lunedì 27 giugno 2016

Warcraft - L’Inizio (2016); "Il signore degli anelli" ha fatto più danni della grandine


Non era stato un anno già abbastanza sfortunato per la famiglia Bowie questo 2016? No, ci si doveva mettere anche Duncan Jones adesso, porco mondo!

Sono diversi anni che la Blizzard Entertainment le sta tentando tutte per portare il suo più grosso successo, il videogame “Warcraft”, al cinema, anche perché parliamoci chiaro: dopo il successo di Pietro Di Giacomo e della sua trilogia de “Il Signore degli anelli”, sono tutti in cerca della prossima grossa saga fantasy da mungere.

Sembrava quasi fatta nel 2009, quando la Blizzard gaudente, annunciò il film con Sam Raimi alla regia, uno che di fatto ha insegnato anche a Peter Jackson come fare i suoi primi Horror. Le cose vanno male, Raimi molla il progetto temendo troppe influenze da parte dei produttori sul suo lavoro, scottato dall’esperienza di “Il grande e potente Oz” e siccome è uno dei professionisti più educati (e ben vestiti, storia vera!) del Bosco di Holly, preferisce evitare scontri e passare la palla.

La Blizzard non si perde d’animo e annuncia di aver trovato il regista ideale per questo film: Duncan Jones.
Ora, le cose sono due: o il figlio del grande David Bowie è un mega nerd cresciuto a pane e “Warcraft” (non lo escluso, ma non ho conferme), oppure come può uno che ha sorpreso il mondo con un piccolo (e riuscito) film di fantascienza con solo attore in scena (Sam Rockwell e un piccolo cameo vocale di Kevin Spacey) come “Moon” ad avere le carte in regola per dirigere una roba fantasy, piena di battaglie, orchi, grifoni, ricchi premi e cotillon? Se volete una risposta da me cascate male…


A giudicare dal look opterei per l'opzione mega nerd.
La cosa che fa venire voglia di bestemmiare il Dio Fanufnur (mi sono adattato all’andazzo della pellicola) è che Duncan Jones era riuscito a non sputtanarsi con un film di fantascienza su commissione, come “Source Code” che non solo intratteneva portando a casa il risultato, ma faceva quasi sperare di aver trovato una nuova promessa registica.

Ma gli ingranaggi della macchina di Hollywood sono spietati, sembra quasi una regola non scritta: si prende un regista giovane e promettente, che di solito ha esordito con un film piccolo e quasi certamente di tutt’altro genere, gli si affida un blockbuster, se il ragazzino sta zitto, non rompe i coglioni e fa il suo compitino, magari portiamo tutti a casa un bel po’ di soldoni e il novizio può continuare a gironzolare dalla parti di Beverly Hills.

Se va male, al massimo lo sputtaniamo dicendo che è un casinista e i suoi cani hanno distrutto la casa dove risiedeva durante la lavorazione del film….

[Se questi esempi vi hanno ricordato fatti, cose, persone, Jurassic World, i Fantastici 4, o eventi reali è solo perché siete dei malpensanti, non sono certo io che vi metto certe idee in testa… Occhiolino, occhiolino]


"Avevo tutti questi produttori intorno a me che mi infilavano soldi nelle mutande urlando dirigi! Dirigi!".
Ho voluto sperare che davvero Duncan Jones avesse un piano per questo film, il trailer non mi aveva detto proprio niente, anche per un'altra ragione: io di “Warcraft” e di “World of Warcraft”… Non so una benedettissima fava! Zero, nisba, nada, zip!

Ero convinto fosse un gioco di ruolo, tipo carte Magic per capirci, divenuto poi un videogioco, in realtà è il contrario: una lunga serie di videogames che hanno dato vita ad uno tzunami di materiale ad uso Nerd, fumetti, giochi da tavolo, statuette, action figures, chi più ne ha più ne Nerda!

