lunedì 3 agosto 2020

Greyhound (2020): guardo il mondo da un oblò (affondo un U-Boot)

Ogni tanto me ne esco con questa stramba teoria, se mi leggete qui sulla Bara spesso, l’avete già sentita, quindi mi scuso per la replica: ci sono storie di cui mi piacerebbe vedere il “controcampo” al cinema. Un po’ come ha fatto Clint Eastwood con “Flags of our fathers” e “Letters from iwo jima” (2006).

L’esempio più lampante sarebbe “Sentieri selvaggi” (1956) dal punto di vista degli indiani, ecco per certi versi “Greyhound” (appesantito dal solito sottotitolo Italiano - Il nemico invisibile) è un classico film di sottomarini, raccontato in “controcampo”, ovvero dalla superficie dell’acqua dove naviga la Greyhound del titolo, che poi in Inglese vuol dire Levriero. Il fatto che gli U-Boot nazisti che si muovono minacciosi sotto le onde, abbiano delle teste di lupo ritratte sulla fiancata, è un dettaglio che volevo farvi notare, qualcuno riuscirebbe a tirarci fuori uno spunto particolarmente brillante, da questo scontro tra un Levriero e tanti lupi cattivi.

"Cappuccetto rosso? Su, apri la porta. Su, apri! Non hai sentito il mio toc, toc, toc?" (cit.)
Tratto dal romanzo del 1955 “The Good Shepherd” scritto da Cecil Scott Forester, “Greyhound” è il tentativo da parte del canale Apple TV+ di sfondare con un titolo di richiamo, che a ben guardarlo ha tutte le caratteristiche del cinema occidentale moderno: ad una prima occhiata sembra una grossa produzione di seria A, quando in realtà si sfruttano le idee che normalmente si trovano nei film di serie Z.

Una sola location (come direbbe Alessandro Borghese), ovvero la Greyhound, un cast di illustri sconosciuti tutti molto giovani tra cui spiccano solo Elisabeth Shue – moglie del protagonista e sua principale motivazione, resta in scena tre minuti netti – e il primo ufficiale che ha il faccione di un incredibilmente quieto Stephen Graham. Per il resto il film è tutto sulle spalle di Tom Hanks, che per 91 minuti, titoli di coda compresi, guarda il mondo da un oblò, non si annoia un po’ perché gli U-Boot lo tengono impegnato, ma è sostanzialmente tutto qui.

Vi avviso, si vede più Elisabeth Shue in questa foto che in tutto il film.
Alla fine è proprio il buon vecchio Tommaso, come Orietta Berti a far andare la barca (in tutti i sensi) di questo film, anche autore della sceneggiatura, Hanks si porta dietro oltre a tutto il suo blasone d’attore, anche i suoi trascorsi cinematografici, diciamo quelli alti, il tempo passato con il “casinaro” Hooch, in questo film non gli serve a molto, a meno che di non voler cavillare sul fatto che tra Levrieri e Dogue de bordeaux, sempre di cani stiamo parlando.

Qui Tom Hanks e di nuovo un po’ “Captain Phillips” (2013), un po’ Sully ma anche un po’ il protagonista di “Salvate il soldato Ryan” (1998), perché comunque quando Hanks incontra la seconda guerra mondiale nella sua filmografia, di solito si impegna anche più del solito. Sto pensando alla bellissima serie che aveva prodotto insieme a Spielberg, “Band of brothers” (2001).

"Non è che tu per caso ti chiami Ryan, vero?"
1942, il capitano di corvetta Ernest Krause (Tommaso), a bordo della sua Greyhound si trova alla testa di una flotta di 37 navi alleate, impegnate nel complicato attraversamento dell’Atlantico del nord, minacciate dagli U-Boot Nazisti, che da sotto la spuma dell’acqua giocano a battaglia navale con le vite dei soldati.

Iniziamo dai difetti: Tom Hanks per la parte del capitano di corvetta alla sua prima attraversata, risulta davvero un po’ troppo avanti con l’età. Certo la storia giustifica la sua grande esperienza, inoltre parlandone con il Signor Cassidy Senior, la trovata delle pantofole potrebbe essere letta in due modi alla luce dell’età di Hanks. Ma forse il problema principale è proprio quello, se non vi “attizza” l’idea di un film dove, Hanks guarda fuori, comunica con i suoi uomini, elabora nella sua testa ragionamenti che sono frutto della sua esperienza e poi tuona ordini su come schivare la morte per affogamento nelle gelide acque dell’Atlantico, beh lasciate perdere. Se invece volete 91 minuti di tensione quasi costante e macro sequenze d’azione lunghe e molto ben realizzate, prego, siete invitati a salite a bordo.

Tom si prepara, per poter fissare fuori dall’oblò.
La regia di Aaron Schneider riesce a tenere il pubblico sulla corda per tutta la durata del film, gli effetti speciali digitali lavorano bene in coppia con la vivida fotografia di Shelly Johnson, il risultato è una lunga partita a scacchi tra Tom Hanks e gli U-Boot, giocata sul filo della tensione e scandita dalle miglia navali ancora da attraversare, in quella porzione di mare in cui ogni nave alleata, risulta essere un bersaglio facile.

