domenica 27 settembre 2020

Video killed the movie star: Under the Bridge - Red Hot Chili Peppers (Gus Van Sant)

Alcuni registi famosi, nella loro carriera si sono esibiti nell'antica e nobile arte del videoclip musicale. Quindi alzate il volume ed occhio al nome famoso di oggi!

Titolo del pezzo: Under the Bridge

Artista: Red Hot Chili Peppers

Regista: Gus Van Sant

La canzone che ha fatto fare un salto quantico ai Red Hot Chili Peppers, non poteva avere un video diretto dall’ultimo dei passanti. Gus Van Sant conosceva Flea, perché il mitico bassista del gruppo aveva interpretato un piccolo ruolo in “Belli e dannati” (1991). Lo stile del regista di Da morire, “Gerry” (2002) ed “Elephant” (2003) ben si sposa con la solitudine e lo sconforto del pezzo. Il look assurdo di Frusciante invece (camicia a strisce bianche e rosse, pantaloni kaki e cappello con pom-pom) era un gentile suggerimento dell'allora fidanzata del chitarrista (storia vera). Ci ho tenuto a precisarlo perché ho sempre creduto che fosse semplicemente un effetto collaterale della droga.

14 commenti:

  1. E te vatti a fidare dei consigli delle fidanzate😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me la fidanzata era una scusa, la droga era la vera ragione di quel modo di vestirsi, almeno lo spero ;-) Cheers

      Elimina
  2. Dei grandissimi, senza dubbio.
    Che ad un certo punto hanno rischiato di perdersi del tutto, tra abusi ed eccessi di ogni tipo.
    Fortunatamente, la passione per la musica ha avuto sempre la meglio su ogni altro vizio.
    Si puo' dire che da Californication in poi, col rientro di Jack...ehm, no, di John Frusciante, abbiamo assistito a una sorta di rinascita. La cui onda lunga dura tutt'oggi.
    Ma a parer mio il loro lavoro migliore rimane uno dei primi, Blood Sugar Sex Magik.
    Buona Domenica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono fermo ai loro primi dischi super Funkie, lì erano davvero particolare, anche se "Blood Sugar Sex Magik" è un gran disco, così come "Californication". Buona domenica anche a te! ;-) Cheers

      Elimina
  3. Canzone bellissima..ovviamente ignoravo che ci fosse la mano di tale regista nel videoclip!
    A proposito di look...fortissimo il look da "indiano" con capelli lisci e lunghi di Anthony!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha anche degli indiani tatuati sulle spalle, Geronimo e Toro seduto se non sbaglio ;-) Cheers

      Elimina
  4. Mia moglie anni fa: "Ma i RHCP hanno fatto una cover di una canzone delle All Saints?" Ehm, no veramente è il contrario :D Canzone veramente bellissima, concordo..e poi erano appena diventati famosi per quella bomba di Give it away, qui cambiavano decisamente tono restando comunque grandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito sono io che scivolo nella trappola della cover, ma non per le All Saints, questa era clamorosa dai ;-) Cheers

      Elimina
  5. Davvero il videoclip è di Van Sant???? Se già lo consideravo un culto ora ha guadagnato parecchie posizioni in alto! ^_^
    Anche se però non posso più vedere quell'intro senza pensare alla parodia di Weird Al, che fonde "Under the Bridge" con "Give it Away", dimostrando che si può essere geniali anche usando materiale di altri :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il motivo per cui ho pensato a questa rubrichetta, ci sono video diretti da insospettabili ;-) Lo dico sempre che Weird Al dovrebbe essere il capo del mondo! :-D Cheers

      Elimina
    2. Quello me l'ero perso! E l'intero prende in giro la bellissima No Rain dei Blind Melon, gruppo a cui le droghe hanno fatto perdere il cantante (e l'esistenza) invece che solo il senso del sapersi vestire...

      Elimina
    3. Purtroppo quello é accaduto a fin troppi gruppi. Che figata erano i Blind Melon! Cheers

      Elimina
  6. Non lo sapevo che era di Van Sant!

    Comunque Frusciante si è sempre vestito come il nonno che va a riparare cose nel capanno degli attrezzi, non è esattamente un maestro di stile... X--D

    RispondiElimina