martedì 1 dicembre 2015

Goodnight Mommy (2015): Masochic


Ogni tanto mi devo fare male con qualche film un po’ più chic della mia media di film da Vichingo, provo a darmi un tono e divento… Masochic!

Lukas ed Elias sono due gemelli di nove anni (a testa, non in due), vivono nella loro bella casa nella campagna attorno a Vienna, la loro mamma ritorna dall'intervento di chirurgia al viso che ha subito, tutta bendata, tutta incazzata… I due gemelli (perché sono due, non perché sono nati a maggio) si convincono che quella mummia bendata non è loro mamma…

Non ho mai visto i film di Ulrich Seidl, che qui produce l’esordio alla regia di sua moglie Veronika Franz (anche sua co-sceneggiatrice di fiducia stando ad IMDB) e di Severin Fiala. Il film appare molto asettico, proprio come la casa in cui si svolge il tutto, dove la madre trascorre la sua degenza sotto le bende come la protagonista di "Occhi senza volta", difficile non paragonare i due film viste le bende.

"Specchio!" , "Lei capisce che i nervi erano completamente recisi, signor Napier...".
La donna bendata vede tutto attraverso gli occhi, unica parte scoperta del suo volto e proprio gli occhi saranno un grosso indizio nel corso del film, la casa è un asettico labirinto che aggiunge un senso di oppressione agli eventi, però bisogna dire che essa rispecchia molto la sua padrona: fredda, ordinatissima al limite dell'ossessivo.

Proprio la casa ha un ruolo importante, non credo siano stati scelti a caso i quadri che rappresentano donne con il volto non a fuoco, un riferimento piuttosto chiaro alla condizione della donna. Tutta la prima parte del film passa così, seguiamo questi gemelli (alla Shining) intenti nella loro routine, mentre si prendono cura di una vasca per pesci ripiena di scarafaggi (ogni scarrafone è bello a mamma sua!) e cercando di prendersi delle piccole vittorie infrangendo le regole imposte dalla madre, tipo l’embargo sugli animali… Un delle tante scene "Gulp!" del film.

"Riunione di famiglia in corso, voi non siete invitati...".
I gemellini simmetrici sono protagonisti di un film a sua volta sinistramente simmetrico, mentre i bambini cercano di capire se quella mummia biliosa sia davvero la loro madre, subendo un ragguardevole numero di vessazioni, a metà film tutta la prospettiva si ribalta. La madre svela il suo volto post operazione e, proprio qui, la trama si gioca un colpo di scena che fa rivalutare tutto quello che abbiamo visto fino a questo punto nella storia, il film prende una piega decisamente horror, non perchè ci siano jump scare o cose del genere, ma proprio l'atmosfera riesce a fare paura...

"Mamma, puoi dire delle grandi verità, ma conciata così sembri Boris Karloff".
Nella seconda metà sono i gemelli ad essere mascherati e la madre subirà le loro vessazioni (… Non avete idea di cosa si inventeranno) in un'escalation che troverà il suo apice nel finale. Il film ha il piglio autoriale e nessuna voglia di allontanarsi dal suo ritmo che io chiamo “da Film Festival” (detto anche calma-calma ritmo lento), però nella sua asettica simmetria resta sinistramente ipnotico.

Come detto la seconda parte riesce ad essere anche piuttosto cruda e diretta, il film nella sua apparenza asettica riesce comunque a farti stare in pena prima per i due gemelli e poi per la madre, scardinando quello che è da sempre considerata la forma di amore più pura di sempre, quella tra una madre e i proprio bambini. Insomma: un film capace di assestare dei discreti calcioni in bocca, raffinato, ma durissimo, masochich appunto.

14 commenti:

  1. molto bello tra i migliori horror dell'anno insieme ad altri 5,6

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo la cosa buffa é che gli autori si sono affannati per non etichettarlo come horror... Ma perché? La fifa é fifa ;-) Cheers!

      Elimina
  2. Mmmmm ho letto solo il priml paragrafo perché non voglio sapere altro! Nella mia ricercona sui film di questo genere, questo flm cade a fagiuolo e DEVO vederlo! ("Occhi senza volto" è un capolavoro, e ho scoperto prima e dopo di lui molte chicche meno note.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non vedo l'ora di vedere il risultato della tua ricercona ;-) Questo te lo consiglio, per il resto con me, quando si parla di "occhi senza volto" sfondi una porta aperta, un film davvero seminale ;-) Cheers!

      Elimina
  3. Questo era già nei miei programmi, io lo conoscevo col titolo originale però :)
    Bello, adesso sono ancora più gasato XD


    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si mi pare che si trovi anche con il titolo originale in tedesco, in ogni caso il film merita, anche in tedesco (con i sub) ;-) Cheers!

      Elimina
  4. Credo proprio che non faccia per me XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che é un film drammatico... Che fa paura, vedi un po' tu ;-) Cheers!

      Elimina
  5. Di questo film ne abbiamo già parlato nel mio blog. Mi fa piacere che ti sia piaciuto...
    Di Ulrich Seidl ti consiglio di recuperare "Canicola", film che ho visto qualche anno fa e che merita sicuramente...

    Buone cose man...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ho apprezzato parecchio, canicola segnato, non credo sia un film che parla del caldo di Agosto ;-) Buone cose a te man... Cheers! ;-)

      Elimina
  6. Un film chic non posso perdermelo.
    Figuriamoci uno masochic! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti penso che sia un modo per auto punirmi, di solito sono per roba più sanguinaria ;-) Cheers!

      Elimina
  7. Mi è piaciuto, ma meno di quanto mi avevano assicurato.
    Formalmente perfetto, ma gelido e con un colpo di scena scontatissimo.
    Al di sopra della sufficienza - e della media - senz'altro, però boh. Grossomodo, l'ho trovato pura forma. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si il colpo di scena non è impossibile da capire, devo dire che dopo alcuni minuti penavo più alla cattiveria dei personaggi che alla forma, da quel punto di vista il film è efficace, per il resto la tua analisi è molto sensata ;-) Cheers!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...