Come vi dicevo Tom Hanks si porta dietro il suo bagaglio di personaggi, solo vedendolo viene istintivo associarlo al cinema di Steven Spielberg – infatti anche qui un minimo di caramello nel finale arriva, ma ormai il film aveva già abbondantemente fatto il suo dovere -, quindi permettetemi il paragone un po’ ardito: la tensione di “Greyhound” fa pensare un po’ a Lo Squalo, perché il nemico non si vede mai, ma la sua presenza è costante e si avverte nelle morti e negli affondamenti che sono il modo degli U-Boot di “mordere” le loro vittime.

“Secondo i miei calcoli, dovremmo essere qui, vicino a questa linea tratteggiata”
Quando i Nazisti iniziano a farsi sentire via radio, ululando ai loro bersagli minacciose frasi per demotivarli e farli prendere dal panico, a tenere dritta la barra della sua nave e del film ci pensa Tom Hanks, uomo normale in circostanze straordinarie - eccolo che torna Spielberg! -, che guardando un punto fisso nel vuoto è l’unico che “vede” la minaccia chiaramente e sa cosa bisogna fare per evitare siluri che potrebbero arrivare da ogni direzione e in ogni momento, risultando fatali.

Mi rendo conto che il set deve essere stato un cast di attori bardati per il gelo, davanti ad infinti schermi verdi, ma guardando il film finito la magia del cinema fa il suo dovere, a salvare questo film dal baratro della serie B (se non proprio della Z, visto che ne utilizza gli stessi trucchi ma con più soldi a disposizione) ci pensa proprio il carisma e il vissuto (artistico) di Hanks.

Lo sguardo di Tom è così intenso che ha frantumato l'oblò.
“Greyhound” è costruito su piccoli momenti, che siano il rapporto tra il comandante e i suoi uomini, un cameratismo fatto di solidarietà maschile alternata ad alcune scene d’azione che rompono la tensione (oppure la fanno scatenare), perché di fatto la nave non può “vedere” gli U-Boot (e viceversa), tutto questo gioco di sonar, si traduce in una cecità cinematografica che è anche un po’ la nostra, da spettatori non vediamo mai la minaccia, ma sappiamo che è lì in attesa, infatti quando si manifesta le scene d’azione sono ancora più coinvolgenti. Perché come in un horror, l’assassino quando te lo trovi davanti fa paura perché vuole ucciderti, ma è quando non sai dove si trova che devi avere ancora più paura.

Come gli inesperti marinai a bordo della Greyhound, dobbiamo fidarci delle visioni del comandante e quando gli U-Boot fanno capolino, viene voglia di aggrapparsi ai braccioli della poltrona, alcune scene sono talmente ben coreografate che appena l’azione passa nella parte emersa delle acque, quella visibile, diventa subito chiarissimo che Tom Hanks aveva ragione ed ogni siluro evitato anche di striscio, diventa come sfuggire dai denti di Bruce per il rotto della cuffia, oppure come evitare una coltellata di Michael Myers per un pelo. In “Greyhound” ogni manovra navale deve essere ponderata per tempo, era dai tempi di Pacific Rim che non si percepiva una così palese pesantezza e difficoltà nell’eseguire ogni manovra, proprio per questo ogni virata a babordo oppure tribordo diventa una scelta con un peso enorme, da prendere in una manciata di secondi.

"Gianni Togni levati, ma levati proprio"
In fin dei conti “Greyhound” funziona malgrado sia un film di serie Z con i soldi e uno dei più grandi attori del mondo, proprio per questo, perché non cavilla troppo sulla situazione ma vive della tensione del momento, di quella filosofia per cui quando sei nella… si può dire cacca parlando di un film con Tom Hanks? Ma si ormai l’ho scritto, quando sei nella cacca o ti metti a piagnucolare per come ci sei finito, oppure stringi i denti e fai quello che puoi per uscirne. Prima di un minimo di pietismo nel finale, “Greyhound” riesce a raccontare alla perfezione, la storia di una generazione che si è ritrovata ad affrontare il male, stringendo i denti e tenendo la schiena dritta. Quando è il momento bisogna fare il proprio dovere per poter sperare di tornare a casa, e questo film il suo dovere lo fa alla perfezione.

Ci sono modi più tranquilli per passare 91 minuti con un film, ma ci sono anche modi cinematograficamente peggiori, ve lo assicuro.

24 commenti:

  1. Non leggo nulla!

    Ce l'avevo in lista per la settimana scorsa ma una serie incredibile di fattori me l'ha fatto scalare, spero, a dopodomani. I'll be back!

    P.S.: ma la tua Wing Woman non ti propone mai serie che vorresti farti togliere due denti al posto di guardarle? Così giusto per capire se solo mia moglie c'ha gusti di merda oppure siamo tutti fratelli in un comune destino di sofferenza... (sto giro: LITTLE FIRES EVERYWHERE)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahaha vista tutta quella serie... non senza fatica😂😂😂

      Elimina
    2. Aspetto il tuo parere allora ;-)
      Mah tutto sommato credo che siamo nella stessa barca (come direbbe Tom Hanks), la mia Wing-woman ha voluto vedere la seconda stagione di “Baby”, ma per una settimana l’ho tediata con “Gangs of London”. Su “Yellowstone” è anche più infognata di me quindi tutto sommato non mi posso lamentare ;-) Cheers!

