lunedì 19 dicembre 2016

Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali (2016): Gli X-Men secondo Tim Burton


Se c’è un regista a cui ho voluto bene cinematograficamente parlando, è stato proprio Burton, allo stesso modo, se dovessi fare il nome di uno a cui farei volentieri venire il collo rosso a furia di coppini dati a mano aperta, siamo sempre lì: Tim Burton.

Non credo che necessiti di presentazioni, o di ulteriori spiegazioni su come la sua carriera abbia velocemente preso la deriva del kitsch più estremo, bisogna dire con malgrado i difetti (tantini) del suo Big Eyes, se non altro, sembra chiaro che qualcosa sta cambiando in questo “Secondo tempo” della carriera del regista dagli strambi capelli.

Per un regista dallo stile così riconoscibile come Tim Burton, non deve mai essere semplice trovare di volta in volta soggetti adatti alla sua idea di cinema, non è una scusa per certi obbrobri firmati dal regista, eppure il romanzo di Ransom Riggs del 2011, "La casa per bambini speciali di Miss Peregrine", sembra fatto dal sarto per uno come Burton, il risultato finale è chiaramente un film su commissione, ma che risulta, se non altro, guardabile.


Un anonima giornata qualunque a casa Burton.
Il giovane Jacob 'Jake' Portman (Asa Butterfield) ha appena perso il suo adorato nonno di origini polacche Abraham (Terence Stamp che compare troppo poco), si reca su un'isoletta del Galles ufficialmente per accompagnare il padre, in realtà, per mettersi alla ricerca della casa degli orfani gestita dalla misteriosa Miss Peregrine (Eva Green), Jake è cresciuto ascoltando i racconti incredibili del nonno sulla sua infanzia passata tra gli orfani, ma anche delle terribili creature che danno loro la caccia.

Non serve essere Sherlock Holmes per capire quali elementi del romanzo di Ransom Riggs abbiano attratto Tim Burton, i racconti, esagerati, ma reali del Nonno, sembrano una continuazione della panzane di Ed Bloom protagonista di “Big Fish”, a mani basse ancora oggi uno dei miei film di Burton preferiti.

Allo stesso modo, gli orfanelli dotati di strambi poteri sono un altro tassello del mosaico dedicato da Burton al mondo di adorabili Freaks che popolano i suoi film, tra bambine che necessitano di scarpe di piombo per non volare via, gemelli che sotto il cappuccio nascondono una citazione cinematografica che mi ha esaltato (e non vi rivelerò) e bimbe con voraci bocche alla base del collo, il nostro Jake sembra finito tra le fila di una squadra di X-Men, o tra i lontani cugini della famiglia Addams.


Se ve lo state chiedendo, no non è "The Orphanage".
Il film, poi, riesce ad inserire un grosso METAFORONE sull’olocausto senza risultare pedante: Miss Peregrine che nasconde i suoi orfanelli, in un loop temporale di 24 ore, ripetute all’infinito nemmeno fosse il “Giorno della Marmotta” per proteggerli dai terrificanti Hollows guidati da Barren (Samuel L. Jackson in grande spolvero) pronti a divorare i loro occhi, sono un chiaro riferimento che diventa palese se abbinato alle origini polacche del nonno e, in questo senso, il film è molto attuale nel fare metafora delle condizioni dei profughi, un tema oggi più che mai importante.

Burton sottolinea le differenze tra il mondo reale da cui proviene Jake e il loop temporale nascosto alla vista degli umani in cui vivono gli orfani, con un classico cambio di fotografia, il loop sospeso nel tempo è colorato, anche se con qualche pasticcio di montaggio, a volte risulta un po’ confusionario da seguire, ma in generale l’idea di un mondo nascosto sotto la superfice del nostro mi ha fatto pensare a Nessun dove di Neil Gaiman, il che non è affatto un male.

"Scendi la bambina che la passeggio".
Bisogna dire che la prima parte del film risulta più riuscita, Tim Burton si prende tutto il tempo che gli serve per illustrarci le dinamiche di questa famiglia allargata, privilegiando i personaggi e la loro caratterizzazione, soffermandosi, però, sempre sugli stessi, quindi non tutti gli orfanelli hanno lo stesso trattamento.

