sabato 27 maggio 2017

Paper Girls vol. 2: In viaggio nel tempo (ma senza Scott e Dean)


Vuoi anche per un'uscita ravvicinata, il primo volume di Paper Girls sembrava la risposta a fumetti a Strangers Things, ma ridurre il lavoro di Brian K. Vaughan solo a questo sarebbe ben poca cosa, ed è proprio il secondo volume che mette in chiaro che anni ’80 e biciclette, erano solo il punto di partenza della storia.
Vaughan avrà anche fatto il botto assoluto con il bellissimo Saga, ma ha dimostrato da tempi non sospetti la sua capacità di aggiornare tematiche classiche delle storie di fantascienza, nel meraviglioso “Y- l’ultimo uomo” l’immaginario da fine del mondo veniva adattato ai tempi moderni, con un occhio di riguardo per i personaggi femminili. In Paper Girls stessa cosa, a passare sotto l’effetto della cura Vaughan questa volta sono i viaggi nel tempo.

Avevamo lasciato le ragazze alla fine del volume precedente, alle prese con un cliffhanger notevole, atterrate nell’anno 2016, si trovavano davanti alla Smart della versione adulta di Erin, un paradosso temporale che si lascia alle spalle il decennio dei Goonies e di Scuola di Mostri e prende le distanze dalla nostalgia anni ’80 imperante.

Chiaro che l’idea d'incontrare il se stesso futuro offre parecchi spunti, prima o poi nella vita ci siamo ritrovati tutti a pensare come sarebbe, o anche solo cosa si potrebbe dire ad una versione più giovane di noi stessi, il classico paradosso che mandava in tilt il Doc Brown di Ritorno al futuro, per capirci. Qui Brian K. Vaughan sfrutta molto bene la situazione, scegliendo di ambientare tutto nella Cleveland dei giorni nostri che, anche grazie agli ottimi disegni di Cliff Chiang, è ancora più decadente del solito, si capisce perché la città è stata battezzata con il non proprio entusiasmante soprannome di “The mistake on the lake”.


Abbracciare il te stesso del passato scomporrebbe la tessitura del continuum tempo-spazio distruggendo l'intero universo!
In compenso, Vaughan sfrutta molto bene l’occasione di mostrarci il nostro mondo, attraverso gli occhi di tre ragazzine del 1988, basta un tv piatto della Sony a mandarle in estasi totale, ma per fortuna lo scrittore non si limita a questo ed utilizza il secondo volume per ampliare la storia fornendoci ulteriori dettagli riguardo il funzionamento della linea temporale (una sola, scordatevi gli universi paralleli!), ma è anche l’occasione giusta per scherzare sui nostri tempi, il volume è uscito a luglio negli Stati Uniti, in piena campagna elettorale, non poteva mancare una reazione a questa candidata donna di nome Hillary alla Presidenziali americane da parte delle giovani protagoniste.

Troppo ghiotta l'occasione perché Brian K. Vaughan non la sfruttasse.
Il secondo volume, quindi, è una lunga sequenza d’azione, costellata dai battibecchi tra le due Erin, quella giovane del 1988 e quella quarantenne del 2016, a questo si aggiunge la rivelazione su Mac, che scopre qualcosa sul suo futuro, tirando su un altro schermo difensivo contro il mondo, come se non bastasse già il suo caratteraccio a renderla la ribelle del gruppo.

Bisogna dire che l’idea di inserire la sorella minore di Erin (quella del futuro) che fa la pilota di elicotteri, mi è sembrata una lieve forzatura comunque perdonabile, perché quando l’apertura per la quinta piegatura si apre nel cielo sopra Cleveland, un modo per volare fino lassù dovevano pur trovarlo le protagoniste, no?

Cliff Chiang con i suoi disegni è bravissimo a mostrarci le varie versioni alternative delle protagoniste, o a creare i brutti mostroni in stile “Pacific Rim”, clandestini indesiderati dei vari viaggi temporali, menzione speciale per i colori di Matt Wilson, basta dare un'occhiata ai toni scelti dal colorista per capire subito in quale punto della linea temporale ci troviamo.


Ci sono anche i mostri giganti, no sul serio cosa volete di più da un fumetto?
Insomma, il secondo volume di “Paper Girls” funziona grazie ad ottimi dialoghi, personaggi ben caratterizzati e un ritmo forsennato, bisogna dire, però, che i protagonisti sparsi lungo la linea temporale, tra mazze da Hockey usate come messaggi e versioni alternative risulta un volume di passaggio, ma che fa ben sperare per il futuro della serie, meno malinconia anni ’80 e più fantascienza, se la qualità resta questa, potrebbe andarmi benissimo. 

8 commenti:

  1. E pensa se Vaughan sapesse dell'esistenza del meme di Miki Moz, o del suo clone... quali orizzonti narrativi gli si aprirebbero davanti ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh hai ragione, poi lo dico sempre che il Moz sembra un personaggio dei fumetti (se non fosse più che chiaro è un complimento), con Miki Moz e zomikiM il grande Vaughan potrebbe fare scintille ;-) Cheers

      Elimina
  2. Risposte
    1. Questo secondo volume non è uscito da molto, per altro la cosa divertente, quando avrai anche il volume 2, prova a metterli uno accanto all'altro, le due copertine ne formano una unica ;-) Cheers

      Elimina
  3. Pensa che questa serie mi è capitata spesso sott'occhio e mi chiedevo sempre di cosa parlasse: per fortuna c'è la Bara Fumettosa :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora lo sai, mi piace la Bara Fumettosa, suona bene! ;-) In generale se leggi il nome di Brian K. Vaughan in copertina, vai tranquillo, è un fenomeno ;-) Cheers

      Elimina
  4. Questo ancora mi manca, cercherò di dargli un occhio... Di Vaughan ho letto solo Y the last man, ma se questo è su quei livelli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Y - L'ultimo uomo" è una bomba, amato dalla prima all'ultima pagina. Questo è iniziato alla grande, al secondo volume si conferma una gran lettura, penso che ti potrebbe piacere. Intanto butta un occhio anche a "Saga" sempre di Vaughan, merita un sacco ;-) Cheers

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...