sabato 4 marzo 2017

B.P.R.D. - Inferno sulla Terra Vol. 6-7-8: L'Ultima difesa contro l'apocalisse


Ormai lo sanno anche i muri che da queste parti Mike Mignola gode di infinita stima, per caso e forse perché i tipi della Magic Press non perdono un colpo, mi sono ritrovato con una marea di fumetti del “Mignolaverse” sul comodino da leggere ed ora da commentare, lo so è un lavoro sporco, ma io sono pronto a farlo con grande gioia! Cominciamo!


B.P.R.D. Inferno sulla terra vol. 6 - Il ritorno del padrone



Per chi non conoscesse i personaggi, sappiate solo che Hellboy, il diavolone creato da Mignola è finito all’inferno, mentre sulla Terra, i suoi compagni del B.P.R.D. il Bureau of Paranormal Research and Defense, l’agenzia per la ricerca e la difesa dal paranormale, sono l’ultima e anche l’unica linea di difesa contro l’apocalisse che sulla Terra si è già scatenata, vi assicuro che “Inferno sulla Terra” non è soltanto un sottotitolo ad effetto.

In questo volume dal finale ad effetto (il titolo al plurale “Il ritorno dei padroni” rivelatore ma più azzeccato), il fronte della battaglia è la Scozia, proprio all’aeroporto di Edimburgo, atterra uno sconosciuto dal passaporto Lettone e dal carisma che fa provincia, che in un attimo fa proseliti trasformando la Scozia in un nuovo fronte per il B.P.R.D. e la battaglia sarà degna di “Braveheart”, perché gli insorti plagiati dal nuovo arrivato sfoggiano proprio le pitture di guerra rese celebri dal film di Mel Gibson e una task force d’élite del B.P.R.D. dovrà resistere contro una serie di mostri e creature giganti evocate dal padrone.

Se riesci a mantenere la calma, quando tutti intorno a te la stanno perdendo, o sei un drago o la fonte del casino.
Il tutto, mentre la multinazionale nota come Zinco, ancora lavora dietro le quinte per far tornare l’altro padrone, il temibile Rasputin, ma, come detto, il finale è a sorpresa e, in effetti, qualcuno di temibile tornerà dal passato (e dai vecchi numeri) del B.P.R.D. di certo non si può dire che Mike Mignola e John Arcudi non abbiamo buon gusto per i colpi di scena e non si divertano a mettere nella cacca i loro protagonisti!

Alle matite il solito affidabile Tyler Crook, con il suo tratto morbido ma perfetto per disegnare mostri e battaglie e, come al solito, potete rifarvi gli occhi con il nutrito Sketchbook che completa ogni volume della Magic Press, con studi e bozze di Crook su personaggi e soprattutto i fighissimi mostri.

B.P.R.D. Inferno sulla terra vol. 7 - Un freddo giorno all'inferno



Mike Mignola e John Arcudi si esibiscono spesso nell’antica specialità della storia breve, non è raro trovare volumi di questa serie, o di “Hellboy”, composti unicamente da racconti brevi, ma è anche normale che un volume raccolga due archi di storie insieme, come in questo caso.

La prima parte, intitolata “Terra desolata", è volutamente più realistica e per certi versi introspettiva del solito, motivo per cui le matite sono state affidate al bravo Laurence Campbell che se la cava anche con personaggi dal look assurdo come Johann Kraus, qui a capo di un gruppo di soldati del B.P.R.D. diretti verso la devastata Chicago.

La città del vento è diventata la terra desolata del titolo, per colpa di un enorme mostrone a forma di pianta che semina nell’aria spore capaci di trasformare in creature altrettanto orrende chiunque abbia la sfortuna di respirarle. L’avvicinamento a Chicago è degno dei migliori film post-apocalittici e, infatti, le citazioni non mancano.

Jesus just left Chicago (and he's bound for New Orleans).
In una sottotrama molto coinvolgente, uno dei sopravvissuti ci racconta di come sia riuscito a salvarsi a fatica dalle creature, rifugiandosi sui tetti delle abitazioni abbandonate per non farsi prendere, il personaggio arriva proprio a dire “Come facevano in quel film”, chissà di quale stavano parlando

Ma la sottotrama è coinvolgente anche per via del recupero del soldato armato di spada antica visto nel volume numero 5 e dei racconti dei sopravvissuti, l’immagine della mamma tramutata in mostro, che torna per il suo bambino riesce ad essere molto terrorizzante. Bravissimo Campbell, che con il suo talento rende spaventosa anche un mantella per la pioggia a fiorellini.

