venerdì 25 agosto 2017

Rat-Man Collection n. 121 - L’ira di Valker!: Meno uno al gran finale


Eh! Lo so che guardando i vostri albi di Rat-Man, vi facevate tante grasse risate vedendo nell’angolo in alto a destra, il lento incedere dei capitoli di “Operazione ratto” procedere di pari passi con il decalogo finale del personaggio di Leo Ortolani.

Vi vedo lì intenti a pensare, “Tzè! Dieci albi, uuuhhh una vita. Settembre 2017! Lontanissimo!”. Intanto ridendo e scherzando siamo ad Agosto, il numero 120 è andato e siamo qui a parlare del numero 121, penultimo numero della serie. A questo punto non vale più citare “L’Odio” ("Fino a qui tutto bene, fino a qui tutto bene…") perché ormai ci siamo. Ah, seguono SPOILER (minimi però).

A tutti gli effetti questo albo “L’ira di Valker!”, riesce davvero ad essere un volume corale, si inizia con la più improbabile coppia d’azione mai vista (come pubblicizzato in copertina), ovvero Valker e il ritrovato maggiordomo Arcibaldo. Un peccato che Ortolani abbia deciso di farli collaborare solamente ora, perché insieme funzionano alla grande, anche grazie alla dinamica Ortolaniana collaudata, uno dei due fa lo “Sbirro cattivo” e l’altro lo “Sbirro scemo”, infatti non mancano le battute efficaci che fanno tutte ridere a tradimento, in una storia che ormai è dannatamente seria, Leo piazza la stoccata da farti spanciare, sono vent’anni che ci riesce sempre.

Ma l’altra grande coppia (ho detto grande e sto per parlare di Cinzia, chissà cosa direbbe Freud) sono proprio Cinzia e Brakko, qui uno dei generali dell’ormai onnipotente Rat-Man rischia di far crollare anche l’ultimo tabù, i due faranno finalmente “Fuki Fuki”? Qui Ortolani sceglie il processo inverso, decide di farci ridere con un sacco di battute, qualcuna anche infantile proprio come il nostro Rat-Man, per poi concludere l’arco narrativo dei personaggi con un momento serio.


Hey ci stai Fuki Fuki con me (Quasi-Cit.)
Si concludono anche le vicende in stile Inside Out delle varie identità di Rat-Man intente a cercare di liberare IK, qui una grossa ehm… Mano, la riceveranno dal Signor T, responsabile di tirare le fila sul Pipistrello e sui super eroi, grandi e piccoli che siano. Perché ogni città anche se poco celebrata ha un super eroe, tipo l’Uomo Ghiaccio a Brescia, battuta che mi ha costretto a posare l’albo causa crisi di risa incontrollata.

Incredibilmente Ortolani trova il modo di “venderti” anche un climax finale basato sull’antico e palloso concetto de “L’amore trionfa”, non vi dico come perché è una sorpresa che scoprirete con una bella splash-page doppia di grande effetto, ma che fa riflettere su quanto dell’esperienza paterna di Leo Ortolani ci sia in questo decalogo finale del Ratto.

Sembrerebbe quasi un finale tutto sommato buono, un finale alla Doctor Who (“Everybody lives!” cit.) ma a ben guardarlo anche anti-eroico, non che da Rat-Man ci si aspetti poi qualcosa di troppo diverso, ma ancora una volta è un padre a tirare davvero le somme, Valker, quello che probabilmente è diventata la vera voce di Leo Ortolani in questa serie o che comunque si è affiancata a quella (nella mia testa fastidiosa e nasale) di Rat-Man.


Il Rat-Man ormai nel pieno della sua potenza.
Il monologo di Valken esalta e tira forse le fila di vent’anni di carriera di Rat-Man e non dimentichiamolo, del cast di comprimari che ormai amiamo come il Ratto, dico amiamo parlando anche di Cinzia a mio rischio e pericolo.

Ma non è ancora finita, manca l’ultimo capitolo, ve lo dico fuori dai denti, dopo vent’anni leggere nero su bianco, al fondo dell’albo nell’ultima tavola “Sul prossimo numero, la conclusione della serie!” fa un effetto tipo vertigine, come camminare sul tetto del palazzo con il vento in faccia, se leggete Rat-Man da tanto come me sapete cosa vuol dire no? Scaldate i muscoli, abbiamo un ultima occasione per fletterli.

