domenica 29 marzo 2020

Star Rats - Capitolo 1 - Stella: Leo Ortolani colpisce ancora

Cosa avete pensato guardando i nuovi Star Wars Guerre Stellari firmati Disney? A parte gli insulti a GIEI GIEI Abrams intendo? Io ho pensato che fossero già pronti per una bella parodia, e in attesa del ritorno di Mel Brooks, ci ha pensato il venerabile Leo Ortolani.

Niente più divisioni in capitoli seguendo i film e i numeri romani, il nuovo (e palindromo) "Star Rats" continua le gesta dei personaggi creati da Ortolani nella prima mitica miniserie del 1999, introducendo nuovi personaggi, insomma quello che avrebbe voluto fare GIEI GIEI. Però fatto bene questa volta.

... Tirare cacca su GIEI GIEI almeno una volta al giorno: Fatto!

Un’operazione volutamente retrò, “Star Rats” sarà disponibile prossimamente in volume unico, ma per ora potete trovarlo in fumetteria certo, ma soprattutto in edicola. Che bello poter tornare in edicola a comprare l’ultimo numero di un fumetto di Ortolani, in un momento in cui i fumetti stanno scomparendo dalle edicole, e le edicole, dalle nostre città.

Stai, stella stai, finché c'è nei suoi occhi un S.O.S. (Cit.)
Questo primo spillato (mensile, per un totale di sei numeri) è stato scritto da Ortolani – come specifica lui stesso nelle note dell’albo – prima di vedere L’ascesa di Skywalker, quindi se il Venerabile aveva già parecchi spunti su cui lavorare con i primi due film della trilogia Disneiana, sarà tornato a casa con un’enciclopedia di momenti cretini da poter smontare su carta, non vedo l’ora!

Il primo numero intitolato “Stella”, è abbastanza preparatorio anche perché ha il compito di presentare i personaggi, che però si collocano nel solco Ortolaniano (ma come parlo?) degli ultimi numeri della serie Rat-Man. Anche qui continua lo scontro eterno tra la luce (la Forza) e l’oscurità (il lato oscuro, altrimenti non si chiamerebbe così no?) qui rappresentanti dalla protagonista Stella e dal supremo Loden, la versione di Ortolani di Rey e Kylorecchie, che si dividono anche le due copertine dell’albo.

Se non volete scegliere su che lato della Forza stare, potete sempre scegliere la copertina.
Stella è l’unica abitante giovane di Assalombarda, il pianeta-discarica dove viene scaricata tutta la robaccia indesiderata dagli altri mondi, compresi gli anziani. Ed ora io ve lo dico e poi non lo nego, quando Ortolani è libero di fare battute e battutacce sugli anziani è un po’ come la gazzella invitata a correre, è questo primo albo ne è pieno, ridevo ad ogni nuova pagina (storia vera).

Il supremo Loden invece è ancora più comico di Kylo Ren (che già di suo lo era parecchio), viaggia con il trolley, ha la spada laser che si scarica più velocemente di un i-Telefono e soldati “green” che lanciano foglie, insomma “Stella” introduce i personaggi e non ha moltissime pagine, ma è uno spasso e anche un buon inizio di storia.

Tra i comprimari, a rifare l’ormai classica «… Siamo a casa!» troviamo Cinzia, Tamara (con la pelliccia addosso, geniale!) e una gazosa, insomma, siamo tornati nel mondo di “Star Rats” ma soprattutto è tornato Leo Ortolani, che come l’impero colpisce ancora. Non vedo l’ora di leggere il prossimo numero.

12 commenti:

  1. Ma daiiii. È una figata pazzesca!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Star Rats é una sicurezza, Ortolani si era occupati di tutti i vecchi film, ora é il momento di affondare i denti in quelli nuovi ;-) Cheers

      Elimina
  2. L'unica edicola che posso raggiungere è quella meno fornita del Lazio, quindi non so se troverò questa perla in questi giorni. Semmai recupererò in seguito ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono uscito per far la spesa in farmacia e per fortuna l'ho trovato, Ortolani va contro corrente è fa uscire (giustamente) il suo fumetto in edicola, e succede tutto questo gran casino, sfiga! Per fortuna è una miniserie di sei numeri, avremmo tempo (si spera!), di uscire da questa crisi e goderci "Star Rats". Cheers!

      Elimina
  3. Ecco, in edicola da me non è mai arrivato..ho fatto un mega-ordine da Panini comprensivo anche tutti i Gigante che mi mancavano e relativo raccoglitore, chissà che arrivi presto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo periodo è tutto un casino, stringiamo i denti si spera di uscire da sotto l'onda, intanto un plauso all'iniziativa da edicola di Ortolani. Cheers!

      Elimina
  4. Sto andando avanti a leggere Rat - Man Gigante, e...volete un parere sincero?
    E' normale che un fumetto si debba evolvere, lui stesso lo ammette.
    E da fumetto nato come parodia, Rat - Man ha iniziato a far uscire una storia tutta sua. E bella, tra l'altro.
    Ma io continuavo a sentire la mancanza dell' Ortolani prima maniera.
    Che fa storie di ridere per far ridere. Con un notevolissimo acume, aggiungo.
    Direi che questo calza a pennello, dunque.
    Lo recuperero' al piu' presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'evoluzione è necessaria e naturale, quella di Rat-Man anche bellissima aggiungerei ;-) Cheers

      Elimina
  5. Sono finalmente riuscito a trovarlo in edicola qualche giorno fa e l'ho trovato simpatico ma non mi ha fatto sbellicare. Sarà che sono un pò anziano anche io e i molti riferimenti ai "coetanei" abbandonati e che fingono di ricevere messaggi dai figli, in questo momento in cui vedo dei poveretti rinchiusi nelle RSA che schiattano senza capire nemmeno bene di cosa mi mette un pò di tristezza...
    Sarò fatto male io, comunque la serie ha del potenziale. 👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma trovo che Ortolani abbia un tipo di umorismo in grado di essere anche malinconico, un po' alla Monicelli, non lo vedo come qualcosa di negativo. Cheers!

      Elimina
  6. Hai perfettamente ragione, è proprio il suo tipo di umorismo! E concordo che non sia una cosa negativa, diciamo che il periodo non aiuta!! 👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ma Ortolani ha la capacità di non guardare in faccia nessuna, nel senso positivo del termine, a volte ci vuole qualcuno che ci faccia ridere, in mezzo a tanti che vogliono solo farci pensare negativamente, ci va una certa dose di fegato ad usare l'umorismo in certi momenti, ma di solito è liberatorio. Cheers!

      Elimina