Bah ,insomma, meglio no? Sono nella condizione ideale per godermi il film, un fantasy con battaglie, roba che mi trova anche ben predisposto, almeno quando non penso che lo stesso Peter Jackson che ha dato il via a questo sottogenere, ormai lo ha anche affossato con Lo Hobbit.


"Padron Frodo, siamo tornati nella Contea".
Come da tradizione del genere Fantasy, per dare il via ad un trilogia, si inizia da un posto semplice, qualcosa che i neofiti come me possono capire, tipo la Contea degli Hobbit per capirci, per poi arrivare a parlare di razze, maghi, scontri e altri guazzabugli mediovali. “Warcraft - L’Inizio”, come sottolinea il solito sottotitolo italiano inutile, non è da meno, si parte in un villaggio di… Hulk con grossi problemi agli incisivi anteriori, o probabilmente sono i denti del giudizio, ora ho capito perché dicono che vanno tolti! Ci credo che poi gli Hulk sono di cattivo umore! Provate voi a parlare con quelle zanne che escono dalla bocca, parleranno tutti come Brando, quando si infilava l’ovatta in bocca per interpretare Don Vito Corleone.


"HULFH SFHACCA!!".
Da quello che capisco, malgrado siano verdastri e muscolosi, non sono degli Hulk, ma degli Orchi, la prima scena è tenerina, la signora Orca con il pancione parla con il marito Orco, che scopriamo chiamarsi Durotan, uno che il destino lo ha nel nome… Infatti, la moglie è già incinta!


"Non mi chiamo Durotan mica per niente".
Pare che il problema più grosso di questi orchi, non sia certo la durata della prestazione sessuale, quanto un certo portale da aprire per poterci entrare dentro… Siamo sicuri che questo “Warcraft” non sia una parodia porno, vero? No, vabbè mi fido, se lo dite voi.

Insomma, c’è il capo orco iracondo, che non ho capito come si chiama, ma siccome non riesce ad entrare nel portale ed è pure anziano penso che chiamerà Duropoc, tra una magia e l’altra alla fine sto portale si apre e l’orda di Orchi può invadere il mondo degli umani. Tenete conto che in questo film la parola “Orda” viene pronunciata tipo 875 volte solo nel primo tempo, ve lo dico così lo sapete.

Da qui in poi è tutto un tizi che costruiscono Golem, Ben Foster che ripete “io sono il Guardiano”, ed ogni volta che qualcuno (duro di comprendonio) gli chiede cosa sta facendo, lui risponde “Sono il guardiano, guardio”.

Con il passare dei minuti, arrivano altri personaggi, c’è un guerriero umano di nome Vattelapesc’ che non ho ben capito perché è considerato molto importante, forse perché è interpretato da Travis Fimmel, l’attore celebre per la serie tv “Vikings”, o forse perché è in qualche modo imparentato con la regina, interpretata dalla prezzemolina Ruth Negga. A generarmi ulteriore confusione aggiungiamo anche che il re è interpretato da Dominic “Giacomo Bevilaqua” Cooper, risultato: guardo un fantasy e mi chiedo… Ma perché ci sono di nuovo Tulip e Jesse Custer della serie Tv Preacher?


"Garth perdonami, devo pagare le bollette".
Non aiuta nemmeno che Re Giacomo Bevilaqua Cooper reciti tutto il tempo con una parrucca rubata alla vasta collezione di Nicolas Cage.

Nel mezzo della faccenda ciccia fuori anche una mezzosangue Orca, nel senso di orca femmina, non di Free Willy. Capisco che è un'orca femmina perché è interpretata dalla bellissima Paula Patton dopo un paio di mani di vernice verde, il fatto che sia per metà umana è chiaro dal fatto che dalla bocca con gli spuntano due zanne da elefante, ma soltanto due ragguardevoli canini.


