lunedì 17 agosto 2015

Adaline - L'eterna giovinezza (2015): La prossima volta mi riguardo Highlander...


Questi sono i film a cui taglierei i fondi. Non tanto perché sono un bruto che odia le storie romantiche, ma più che altro per come tale storia viene mostrata.

Adaline Bowman (Blake Lively) nel 1908 ha 29 anni, in una rarissima nevicata Californiana, va fuori strada con la macchina, cade in un laghetto gelato, viene colpita da un fulmine e quando si risveglia… Va a Lourdes a farsi benedire vista la sfiga che la perseguita? No, si riscopre immortale.

Finché può resta accanto alla neonata figlia, ma quando le due cominciano a sembrare coetanee, è costretta a lasciarla ed ogni 10 anni Adeline cambia nome, città e lavoro per non dare troppo nell’occhio. L’unico vezzo: la compagnia di un cucciolo di Cavalier King che purtroppo non è immortale, ma siccome ogni cane di questa razza è uguale al suo simile, quando ne schioppa uno basta sostituirlo e nessuno se ne accorge…

Cosa può mettere i bastoni tra le ruote al piano perfetto di Adeline? Facile, l’arrivo dell’incazzatissimo Clancy Brown, energumeno armato di spada, intenzionato a tagliarle la testa e con la colonna sonora dei Queen iniziano una serie di comb…. No scusate, mi sa che ho fatto un po’ di confusione….

"Eppure io Christopher Lambert lo ricordavo un pò diverso".
L’Arrivo di Ellis (Michiel Huisman, il toyboy della Targaryen in Game of Thrones) belloccio barbuto che non sa raccontare le barzellette, è la carta che fa saltare il banco. A complicare l’assunto ci si mette la famiglia del ragazzo ed è qui che il film getta la maschera, mette da parte le mire alla “Benjamin Button” e si rivela per quello che è: una film romantico, con punte da commedia sentimentale.

Voi direte: "Sì, ok, ma tu sei un barbaro insensibile, quindi è normale che odi questo tipo di film…". Avete ragione! Però la cosa che me lo rende davvero insopportabile, non sono tanto le tematiche, quando la messa in scena.

Blake Lively è brava, tiene bene lo schermo e capisco anche chi la trova attraente (a me non dice nulla, ma qui andiamo decisamente in territori non-cinematografici), bisogna dire che il ruolo della saputella chic le riesce anche bene, dopo anni di allenamento in “Gossip girl”. Detto questo quello che trovo insopportabile è il fatto che un film leggero e di intrattenimento, debba per forza essere didascalico nella messa in scena.

"Non ti preoccupare, ti sostituiamo con un altro uguale a te, tanto siete tutti uguali voi cagnetti", "Ma ti sei vista come reciti? Sarei io il cane?".
Personalmente, tutta l’assurda scena dell’incidente che dona i poteri ad Adeline, l’avrei lasciata sul pavimento della sala di montaggio. Era proprio necessario spiegare la rava e la fava dell’origine della sua immortalità? Ma quello che mi urta è proprio come la scena ci viene mostrata sullo schermo: la voce off (che compare solo all’inizio e alla fine del film) spiega per filo e per segno tutto quello che succede mentre lo stiamo vedendo. E' davvero necessario ripetere che la protagonista è stata colpita da un fulmine, mentre sullo schermo un fulmine colpisce la sua auto?

Il livello di pedanteria è diffuso per un po’ tutta la pellicola, l’incrocio tra Adeline e il padre di Ellis (Harrison Ford… Vederlo qui è uno di quei colpi al cuore che mi ricorda che è meglio guardare il casting di un film, per evitare sorprese), o il modo pedestre in cui ci viene mostrata la gelosia della madre di Ellis nei confronti della ragazza.

"Non ci posso credere che tu sia qui Harrison" , "Nemmeno io".
Il problema per me non è da cercare nella mia idiosincrasia per questo tipo di film, ma semplicemente dal fatto che le pellicole che prendono per scemo il pubblico mi provocano più prurito che ammirazione, va bene che c’è sempre bisogno di film che parlano dell’amore che travolge tutto e tutti, ma tirare un calcio al secchio del latte, sprecando uno spunto di partenza comunque interessante, mi sembra più uno spreco che altro.

24 commenti:

  1. Solidarietà piena, chi te lo ha fatto fare? Hai perso una scommessa? Spero che dopo tu abbia recuperato Mad Max e messo in loop. Già il sottotitolo del film è da brividi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, sono un cinefilo masochista ;-) Ogni tanto devo mettermi alla prova con qualcosa fuori dal mio solito seminato, la presenza di Indiana Solo non è bastata ;-) In effetti dopo mi sono sparato la colonna sonora di Mad Max "Furiostrada" a palla ;-) Cheers!