Guardando il film ho avuto almeno un paio di dubbi riguardo alla logica delle regole interne della storia, potrei stare qui a discutere del fatto che sfruttare il loop temporale di 24 ore per trovare un luogo più sicuro dove vivere poteva essere un'idea e non sono nemmeno così convinto di tutta questa storia dell’embrione (ma il gabbiano che fine fa? Sparisce dal film e basta?), probabilmente sono passaggi della storia che sono rimasti nel libro, perché è evidente che nell’ultima mezz’ora di film, Burton cambia ritmo, lascia indietro parecchie cose (forse anche troppe) come a dire: ok da qui in poi, solo azione!

Lo scontro finale nella casa degli spettri di Blackpool (per altro, una delle città più criminose di tutta l’Inghilterra) è visivamente ben fatto, mi ha divertito perché gli orfanelli utilizzano finalmente i loro poteri e Tim Burton non perde l’occasione per omaggiare Ray Harryhausen portando in scena un esercito di scheletri che grida fortissimo “Gli Argonauti” ed io quando vedo qualcuno omaggiare il Maestro della stop motion in questo modo, sono sempre felice!


Maestro Harryhausen, sempre sia lodato, inchini e riverenze.
Gli attori fanno tutti un buon lavoro, Terence Stamp ha il carisma giusto per la parte e spiace vederlo uscire di scena dalla storia così in fretta, Eva Green è sempre molto guardabile, qui l’ho trovata meno esplosiva del solito, anche se è chiaro che ormai abbia ereditato da Lisa Marie e da Helena Bonham Carter il testimone di musa di Tim Burton.

Menzione speciale per Samuel L. Jackson, uno che sappiamo che quando c’è ruba la scena, anche andando sopra le righe non è secondo a nessuno, qui ci regala un cattivo favolistico, ma degno di questo nome e pare essere il primo a divertirsi nella parte, dettaglio che non fa affatto male quando sei alle prese con un personaggio del genere, parliamo di uno che mangia gli occhi ai bambini per puro sport!


Il diabolico, Samuel HELL Jackson.
Devo dire che è un peccato vedere Judi Dench in un ruolo minore che avrebbe potuto essere assegnato ad un caratterista, mentre il problema principale forse è proprio il protagonista: raramente Burton ha costruito le sue storie attorno a personaggi canonici, anzi, diciamo pure quasi mai, che fossero barbieri sanguinari o il Bruce Wayne più bipolare di sempre, il vecchio Tim ci ha abituato ad un bel branco di stramboidi mica da ridere, proprio per questo Jake risulta piatto e anche un filo noioso, Asa Butterfield crescendo pare aver perso quella spontaneità che lo ha fatto brillare, ad esempio, nell’ottimo “Hugo Cabret”.

Insomma, il risultato finale non raggiunge certo le vette del Burton che fu ed è anche una bella ridimensionata rispetto alle trovate kitsch viste negli ultimi film, è chiaramente un film su commissione che, però, non si preoccupa d'inserire trovate per spaventare i più piccoli, sarà che sono cresciuto con un cinema diverso, libero dal maledetto PG-13, ma quando in un film per ragazzi, vedo mostri che divorano occhi ed omaggi a “Scontro tra Titani” è una piccola soddisfazione.

18 commenti:

  1. Ottima recensione. grazie.

    visto venerdì al Multisala di Moncalieri.
    voto 7 .

    la cosa che ha colpito me e mia moglie ( che non abbiamo figli e che siamo moderatamente bacchettoni ) è stata la presenza di molti bambini under 10.

    ora non so te ma se io nel 1979 a 8 anni avessi visto Mr Peregrine bè non avrei dormito per un anno!!

    stesso pensiero ho fatto quando ho visto dead pool.

    personalmente mr peregrine e deadpool sono due ottimi film ma da vietare ai minori di 12 anni.

    grazie

    rdm

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ti ringrazio ;-) Se avessi visto Deadpool da piccolo sare impazzito, ma sono sempre stato un bambino molto strano ;-) La censura di quel film ci sta, scene di sesso e violenza assortita, questo “Miss Peregrine” se non altro recupera un minimo quel filone di film per ragazzi che non avevano paura di fare un po’ paura, penso ai vari "Chi ha paura delle streghe?" di Nicolas Roeg, giusto per fare un titolo, film che se uscissero oggi sarebbero vietati ai minori grazie al mio amico PG-13 ;-) Grazie a te e buona settimana. Cheers!

