sabato 26 giugno 2021

Matana 4 di 6 (2021): quando parla Matana... i morti tacciono!

Quarto appuntamento con il nuovo fumetto Western di Leo Ortolani, Matana entra nel vivo e concedetemi una citazione anche a me: Le colt cantarono la morte e fu... tempo di massacro.

Dura la vita nel vecchio West.

Gli uomini di El Muerto hanno circondato quelli di Don Alejandro e sono pronti ad annunciare l’arrivo del loro spettrale capo. Tra i loschi figuri che Ortolani decide di rappresentare, alcune facce (brutte) note degli spaghetti Western, da Lee Van Cleef a Klaus Linski, fa un po’ storcere il naso quindi che il Venerabile abbia scelto per il ruolo del braccio destro di El Muerto uno sgherro con le rughe di Danny Trejo, leggendario quanto volete, ma anche uno che con gli Spaghetti Western non ha mai avuto molto da spartire.

Machete don't text (speriamo almeno che legga i fumetti)

Ma questa scelta va mano nella mano con la copertina di questo quarto numero, che strizza l’occhio al Django di Tarantino, anche se lo schiavo Isaiah in questo numero non fa nulla. Più in catene nella storia che sulla copertina.

A tenere banco è il primo scontro tra lo straniero senza nome che si chiama Speranza (ormai è questo il suo lunghissimo nome) ed El Muerto, un primo duello che è solo un assaggio del loro scontro finale, anche perché è interrotto dalle risate del bambolotto Sgnasassa, utilizzato come un tempo faceva l’Indio con il carillon. Solo con molte più risate, molte delle quali mie, davanti allo spanciarsi immotivato di Matana.

Chissà cosa avrebbe pensato il Maestro Morricone di tutto questo.

Ortolani qui finalmente si gioca la battuta che abbiamo pensato tutti, la prima volta che abbiamo letto il titolo del nuovo fumetto di Ortolani, il gemello di Matana si chiama Acuna e anche quest’albo purtroppo, termina troppo presto. Per leggere il resto toccherà aspettare un altro mese.

Sgnasassa somiglia a me mentre leggo i fumetti di Ortolani.

Pazientemente attendiamo. Quando il bambolotto Sgnasassa smette di ridere, corri in edicola e cerca il nuovo numero di Matana… cerca. Mica solo Ortolani può fare le citazioni Western eh?

14 commenti:

  1. Il bambolotto potrebbe anche essere una voluta citazione del Sartana di Gianni Garko, credo "Una nuvola di polvere, un grido di morte...". Quel film lì sembra scritto da Ortolani! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sartana, Matana, puoi girarci che è tra le fonti d'ispirazione di Ortolani ;-) Cheers

      Elimina
  2. Si, sono d'accordo.
    Trejo e' sempre una gran faccia da avanzo di galera (oh, beh...senza offesa, Danny).
    Ma qui ci sarebbe voluto il buon vecchio Marione Brega, lo sgherro per eccellenza dei film del sor Leone.
    Sarebbe stato il miglior omaggio possibile.
    Forse non ci ha pensato. O forse...
    Forse Trejo lo riconoscono subito, Brega c'e' il rischio che non lo riconosca nessuno.
    Triste doverlo ammettere, ma forse e' davvero cosi'.
    Recuperato il terzo volume, intanto. E adesso, sotto con questo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marione Brega penso sia quello dietro con i baffoni, anche se resta in disparte. Ortolani aveva fatto una sorta di sondaggio su chi avremmo voluto vedere in Matana, non ho seguito la votazione ma credo abbia vinto Trejo, uno che davvero ha la faccia da avanzo di galera, non solo per dire ;-) Cheers

      Elimina
    2. Ah, dici che e' lui?
      Io avrei optato per il look classico col barbone.

      Elimina
    3. Secondo me è un tentativo di ricordare Mario Brega, bisognerebbe chiedere al Venerabile. Cheers

      Elimina
  3. Dai, comunque Danny non avrà fatto film Western però le phisique di role ce l'ha tutto😁

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ha fatto tanti Western di cassetta (come i due "Dead in tombstone"), ma per ovvie ragioni nessuno spaghetti Western. Cheers

      Elimina
  4. Su Trejo anche io spezzo una lancia, anche perché pur avendone visto un'immagine con le ciabatte rosa mi ispira ancora una certa pericolosità, Desperado era un film molto western, forse Ortolani l'ha piazzato sulla base di questo. Certo Brega, come scrive giustamente Redferne, ehilà, avrebbe avuto molto più senso. Aspetto il volume completo, in ogni caso, non ho voglia di impazzire a trovarlo in edicola. 👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho avuto modo di vederlo dal vivo, Trejo è più piccolo di una Jessica Alba (splendida) e accanto a quella pertica di Rodriguez sembra la custodia della sua chitarra, però quella faccia che sembra una mappa topografica è incredibile, fa paura anche quando sorride amichevolmente (storia vera). Cheers

      Elimina
  5. Io spero tanto nel ritorno di Don Alejandro, malgrado quella cosa che succede alla fine...anche perché c'è lui sulla copertina del prossimo! Anch'io comunque ho riso dalla prima all'ultima pagina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le copertine offrono false piste, Isaiah in questo albo quasi non compare, ma siamo in due a sperarci, gran personaggio ;-) Cheers

      Elimina
  6. Niente, la situazione drammatica delle edicole da me mi ha spinto a mollare la serie. Purtroppo gli unici giornalai rimasti in attività sono quelli che hanno le macchine Sisal, quindi su 100 clienti 99 sono lì per fare ricariche telefoniche, pagare bollette, giocare al lotto, farsi l'elettrocardiogramma e quindi, dovendo entrare in pochi per le norme anti-covid, per comprare un fottuto fumetto dovrei fare più fila che alla posta!
    Aspetterò la raccoltona a colori e la prenderò su Amazon ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai è impossibile, il mio edicolante (una rarità!) ha già messo le mani avanti per il numero finale, che ovviamente uscirà ad agosto, giusto per facilitarci l'impresa. Cheers!

      Elimina