      Elimina
  2. L'avevo sentito nominare ma non sapevo di questa trama incredibile: grazie della dritta e della divertentissima recensione, così me lo evito. E' troppo ridicolo pure per il Zinefilo :-D (io recensisco porcate SERIE, mica 'sta roba ahahahahhaa)
    Comunque il didascalico è aumentato esponenzialmente nei prodotti "per giovani": è come se i vecchi tromboni che scrivono roba per giovani credessero che questi siano dei down incapaci di capire qualsiasi cosa. Se leggi un qualsiasi romanzo per ragazzini, specialmente i devastanti urban fantasy, sono tutte frasette di poche parole che descrivono TUTTO: possibile che i gggiovani non sappiano leggere come esseri umani normali? Ovvio che sì, ma visto che sono i vecchi tromboni che scrivono per i gggiovani, ecco che si sta creando un'epoca di pessima letteratura, di pessimo cinema e di pessimo tutto. Non è colpa dei gggiovani, ma dei vecchi tromboni che "pensano" da gggiovani. End of the Pippon :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Don't worry for the Pippon alla fine il discorso è simile a quello che ripeto sempre io sul PG-13 vecchi tromboni che pensano di sapere cosa sconvolge i 13enni di oggi, risultato film imbalsamati ;-) No questo è troppo pure per il Zinefilo, gli spiegoni delle scene mentre succedono è veramente troppo ;-) Cheers!

      Elimina
    2. Credo che tutto ciò che abbiamo visto noi, quando avevamo 13 anni, sarebbe totalmente censurato oggi. L'Uomo Tigre che faceva sputare sangue a suon di calci e Margot che si spogliava ogni tre per due: questa sì che è un'infanzia! ^_^

      Elimina
    3. Concordo in pieno tra tana delle tigri, i punti segreti di pressione di Ken Shiro e le curve di Fujiko ci siamo divertiti, non voglio fare il malinconico ma ha ragione Zerocalcare, non esiste Peppa Pig che possa tenere il confronto ;-) Cheers!

      Elimina
    4. Per carità, le nostre dosi di Walt Disney e roba per l'infanzia ce la siamo fatta pure noi, ma si poteva alternare. Oggi si vuole evitare qualsiasi contenuto fino ai 18 anni: ma sono fuori di melone? A sei anni, dopo cinque minuti di scuola elementare, già sai il 90% delle parolacce che userai nella tua vita e almeno un 70% di conoscenze sessuali :-D

      Elimina
    5. Confermo tutto la scuola ti insegna tutte le parolacce che ti serviranno nella vita, a proposito di Disney ho in canna un colpo proprio su questo argomento ;-) Cheers!

      Elimina
    6. Ricordo ancora che nel cinema parrocchiale Don Orione di Roma, durante il film "Wargames" con Broderick, i miei compagni delle elementari mi insegnarono il gesto del dito medio: scuola, maestra di vita .-D
      Attendo con trepidazione il tuo colpo sulla Disney ^_^

      Elimina
    7. Wargames é un film fondamentale, per te lo é stato il doppio hai pure imparato a fare il dito ;-) Cheers!

      Elimina
  3. La trama un poco mi intrigava, però la locandina oscenamente trash mi ha sempre fatto desistere. Forse prima o poi me lo vedrò, ma almeno so già in partenza di aspettarmi poco o nulla.
    Tette almeno se ne vedono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma va nemmeno quelle! Una tragedia su tutta la linea! ;-) Il soggetto é abusato ma carino, é proprio la messa in scena ad essere pessima, spiegare l'elemento fantasy ad un pubblico che di solito guarda classici film romantici... Pedante da morire, almeno parti preparato ;-) Cheers!

      Elimina
  4. Spietatissimo Cassidy, lapidario, una "Bara Volante" che sfonda il capoccione dei cineasti americani che pensano di prenderci per i fondelli mettendo un paio di nomi famosi nel cast.

    RispondiElimina
  5. Ultimamente stanno uscendo troppi film con giovinezza nel titolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, quello di Sorrentino devo ancora trovare la voglia di vederlo ;-) Cheers!

      Elimina
    2. Ad essere cattivo, direi che è tipico dei vecchi parlare della giovinezza :-D

      Elimina
    3. "Si stava meglio quando si stava peggio!" ;-)

      Elimina
  6. Avevo letto recensioni su recensioni, e ancora non ero riuscita a inquadrare bene questo film... adesso penso di essermene fatta un'idea più precisa.
    L'ho evitato al cinema per un soffio: mi sa che non tutto il male viene per nuocere! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai schivato una bella pallottola, non é il mio genere però l'ho trovato proprio bruttino ;-) Cheers!

      Elimina
  7. Risposte
    1. Passa passa, non ti perdi niente ;-) Cheers!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...