso non tutti quelli che invece hanno premuto “Play”, quindi se volete la mia posizione ufficiale, io sto con Netflix, perché sono pigro, perché se voglio andare al cinema ci vado lo stesso e perché “Okja” è uno dei migliori film che vi capiterà di vedere quest’anno, garantito al limone.

"Ed ora via al commento del film!" Grazie Raffaella... Ehm Tilda! Volevo dire Tilda!
In un futuro che potrebbe essere giovedì prossimo, per far fronte alla fame nel mondo, la Mirando, multinazionale dalla pessima fama guidata dalle gemelle Lucy e Nancy Mirando (Tilda Swinton nuovamente nel doppio ruolo gemellare dopo Ave, Cesare!), scopre l’animale che salverà la razza umana. Ventisei cuccioli di super maiale vengono consegnati ad altrettanti allevatori nel mondo, ufficialmente il loro compito è quello di allevarli secondo metodi naturali, di fatto sono solo una manovra pubblicitaria di un'azienda che vuole solo fare soldoni inscatolando la carne dell’animale.

Proprio laggiù in Corea, la piccola Mija (l’azzeccatissima Ahn Seo-hyun) insieme al nonno allevano una femmina di super maiale di nome Okja, per darvi un'idea: immaginatevi una specie di Pippo l’Ippopotamo della Pampers, però ancora più tenerone e cicciottone, realizzato in una CGI davvero ben fatta.

Ip! Ip! Popotamo! (Scusate non ho potuto resistere).
Okja e Mija sono legatissime, tanto che la bambina dorme sdraiata sulla pancia dell’animale, in una scena che sembra messa apposta da Bong Joon-ho per far puntare il dito dello spettatore allo schermo gridando fortissimo “TOTORO!”, perché tanto state tranquilli che guardando il film le parole che vi verranno in mente sono le seguenti: Ecologista, Hayao, Favola, Miyazaki, Animalista.
Ecco, magari non in quest’ordine, ma sicuramente saranno queste.

Come tutte le favole ecologiste animaliste del maestro Hayao Miyazaki impone, Mija dovrà affrontare un grande viaggio per salvare Okja dalle grinfie della Mirando, rappresentata dallo sciroccato animalista televisivo, il Dr. Johnny Wilcox (un Jake Gyllenhaal appena appena sopra le righe, ma poco). Dalla sua, però la bambina potrà contare sul fronte animalista noto come “ALF” (no, non alieno mangiagatti) guidato da Paul Dano.

"Dove hai messo il passamontagna?" , "Non si abbinava alla cravatta".
Il film proprio come “Snowpiercer”, mescola attori coreani e americani che recitano ognuno nella propria lingua madre, per ovviare al problema linguistico (anche se Bong Joon-ho lo sfrutta a suo favore perché è diabolico), tra le fila del gruppo animalista compare Steven Yeun, che magari così vi dice pochino, però è il Glenn della serie tv i Camminamorti.

Ad un certo punto, Glenn dice alla protagonista: “Cerca di imparare l'inglese ti aprirà un sacco di porte", sembra quasi che il consiglio le arrivi direttamente da Bong Joon-ho, che anche dopo aver aperto ad Occidente, continua a sfornare film incredibilmente coerenti, anche nel loro saper smontare con il cacciavite i generi.

“Okja” ha un ottimo ritmo, inizia bucolico facendoti appassionare ai personaggi, anche con trovate un po’ bambinesche, tipo: vuoi non mostrarci Okja che accarezzata sul coscione spara palline di cacca? E dai! La cacca fa sempre ridere! Ce lo ha insegnato Steven Spielberg in Jurassic Park quindi non si può sbagliare!

Dopodiché, quando inizia la ricerca di Mija, Bong Joon-ho si conferma il drago della macchina da presa che è sempre stato, l’inseguimento a piedi del camion da parte della bimba è favolistico (possibile che per le strade di Seul ci sia così poco traffico), ma sfoggia un montaggio impeccabile che è un vero spettacolo. La determinazione della cocciuta Mija la rende un personaggio per cui è facilissimo fare il tifo, guardatela affrontare a testa bassa (letteralmente!) la porta vetrata dell’atrio della Mirando, era dai tempi di Tony Jaa che gridava “Voglio il mio elefante!” che non avevo così voglia di patteggiare per un orientale alla ricerca del suo animale scomparso.

Brava piccoletta, Tony Jaa sarebbe fiero di te!
Inoltre, il nostro “Bon Jovi No” non perde il gusto per i suoi personaggi assurdi, come detto, Jake Gyllenhaal va tanto sopra le righe mettendosi al servizio della storia, ma chi si mangia davvero lo schermo è Tilda Swinton, ormai una specialista dei personaggi esagerati, ma azzeccati, bravissima a dare un diverso carattere alla nevrotica Lucy e alla Thatcheriana Nancy.

