sabato 9 gennaio 2016

NBA: Houston Rockets - Utah Jazz (94-103): Gli opposti si sfidano


Non credo esista qualcosa di più fastidioso su un campo da basket, di giocare una bella pallacanestro, e portarsi a casa sistematicamente la parte sbagliata del referto. Sono sicuro che Utah preferirebbe sentire qualche “Bravò!” in meno e qualche vittoria in più.

In casa di Houston, i Jazz avevano anche la possibilità di giocarsela con una squadra della loro stessa “Categoria di peso” prendendo in prestito un termine dalla boxe. Con Dwight Howard ancora fuori per infortunio alla schiena, Utah non doveva gestire il problema di avere “Quel cristone” (cit.) sul campo.

Infatti è proprio la squadra ospite a dettare il ritmo (basso, giocando sui 24 secondi) della partita, si perché i duellanti di questo match sono due squadre agli antipodi. I Texani sono abituati a correre e a difendere poco, mentre Utah, ha una delle difese (26esima della lega) più efficaci, ma  anche belle da vedere per chi ama questo giochino con la palla a spicchi.

Alla voce: Improvvisazione jazzistica del Barba.
Utah si mantiene in linea di galleggiamento proprio grazie alla difesa, e concedendo il minor numero di contropiedi a Houston. La squadra della “Clutch City” invece spesso somiglia al suo leader James Harden, capace di improvvisazioni Jazzistiche (non me ne voglia Utah, che come diceva Michael Jordan, non ha nemmeno un locale Jazz in tutta Salt Lake city) abbacinanti, ma anche a cali di concentrazione notevoli, in questo match due giocate sono state significative in tal senso: La palla passata ad uno degli spettatori sugli spalti dal “Barba” ma ancora meglio, il ribaltamento di Jason Terry al compagno Trevor Ariza… In panchina (FACCIAPALMO!).

Nel quarto quarto il match (non propriamente “Sexy”) si arena in una fase di stanca notevole, per poi prendere la via della squadra di casa, che con un accelerazione nel finale si porta via la vittoria. Risultato, Houston continua a vincere giocando malamente, e Utah perde portando a casa l’ennesimo “Bravò!”, proprio come dicevo all'inizio. 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...