8 commenti:

  1. Ancora non ci credo che si avvicina la fine: ma davvero stavolta Leo rispetterà la promessa? Possibile? Boh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà davvero dura dopo tutti questi anni non dover più andare in edicola a comprare il nuovo numero, questa volta a giudicare dagli eventi siamo davvero alla fine.

      Rimando tutte le riflessioni a dopo la lettura del numero 122, ma forse è anche meglio per Ortolani e il suo personaggio concludere la storia ufficiale di Rat-Man e slegarsi dalla serialità. Penso che Rat-Man in futuro potrebbe continuare a funzionare benissimo in storie monografiche, tipo i vari “Allen” o “299+1” mi viene quasi da augurarmelo ;-)

      Di sicuro comprerò due copie del prossimo numero, come facevo con i primi numeri di questa serie (storia vera), sarà il mio modo di chiudere il cerchio con il Ratto ;-) Cheers

      Elimina
  2. Ovviamente RatMan continuerà in qualche modo, no? ;)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rat-Man collection terminerà con il prossimo numero, per il personaggio non si sa. Ortolani ha fatto intendere di essere intenzionato a continuare con storie magari auto conclusive, secondo me saranno tipo le varie “Pseudo parodie” come le chiama lui.

      Per altro ha minacciato una specie di “Crisi dei Ratti infiniti” (tipo la “Crisi delle terre infinite” della Distinta Concorrenza), una storia che mettese ordine tra le varie incarnazioni del Ratto viste proprio negli speciali. Non so se la vedremo mai (anche se sarebbe una bomba!) ma non credo che Ortolani abbandonerà la sua creatura per sempre, anzi non credo proprio ;-) Cheers

      Elimina
    2. Appunto.
      Magari prenderà un po' di riposo (e fa bene) ma poi in qualche modo già immagino una continuazione stessa di Rat-Man Collection^^

      Moz-

      Elimina
    3. Leggendo le storie su Rat-Man Collection è chiarissimo che Ortolani non ne possa più (giustamente) delle scadenze da rispettare. Immagino che vedere colleghi più giovani liberi da questo giogo influisca, infatti sono spariti tutti gli speciali e il blog con le recensioni cinematografiche sono sparite. Penso che cambierà la musica tra poco meno di un mese, ma Rat-Man non lo vedremo ancora ;-) Cheers

      Elimina
  3. SPOILER

    Non faccio a tempo a finire la prima tavola che già crepo di risate sulla gag dei testicoli.
    Signore e signori: Leo Ortolani! Uno dei pochi che vi farà ridere con "cacca!", testicoli e quant'altro senza cadere nella banalità infantile dei cinepanettoni! :D

    Valker e Arcibaldo sono una coppia esilarante, il prossimo "The nice guys" va fatto con loro due!

    Della storia mi sono piaciuti i tanti rimandi e ritorni (ben collegati, non "tanto per") a luoghi e personaggi visti in passato, come è giusto che sia una volta arrivati alla fine di questa grande Storia (bentornato, Falcoman! Un pò me l'aspettavo!)
    Ma i punti migliori di questo episodio sono stati... bè, QUELLA scena e l'addio di Mister T.
    E meno male che per molti Ortolani ha "perso lo smalto". Lo vorrei anch'io perdere così se è per fare belle storie! ;)



    Scik
    Scik
    Scik

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima tavola tutta nera mi ha fatto pensare che Ortolani volessi risparmiare tempi, poi ho letto l'ultima vignetta e la battuta sui testicoli, ho dovuto mettere giù l'albo perché stavo già ridendo :-D Ma davvero, Ortolani ha ripresto TUTTE le trame (Ik ne è la prova) non sono mai stato d'accordo con chi diceva che Ortolani ha perso lo smalto, secondo me dalla saga Manga (Yellow) in poi è migliorato ulteriormente, conosce davvero tutti i meccanismi del fumetto quell'uomo. Scik... Ehm volevo dire Cheers!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...