domenica 20 novembre 2016

Ash vs Evil Dead - Episodi 2x06/07: il demone (rompi) Baal


Oggi doppio episodio di "Ash vs Evil Dead", dove il demone Baal, fa girare le Baal ai nostri protagonisti, occhio agli SPOILER e buona lettura!

Ash vs Evil Dead - 2x06 - Trapped Inside

Come abbiamo visto, il demone Baal ha fatto la sua mossa e non ha intezione di giocare in difesa, sfruttando i suoi talenti di manipolatore, rende lo sceriffo di Thomas Emery uno dei suoi burattini e sfrutta il panico popolare per il ritorno di “Ash Slashy” per cercare di calare il colpo finale sui nostri beniamini.

Il gruppo si rifugia nella casa di Brock, il padre di Ash, per cercare di evocare l’incantesimo con cui rimandare Baal all’inferno e salvare il povero Pablo (che ormai posseduto dal Necronomicon), si sta trasformando nella copertina in pelle umana del libro!


Ok avere un rapporto viscerale con i libri, ma qui si esagera!
Ash e compagni sono, quindi, impegnati contemporaneamente su più fronti: Ruby cerca di salvare Pablo, mentre Kelly e Linda tengono a bada la folla di assedianti pronta a fare irruzione in casa per prendere Ash con le brutte, ma se parliamo di brutte maniera Kelly non è seconda a nessuno, a colpi di raffiche di mitra e di parolacce tiene a bada i facinorosi!

Mi fa piacere vedere che di episodio in episodio Kelly sta guadagnando spazio, alla faccia di chi sosteneva che lei e Pablo erano solo due macchiette messe lì per alzare qualche buona occasione di battuta al titolare della serie. Qui viene sottolineato un certo senso di famiglia, Ash arriva a definire la ragazza “Sei la figlia che non ho mai avuto”, mentre lei in tutta risposta, trova il tempo di motivare Pablo per combattere il suo demone interiore, sfruttando quello che ormai è uno dei tormentoni più spassosi della stagione (“my powerfull vagina”).

A proposito di famiglia, il nostro Ash intanto cosa fa? Non sta di certo con la motosega in mano, visto che è impegnato a fornire la prova della sua innocenza agli assalitori, per cercare di mettere fine all’assedio improvvisato. Per farlo, però, dovrà affrontare proprio un componente della sua famiglia tornato sotto forma di Deaties con intenzioni bellicose: Cheryl!


Quel giretto notturno nel bosco non ti ha fatto per niente bene ragazza mia.
Uno dei tanti pregi di questa serie è anche quello di riuscire a radunare tutti quelli che hanno partecipato alla realizzazione di quel capolavoro che è La Casa. Qui Ellen Sandweiss torna a vestire i panni di Cheryl trent’anni dopo il suo indimenticabile (e terribile) incontro con gli alberi… Brrrr!

Per altro, l’attrice è rimasta nel giro, aveva già fatto la parte di una Cheryl anche in “My name is Bruce” ed era comparsa brevemente nell’ultimo film di Sam Raimi, “Il grande e potente Oz”, cosa stavo dicendo lassù parlando di famiglia?

Lo scontro tra lei ed Ash tiene banco per tutto l’episodio, con tutte le solite trovate registiche, messe lì per scimmiottare la regia di Raimi, riuscite malgrado l’originale resti inimitabile. C’è almeno un grosso colpo di scena che non vi rivelano, ma che mi ha fatto fare un salto sulla sedia! Spero sul serio che risolvano la cosa in qualche modo, sarebbe un peccato perdere un pezzo di questa “famiglia” così presto. Non aggiungo altro, dico solo un colpo al cuore… Nel vero senso della parola!


Preparatevi a fare questa faccia, quando vedrete quella scena.
Il finale, malgrado il lutto, è una celebrazione per Ash che, con la solita faccia da schiaffi (per non dire da culo), uccide Cheryl (di nuovo!) e convince la popolazione di Elk Groove sul fatto che in città il vero eroe è lui! Purtroppo, non c’è tempo per festeggiare, Baal infido, colpisce ancora in chiusura di episodio.

Un'altra gran puntata, ottimo ritmo, utilizzo ottimo dei minuti, non ci si annoia davvero mai e mai come questa stagione, gli autori stanno davvero espandendo il mondo di Ash, grazie a personaggi nuovi e vecchi molto riusciti, alla boa di metà stagione la serie procede a gonfie vele!

Ash vs Evil Dead - 207 - Delusion

Abbiamo lasciato Ash nell’episodio precedente, in quello che è forse il punto più alto della sua vita: finalmente riconosciuto come l’eroe che è dai suoi concittadini, lo ritroviamo qui in quello che, con molta probabilità, verrà ricordato come il suo punto più basso e parliamo di un personaggio che si è amputato volontariamente una mano, eh!

Baal si conferma il subdolo manipolatore che mancava a questa serie, al suo risveglio Ash si ritrova ospite (contro voglia) di un decadente manicomio, il Necronomicon, i suoi amici, i Deatis e il capanno nel bosco, sono solo il frutto della sua mente, una complicata storia prodotta dal suo cervello per negare la realtà dei fatti, ovvero che trent’anni fa, Ash ha ucciso i suoi nemici, guadagnandosi il nomignolo di Ashy Slashy.


Ash volò sul nido del cuculo.
Ovviamente, Ash non crede ad una sola parola di tutto questo e con la solita spavalderia (condita da battutacce) risponde al Dottore che lo ha in cura. Nemmeno le comparsate dei suoi amici lo convincono, ma sono davvero Ruby, Pablo e Kelly, quelli che riconosce Ash, o forse sono solo gli inservienti e una paziente dell’istituto?

Parliamoci chiaro: l’episodio se la gioca facile con una trovata che di originale ha ben poco, la carta del “sei pazzo, è una tua fantasia”, è già stata usata molte volte, per restare in campo televisivo, ricordo un episodio di “LOST” in cui al povero Hugo succedeva la stessa cosa.

L’episodio funziona perché è tutto basato sui personaggi, quella utilizzata meglio è Kelly in versione pazzerella, bisogna dire che Dana DeLorenzo non è proprio bravissima a recitare la pazza con i tick, ma malgrado questo funziona e poi la puntata si gioca la carta finale, la “Show stopper”: Il Pupazzo!


Voglio quel pupazzetto! Non potrò mai più vivere senza.
Il mini-Ash utilizzato a scopo terapeutico, è la spalla ideale per Ash, infatti tutte le battute della puntata arrivano da questi due, poi cosa vi devo dire, il fan dei Muppet dentro di me, di fronte ad un pupazzo di pezza si scioglie, figuriamoci se ha la sembianze (e la mini motosega) di Ash!

Il finale giustifica, in qualche modo, il titolo dell’episodio: l’eroe è passato al “Lato oscuro”. 
Ed ora mi siedo qui aspettando Evil Ash 2.0, ma soprattutto, il suo inevitabile ritorno nelle schiere dei buoni. 

2 commenti:

  1. Devo ancora vedere un episodio... però Corilo in alto a destra nella prima immagine fa tenerezza <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mitico Corilo deve la sua espressione a quello che si beve in questa serie ;-) Cheers

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...