domenica 13 ottobre 2019

Bad to the bone: Ed O'Ross

Non sono solo i buoni a fare la storia del cinema, molto spesso i cattivi sono altrettanto iconici, e questa rubrica è tutta per loro, quei fantastici bastardi che amiamo odiare, cattivi fino al midollo: B-b-b-b-b-b-b-bad, bad to the bone!



Nome: Ed O'Ross
Ha “fatto brutto” in: Arma Letale, The Hidden, Danko e I nuovi eroi 

Amiamo odiarlo perché:
Ogni volta che vedo il suo faccione mi ricordo come dovrebbe essere fatto un cattivo, e poi mi viene da parlare con l'accento russo come Viktor Rosta (storia vera).

Aggiungo solo un estratto preso dal post su The Hidden.

Per altro, tra i polizotti del distretto fioccano i volti noti, anzi lasciatemi l’icona aperta, perché “The Hidden” un paio di chicche da questo punto di vista le regala. Ad esempio, tra i colleghi troviamo il faccione impossibile del mitico Ed O'Ross, ma se guardate bene in un ruolo minore anche la poliziotta Lin Shaye.

Fa sempre piacere rivedere il mitico Viktor Rosta Ed O'Ross in un film.
Ma ci aggiungo anche un altro estratto, preso dal post su Danko.

Molto prima delle promesse dell’Est di David Cronenberg, Walter Hill ci porta tutti in una sauna Russa popolata in parti uguali da energumeni muscolosi mezzi nudi e donne prosperose vestite uguali, quando entra in scena Schwarzenegger a culo nudo, l’impressione è che si sia appena teletrasportato dal futuro e stia cercando qualcuno a cui rubare i vestiti, come da sua vecchia abitudine. Invece, siccome l’acciaio si tempra con il caldo prima e con il freddo dopo, si finisce subito tra le nevi russe a chiedere gentilmente ad alcuni gentiluomini dove si trova Viktor "Rosta" Rostavili (Ed O'Ross), qualche pugno in faccia di solito aiuta la memoria. Ormai erano un po’ di anni che non rivedevo il film, ma mi sono ritrovato a ripetere le frasi (in russo) a memoria, ovviamente non capisco una parola, ma ho imparato il suono come se fosse una canzone per quante volte ho visto questo film (storia vera).

Ancora oggi quando vedo Ed O'Ross in un film, continuo a chiamarlo Viktor Rosta (storia vera).
Viktor Rosta ha portato la piaga della droga in Unione Sovietica, in uno scambio tra Danko e il suo collega poliziotto (ma forse dovrei dire “Compagno” trattandosi di russi) è chiaro che le cose stanno cambiando anche dall’altra parte del muro di Berlino, ma Hill non ci lascia tanto tempo per la sociologia perché Rosta uccide il “Tovarish” di Danko e fugge negli Stati Uniti, in una scena diretta, come al solito, alla grande da Hill.

Perché vogliamo dimenticarci di Ancora 48 Ore?

In fondo, già Danko era un modo per provare a modificare qualcosa dello schema di 48 Ore, qui il tentativo di depistaggio continua, la presenza nel cast di Ed O'Ross è un tentativo per far sospettare il pubblico dei personaggi, anche perché, parliamoci chiaro, il vecchio Viktor Rosta con quel suo faccino tenero, è uno che sembra messo apposta per far dire al pubblico: «È lui Ice Man!».

Tutto qui? Bastava arrivare e dire lui è il cattivo!?

28 commenti:

  1. Si, quando lo vedo penso principalmente al "mitico" Viktor Rosta (in alcuni flani leggevo anche Rostavili, chissa' perche. Forse per via delle sue origini georgiane).
    Me lo ricordo soprattutto per il sermone sul presunto razzismo, sul fatto che i georgiani venissero disprezzati e poco considerati.
    E' probabile che gia' ai tempi del blocco sovietico ci fossero notevoli spinte indipendentiste da parte di chi mal digeriva l'autorita' di Mosca.
    Cosi' come si puo' pensare che i russi (specie quelli di parte europea, come Danko) si considerassero superiori al reso di tutte le altre etnie. Soprattutto quelle al confine col sud - est asiatico.
    O forse erano le classiche, patetiche scuse che usa un volgare criminale per giustificare le sue malefatte.
    Quel che si dice una gran caratterizzazione, comunque. E un bel background. Le cose che amo di piu', in un personaggio da film.
    Certo che la faccia e il fisico del ruolo non gli mancano. Potrebbe passare davvero per un georgiano o un abitante dell'est, con quei lineamenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece è nato a Pittsburgh ;-) Per dirti quando il personaggio gli sia rimasto addosso, in "Six Feet Under" interpretava il fioraio Nikolai. Cheers

      Elimina
  2. Buongiorno boyz, altro grande attore, faccia da cattivo inclusa! Ma tu, Cass, fai il "fuppino" perché mi piazzi, attenzione, spoiler su prossima recensione, l'immagine tratta da Action Jackson, dove il nostro fa una brutta e soprattutto prematura fine...
    Anche a me Danko tovarish mi fa lo stesso effetto, comincio a pronunciare frasi in russo che non parlo, ovviamente, con la stessa intonazione del film, tipo gnurack gnurack quando si ribalta il bus... Buona giornata 👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno capo! In realtà no, perché in “Action Jackson” O’Ross aveva i baffetti, sicuro non intendessi “Ancora 48 Ore”? Ogni volta che prendo un bus io penso a Danko e Rosta, e lo faccio almeno due volte al giorno, andata e ritorno (storia vera). Cheers!