Non riesco a smettere di pensare a "Shrek".
Cosa vi devo dire? Che mi sono divertito? Dovrei mentirvi, quello che regna sovrano è la noia, gigante, infinita, che mi ha fatto arrancare fino a metà film, non mancano le scene madri, quello che manca è proprio il coinvolgimento. Non basta un finale aperto (che per altro arriva a tradimento, ormai mi ero rassegnato ad un’altra ora di nomi Pdor figlio di Khmer della tribù di Shar!) a lasciarmi con la voglia di vedere “Warcraft - La continuazione” e “Warcraft - La fine”… Se hanno le palle i titolisti italiano dovrebbero intitolare gli eventuali sequel così.

Duncan Jones sembra spesso schiavo dell’estetica de “Il signore degli anelli”, muove la macchina da presa su modellini di città esattamente come faceva Jackson. Mi sono sforzato tantissimo di cercare qualche tratto distintivo del regista che avevo apprezzato nei film precedenti, sia a livello visivo che tematico, ma davvero non sono stato in grado di scovare nulla, questo “Warcraft” potrebbe essere stato diretto da qualunque regista con l’ordine di scuderia: “Fai robe tipo Lord of the Ring! Fai robe così e mettici le battaglie!”.


Sopra un blockbuster bruttino... Soprattutto Fernet Branca.
Giusto perché l’ho citato, anche Sam Raimi con “Il grande è potente Oz” ha fatto un film su commissione (nemmeno il primo della sua carriera), ma almeno era riconoscibile il suo stile, qui invece, Duncan Jones pare essere scomparso, qualcuno chiami “Chi l’ha visto?”.

“Warcraft - L’inizio” mi è sembrato un film fatto per accontentare i fan del videogames, mi rendo conto che certi passaggi siano stati creati per generale l’esaltazione dei videogiocatori, ma quando qualcuno regala il pugnale di ‘Azzonesocomesichiama' all’Orca non Free Willy, mi diventa difficile esaltarmi, cioè, sono il primo ad andare in brodo di giuggiole quando la Marvel mette qualche citazione fumettistica nei suoi fumetti, ma sono integrate nella storia, cosa che non si può dire di questo Warcraft.

Devo dire, però, che l’animazione, la motion capture e la CGI non sono affatto male, per assurdo, le parti dove in scena ci sono solo gli Orchi (intenti di solito a menarsi) sono le più riuscite del film, se non altro ho capito le dinamiche della tribù, cosa che non si può dire degli umani, uno più anonimo dell’altro.


"Ian McKellen si prende tutte le parti migliori nei blockbuster e a me restano solo gli scarti?".
Quando personaggi animati in computer grafica, interagiscono con attori umani, lo stacco è troppo netto, il risultato è negativo per la storia già di suo confusionaria, invece di vedere Orchi e umani, vedo solo un attore, con addosso un'armatura di plastica, che fa finta di parlare con qualcuno un botto più alto di lui davanti ad uno schermo verde… Non credo fosse questo l’intento finale di Duncan Jones.

Se avessero fatto un film d’animazione solo con gli Orchi, per assurdo sarebbe stato un film migliore, o per lo meno non mi sarei trasformato anche io in un orco guardando il film… Nel senso che mi è venuta l’Orchite.

Orco mondo! Se quello è il martello chissà com'è il chiodo.
Da quello che ho letto in giro, anche gli appassionati del videogioco sono rimasti molto delusi, in compenso, negli Stati Uniti “Warcraft” è stato un flop pazzesco, sullo stile de I Fantastici Quattro, sapete chi è andato pazzo per questo Orchi bisognosi di un dentista? I Cinesi! Un botto di soldoni di incasso nei cinema della Cina e considerato che è il più grande mercato del mondo, siamo anche seriamente a rischio sequel!

Ora, se mi fanno il sequel di sta roba e non di “Pacific Rim”, mi tocca bestemmiare qualche Dio dal nome buffo e tirare giù due ‘Orchi!