Bong Joon-ho ne ha per tutti, mette alla berlina il capitalismo delle industrie e non è morbido nemmeno con gli animalisti, mostrandoli come sì armati di buone intenzioni, ma troppo legati ai loro precetti per essere davvero efficaci. Per altro, ma sono solo io, oppure John Denver ultimamente sta facendo capolino in tutti i film? A parte questo, oh! Voi pensate che il buon Bong si sia concesso la favoletta Miyazakiana rassicurante, ma il nostro perde il pelo, ma non il vizio, questo è lo stesso che ha piazzato QUEL colpo di scena a metà di quella bombetta di “The Host” (2006), quindi non aspettatevi barattoloni di miele da lui.

Non voglio rovinarvi la visione, ma quando farete la conoscenza di Alfredo, capirete che Bong Joon-ho anche questa volta ha saputo imprimere una svolta adulta a quella che fino ad un minuto prima sembrava “solo” una favoletta ecologista girata alla grande.

Se su questa scena non vi appendete allo schermo, mi spiace, non siete umani.
Il bello di “Okja” sta anche nella sua capacità di costringervi a pensare, il che quando accade con un film (per di più disponibile a tutti su Netflix) è sempre un'ottima cosa, nella scena finale non ho potuto non ripensare a Soylent Green, ma più in generale, penso che per chiunque sia impossibile guardare questo film senza ritrovarsi a riflettere sulla propria posizione, nei confronti dei diritti sugli animali e sul vostro rapporto con la carne ogni volta che ficcate le gambe sotto il tavolo da pranzo.

Sappiamo tutti come viene prodotto il cibo su larga scala, ma se passi due ore a guardare la tua bistecca negli occhi, qualche domande te le devi pur fare, no? Il bello di “Okja” sta proprio in questo, una favola sì, ma per adulti e che ogni tanto ti prende a schiaffoni in puro stile Bong Joon-ho, quindi il mio consiglio è: guardatelo, perché ogni tanto ci sta di farsi prendere a schiaffi dal cinema.

Dal canto mio, ho davvero apprezzato il film e santa santissima Netflix che lo ha reso disponibile a tutti con un solo click, l’unico problema vero del film, però è un altro: assicuratevi di non finire di guardarlo prima di mettervi a tavola come ho fatto io, potrebbe diventare un problema. Nel dubbio, io ho cenato a base di verdure, così, per non fare torto a nessuno (storia vera).

6 commenti:

  1. Titolo chiccosissimo che mi segno subito ;-)
    Cannes campa solo sulle proprie macerie, quindi la futura esclusione di Netflix sarà un vanto per quest'ultima ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Netflix farà come Von Trier, sfoggerà la maglietta con su scritto “Piattaforma streaming non grata” ;-) Anche perché se escludono bei film come questo, si sparano in un piede da soli. Cheers

      Elimina
  2. Film che mi ha colpito moltissimo, un vero e proprio "pugno nello stomaco" che non riprovavo da un bel pò (l'ultima volta dev'essere successo guardando "The elephant man" dell'ottimo Lynch). Il regista di "Snowpiercer" non è nuovo a crude denunce sociali e con Okja la sua lama critica non si è certo consumata, anzi, è ancor più tagliente. Ho apprezzato tantissimo la maniera in cui sono riusciti a caratterizzare i vari personaggi con credibili sfaccettutare, nonostante l'impianto grottesco delle loro personalità. Era troppo facile dividere la storia tra buoni e cattivi ma il regista riesce a creare personaggi che hanno sia grossi pregi sia grossi difetti. Gli unici "puri" di cuore, per cui tifare ed empatizzare, sono la bambina e la sua Okja.
    Il cast è perfetto e da amante di Jake Gyllenhaal non posso che andare in brodo di giuggiole appena lo vedo! Qui si diverte un mondo a fare il mattacchione ma riesce molto bene a mostrare anche tutto il lato pietoso e disturbante del personaggio.

    Se un film così ben fatto riesce ad essere disponibile con un click a migliaia di persone, è solo un bene!

    Saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, che poi a ben pensarci anche i puri in questi film, prendono dei discreti schiaffoni in faccia. Dici bene l’impianto è volutamente grottesco (anche più di “Snowpiercer”) però tutti i personaggi hanno in fondo un lato umano, dei tormenti, forse l’unico davvero sprecato è Giancarlo Esposito, molto pubblicizzata la sua presenza, ma largamente sotto utilizzato lui, anche perché ha sostituito al volo Bill Nighy. La penso proprio come te, tra questo e l’ottimo “Hell or High Water” abbiamo un altro filmone resto disponibile a tutti da Netflix. Cheers!

      Elimina
  3. Quindi fortunatamente non è schierato apertamente con animalisti, vegetariani, vegani e gentaglia simile, ottimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che è schierato dal lato giusto, quello che ci ricorda che tutti hanno le loro ragioni ma anche dei difetti, ma la cosa davvero bella, è che puoi essere anche un amante delle bistecche al sangue, eppure il film ti farà fare un paio di pensieri, il che quando accade secondo me è il massimo ;-) Cheers

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...