      Elimina
  2. Da tempo non sono più fan sfegatato di Tim, ma sono contento che stia trovando un nuovo equilibrio. Me ne mancano alcuni dei suoi ultimi lavori, proprio perché mi era diventato insopportabile vederlo, ma magari a questo do un'occhiata ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, erano davvero insopportabili! Capisco che per un regista riconoscibile come lui sia difficile trovare soggetti adatti, questo è chiaramente un film su commissione, ma rispetto agli ultimi lavori un passetto in avanti. Cheers!

      Elimina
  3. Anch'io, come Lucius, ho smesso. Credo che l'ultimo visto sia stato "Big Fish", che mi è pure piaciuto. Ma dei successivi non ce ne è stato mezzo che mi attirasse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. “Big fish” era bellissimo, uno dei pochi casi in cui il film non rovinava il libro, anzi, restavano godibili entrambi, e poi c’era un bellissimo pezzo dei Pearl Jam sui titoli di cosa, “Man of the hour”, da allora il vuoto cosmico assoluto. Cheers!

      Elimina
  4. La foto di Burton che hai inserito sembra presa dai Power Rangers.
    In ogni caso, lo volevo vedere ma ho letto critiche tiepide... Umh.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che sia stata scattata all’inaugurazione di una mostra dedicata al regista in Giappone, quindi avrebbero davvero potuto esserci anche i Power Ranger ;-)

      Non avevo aspettative, anche per quello ho trovato un film guardabile. Se mai questa serie dovesse avere dei seguiti, corriamo il rischio un giorno di dire cose tipo “Chi aveva diretto il primo capitolo? Ah si Tim Burton”, giusto per farti capire l’andazzo generale. Cheers!

      Elimina
  5. Sono decisamente d'accordo, a parte un Samuel L. Jackson che non mi è parso troppo azzeccato...

    Il problema di Tim Burton è il suo ingombrante passato. E, quando si trasforma in onesto mestierante su commissione come in questo caso, un filo di delusione è inevitabile. Una delusione che, con il passare degli anni e dei film, ormai si affievolisce sempre di più, però è ancora presente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sam Jackson tende ad andare sempre sopra le righe, visto il suo look non mi è sembrata una cattiva idea ;-)

      Verissimo, Tim Burton ha fatto film bellissimi, deve essere molto difficile per uno con uno stile così riconocibile trovare soggetti adatti, anni fa non avrei mai pensato di vederlo svoltare verso titoli su commissione. Ma dopo aver toccato il fondo con “Alice in Wonderland” può solo migliorare! Cheers

      Elimina
  6. ormai Burton si è assopito nelle grandissime distribuzioni, ma con onore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su commissione ma con onore, sono d'accordo con te ;-) Cheers!

      Elimina
  7. Sono curioso di guardarlo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi poi sapere come lo hai trovato questo film, e intanto ne approfitto per darti il benvenuto sulla Bara Volante, piacere di averti da queste parti ;-) Cheers!

      Elimina
  8. Ho odiato gli ultimi Burton, questo lo guarderò con calma tra qualche mese, quando uscirà in dvd...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravissimo, erano davvero odiosi, questo se non altro è solo su commissione quindi risulta migliore, ma non vale la pena scapicollarsi per vederlo subito. Cheers

      Elimina
  9. Sono curioso di vederlo. Sto sentendo molte cose...
    Una cosa è certa: Burton è invecchiato, ma non voglio pregiudicarmi con ciò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è più il Burton di una volta, ma quello sono abbastanza sicuro, non lo vedremo mai più, purtroppo. Cheers!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...