Nel secondo racconto che dà anche il titolo al volume, “Un freddo giorno all'inferno”, alle matite torna Peter Snejbjerg e insieme a lui una vecchia conoscenza del B.P.R.D., ovvero Iosif Nichayko, il direttore della versione Russa dell’agenzia, anche lui visto nei volumi precedenti.


"Voi sovietici come affrontate la tensione e lo stress i mostri?".
Qui Iosif diventa assoluto protagonista del racconto, rivelandoci qualcosa su Varvara, l’inquietante “bambola” che è anche uno dei personaggi più fighi e sinistri di tutta la serie. La sparatoria nel capanno tra le nevi russe è davvero una bomba!

B.P.R.D. Inferno sulla terra vol. 8 - Il lago di fiamme



L’ottavo volume della serie torna ad essere molto più corale e tornano in scena anche alcuni personaggi storici della serie, come Liz Sherman, la pirocineta vista anche nel film di “Hellboy” (interpretata da Selma Blair) ancora in ospedale e del tutto convinta a non voler mai più utilizzare i suoi poteri in alcun modo.

Sfiga! Sulle sue piste il più classico dei “Mad Doctor” che utilizza il sangue delle terribili creature che popolano la Terra, per i suoi esperimenti. Il sangue (non a caso verde) permette di far tornare in vita i cadaveri e, anche questa, mi sembra tanto una citazione ad un classico dell’Horror.


Se il vostro dottore assomiglia a questo, è proprio ora di cambiarlo.
Questo poterà Liz nuovamente tra le fila del B.P.R.D. giusto in tempo per prendere parte alla missione (suicida) che si pone l’obbiettivo di raggiungere New York, ormai un'isoletta circondata da mostri di ogni tipo (marini e svolazzanti) che hanno neutralizzato tutti i precedenti tentativi di raggiungere la città.

Ma per un piacevole ritorno, abbiamo anche una perdita. Fenix e il suo cagnone Maciste lasciano la base del B.P.R.D. e si ritrovano su quelle che un tempo erano le rive del lago salato dello Utah. Un posto ormai arido in cui le terribile creature che popolano la Terra hanno deposto delle uova (gulp!), e vengono venerate come divinità da un gruppo di fanatici violenti. Qui la ragazza dovrà passare all’azione e, soprattutto, smettere di avere sempre paura.

Ed ora che ci penso, il lago salato dello Utah è anche il luogo dove si svolge l’avventura solita di Abe Sapien! A questo proposito…

Abe Sapien vol. 3 - Oscuro e terribile e La nuova razza umana



Il secondo personaggio più celebre dopo Hellboy è sicuramente l’uomo pesce Abe Sapien, che proprio nel volume precedente si risveglia dal suo lungo coma e raggiunge a sua volta il lago salato dello Utah, purtroppo la Magic Press non si sforza molto ad indicare in qualche ordine dovrebbero essere letti i volumi dedicati ai personaggi creati da Mike Mignola, quindi, da lettori tocca un po’ arrangiarsi.

Abe Sapien dopo il coma ha una forma fisica sempre più lontana da quella di un umano, lui che un tempo era stato Langdon Everett Caul, ora è una creatura sempre più mostruosa, sarà un flagello per ciò che resta dell’umanità o forse una delle ultime speranza rimaste?


Un pesce che sognava di essere un uomo.
Nella prima storia “Oscuro e terribile”, Abe fa i conti con le sue nuove sembianze, nascosto sul vagone di un treno, ascolta i racconti sulla (brutta) piega presa dal mondo durante la sua assenza, il tutto con le matite di Sebastián Fiumara.

Nella seconda storia, invece, Abe raggiunge lo Utah e a sua volta si scontra con bizzarro culto della uova di mostro questa volta con le matite dell’altro fratellino Fiumara, Max.

Che sia la serie regolare del Bureau, o le storie soliste dei suoi personaggi, la coppia di fatto (artisticamente parlando) composta da Mike Mignola e John Arcudi non perde un colpo, l’unica sfortuna di questa serie, è che ormai la storia è parecchio avanti nello sviluppo, quindi iniziare a seguirla ora potrebbe essere un po’ complicato, ma la qualità generale di testi, disegni e caratterizzazioni dei personaggi è talmente alta che, se vi piacciono i bei fumetti, merita sul serio uno sforzo.

4 commenti:

  1. Mitico Mignola: la MagicPress non se lo lascia scappare, sa che è roba buona! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, del loro catalogo è rimasto poco rispetto ai tempi d'oro, ma Mignola non lo mollano e fanno davvero bene ;-) Cheers

      Elimina
    2. Meno male che c'è ancora Mignola :D

      Elimina
    3. Talento più unico che raro, uno dei miei artisti preferiti in assoluto ;-) Cheers

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...