domenica 26 luglio 2015

Dodici di Zerocalcare: A che ora è la fine del mondo?


In un film di Vittorio De Sica, il giudizio universale era in programma per le ore 18.00, invece per Zerocalcare la sveglia (digitale) è puntata sulle ore dodici. Il mondo è invaso dagli Zombie, o meglio, Rebibbia lo è sicuramente, il resto del mondo chisseloincula…

Michele Rech in arte Zerocalcare, abbandona le storie personali viste in La profezia dell’armadillo o in Un polpo alla gola, ma gioca sempre in casa. L’autore romano ha sempre giustificato questo volume come “volevo fare una roba di Zombie” e in effetti ci è riuscito alla grande, forse somiglia più a “28 giorni dopo” (lo so, quelli NON erano zombie, erano persone infette…) che a The Walking Dead, però la storia è davvero riuscita.

Non c’è bisogno di spiegare l’origine dei non-morti, ma vengono ribadite le regole imposte da sua Maestà (Zio) George Andrew Romero (invocato a gran voce da Secco), l’outbreak zombesco è il primo evento a cui l’umanità si è preparata prima nelle fiction che nella realtà.


Zombie kill of the week.
Qui tocca a Secco, Katja (il miglior personaggio femminile visto in un fumetto da anni…) e il fedele e allupato Cinghiale salvare Zero ridotto in fin di vita. Secco ormai è assorto ad assoluto protagonista (come John Locke in Lost) il ragazzo di Rebibbia che predica la venuta del “Cristo di Hokuto” e si nutre di Soldino…. Se eravate piccoli negli anni’ 80/90 lo ricorderete. I suoi battibecchi con Katja sono fantastici, la ragazza di Roma Nord (armata di spada) che crede nel Karma e ci costringe a riflettere sull’effettiva utilità di Peppa Pig, facendo vacillare (GIAMMAI!) la nostra fede in Ken Shiro (non è vero Ken, io credo sempre in te!).


Devota al Karma e a Peppa Pig.
L’atmosfera è quella di uno “Shawn of the Dead” in salsa romana, non voglio impadronirmi di un dialetto non mio, ma avrebbe potuto tranquillamente intitolarsi “Secco de lì mortacci”, ma “Dodici” non è solo un orario importate per la storia, è anche la metà di “24” (così faccio vedere che so anche contare…) e proprio come la serie con Jack Bauer, i nostri eroi corrono contro il tempo.

Lo fanno grazie agli ottimi disegni di Zero, davvero in grande spolvero, che rimbalzano la storia costantemente tra il presente (in bianco e nero con note di rosso…. Sangue) e le tavole ambientate nel passato, impreziosiste dai colori di Sara Basilotta.


Faccio la stessa cosa anche quando suonano alla porta di casa mia.
Zero, inoltre, ci regala delle tavole color seppia che ricordano un vecchia fotografia, dove ci parla della sua Rebibbia, una specie di “Stato della mente” in cui il carcere (e il più grosso accumulo di corpi in attesa) sembra l’ideale scenario per una storia di Zombie, o forse la storia di zombie è solo la metafora per parlare di quella che per Zero è casa sua. Un luogo talmente in attesa da sembrare un pezzo dei Radiohead (“Mo forse sembra più No Surprises. Ma so' sempre i Radiohead").

Quello che forse manca non è tanto una conclusione, ma un percorso per i personaggi, le dinamiche tra di loro sono molto ben gestite e Zero colma da solo i buchi di sceneggiatura della storia (tipo, che ci fa una ragazza di Roma Nord a Rebibbia?), forse manca una vera evoluzione dei personaggi, che spariscono in quel finale scandito dallo scorrere del tempo.


Sarà un pò brutale, ma come fai a dargli torto?
Non dico che sia un difetto, anzi, giù il cappello di fronte ad un autore che prova ad evolversi, cercando di allontanarsi dalla tipologia di narrazione che conosce meglio (la striscia/storia breve che utilizza spesso sul suo blog), in ogni caso tranquilli, si ride, si ride forte per tutto il volume, anzi quasi spiace che la storia sia così breve.

Il finale, poi, mi ha ricordato quello di un'altra (atipica) zombie-Story, ovvero: “Dellamorte Dellamore”. Buffalora e Rebibbia che fanno da sfondo ad entrambe le storie hanno davvero molto in comune, soprattutto perché diventano un micro-mondo che i protagonisti non possono (o non vogliono) lasciare e i lettori insieme a loro.

6 commenti:

  1. Uuuuhhh questo mi manca: già so che mi piacerà... da "morire" :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh eh, si e poi si legge velocissimo, arrivi alla fine che ti dispiace che siano già finite le pagine ;-) Grazie per il commento, Cheers!

      Elimina
  2. Mi è piaciuto il modo di come ha sperimentato. Zerocalcare diventerà sempre più grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, mi aspettavo pochissimo da questo invece è stato uno dei suoi libri migliori ;-) Cheers!

      Elimina
  3. Ti dirò che, salvo qualche sporadica risata, non mi ha appassionata quanto avrei creduto. Preferisco quando Zero si basa su "fatti realmente accaduti", come in Un polpo alla gola oppure La profezia dell'Armadillo (per paura di piangere aBBestia non ho ancora avuto il coraggio di aprire l'ultimo, mannaggia. E si che ormai ce l'ho da un anno!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra tutti Dodici é quello più leggero (immagino volutamente), tentativo di espandere le classiche trame, ma "Dimentica il mio nome" é molto più riuscito, ti posso dire che il groppone tosto sta nel primo capitolo, che fa venire il magone, poi non é tutto così greve, ti consiglio di fare lo sforzo, ne vale la pena... Lo commenteró qui a breve ;-) Cheers!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...