sabato 7 marzo 2015

NBA: Golden State Warriors - Dallas Mavericks (104-89)



Il “Back to back” ovvero due partite in trasferta in due notti, alla faccia dei calciatori che si lamentano quando giocano due partite alla settimana. Dallas, dopo la difficile trasferta a Portland, chi incontra nel secondo match fuori casa? I Warriors, probabilmente la squadra più in forma in questo momento…


Rajon Rondo mette in difficoltà la difesa dei Texani, ma basta poco a Steph Curry per girare due viti e accendere l’attacco della squadra della baia, finirà con 22 punti e 7 assist. Normale serata in ufficio in pratica…

Si iscrive al match anche  Shaun Livingston che contribuisce al vantaggio di +12 per i Warriors. Grazie ai punti di Klay Thompson e Draymond Green, la squadra di casa scappa sul +18, dopodiché alza il piede dall’acceleratore,  a metà del quarto periodo il vantaggio è ormai un comodo +26.

Mein Gott! abbassa quell'ascella fetida!
Match tra due delle squadre più interessanti della Western conference, che però non va preso come oro colato, i Mavericks devono ancora trovare le giuste rotazioni, dopo gli ultimi acquisti sul mercato, l’uomo con l’apostrofo (Amar'e Stoudemire) e Charlie Villanueva (Che non ha difeso un giorno in vita sua…) sono due acquisizioni che a mio avviso, lasceranno il Texas a fine anno, a meno che Stoudemire non riesca a ritagliarsi un ruolo in questo gruppo.


Per il resto, se Rondo e Nowitzki (visibilmente stanco dopo il back to back) vanno a segno solo con 14 punti a testa, capite da voi che il match non è indicativo, anche perché se Dallas è un cliente ostico da incontrare nei Playoffs, hanno troppa esperienza e tante vecchie volpi nel roster.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...