14 commenti:

  1. Non lo guardo per paura. Un peccato che Duncan Jones sia sia avventurato in questa impresa che puzza già dal trailer...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo proprio capire cosa poteva dare Duncan Jones ad un film cosi, non sapendo nulla di Warcraft non avevo preconcetti, ma il film é palloso e Jones non si vede proprio, vella tutta la parte tecnica, ma quando di un film ti ricordi solo delle musiche vuol dire che qualcosa non va. Cheers!

      Elimina
  2. Il film non lo vedrò mai, così come non ho mai visto il videogioco né letto i libri che ne hanno tratto, ma sono felice che l'abbiano girato... così mi sono potuto gustare la tua spettacolare recensione :-D Hulk che sbiascica è geniale! :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio, sono contento di averti divertito, almeno una cosa buona da questo film l'abbiamo tirata fuori ;-) Cheers!

      Elimina
  3. P.S.
    A proposito delle parrucche di Nicolas Cage, nel suo ultimo imbarazzante action thriller John Travolta ne usa una: dalla faccia che fa per tutta la storia, mi sa che Cage non l'aveva lavata :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il film di cui parli è "I Am Wrath" non ho avuto nemmeno il coraggio di vederlo, proprio per quella parrucca oscena, anche Travolta a parrucchini non scherza mica ultimamente ;-) Nick Cage invece l'ho visto (con baffo) in un thriller abbastanza riuscito... Le parrucche portano male! Cheers

      Elimina
    2. Proprio quello! Imbarazzante...

      Elimina
    3. Immaginavo, una locandina che prometteva disastri. Cheers!

      Elimina
  4. Come hai letto da me, lo considero un film grossolano... ma di fondo ho visto di peggio, mi sono anche divertito nel finale. Ma il problema è che io ho una discreta conoscenza del mondo di Wow... Purtroppo hanno fatto un film solo per i fan: troppo auto-citazionistico e pieno di cose non spiegare. Alla fine spero che arrivi il secondo capitolo... C'è sempre tempo per rimediare agli errori (e lo spero).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, non si può dire che sia fatto male, specialmente dal punto di vista tecnico, la Mocap ad esempio è ottima, le citazioni le ho mancate tutte visto che sono una capra di Warcraft (una Warcapra!), vedremo, in Cina è stato un super successo, e i numeri grossi al botteghino ora li fanno principalmente laggiù ;-) Cheers

      Elimina
  5. Be' dopo "MadMax(?)- FuryRoad" mi aspetto qualunque boiata. Ormai Hollywood ha deciso che gli sceneggiatori sono costi inutili e butta tutto sugli effetti speciali plasticosi. Boh. Chissà che altro ci riserva il futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse "Furiostrada" non è l'esempio più calzante ma il tuo discorso fila, una volta la ore produzione dei film era lunghissima e la sceneggiatura veniva riscritta più volte, ora la fase più lunga é la post produzione per buttare dentro gli effetti speciali. Cheers!

      Elimina
  6. a mio parere un fantasy funziona solo se rendi credibile e coinvolgente un mondo fantastico agli occhi dello spettatore.
    ora ..... se te regista/sceneggiatore parti mostrandomi una città qualsiasi dall'alto, di un mondo di cui non so niente, presentandomi quattro o cinque personaggi con appellativi tipo "il guardiano, l'apprendista, il re, un guerriero ..... lo zio tobia", passi da uno location all'altra volando con grifoni giganti con un taglio netto di montaggio che neanche in Star Trek ..... io francamente non ci capisco più niente, durante il film ero li che mi chiedevo - ma chi cazzo è il guardiano e perchè tutti dicono chiamate il guardiano? -
    ma soprattutto non entro nella storia e non mi affeziono ai personaggi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi limito ad aggiungere: Amen.
      Non è stato fatto il minimo sforzo per rendere la storia appetibile ai non appassionati, infatti gli unici personaggi che ricordo sono gli Orchi, guarda caso gli unici che sono stati presentati un minimo. Cheers!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...