      Elimina
    2. Eh eh, mi spiace contraddire, non è nelle mie corde, ma l'ho rivisto da poco ed ha il viso bello rasato come nella foto. Comunque ti lascio alla visione del film per avere conferma!! Per il bus a volte vorrei avere la pistola di Danko, il problema è che poi la userei...

      Elimina
    3. No no, benvengano questa segnalazioni. Devo aver sbagliato immagine cercandole in rete allora, penso confondendomi con "Arma Letale", che è sempre nel mio cuore. Cheers!

      Elimina
  3. Sciocco...quanto sei sciocco! 😄😄

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi "The Hidden" doveva tornare su questa Bara ;-) Cheers

      Elimina
    2. Naturalmente! Ma questo è sempre Viktor nel parcheggio sotterraneo 😄

      Elimina
    3. Lo so, però dico visto che è tornato pure "The Hidden"? Non ho ancora finito per altro con quel film. Cheers!

      Elimina
    4. Si, sorry!! 🤣😂 Sono io che sono tardo ehehe abbi pazienza, è lunedì e c'è la nebbia fitta stando qua a 300 metri dal Tevere che ti entra dentro la capoccia....altro che "Fog" del Maestro!!

      Elimina
  4. No hay problema, caro Dave, ma così mi è venuta voglia di leggere l'articolo di Cass su Action Jackson!! 😜

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😄😄 E comunque "gnurack!" mi ha fatto pisciare sotto dal ridere!

      Elimina
    2. Non mi sputare ma "Action Jackson" non me lo ricordo bene...è forse quello con mezzo cast di Predator??

      Elimina
    3. Bravo Dave, ci hai "quasi" azzeccato, a parte che non potrei mai sputare su un amico, a meno che non me lo chiedesse lui direttamente come fece Bruce Willis a Brad Pitt sul set dell'Esercito delle 12 scimmie, storia vera a quanto pare. Comunque ci sono Carl Weathers, Bill Duke, Sonny Landham...

      Elimina
    4. N'hai detti tre piccini!! 😄
      Lo devo rivedere Action Jackson perché me lo ricordo proprio per niente!
      In tal caso posso rimettere a posto l'ombrello anti-sputi ☔ 😄😄

      Elimina
    5. Datemi un po' di tempo perché non so più dove girarmi, ma in effetti io avevo delle robe in pista anche per "Action Jackson" (storia vera). Cheers!

      Elimina
    6. Però anche Bill Duke e il mitico Robert Davi ;-) A dirigere un mito, che con "Predator" ha molto a che fare, Craig R. Baxley. Cheers!

      Elimina
    7. Robert Davi! Un fratello dei...Fratelli!! 😄
      Craig R. Baxley di Arma non convenzionale!! 😱

      Elimina
    8. Io vengo in pace... E riposa in pace! Segue roundhouse kick fatto bene, d'altronde Dolph "ti spiezzo in due" Lundgren è terzo dan di karate!! Robert Davi, ovvero l'uomo più butterato di Hollywood, però un grande, basta solo ricordare l'agente speciale Johnson in Die Hard! Curiosamente avrebbe l'età di mio padre se fosse vivo (mio padre, lui è vivo e vegeto)!

      Elimina
    9. Senti questa: i parenti di Davi, che è italoammeregano, sono paesani di mio cognato...
      Lui mi ha raccontato che quando Davi ha scoperto che aveva dei parenti in questo paese su un cocuzzolo dell'Irpinia - Nusco (AV) - ha fatto il viaggio dagli USA, è arrivato in paese, ha cercato di chiedere notizie in giro senza parlare un acca di italiano se non qualcosa in dialetto smozzicato (ma roba tipo dal panettiere, alla ferramenta e negozietti simili) di dove abitassero 'sti famosi parenti ma nessuno ha saputo dirgli niente...e insomma come è arrivato se n'è tornato in America con la coda fra le gambe! 😂

      Elimina
  5. Comunque, faccio il precisino poi basta, vi mando il link: https:/www.aveleyman.com/ActorCredit.aspx?ActorID=13116

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie utilissimo, ecco vedi? Mi ero confuso con "Arma Letale", niente devo rivedere "Action Jackson". Ad avere il tempo lo farei molto volentieri ;-) Cheers

      Elimina
  6. Di nulla, figurati, mi spiace fare il precisino ma l'ho rivisto proprio quando ne abbiamo parlato e per questo lo ricordo bene. In ogni caso lo trovo sempre divertente e mi chiedo come mai Carl Weathers non abbia avuto molta fortuna in questi ruoli action mischiati con un pò di commedia. Il fisico lo aveva ed è anche simpatico... Misteri di Hollywood...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo mi pare che non andò molto bene al botteghino, anche perché Carl Weathers aveva tutto per diventare un eroe d'azione, uno di quelli che piace a noi. Cheers!

      Elimina
  7. Ottima faccia da "cattivo dell'est"... Visto in "Arma letale", "Danko" e "L'alieno", da cui mi pare tratta la seconda immagine (infatti, grazie al "parassita", fatica ad andare giù).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto arriva da lì, una di quelle facce che mi sembra da cattivo, anche quella rare volte in cui fa il personaggio positivo ;-) Cheers

      Elimina