      Elimina
    3. "Fuocherelli ovunque" ho visto la pubblicità, ma non so dirvi altro ;-) Cheers!

      Elimina
    4. @Bobby: Fantozzi quando andava al cineforum aziendale a vedere "La Corazza Kotiomkin" era in vacanza rispetto a me e a sta serie. 'Na mattonata! Che poi il marito della Whiterspoon gliel'aveva detto subito "Cazzo fai? Affitti la casa ad una barbona? Ma sei fuori? Mandala via o chiamo gli sbirri!" (più o meno...).

      @Cassidy: non iniziarla nemmeno. Disdici l'abbonamento a Prime e paga le consegne di Amazon piuttosto di correre il rischio. "Baby" ho guardato la prima puntata. Mi puzzava troppo di Moccia e non ho approfondito...

      Elimina
    5. No è anche ben peggio, recitazione ai massimi livelli del canile, audio impossibile (perché le produzioni italiane non possono permettersi più di un microfono e l’audio in presa diretta) e altre amenità varie. Cheers!

      Elimina
  2. Tom Hanks, mare, nazisti... davvero quando è uscito pensavo ci fosse la regia di Spielberg, pensa te...
    Ma Alessandro Borghese sta cominciando ad infiltrarsi anche sulla Bara?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figlio di cotanta mamma, quando leggo la parola "location" ormai lo faccio con la sua pronuncia, per questo cerco di scriverla poco ;-) Direi che mancava solo zio Steven all'equazione, anche se lui avrebbe potuto contare su budget molto più importanti. Cheers!

      Elimina
  3. Anch'io vorrei vederlo, prima che mi scade Apple TV+ :D pertanto ho letto il meno possibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono rimasto sul vago come sempre, gli "spoiler" grossi li anticipo per tempo, però sono curioso del tuo parare ;-) Cheers

      Elimina
  4. Sai che ho letto il titolo cantando? :D
    Comunque se c'è Tom Hanks non si può assolutamente evitare di vederlo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ci speravo di ottenere questo effetto ;-) Cheers

      Elimina
  5. Sono curioso di vedere come hanno adattato Forrester, un autore amato dal cinema ma spesso in salsa un po' troppo patriottica e monodirezionale. Il suo celebre Hornblower non è certo paladino del rispetto fra nazionalità diverse :-D (non importa la situazione: nel dubbio, i francesi andrebbero sempre sterminati!)
    Di suo anni fa ho letto "Affondate la Bismarck" e "La regina d'Africa", da cui celebri film, e non ricordo una sola parola: però la curiosità di leggermi questa versione del "Duello nel Pacifico" mi attira. Anche magari per capire quanto quel celebre episodio di Star Trek con Kirk contro il "sottomarino romulano" possa rifarsi a questa storia :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato un po' di Kirk, ma più che altro il patriottismo a cui fai riferimento spunta fuori nel finale, quando ormai il grosso del film ha già fatto il suo dovere. Di sicuro ci sono tutti i precetti del film di serie, se non Z almeno B, però la messa in scena e il protagonista evita l'effetto U.S.S. Nick Cage ;-) Cheers

      Elimina
  6. Visto ed apprezzato, però a volte la CGI è fin troppo evidente, ma tutto sommato è un film che intrattiene e non annoia mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A tratti si, ma non mi ha tirato fuori dalla storia come invece di solito mi accade altrove, quindi un successo alla fine ;-) Cheers

      Elimina
  7. Non so se vederlo o no. Tom Hanks sta flirtando troppo con i disastri per i miei gusti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In base alle scelte cinematografiche dici? Beh ora che me lo fai notare si ;-) Cheers

      Elimina
    2. L'aereo di Sully, la nave del capitano Philips, ora gli U-Boot ;-) Cheers

      Elimina
    3. Tom è un grandissimo attore che a me è piaciuto in modo particolare in Forrest Gump, Il Miglio Verde e Salvate il soldato Ryan. Nella sua carriera però ci sono parecchi film in cui viene coinvolto in disastri come Sully, il Capitano Phillips, Apollo 13, Cast Away... Insomma se me lo trovassi accanto durante un viaggio mi preoccuperei ;-)

      Elimina
    4. Se in aereo vedi salire Tom Hanks... scendi! ;-) Cheers

      Elimina
  8. La sua, quella di Tom Hanks, deve essere proprio una passione profondissima per il tema della Seconda Guerra Mondiale. Comunque questo tipo di film, che giocano con i dialoghi per creare tensione (senza rivolgersi ad altro mezzo), a me sono sempre piaciuti. Mi ricordano un po' lo "stile" di A Prova di Errore di Lumet, con le dovute distanze ovviamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche secondo me, di sicuro si impegna un po'di più. Il paragone direi che ci sta tutto ;-) Cheers

      Elimina